Hillary contro Trump, reclutatore Isis. Lui, è bugiarda

Pubblicato il 20 dicembre 2015 da redazione

Hillary Clinton, right, speaks to Bernie Sanders during a break at the Democratic presidential primary debate Saturday, Dec. 19, 2015, at Saint Anselm College in Manchester, N.H. (ANSA/AP Photo/Jim Cole)

Hillary Clinton, right, speaks to Bernie Sanders during a break at the Democratic presidential primary debate Saturday, Dec. 19, 2015, at Saint Anselm College in Manchester, N.H. (ANSA/AP Photo/Jim Cole)

NEW YORK. – Hillary Clinton senza rivali. Al terzo e ultimo dibattito dell’anno tra i democratici candidati alla Casa Bianca, l’ex first lady si conferma la frontrunner, e lei, sempre saldamente in testa ai sondaggi, ne approfitta per scagliarsi contro il suo vero obiettivo: Donald Trump. Trovando punti in comune con gli altri due candidati, Bernie Sanders e Martin O’Malley, sui commenti “razzisti e di estrema destra” del tycoon.

“Si è dimostrato finora il miglior reclutatore dell’Isis”, afferma Hillary, sottolineando come lo Stato islamico ricorra a video in cui Trump insulta i musulmani per reclutare e radicalizzare più jihadisti. E ancora: “E’ un maestro in buffonate e bigottismo”.

E il candidato repubblicano, che nel corso dei precedenti dibattiti democratici aveva commentato in diretta via Twitter, sceglie pure lui la tv per rispondere a Hillary: “E’ una bugiarda. Si è inventata la storia dei video dell’Isis”, ha replicato durante la trasmissione domenicale di Abc, lo stesso canale che ha organizzato il dibattito democratico dal palco di Manchester, nel New Hampshire.

La serata era centrata su sicurezza e politica estera, ma si è aperta con le scuse del senatore Sanders dopo il caso della violazione-dati della campagna elettorale di Hillary. I due hanno affrontato subito l’argomento, chiudendo il caso: “Chiedo scusa non solo alla Clinton, ma anche ai nostri sostenitori. Non è così che conduciamo la nostra campagna. Se scoprirò che altre persone sono coinvolte nel caso, le licenzierò”, ha affermato Sanders. Detto fatto. Dopo il direttore della campagna dati nazionale, altri due membri dello staff sono stati sospesi.

Ma se i tre candidati hanno fatto fronte comune contro Trump, sono apparsi invece divisi sulla Siria e la lotta all’Isis. Hillary vuole una ‘no-fly’ zone e chiede l’uscita di scena di Bashar al-Assad. “Certo Assad è un dittatore terribile – ha risposo Sanders – Mi preoccupo che il segretario Clinton sia troppo a favore del cambio di regime. Non è Assad che ha dichiarato guerra agli Usa, ma l’Isis”.

O’Malley, rimasto in ombra per la maggior della serata, invece ha ammonito che gli Usa “non sono il poliziotto del mondo e non possono andare sempre in giro a cercare cattivi da eliminare”.

Uno scontro si è avuto anche sul rapporto con Wall Street. Sanders torna ad accusare una campagna elettorale corrotta e cerca di rilanciare l’immagine di una Hillary troppo vicina ai poteri forti, a quella Wall Street che ”sta distruggendo l’economia e la vita di milioni di americani”.

Lei controbatte sostenendo la necessità di colpire gli eccessi e gli abusi nel mondo della finanza e delle grandi banche, ma anche quella di collaborare con un settore privato che crea ricchezza e milioni di posti di lavoro. Poi la promessa più forte di Hillary: più tasse sui ricchi e sulle grandi aziende. Zero aumenti sulla classe media. ”Non lo farò mai, è fuori discussione”, giura.

Ci pensa sempre Hillary a movimentare un po’ la serata quando, suscitando l’ilarità del pubblico, arriva in ritardo dopo la prima pausa del confronto, e il giornalista della Abc stava già formulando la domanda: “Scusate”, ha detto arrivando trafelata.

E sempre lei sceglie un modo spiritoso di chiudere il dibattito. Dopo aver rivolto un pensiero al possibile ruolo del marito Bill in caso di una sua vittoria, ha poi salutato tutti citando ‘Guerre Stellari’ che sta sbancando i botteghini: “Che la forza sia con voi”.

(di Gaetana D’Amico/ANSA)

Ultima ora

08:42Usa: il Senato boccia il testo ‘smilzo’ per revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il voto contrario di tre senatori repubblicani, tra i quali John McCain, ha determinato la bocciatura al Senato del disegno di legge cosiddetto 'smilzo' per una revoca parziale dell'Obamacare, affossando cosi' il tentativo estremo dei repubblicani di 'revocare e sostituire' la riforma della sanità voluta da Barack Obama.

08:02Nissan-Renault-Mitsubishi leader mondiale auto

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - Il gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi è il nuovo leader mondiale dell'auto. Nel primo semestre dell'anno, infatti, le vendite hanno superato quelle del gruppo Volkswagen. Secondo le ultime rilevazioni pubblicate dalla costruttore nipponico, da gennaio a giugno le immatricolazioni hanno raggiunto 5,27 milioni a livello globale, in crescita del 7%. Le vendite della Volkswagen, dal canto suo, si sono assestate a 5,16 milioni di autovetture, con un rialzo dello 0,7%. Il costruttore giapponese Nissan - alleato di Renault dal 1999 - ha rilevato il 34% della Mitsubishi lo scorso ottobre, dando vita a un gruppo in grado di produrre 10 milioni di autoveicoli all'anno. L'accelerazione del fatturato si è concentrata prevalentemente in Cina, il primo mercato mondiale dell'auto.

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

Archivio Ultima ora