Renzi, nel 2016 Pil oltre 1,5%. La manovra spinge la crescita

Pubblicato il 20 dicembre 2015 da redazione

Italy's Prime Minister Matteo Renzi (L) and Economy Minister Pier Carlo Padoan attend a news conference at the end of a cabinet meeting at Chigi Palace in Rome, Italy, October 15, 2015.  REUTERS/Tony Gentile

Italy’s Prime Minister Matteo Renzi (L) and Economy Minister Pier Carlo Padoan attend a news conference at the end of a cabinet meeting at Chigi Palace in Rome, Italy, October 15, 2015. REUTERS/Tony Gentile

ROMA. – L’Italia è guarita e ormai si può dire fuori dalla crisi, tanto che nel 2016 la crescita potrà superare l’1,5%, anche grazie a una legge di Stabilità che riduce le tasse e sprona le imprese a tornare a competere e ad assumere.

Il giorno dopo il via libera notturno della Camera alla legge di Stabilità sia Matteo Renzi sia Pier Carlo Padoan difendono l’impianto di una manovra che, secondo il ministro dell’Economia, ora è “più ricca” e “più espansiva” e che, come spiega il premier, “contiene molti lingottini”, a partire dal calo delle tasse.

“Il 2015 si chiude meglio del 2014 ma non sono ancora soddisfatto” dice il premier in tv, ribadendo che “i segnali di ripresa ci sono” e dicono che “per il 2016 andremo ancora meglio”. Ma al di là dei decimali, “l’importante è che ci credano gli italiani, è tutto nelle nostre mani”. Mani che potranno sfruttare dal prossimo anno tutte le misure che il governo ha messo in campo con la manovra che non contiene “mance” ma risorse per il sociale, con “soldi che vanno ad associazioni, volontariato, scuola, cultura, Coni”.

Un bene, sostiene il premier, “perché l’Italia è fatta di questo”. Certo, per finanziare i quasi mille commi che ora compongono la legge di Stabilità – lievitata nel secondo passaggio a Montecitorio fino a 34,5 miliardi – si è sfruttata fino in fondo la leva del deficit, portato al 2,4% così come autorizzato dal Parlamento, e non ancora da Bruxelles.

Ma si tratta comunque del livello più basso rispetto al Pil degli ultimi 10 anni, rivendica Renzi, e in un percorso di aggiustamento dei conti pubblici, precisa Padoan, che permetterà nel 2016, per la prima volta da otto anni a questa parte, di ridurre il debito, rendendo l’Italia “più credibile”, e di raggiungere il pareggio strutturale, come previsto, nel 2018.

Chiusa la maratona della Camera, dove la commissione Bilancio ha lavorato per 36 ore consecutive e l’Aula ha dato il suo ok nel cuore della notte, ora l’ultimo passaggio al Senato sarà rapido e blindato: un esame lampo in commissione domani, per passare all’Aula già martedì e chiudere in giornata – o al massimo entro il 23 – con la fiducia.

Nella notte si sono consumate anche le ultime schermaglie con il Movimento Cinque Stelle – che secondo il premier fa opposizione “solo a telecamere accese” – in risposta a una difesa appassionata da parte di Marco Causi, dopo la querelle sollevata dai grillini sulle risorse (poi non assegnate) alla Fondazione RomaEuropa guidata dalla moglie.

Con il doppio passaggio parlamentare la manovra “si è arricchita di importanti novità che ne hanno potenziato gli effetti espansivi finalizzati ad accelerare la crescita” ha fatto sapere il Tesoro, mentre Padoan ha osservato che si tratta di un “ulteriore passo avanti ella politica economica del governo” il cui “fine ultimo” è “la creazione di posti di lavoro di buona qualità, grazie al ritorno a una crescita sostenuta e sostenibile”.

Ultima ora

23:54Malta, migliaia a corteo per chiedere giustizia su blogger

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Migliaia di maltesi sono scesi per le strade de La Valletta per chiedere giustizia su Daphne Caruana Galizia, la giornalista uccisa lunedì scorso in circostanze ancora misteriose. Lo scrive The Times of Malta precisando che al corteo sono state chieste le dimissioni del capo della polizia e del procuratore generale. I manifestanti hanno proposto che un nuovo capo della polizia e un nuovo procuratore vengano immediatamente eletti dalla maggioranza dei due terzi del Parlamento. Le richieste, proposte dal leader dei manifestanti, Michael Briguglio, sono poi state sottoposte alla presidente della Repubblica Marie Louise Coleiro Preca, che ad un certo punto è stata anche vista al corteo. Preca ha detto agli organizzatori della marcia che l'omicidio è stato un atto di codardia e ha poi lanciato un appello ad avere fiducia nelle istituzioni e nella democrazia. Alla marcia non hanno partecipato il premier Joseph Muscat ed il leader nazionalista all'opposizione Adrian Delia.

23:48Slovenia, presidenziali, ballottaggio tra Pahor e Sarec

(ANSA) - LUBIANA, 22 OTT - La Slovenia dovrà attendere il ballottaggio del 12 novembre per conoscere il suo nuovo presidente. Tuttavia, al momento, tra l'uscente Borut Pahor e il principale antagonista tra i nove candidati presentatisi, Marjan Sarec, non sembra esserci storia. Pahor ha di fatto mancato la vittoria al primo turno per un paio di punti percentuale concludendo lo scrutinio delle schede a circa il 47% dei consensi. Sarec si è invece fermato al 25% circa. L'affluenza alle urne è stata del 42,02% per 1,7 milioni di votanti. Il presidente che sarà designato dalle urne in novembre, si insedierà il 23 dicembre.

21:48Pallavolo: serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della seconda giornata del campionato di serie A/1 di pallavolo donne, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Il Bisonte Firenze martedì 25 Foppapedretti Bergamo - Liu Jo Modena 1-3 (27-29, 25-19, 16-25, 18-25) Savino Scandicci - Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-18, 25-20, 25-19; giocata ieri) Unet E-Work Busto A. - Lardini Filottrano 3-0 (25-18, 25-21, 25-16; giocata ieri) Saugella Monza - Sab Legnano 3-1 (28-26, 21-25, 25-18, 25-14) Pesaro - Igor Gorgonzola Novara 0-3 (19-25, 19-25, 19-25). - Classifica: Scandicci 6; Novara 5; Busto Arsizio 4; Conegliano, Firenze, Legnano, Monza, Filottrano e Modena 3; Bergamo, Casalmaggiore e Pesaro 0.

21:39F1: Usa, al via Ferrari e Vettel subito in testa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Partenza super di Sebastian Vettel nel Gp degli Usa di F1 appena cominciato sul circuito di texano di Austin, con Usain Bolt starter 'di lusso'. La Ferrari del tedesco è riuscita a sopravanzare la Mercedes di Lewis Hamilton, che era in pole position, e a prendere la testa della gara. Alle spalle dei due favoriti c'è l'altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas.

21:36Incidenti stradali: muore in Calabria bambina di 6 anni

(ANSA) - CIRÒ MARINA (CROTONE), 22 OTT - Una bambina di sei anni é morta in un incidente stradale accaduto stasera a Cirò Marina, in località "Boldito", lungo la statale 106 jonica. La bambina era a bordo di un'automobile condotta dal padre e sulla quale viaggiavano anche la madre e la sorella maggiore. Secondo una prima ricostruzione, il conducente dell'auto ha perso il controllo dell'automobile, forse a causa di un cane che ha attraversato la strada, finendo contro la barriera di protezione. La bambina é morta sul colpo, mentre i genitori e la sorella sono rimasti feriti e sono stati portati nell'ospedale di Crotone. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul luogo dell'incidente, per i rilievi, si é recato il personale della Polizia stradale insieme ai carabinieri. (ANSA).

21:29Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Bunge Ravenna rinviata Calzedonia Verona - Sir Safety Perugia 0-3 Wixo Piacenza - Callipo Vibo Valentia 3-2 Kioene Padova - Diatec Trentino 1-3 Biosì Sora - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Gi Group Monza 3-1 BCC Castellana Grotte - Taiwan Latina 3-1 - Classifica: Perugia e Modena 6; Milano 5; Piacenza e Trentino 4; Civitanova, Monza e Castellana Grotte 3; Verona 2; Ravenna, Latina e Vibo Valentia 1; Sora e Padova 0.

20:53Referendum: Veneto, 50,1%, superato quorum alle 19

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Con il 50,1% dell'affluenza alle ore 19 il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto ha superato la soglia del quorum previsto. In Veneto gli elettori sono 4.068.577 e la metà più uno è pari a 2.034.280. Il dato emerge dall'affluenza ai seggi nei 575 comuni della regione secondo quanto riferito dall'osservatorio del consiglio regionale del Veneto. I seggi saranno aperti fino alle 23. In provincia di Belluno l'affluenza fino alle 19 è stata del 45% degli elettori, a Padova del 52,1%, a Rovigo del 41,9%, a Treviso del 51,6%, a Venezia del 47,1%, a Verona del 47,2% e a Vicenza del 55,9%.

Archivio Ultima ora