Visco: Bankitalia è seria, i risparmi sono sicuri

Pubblicato il 20 dicembre 2015 da redazione

Il Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco durante l'assemblea annuale ABI al Palazzo dei Congressi all'Eur, Roma, 10 luglio 2014.  ANSA/ANGELO CARCONI

Il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco durante l’assemblea annuale ABI al Palazzo dei Congressi all’Eur, Roma, 10 luglio 2014.
ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – La Banca d’Italia è “una istituzione seria” che ha “fatto il massimo possibile” e scongiurato molte crisi e “i risparmi degli italiani sono al sicuro”. Nella giornata più mediatica del governatore Ignazio Visco, di solito più a suo agio nei consessi internazionali e nella aule universitarie che in tv, il governatore difende la banca centrale e respinge senza appello le voci di stampa di sue dimissioni offerte e respinte dal presidente Mattarella, immediatamente definite “fantasiose” dal Quirinale.

Certo Visco ammette di “non aver parlato” con Renzi della sua decisione di affidare all’Anac di Cantone l’arbitrato sulle controversie dei bond delle 4 banche, mossa da molti letta come uno sgarbo a Via Nazionale. E lo stesso premier ha detto di provare “rispetto” per Banca d’Italia laddove ad esempio il ministro Padoan aveva confermato per l’istituto centrale piena fiducia.

Forse solo interpretazioni capziose di linguaggio. Di certo Visco vuole mandare un messaggio chiaro: la Banca d’Italia agisce senza favoritismi e con ispezioni rigorose facendo emergere lei le situazioni di difficoltà, ma secondo i suoi poteri e limiti stabiliti dalla legge. Norme che le impediscono di intervenire sulle banche anzitempo.

Su Etruria infatti la lettera inviata ai vertici a fine 2013 era “riservata e coperta da segreto d’ufficio” e la Consob (che dal canto suo ha smentito di aver occultato informazioni riservate ai risparmiatori) ne era informata. Ma l’istituto aretino declinò sotto i livelli di capitale nel 2014 non riuscendo e non volendo trovare un partner che la Banca d’Italia aveva detto necessario per salvarsi.

Il governatore manda comunque un messaggio al governo: collaboriamo per vedere come gestire in futuro le crisi bancarie con queste norme europee che, anche se Banca d’Italia aveva provato ad opporsi, sono retroattive e provocano contraccolpi ancora tutti da definire. Alcune altre banche infatti devono mettere in ordine la loro situazione e preoccupano i crediti deteriorati.

A Repubblica Visco aveva sottolineato per esempio che assieme alla Bce guardava con attenzione alle due venete: Popolare Vicenza e Veneto Banca e alla loro trasformazione in spa e quotazione. Il culmine della controffensiva mediatica avviata da Banca d’Italia nei giorni scorsi vede quindi Visco prima rilasciare una lunga intervista a Repubblica e poi in serata partecipare a uno dei programmi più popolari del palinsesto pubblico condotto da Fabio Fazio, un conduttore televisivo ed ex imitatore che però ha intervistato personalità di tutti i campi, dalla politica, allo spettacolo e la letteratura fino all’economia.

Ci andò anche Tommaso Padoa Schioppa, uno dei banchieri centrali ed economisti più ammirati dallo stesso Visco, quando ricopriva la carica di ministro dell’economia nel 2007. Da Fazio Visco doveva andare a presentare il suo libro “Perché i tempi stanno cambiando” che parla di futuro e dei cambiamenti imposti dalla tecnologia in un mondo sempre più globalizzato ma poi la cronaca di questi giorni, quella localissima di Arezzo, Ferrara, Chieti e Jesi ha preso il sopravvento.

(di Andrea D’Ortenzio-ANSA)

Ultima ora

22:45Caso Juve-Ultrà: club su Twitter, ‘desecretate Pecoraro’

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - "Quello che sta avvenendo è estremamente sbagliato: riportare pezzi di intercettazione, momenti e frasi senza contestualizzarli è fuorviante. Si rischia di far passare per vere cose che non costituiscono fatti provati". L'avvocato Luigi Chiappero, legale della Juventus, interviene così a Jtv nello speciale JTalk dedicato ai presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finito anche sotto la lente della commissione parlamentare Antimafia. "#Desecretate Pecoraro" è l'hashtag twittato dal profilo ufficiale del club bianconero per lanciare la trasmissione. "Un conto sono i fatti, un conto le cose che si dicono al telefono - sostiene Chiappero -. Le intercettazioni sono un fatto delicato, di difficile interpretazione ed è importante contestualizzarle". Il riferimento è al procuratore federale Giuseppe Pecoraro, che sul caso ha deferito la Juve e il suo presidente, Andrea Agnelli, alla giustizia sportiva.

22:45Calcio: Ventura, gli stage stanno dando i loro frutti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "La dimostrazione del beneficio degli stage è che alcuni ragazzi che vi hanno partecipato, oggi sono qui. Non ci sono variazioni di programma e non ce ne saranno". Lo ha assicurato Gian Piero Ventura nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "I nostri giovani stanno dimostrando di valere - ha aggiunto il ct azzurro - Ce ne sono tanti di bravi e che hanno potenzialità: dobbiamo solo dargli tempo e a quel punto avremo fatto un grande passo per il futuro. Ci sono segnali da un'infinità di giovani e ci sono quindi i presupposti per fare qualcosa di importante: sarà poi il campo, ovviamente, a dire l'ultima parola. Ma questo concetto di fiducia l'ho espresso già tante volte. Vedo entusiasmo ed umiltà: due condizioni fondamentali". Quanto alla gara di domani, il tecnico la vede coma una "occasione per verificare cosa dobbiamo ancora fare e cosa invece abbiamo fatto".

22:08Calcio: Tavecchio, pronto ad andare all’Antimafia

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Per quanto riguarda le problematiche in collegamento con la Commissione, io andrò se convocato: noi siamo rispettosi delle istituzioni". Lo ha detto Carlo Tavecchio, presidente della Figc, ad una domanda dopo le dichiarazioni del dg Michele Uva e la risposta della presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi. "Siamo in sintonia con quello che l'Antimafia ha già deliberato - ha aggiunto Tavecchio al termine del Consiglio federale svoltosi oggi a Coverciano - La forza di un presidente federale è di non conoscere la porta di accesso della Procura federale: se mi chiedete come si fa ad andare dal procuratore, non vi so accompagnare. Quindi, quando la questione riguarda la Procura, il presidente federale è uno spettatore come voi". Poi, sulla scelta di Alessandro Costacurta come presidente del Comitato organizzatore locale degli Europei Under 21 del 2019: "Una bella notizia. È stato un calciatore di prestigio e di stile. Ha doti invidiabili di comunicazione e inoltre conosce l'attività gestionale".

21:50Pd: Emiliano, rischio è consegnare Paese a governo M5s-Lega

(ANSA) - BARI, 27 MAR - "Noi stiamo rischiando, ed è una delle ragioni fondamentali di questa mozione, di consegnare l'Italia a una maggioranza di populismi anomala, che potrebbe perfino obbligare il movimento cinquestelle e la destra salviniana a collaborare per il governo del Paese". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia e candidato alla segreteria Pd, Michele Emiliano, presentando la sua mozione a Bari. "Questa mozione - ha aggiunto - è l'unico strumento di governo dell'Italia. E' l'unica che può provare a far vincere al Pd le prossime elezioni. L'unica che dialoga con rispetto di tutti i mondi, esclusa la destra, di riferimento del fronte progressista". Emiliano ha aggiunto che "probabilmente a febbraio dell'anno prossimo andremo a elezioni, e in quella occasione non ci sono i pacchi delle tessere, non puoi chiamare i romeni a votare alle primarie, lì vanno a votare gli italiani". "E a febbraio dell'anno prossimo dobbiamo presentare un Pd capace di essere vicino agli italiani, capace di risolvere i problemi".

21:31De Luca: niente scuse alla ‘signora dei 5 Stelle’

(ANSA) - SANTA MARIA A VICO (CASERTA), 27 MAR - Niente scuse alla "signora dei Cinque Stelle" Valeria Ciarambino, anzi, i grillini "vadano al diavolo": al contrario, rilancia il governatore della Campania Vincenzo De Luca, che oggi, durante un incontro tenuto alla Scuola Giovanni XXIII di Santa Maria a Vico (Caserta), è tornato sulla polemica scoppiata venerdì durante la seduta del Consiglio Regionale quando aveva definito "chiattona" la capogruppo M5s in consiglio regionale Ciarambino.

21:28Calcio: caso Barzagli, Ventura “sorpreso a 360 gradi”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Sono rimasto molto stupito, a 360 gradi". Così il ct degli azzurri, Gian Piero Ventura, commenta il caso Barzagli e la polemica seguente alla vigilia di Olanda-Italia. "Il giocatore è venuto, ha disputato una partita importante e poi mi ha chiesto se poteva andare via in anticipo per problemi con la moglie - ha aggiunto Ventura -. Una cosa anomala ma abbiamo deciso di andargli incontro. Quello che è successo dopo non lo so. Ho visto la foto mi ha stupito, ma Andrea mi ha chiamato, ha chiarito. Altrimenti sarei rimasto deluso". Sorpresa, e un po' di rabbia, per le critiche ricevute da Sacchi sul gioco degli azzurri nella gara con l'Albania: "Ho provato delusione e curiosità dopo aver letto le critiche. Delusione perchè ho sempre apprezzato Arrigo, curiosità perchè mi sembra che abbia fatto un po' di confusione. Ho rivisto alcune partite dell'Italia a inizio di Usa '94: con l'Irlanda il primo tiro è arrivato al 70'. Altro era il gioco del Milan. A volte magari serve un un pizzico di riflessione in più".

21:09Calcio: De Rossi, anche nel 2006 il Mondiale era un sogno

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Inseguiamo certamente il sogno del Mondiale, altrimenti non saremmo qui. Ricordo nel 2006, quando eravamo con Lippi, il titolo non era una cosa vicina, ma poi è successo". Lo ha detto Daniele De Rossi nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "Vedo dei giovani destinati a stare a lungo in Nazionale - ha aggiunto il 33enne centrocampista - Donnarumma e Belotti sono già a livelli altissimi. Poi c'è Gagliardini: non ha ancora esordito e non voglio portargli sfortuna, ma io già tempo fa capii che avrebbe fatto strada. Non siamo la Nazionale del 2006, però c'è continuità con quella di Conte: siamo quelli lì, con quella mentalità, e i nuovi arrivati si stanno adattando a quella linea. Compreso l'allenatore. La mia carriera con poche vittorie nella Roma? Non ho rimpianti. È una scelta che ho fatto consapevolmente, anche se dal punto di vista professionale poteva non essere la migliore. Ma le mie soddisfazioni me le sono tolte con la Nazionale e qualcuna anche con la Roma".

Archivio Ultima ora