Banche: Boschi, nessun favoritismo, non siamo i proprietari

(ANSA) – ROMA, 18 DIC – “Mio padre è stato commissariato e sanzionato. Non c’è nessun favoritismo nella nostra Italia”. Lo ha detto il ministro Maria Elena Boschi intervenendo alla Camera sulla mozione di sfiducia presentata nei suoi confronti. Nella mozione si sostiene, ha sottolineato, che gli atti del governo “hanno favorito me o la mia famiglia”, ma “anche questo non è vero”. Boschi ha detto di possedere 1.557 azioni per un valore di 1.500 euro, ora azzerato, e il padre 7.550 azioni.

Condividi: