Venezuela, tra caos politico e crisi economica

Pubblicato il 21 dicembre 2015 da redazione

analisi-venezuela

Caos. E’ questo il clima che si respira in un paese che, in questi giorni di pace natalizia, cerca affannosamente di dimenticare i problemi della quotidianità, purtroppo senza riuscirci. A ricordarli ogni mattina sono non solo i titoli dei giornali e tiggì o le lunghe file alle porte dei supermarket e piccoli generi alimentari, in questi giorni insolitamente assortiti se non con tutti i prodotti del carrello della spesa almeno con alcuni di essi; lo sono anche le lunghe trasmissioni, il più delle volte a reti unificate, del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro.

Il Venezuela vive, oggi, una fase di precarietà istituzionale e politica come mai si era vista dal lontano 23 gennaio del 1958. Eppure, di momenti difficili il Paese ne ha vissuti e tantissimi. L’attentato al presidente Romulo Betancourt, all’indomani della riconquistata libertà democratica; gli anni di piombo per l’insurrezione marxista e filo-cubana che caratterizzò la decada del ’60 e parte di quella del ’70; la “crisi del debito estero”, che portò il paese sull’orlo del default; il “Caracazo”, che si concluse con un massacro di cittadini le cui proporzioni ancora oggi sono sconosciute; il “golpe” dell’estinto presidente Chávez, che mise a dura prova le istituzioni democratiche incrinandone le basi.

Grandi e piccoli avvenimenti che sconvolsero la nostra vita e ai quali la Repubblica, la Democrazia, la Società seppero reagire. Mai, a nostro avviso, il paese si era risvegliato dopo una giornata elettorale con la sensazione di aver voltato pagina senza sapere cosa scrivere nel nuovo capitolo della propria storia; con la percezione di aver smarrito il proprio cammino.

Nel Psuv, oggi, la scontro non è solo tra “chavismo” e “madurismo”. Il duello tra le due correnti per il controllo del partito era iniziato già prima, lo stesso giorno in cui l’estinto capo dello Stato ungeva Nicolás Maduro quale erede della “rivoluzione”. Il conflitto, dietro le quinte, pare sia sostanzialmente tra il capo dello Stato e l’attuale presidente del Parlamento.

Tra Nicolás Maduro, indebolito dalla sconfitta alle urne dopo una campagna elettorale condotta in prima persona; e Diosdado Cabello, più fragile dopo la disfatta elettorale nello Stato Monagas. Nicolás Maduro porrebbe sul piatto della bilancia la sua investitura quale capo dello Stato e delfino, decisa dall’estinto presidente Chàvez; e Diosdado Cabello il controllo che ancora avrebbe delle Forze Armate. Quindi, fuori dalle mura di casa, l’unità cementata dalla necessità di arginare l’avversario comune: l’Opposizione; dentro di essa la lotta senza quartiere per il controllo del partito.

Guerra economica, Guerra Politica Elettorale, Parlamento Comunale. Espressioni che lasciano l’amaro in bocca. Il Capo dello Stato, sorpreso dal K.o. fulminante nelle elezioni del 6 dicembre, ha sì riconosciuto la sconfitta ma ha attribuito ogni responsabilità a una presunta “guerra economica” condotta meschinamente dalla destra nazionale con lo “zampino” di quella internazionale.

Sconcertato dai risultati, ha poi cercato di mettere assieme i cocci della sconfitta evocando una presunta “guerra politica elettorale”, denunciando brogli e ordinando un’indagine approfondita per appurare la ragione della valanga di voti nulli. Il “sistema elettorale elettronico e digitalizzato”, improvvisamente, non è più il “migliore del mondo”. Anch’esso può far acqua.

Il capo dello Stato ha gettato ombre se non sul trionfo dell’Opposizione, impossibile da negare, almeno sulla maggioranza assoluta dei due terzi ottenuta da questa. Ma, allo stesso tempo, e inconsciamente, ha gettato dubbi sui risultati delle elezioni precedenti.

Pare evidente che il Psuv, e il Governo, non vogliano cedere la maggioranza del Parlamento all’Opposizione. E, mentre esigono dal Cne un salvagente con il conteggio dei voti in alcune circoscrizioni, in Parlamento si affrettano ad approvare provvedimenti ad hoc e a eleggere i magistrati del TSJ.

In circostanze normali, in seno al Parlamento già si starebbe procedendo a una transizione pilotata tra chi esce e chi entra. Il “Tavolo dell’Unità” avrebbe già scelto gli integranti della propria commissione. Questa sarebbe composta dai deputati Edgar Zambrano (AD), Miguel Pizarro (PJ), Juan Guaido (VP) e Timoteo Zambrano (UNT). Stando a indiscrezioni, però, il Psuv, avrebbe risposto “picche”.

E il presidente uscente del Parlamento, Diosdado Cabello, avrebbe fatto sapere che non vi sarà nessuna transizione pilotata giacchè non riconoscerebbe i deputati eletti del Tavolo dell’Unità. Una decisione che, se risultasse vera, creerebbe un ulteriore elemento di instabilità ma che, tuttavia, sarebbe perfettamente in linea con quella di approvare un Parlamento Comunale, che dovrebbe se non eclissare almeno diminuire il potere dell’AN.

Il Parlamento Comunale è un vecchio progetto del presidente Chávez; progetto inserito nella riforma Costituzionale che i venezuelani rispedirono al mittente bocciandola in un referendum. Il Parlamento Comunale non è contemplato nella Costituzione del 1999. Ma la sua creazione comunque comporterà difficoltà alla nuova Assemblea Nazionale. Oggi Governo e opposizione giocano una delicata partita a scacchi che potrebbe sfociare nel caos.

L’Opposizione, oggi, si trova a dover affrontare una prova ancor più difficile di quella delle urne. Ieri, contro l’avversario comune rappresentato dal “chavismo”, è riuscita a trovare la motivazione per convergere sotto un solo tetto: il Tavolo dell’Unità.

Oggi, il pericolo è che l’eterogenea coalizione possa implodere. L’elezione della nuova Giunta Direttiva del Parlamento è la mela della discordia. Nomi noti e altri sconosciuti. Ogni schieramento politico, grande o piccolo che sia, vuole avere la sua quota di potere. E le due grandi formazioni, Primero Justicia e Acción Democratica, dietro le quinte, si muovono con discrezione e prudente diplomazia per piazzare il proprio candidato alla presidenza dell’An.

Julio Borges o Ramos Allup? Questi, per il momento i nomi più gettonati. Ma potrebbero apparirne altri a sparigliare le carte in tavola. E’ una partita difficile, assai delicata quella che in questi giorni si gioca in casa della Mud.

Ad aggravare il panorama è lo stallo economico, latente da anni ma che oggi si manifesta in tutta la sua complessità. L’anno venturo sarà assai difficile. Infatti, è improbabile un incremento del prezzo del barile di greggio. E, come si sa, l’economia nazionale dipende ormai in un 95 per cento dall’esportazione dell’oro nero.

Ma la crisi sarà ancor più severa se dovessero risultare certe le voci circa l’ordine di vendere, e obbligare a vendere, quanto hanno in deposito negozi e supermarket. Dagli alimenti agli elettrodomestici, dagli abbigliamenti alle medicine. Se ciò fosse vero, il prossimo anno inizierebbe con una crisi di scarsità di proporzioni ciclopiche.

Mancanza di alimenti, abbigliamenti, elettrodomestici e medicine che non potrebbe essere tamponata immediatamente con le importazioni. Mancanza di ogni bene che il governo e il Psuv, ormai all’Opposizione, attribuirebbero alla nuova Assemblea Nazionale.

Voci di corridoio. Per il momento, solo speculazioni. Comunque, considerazioni inquietanti. Così, il Paese chiude il 2015 in un clima di caos, confusione e ansia. C’è solo da sperare che il buon senso prevalga nel 2016. E’ l’augurio di tutti noi.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

10:53Terremoti: Cile, scossa magnitudo 6.3

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 è stata registrata alle 21:06 di ieri ora locale (le 2:06 di oggi in Italia) nel nord del Cile, non lontano dal confine col Perù. Secondo i dati del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a 110 km di profondità ed epicentro 76 km a sud di Putre e a 117 dalla peruviana Tacna. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose. Una scossa della stessa intensità era stata registrata nella zona già il 10 ottobre scorso, senza rilevanti conseguenze. Solo una settimana fa il Perù è stato invece colpito da un terremoto di magnitudo superiore a 7 che ha causato due morti e 65 feriti.

10:12Rep. Ceca: incendio in un hotel a Praga, due morti

(ANSA) - PRAGA, 20 GEN - Due persone sono morte ed otto sono rimaste ferite in un incendio scoppiato in un albergo al centro di Praga. La portavoce dei servizi di soccorso Jana Postova ha detto che tre persone sono state rianimate. I vigili del fuoco hanno detto che si tratta dell'hotel Eurostars David. Le vittime non sono state identificate e non sono ancora chiare le cause dell'incendio.

10:06Attacco Kabul: Casa Bianca, Trump aggiornato su attacco

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - Il presidente americano Donald Trump è stato aggiornato sull'attacco terroristico avvenuto ieri sera ai danni dell'Hotel Intercontinental di Kabul. Lo riferisce l'agenzia di stampa afghana Pajhwok citando un comunicato della Casa Bianca. In esso si precisa che gli Usa "stanno seguendo da vicino gli sviluppi" e "stanno fornendo tutto l'aiuto necessario all'Afghanistan".

08:45Attacco Kabul: terminato, uccisi 3 assalitori

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

Archivio Ultima ora