Hillary contro Trump, reclutatore Isis. Lui, è bugiarda

Pubblicato il 20 dicembre 2015 da redazione

Hillary Clinton, right, speaks to Bernie Sanders during a break at the Democratic presidential primary debate Saturday, Dec. 19, 2015, at Saint Anselm College in Manchester, N.H. (ANSA/AP Photo/Jim Cole)

Hillary Clinton, right, speaks to Bernie Sanders during a break at the Democratic presidential primary debate Saturday, Dec. 19, 2015, at Saint Anselm College in Manchester, N.H. (ANSA/AP Photo/Jim Cole)

NEW YORK. – Hillary Clinton senza rivali. Al terzo e ultimo dibattito dell’anno tra i democratici candidati alla Casa Bianca, l’ex first lady si conferma la frontrunner, e lei, sempre saldamente in testa ai sondaggi, ne approfitta per scagliarsi contro il suo vero obiettivo: Donald Trump. Trovando punti in comune con gli altri due candidati, Bernie Sanders e Martin O’Malley, sui commenti “razzisti e di estrema destra” del tycoon.

“Si è dimostrato finora il miglior reclutatore dell’Isis”, afferma Hillary, sottolineando come lo Stato islamico ricorra a video in cui Trump insulta i musulmani per reclutare e radicalizzare più jihadisti. E ancora: “E’ un maestro in buffonate e bigottismo”.

E il candidato repubblicano, che nel corso dei precedenti dibattiti democratici aveva commentato in diretta via Twitter, sceglie pure lui la tv per rispondere a Hillary: “E’ una bugiarda. Si è inventata la storia dei video dell’Isis”, ha replicato durante la trasmissione domenicale di Abc, lo stesso canale che ha organizzato il dibattito democratico dal palco di Manchester, nel New Hampshire.

La serata era centrata su sicurezza e politica estera, ma si è aperta con le scuse del senatore Sanders dopo il caso della violazione-dati della campagna elettorale di Hillary. I due hanno affrontato subito l’argomento, chiudendo il caso: “Chiedo scusa non solo alla Clinton, ma anche ai nostri sostenitori. Non è così che conduciamo la nostra campagna. Se scoprirò che altre persone sono coinvolte nel caso, le licenzierò”, ha affermato Sanders. Detto fatto. Dopo il direttore della campagna dati nazionale, altri due membri dello staff sono stati sospesi.

Ma se i tre candidati hanno fatto fronte comune contro Trump, sono apparsi invece divisi sulla Siria e la lotta all’Isis. Hillary vuole una ‘no-fly’ zone e chiede l’uscita di scena di Bashar al-Assad. “Certo Assad è un dittatore terribile – ha risposo Sanders – Mi preoccupo che il segretario Clinton sia troppo a favore del cambio di regime. Non è Assad che ha dichiarato guerra agli Usa, ma l’Isis”.

O’Malley, rimasto in ombra per la maggior della serata, invece ha ammonito che gli Usa “non sono il poliziotto del mondo e non possono andare sempre in giro a cercare cattivi da eliminare”.

Uno scontro si è avuto anche sul rapporto con Wall Street. Sanders torna ad accusare una campagna elettorale corrotta e cerca di rilanciare l’immagine di una Hillary troppo vicina ai poteri forti, a quella Wall Street che ”sta distruggendo l’economia e la vita di milioni di americani”.

Lei controbatte sostenendo la necessità di colpire gli eccessi e gli abusi nel mondo della finanza e delle grandi banche, ma anche quella di collaborare con un settore privato che crea ricchezza e milioni di posti di lavoro. Poi la promessa più forte di Hillary: più tasse sui ricchi e sulle grandi aziende. Zero aumenti sulla classe media. ”Non lo farò mai, è fuori discussione”, giura.

Ci pensa sempre Hillary a movimentare un po’ la serata quando, suscitando l’ilarità del pubblico, arriva in ritardo dopo la prima pausa del confronto, e il giornalista della Abc stava già formulando la domanda: “Scusate”, ha detto arrivando trafelata.

E sempre lei sceglie un modo spiritoso di chiudere il dibattito. Dopo aver rivolto un pensiero al possibile ruolo del marito Bill in caso di una sua vittoria, ha poi salutato tutti citando ‘Guerre Stellari’ che sta sbancando i botteghini: “Che la forza sia con voi”.

(di Gaetana D’Amico/ANSA)

Ultima ora

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

Archivio Ultima ora