Venezuela, tra caos politico e crisi economica

Pubblicato il 21 dicembre 2015 da redazione

analisi-venezuela

Caos. E’ questo il clima che si respira in un paese che, in questi giorni di pace natalizia, cerca affannosamente di dimenticare i problemi della quotidianità, purtroppo senza riuscirci. A ricordarli ogni mattina sono non solo i titoli dei giornali e tiggì o le lunghe file alle porte dei supermarket e piccoli generi alimentari, in questi giorni insolitamente assortiti se non con tutti i prodotti del carrello della spesa almeno con alcuni di essi; lo sono anche le lunghe trasmissioni, il più delle volte a reti unificate, del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro.

Il Venezuela vive, oggi, una fase di precarietà istituzionale e politica come mai si era vista dal lontano 23 gennaio del 1958. Eppure, di momenti difficili il Paese ne ha vissuti e tantissimi. L’attentato al presidente Romulo Betancourt, all’indomani della riconquistata libertà democratica; gli anni di piombo per l’insurrezione marxista e filo-cubana che caratterizzò la decada del ’60 e parte di quella del ’70; la “crisi del debito estero”, che portò il paese sull’orlo del default; il “Caracazo”, che si concluse con un massacro di cittadini le cui proporzioni ancora oggi sono sconosciute; il “golpe” dell’estinto presidente Chávez, che mise a dura prova le istituzioni democratiche incrinandone le basi.

Grandi e piccoli avvenimenti che sconvolsero la nostra vita e ai quali la Repubblica, la Democrazia, la Società seppero reagire. Mai, a nostro avviso, il paese si era risvegliato dopo una giornata elettorale con la sensazione di aver voltato pagina senza sapere cosa scrivere nel nuovo capitolo della propria storia; con la percezione di aver smarrito il proprio cammino.

Nel Psuv, oggi, la scontro non è solo tra “chavismo” e “madurismo”. Il duello tra le due correnti per il controllo del partito era iniziato già prima, lo stesso giorno in cui l’estinto capo dello Stato ungeva Nicolás Maduro quale erede della “rivoluzione”. Il conflitto, dietro le quinte, pare sia sostanzialmente tra il capo dello Stato e l’attuale presidente del Parlamento.

Tra Nicolás Maduro, indebolito dalla sconfitta alle urne dopo una campagna elettorale condotta in prima persona; e Diosdado Cabello, più fragile dopo la disfatta elettorale nello Stato Monagas. Nicolás Maduro porrebbe sul piatto della bilancia la sua investitura quale capo dello Stato e delfino, decisa dall’estinto presidente Chàvez; e Diosdado Cabello il controllo che ancora avrebbe delle Forze Armate. Quindi, fuori dalle mura di casa, l’unità cementata dalla necessità di arginare l’avversario comune: l’Opposizione; dentro di essa la lotta senza quartiere per il controllo del partito.

Guerra economica, Guerra Politica Elettorale, Parlamento Comunale. Espressioni che lasciano l’amaro in bocca. Il Capo dello Stato, sorpreso dal K.o. fulminante nelle elezioni del 6 dicembre, ha sì riconosciuto la sconfitta ma ha attribuito ogni responsabilità a una presunta “guerra economica” condotta meschinamente dalla destra nazionale con lo “zampino” di quella internazionale.

Sconcertato dai risultati, ha poi cercato di mettere assieme i cocci della sconfitta evocando una presunta “guerra politica elettorale”, denunciando brogli e ordinando un’indagine approfondita per appurare la ragione della valanga di voti nulli. Il “sistema elettorale elettronico e digitalizzato”, improvvisamente, non è più il “migliore del mondo”. Anch’esso può far acqua.

Il capo dello Stato ha gettato ombre se non sul trionfo dell’Opposizione, impossibile da negare, almeno sulla maggioranza assoluta dei due terzi ottenuta da questa. Ma, allo stesso tempo, e inconsciamente, ha gettato dubbi sui risultati delle elezioni precedenti.

Pare evidente che il Psuv, e il Governo, non vogliano cedere la maggioranza del Parlamento all’Opposizione. E, mentre esigono dal Cne un salvagente con il conteggio dei voti in alcune circoscrizioni, in Parlamento si affrettano ad approvare provvedimenti ad hoc e a eleggere i magistrati del TSJ.

In circostanze normali, in seno al Parlamento già si starebbe procedendo a una transizione pilotata tra chi esce e chi entra. Il “Tavolo dell’Unità” avrebbe già scelto gli integranti della propria commissione. Questa sarebbe composta dai deputati Edgar Zambrano (AD), Miguel Pizarro (PJ), Juan Guaido (VP) e Timoteo Zambrano (UNT). Stando a indiscrezioni, però, il Psuv, avrebbe risposto “picche”.

E il presidente uscente del Parlamento, Diosdado Cabello, avrebbe fatto sapere che non vi sarà nessuna transizione pilotata giacchè non riconoscerebbe i deputati eletti del Tavolo dell’Unità. Una decisione che, se risultasse vera, creerebbe un ulteriore elemento di instabilità ma che, tuttavia, sarebbe perfettamente in linea con quella di approvare un Parlamento Comunale, che dovrebbe se non eclissare almeno diminuire il potere dell’AN.

Il Parlamento Comunale è un vecchio progetto del presidente Chávez; progetto inserito nella riforma Costituzionale che i venezuelani rispedirono al mittente bocciandola in un referendum. Il Parlamento Comunale non è contemplato nella Costituzione del 1999. Ma la sua creazione comunque comporterà difficoltà alla nuova Assemblea Nazionale. Oggi Governo e opposizione giocano una delicata partita a scacchi che potrebbe sfociare nel caos.

L’Opposizione, oggi, si trova a dover affrontare una prova ancor più difficile di quella delle urne. Ieri, contro l’avversario comune rappresentato dal “chavismo”, è riuscita a trovare la motivazione per convergere sotto un solo tetto: il Tavolo dell’Unità.

Oggi, il pericolo è che l’eterogenea coalizione possa implodere. L’elezione della nuova Giunta Direttiva del Parlamento è la mela della discordia. Nomi noti e altri sconosciuti. Ogni schieramento politico, grande o piccolo che sia, vuole avere la sua quota di potere. E le due grandi formazioni, Primero Justicia e Acción Democratica, dietro le quinte, si muovono con discrezione e prudente diplomazia per piazzare il proprio candidato alla presidenza dell’An.

Julio Borges o Ramos Allup? Questi, per il momento i nomi più gettonati. Ma potrebbero apparirne altri a sparigliare le carte in tavola. E’ una partita difficile, assai delicata quella che in questi giorni si gioca in casa della Mud.

Ad aggravare il panorama è lo stallo economico, latente da anni ma che oggi si manifesta in tutta la sua complessità. L’anno venturo sarà assai difficile. Infatti, è improbabile un incremento del prezzo del barile di greggio. E, come si sa, l’economia nazionale dipende ormai in un 95 per cento dall’esportazione dell’oro nero.

Ma la crisi sarà ancor più severa se dovessero risultare certe le voci circa l’ordine di vendere, e obbligare a vendere, quanto hanno in deposito negozi e supermarket. Dagli alimenti agli elettrodomestici, dagli abbigliamenti alle medicine. Se ciò fosse vero, il prossimo anno inizierebbe con una crisi di scarsità di proporzioni ciclopiche.

Mancanza di alimenti, abbigliamenti, elettrodomestici e medicine che non potrebbe essere tamponata immediatamente con le importazioni. Mancanza di ogni bene che il governo e il Psuv, ormai all’Opposizione, attribuirebbero alla nuova Assemblea Nazionale.

Voci di corridoio. Per il momento, solo speculazioni. Comunque, considerazioni inquietanti. Così, il Paese chiude il 2015 in un clima di caos, confusione e ansia. C’è solo da sperare che il buon senso prevalga nel 2016. E’ l’augurio di tutti noi.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

21:19Calcio: Lazio, domani visite mediche Felipe Caicedo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Felipe Caicedo è sbarcato oggi a Roma e svolgerà le visite di idoneità domani mattina presso la clinica Paideia. L'attaccante proveniente dall'Espanyol, verrà tesserato dalla Lazio dopo l'ok dei medici, l'annuncio potrebbe arrivare già per la giornata di domani indipendentemente dalla situazione legata alle caselle degli extracomunitari, al momento occupate. Nei piani del club biancoceleste, la punta ecuadoriana dovrà ricoprire il ruolo di vice di Ciro Immobile. Intanto la Lazio è sbarcata oggi a Walchsee, in Austria, dove svolgerà la seconda parte di ritiro in vista della Supercoppa contro la Juventus.

21:13Calcio: Roma, Monchi ‘Mahrez? Valutiamo anche altri nomi’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Abbiamo presentato due offerte per Mahrez, la seconda la riteniamo giusta. Dopo questa ci siamo fermati e stiamo valutando altre opzioni". Quello di Monchi sembra essere un vero e proprio ultimatum al Leicester per l'attaccante algerino. "Percentuali? Non esiste un misuratore, la trattativa va in porto oppure no. Mahrez è un'opzione, non l'unica. Dopo l'ultima offerta stiamo virando su altre opzioni", ha proseguito il ds giallorosso in conferenza stampa di presentazione di Hector Moreno. Monchi ha anche fatto il punto su Manolas: "A oggi è un calciatore della Roma e credo che continuerà ad esserlo per molto tempo. Mi risulta che lui è contentissimo di essere alla Roma. Difensore centrale? Ad oggi la priorità è l'esterno destro".

21:10Lotta a degrado città, Venezia vieta bevute per strada

(ANSA) - VENEZIA, 28 LUG - Nuova crociata contro il degrado cittadino a Venezia, questa volta per evitare i sempre più frequenti episodi di disturbo e rischio per l'incolumità pubblica legati a chi si ubriaca per strada. Il sindaco Luigi Brugnaro, con un'ordinanza che si rifà al decreto Minniti sulla sicurezza, ha vietato l'assunzione di bevande alcoliche di qualsiasi genere al di fuori dei bar e dei locali pubblici (e relativi plateatici). Il divieto varrà nelle giornate di venerdì, sabato e domenica dei mesi di agosto, settembre e ottobre, dalle ore 18 fino alle 8 del giorno successivo. Si tratta di un provvedimento - spiega il Comune - dettato dai casi di gruppi di persone, anche molto giovani, arrivate già ubriache in alcuni locali pubblici, tanto da rendere necessario il ricorso a cure ospedaliere, o di veri e propri "tour alcolici" organizzati da chi giunge in città per eventi come come gli addii al celibato.

21:03Siccità: Regione-Governo, continua prelievo Bracciano

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Acea potrà continuare a prelevare acqua dal lago di Bracciano, anche se in forma ridotta, dai 900 litri al secondo di adesso a 400 litri. Lo ha deciso la Regione Lazio a seguito di una trattativa con il ministero dell'Ambiente. Lo ha annunciato oggi alla Camera il ministro, Gian Luca Galletti. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha annunciato che "oggi abbiamo emesso una nuova ordinanza che conferma il blocco delle captazioni dal Lago di Bracciano dal 1 settembre e introduce solo la possibilità di una captazione minima di 400 litri al secondo fino al 10 agosto e di 200 litri al secondo dal 11 agosto alla fine del mese".

21:02Caos Atac, tolte deleghe a dg. Rota, mi ero già dimesso

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Atac, di nuovo tutto da rifare. Ancora una volta l'azienda capitolina perde il suo dg che ieri aveva comunicato la disastrosa situazione dei conti di Atac "a un passo dal crac". Il manager milanese atteso come chi avrebbe potuto traghettare l'azienda di trasporti in acque più calme, se ne va. E non senza togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Manuel Fantasia, amministratore unico di Atac, ha ritirato oggi le deleghe al dg. Ma Rota lo corregge non senza una vena polemica: "Mi ero dimesso già una settimana fa". E, per l'ennesima volta, ricomincia il toto nomi. La palla passa adesso al Campidoglio che, a quanto si apprende, avrebbe già individuato il nuovo dg. In pole ci sarebbe Carlo Tosti, già ad di Atac sotto Alemanno. Cgil ricorda l'enorme "buco finanziario di Atac" e "la drammatica situazione delle infrastrutture e del parco mezzi". Ma "i dirigenti hanno avuto un benefit sostanzioso rispetto anche all'anno precedente.", spiega il segretario generale Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale.

20:45Sede Forza Nuova inaugurata accanto a monumento partigiani

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 LUG - A La Spezia apre una sede di Forza Nuova nel quartiere simbolo della resistenza al nazifascismo, a pochi metri dal monumento ai caduti partigiani. Per questo oltre 300 persone stasera alla Chiappa, quartiere di La Spezia, hanno preso parte al presidio antifascista organizzato da oltre 40 tra partiti della sinistra e del centro sinistra, associazioni partigiane e culturali. "Il fascismo non sarà mai la risposta. Siamo qui per rilanciare un messaggio diverso che parla di apertura e allontanamento della paura" hanno detto gli organizzatori. Al presidio erano presenti rappresentanti di Pd, Rete a Sinistra-LiberaMente Liguria, Possibile, Rifondazione Comunista, Psi, Cgil, Cisl, Uil, Anpi, Aned. Il corteo antifascista non è stato autorizzato per ragioni di sicurezza. Una delegazione si è potuta avvicinare per portare un mazzo di fiori al monumento cantando Bella Ciao e urlando "viva i partigiani, viva la resistenza". Da lontano i militanti di Forza Nuova hanno risposto con altri cori.

20:42Calcio: Bernardeschi, insulti da parte società malsana

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - "C'è una parte della società malsana che non voglio alimentare". Dal ritiro di Boston, Federico Bernardeschi commenta così, nella conferenza stampa trasmessa da Sky e Premium, gli striscioni di insulti contro di lui di una parte della tifoseria della Fiorentina. "Nel mondo di oggi viviamo situazioni particolari, come il tifoso sui social che augura la morte o brutti mali. Questa parte di società malsana non va alimentata. Ringrazio i tifosi che nonostante tutto mi hanno fatto gli auguri".

Archivio Ultima ora