Niente sfiducia a Boschi. Ministro, nessun conflitto di interessi

Pubblicato il 19 dicembre 2015 da redazione

Boschi, la Camera dice no alla sfiducia Il ministro: "Nessun conflitto interessi"

Boschi, la Camera dice no alla sfiducia Il ministro: “Nessun conflitto interessi”

ROMA. – La Camera dei Deputati boccia la mozione di sfiducia presentata dal Movimento Cinque Stelle con il sostegno di una parte dell’opposizione contro Maria Elena Boschi a seguito dell’intervento del governo su quattro istituti di credito, fra i quali Banca Etruria dove lavorava il padre del ministro per le Riforme e i Rapporti con il Parlamento.

I voti a favore sono stati 129, i contrari 373. un risultato scontato, viste le forze in campo, con il Pd ricompattato e Forza Italia che decide di uscire dall’Aula e annuncia – dietro pressione della Lega – una mozione di sfiducia collettiva contro il governo al Senato, dove i numeri per l’Esecutivo sono meno tranquillizzanti.

Ma la vicenda monopolizza comunque la giornata politica. Il premier Matteo Renzi ha gioco facile nel parlare di “boomerang” per i pentastellati, mentre Matteo Salvini sembra archiviare velocemente la cosa sostenendo che lo preoccupa molto di più il terrorismo.

Quanto a Forza Italia, le decisione di Silvio Berlusconi di non ‘sfiduciare’ la ministra sembra messa in discussione dal presidente dei deputati Renato Brunetta, già ai ferri corti per la linea del partito con il collega del Senato Paolo Romani. Ma si tratta di un banale errore tecnico visto che il capogruppo rispetta l’ordine di scuderia e non partecipa al voto.

Per il resto la giornata è tutta incentrata su Maria Elena Boschi. E’ lei la protagonista dentro e fuori dall’Aula di Montecitorio. Con voce calma, ma perentoria espone la sua versione dei fatti, senza lesinare stoccate ai suoi detrattori: parla di “campagna” contro la sua famiglia e “contro il governo”, rivendicando di essere “orgogliosa” di un esecutivo che “esprime un concetto molto semplice: chi sbaglia deve pagare. E se mio padre ha sbagliato deve pagare”.

Respinge qualsiasi accusa di favoritismi: “Dov’è il favoritismo nell’aver fatto perdere l’incarico a mio padre? Dov’è il favoritismo di Bankitalia nell’aver fatto pagare una multa di 144 mila euro?”. Affronta anche il nodo del piccolo pacchetto di azioni di Banca Etruria, 1.557, ricordando che proprio per l’intervento del governo quelle azioni sono ora “carta straccia”.

Infine, si lascia andare ad un’accorata difesa del padre e della famiglia: “Quella della mia famiglia è una storia semplice, umile e forte. Non mi arrabbio per le maldicenze, ma se avrò la fortuna di essere madre spero che i miei figli siano orgogliosi di me come io lo sono di lui”.

Un intervento accolto dalla standing ovation dei deputati del Pd e dagli abbracci dei colleghi di governo. Restano invece immobili i deputati di Sinistra Italiana, Lega e M5S, i gruppi che hanno per la sfiducia.

E nelle repliche, l’opposizione non fa sconti. Per Giorgia Meloni, di Fdi, da parte del ministro non c’è stato nessun chiarimento. “Il dottor Boschi è stato nominato vice presidente un mese dopo che la figlia è diventata ministro, pensate di prendere in giro il Paese con il vostro doppiogiochismo?”, ha attaccato il pentastellato Alessandro di Battista, secondo il quale Boschi ha un conflitto “grande come una banca”.

Per tutti risponde il sottosegretario Luca Lotti: “Se pensano di farci paura non ci conoscono”. Rincara la dose il presidente del Consiglio: “Mi pare del tutto evidente che si sia trattato di un clamoroso boomerang per il Movimento 5 stelle”, afferma con un implicito riferimento all’apertura dei giorni scorsi del Movimento di Grillo al Pd sui giudici della Consulta.

“Il vero problema è che il terrorismo internazionale rischia di entrarci in casa. Quelle sulla Boschi e sul papà di Renzi, viste da qui, sono piccole polemiche meschine”, minimizza il leader della Lega, Salvini, prima di lanciare una stoccata a Berlusconi: “Tocca ancora a noi ricordare a Forza Italia, che è all’opposizione”.

(di Federico Garimberti/ANSA)

Ultima ora

22:46Corea: Sud stregato da popstar del Nord, possibile concerto

(ANSA) - SEUL, 21 GEN - Tra flash di fotografi e grande attenzione dei media, Hyon Song Wol, leader della pop band tutta al femminile nordcoreana, le Moranbong, molto amata da Kim Jong Un, ha attraversato la zona demilitarizzata insieme ad una delegazione ufficiale di Pyongyang per visitare alcuni siti olimpici, e nella penisola coreana si vocifera di una sua esibizione musicale in occasione dei giochi olimpici invernali di Pyeongchang. Lo scrive il Guardian. Hyon Song Wol - che è apparsa in diretta alla tv sudcoreana mentre stringeva mani e saliva su un treno - ha infatti visitato alcune possibili arene per lo show, tra queste quella di Gangneung, dove parteciperà in ogni caso ad una performance artistica dell'ensemble Samjiyon (140 persone tra musicisti, cantanti e ballerini), concordata durante i colloqui al confine sulla partecipazione degli atleti di Pyeongyang ai Giochi. Hyon, che fa parte del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori nordcoreano, non ha rilasciato dichiarazioni.

22:40M5S: da Di Maio a Fico, i “big” capilista a plurinominali

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - I "big" del M55, stando alle liste dei vincitori delle parlamentarie, risultano tutti capolista ai plurinominali. Probabile - anche se c'è da considerare il fattore quote rosa - che gli esponenti siano stati anche i più votati. Primi nei loro collegi, infatti, risultano il leader M5S Luigi Di Maio, Roberto Fico, Paola Taverna, Carla Ruocco, Manlio Di Stefano, Danilo Toninelli. Primi Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, esponenti molto vicini a Di Maio, e Carlo Sibilia in Campania.

22:21Calcio: Monchi, cerchiamo sempre innesti per il futuro

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Dzeko? Ora per noi sono importanti le prossime partite, quello che si farà sarà sempre pensando al meglio per la squadra. Lavoro 365 giorni all'anno, siamo sempre pronti a cercare innesti, ma non stiamo cercando un sostituto di Dzeko. Solo un giocatore per il futuro": lo dice il ds della Roma Monchi prima della partita contro l'Inter a San Siro. Il tema del mercato resta sempre al centro, anche per l'Inter che oggi accoglie Rafinha arrivato a Milano in serata. E il direttore sportivo Piero Ausilio racconta la trattativa: "E' stata difficile perché il Barcellona non voleva privarsene se non in prestito. Ma noi siamo l'Inter, non possiamo lavorare per gli altri. Abbiamo insistito per avere il diritto di un'opzione. Ci piace lavorare su giocatori che possono essere dell'Inter anche in futuro, se no non ci interessano". E sulle prossime operazioni: "Il mercato è imprevedibile, potremmo anche restare così. Nessun giocatore ci ha chiesto la cessione".

21:56Grecia:migliaia in piazza contro accordo su nome Macedonia

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Oltre 50.000 persone sono scese in piazza oggi a Salonicco, nel nord della Grecia, per protestare contro un possibile accordo con la Macedonia ex jugoslava sull'uso del termine 'Macedonia', che i greci rivendicano come esclusivamente ellenico. In piazza molti esponenti del clero più conservatore, dell'estrema destra di Alba Dorata, e rappresentanti delle comunità greche all'estero (che in Grecia vengono definite 'diaspora'). La regione diede i natali ad Alessandro Magno, vanto della cultura e della storia ellenica, e la contesa con Skopje sul nome definitivo dell'attuale Fyrom ('Former yugoslavian republic of Macedonia') è da 27 anni uno degli argomenti più spinosi della politica estera greca, anche se la maggioranza della popolazione sembra meno interessata al tema rispetto a qualche anno fa. Nel 1992, infatti, un milione di persone (quasi un decimo della popolazione greca) sfilarono sempre a Salonicco scandendo lo slogan 'i Makedonia einai Ellinikì', ovvero 'la Macedonia è greca'.

21:52LeU: Grasso, posso ricostruire la sinistra, quindi il Paese

(ANSA) - ASTI, 21 GEN - "Penso di poter ricostruire la sinistra, ricostruire la politica, ricostruire un partito e quindi ricostruire il Paese". Così Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, ad Asti per un'altra tappa in Piemonte, dopo l'avvio questa mattina a Torino, della campagna elettorale. "I valori della sinistra sono fondamentali, i valori della nostra Resistenza sono quelli che hanno portato la liberazione del nostro Paese e quindi alla Costituzione, che quest'anno ha compiuto 70 anni", aggiunge.

21:31Calcio: Rafinha a Milano, domani le visite con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Rafinha è arrivato a Milano e domani mattina svolgerà le visite mediche con l'Inter. Il centrocampista brasiliano è il secondo rinforzo per il club nerazzurro in questa sessione di mercato. Arriva in prestito dal Barcellona con diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro più 3 di bonus. Rafinha non ha fatto dichiarazioni, ma ha sorriso ai giornalisti che lo attendevano in aeroporto. Questa sera potrebbe assistere alla partita contro la Roma dalla tribuna di San Siro, anche se per il momento non ci sono ancora conferme ufficiali.

21:29Calcio: serie A, Cagliari-Milan 1-2

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Prima vittoria stagionale in rimonta e prima esterna sotto la guida di Gattuso per il Milan a Cagliari nel primo posticipo serale della 21/a giornata di serie A, conclusosi 1-2 alla Sardegna Arena battuta dal maestrale. Il Milan ha cercato di fare da subito la partita, stringendo nella loro metà campo i rossoblù, ma è stato il primo a capitolare quando all'8' un tiro di Barella dal limite ha battuto Donnarumma. I rossoneri hanno ripreso a masticare gioco cercando spesso Kalinic, che al 34' è stato atterrato in area. Kessiè ha trasformato il rigore e 6' dopo ha raddoppiato sfruttando un bell'assist dell'attaccante croato. Nella ripresa, i padroni di casa hanno cercato il pari, con maggior intensità dal 35' col Milan in 10 per espulsione di Rodriguez per doppia ammonizione, ma un po' Donnarumma e un po' gli errori di misura hanno impedito al risultato di cambiare. Il Milan sale a quota 31, al settimo posto, scavalcando Atalanta, Udinese e Torino. Il Cagliari resta a 20, in zona pericolosa.

Archivio Ultima ora