Venezuela, tra caos politico e crisi economica

Pubblicato il 21 dicembre 2015 da redazione

analisi-venezuela

Caos. E’ questo il clima che si respira in un paese che, in questi giorni di pace natalizia, cerca affannosamente di dimenticare i problemi della quotidianità, purtroppo senza riuscirci. A ricordarli ogni mattina sono non solo i titoli dei giornali e tiggì o le lunghe file alle porte dei supermarket e piccoli generi alimentari, in questi giorni insolitamente assortiti se non con tutti i prodotti del carrello della spesa almeno con alcuni di essi; lo sono anche le lunghe trasmissioni, il più delle volte a reti unificate, del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro.

Il Venezuela vive, oggi, una fase di precarietà istituzionale e politica come mai si era vista dal lontano 23 gennaio del 1958. Eppure, di momenti difficili il Paese ne ha vissuti e tantissimi. L’attentato al presidente Romulo Betancourt, all’indomani della riconquistata libertà democratica; gli anni di piombo per l’insurrezione marxista e filo-cubana che caratterizzò la decada del ’60 e parte di quella del ’70; la “crisi del debito estero”, che portò il paese sull’orlo del default; il “Caracazo”, che si concluse con un massacro di cittadini le cui proporzioni ancora oggi sono sconosciute; il “golpe” dell’estinto presidente Chávez, che mise a dura prova le istituzioni democratiche incrinandone le basi.

Grandi e piccoli avvenimenti che sconvolsero la nostra vita e ai quali la Repubblica, la Democrazia, la Società seppero reagire. Mai, a nostro avviso, il paese si era risvegliato dopo una giornata elettorale con la sensazione di aver voltato pagina senza sapere cosa scrivere nel nuovo capitolo della propria storia; con la percezione di aver smarrito il proprio cammino.

Nel Psuv, oggi, la scontro non è solo tra “chavismo” e “madurismo”. Il duello tra le due correnti per il controllo del partito era iniziato già prima, lo stesso giorno in cui l’estinto capo dello Stato ungeva Nicolás Maduro quale erede della “rivoluzione”. Il conflitto, dietro le quinte, pare sia sostanzialmente tra il capo dello Stato e l’attuale presidente del Parlamento.

Tra Nicolás Maduro, indebolito dalla sconfitta alle urne dopo una campagna elettorale condotta in prima persona; e Diosdado Cabello, più fragile dopo la disfatta elettorale nello Stato Monagas. Nicolás Maduro porrebbe sul piatto della bilancia la sua investitura quale capo dello Stato e delfino, decisa dall’estinto presidente Chàvez; e Diosdado Cabello il controllo che ancora avrebbe delle Forze Armate. Quindi, fuori dalle mura di casa, l’unità cementata dalla necessità di arginare l’avversario comune: l’Opposizione; dentro di essa la lotta senza quartiere per il controllo del partito.

Guerra economica, Guerra Politica Elettorale, Parlamento Comunale. Espressioni che lasciano l’amaro in bocca. Il Capo dello Stato, sorpreso dal K.o. fulminante nelle elezioni del 6 dicembre, ha sì riconosciuto la sconfitta ma ha attribuito ogni responsabilità a una presunta “guerra economica” condotta meschinamente dalla destra nazionale con lo “zampino” di quella internazionale.

Sconcertato dai risultati, ha poi cercato di mettere assieme i cocci della sconfitta evocando una presunta “guerra politica elettorale”, denunciando brogli e ordinando un’indagine approfondita per appurare la ragione della valanga di voti nulli. Il “sistema elettorale elettronico e digitalizzato”, improvvisamente, non è più il “migliore del mondo”. Anch’esso può far acqua.

Il capo dello Stato ha gettato ombre se non sul trionfo dell’Opposizione, impossibile da negare, almeno sulla maggioranza assoluta dei due terzi ottenuta da questa. Ma, allo stesso tempo, e inconsciamente, ha gettato dubbi sui risultati delle elezioni precedenti.

Pare evidente che il Psuv, e il Governo, non vogliano cedere la maggioranza del Parlamento all’Opposizione. E, mentre esigono dal Cne un salvagente con il conteggio dei voti in alcune circoscrizioni, in Parlamento si affrettano ad approvare provvedimenti ad hoc e a eleggere i magistrati del TSJ.

In circostanze normali, in seno al Parlamento già si starebbe procedendo a una transizione pilotata tra chi esce e chi entra. Il “Tavolo dell’Unità” avrebbe già scelto gli integranti della propria commissione. Questa sarebbe composta dai deputati Edgar Zambrano (AD), Miguel Pizarro (PJ), Juan Guaido (VP) e Timoteo Zambrano (UNT). Stando a indiscrezioni, però, il Psuv, avrebbe risposto “picche”.

E il presidente uscente del Parlamento, Diosdado Cabello, avrebbe fatto sapere che non vi sarà nessuna transizione pilotata giacchè non riconoscerebbe i deputati eletti del Tavolo dell’Unità. Una decisione che, se risultasse vera, creerebbe un ulteriore elemento di instabilità ma che, tuttavia, sarebbe perfettamente in linea con quella di approvare un Parlamento Comunale, che dovrebbe se non eclissare almeno diminuire il potere dell’AN.

Il Parlamento Comunale è un vecchio progetto del presidente Chávez; progetto inserito nella riforma Costituzionale che i venezuelani rispedirono al mittente bocciandola in un referendum. Il Parlamento Comunale non è contemplato nella Costituzione del 1999. Ma la sua creazione comunque comporterà difficoltà alla nuova Assemblea Nazionale. Oggi Governo e opposizione giocano una delicata partita a scacchi che potrebbe sfociare nel caos.

L’Opposizione, oggi, si trova a dover affrontare una prova ancor più difficile di quella delle urne. Ieri, contro l’avversario comune rappresentato dal “chavismo”, è riuscita a trovare la motivazione per convergere sotto un solo tetto: il Tavolo dell’Unità.

Oggi, il pericolo è che l’eterogenea coalizione possa implodere. L’elezione della nuova Giunta Direttiva del Parlamento è la mela della discordia. Nomi noti e altri sconosciuti. Ogni schieramento politico, grande o piccolo che sia, vuole avere la sua quota di potere. E le due grandi formazioni, Primero Justicia e Acción Democratica, dietro le quinte, si muovono con discrezione e prudente diplomazia per piazzare il proprio candidato alla presidenza dell’An.

Julio Borges o Ramos Allup? Questi, per il momento i nomi più gettonati. Ma potrebbero apparirne altri a sparigliare le carte in tavola. E’ una partita difficile, assai delicata quella che in questi giorni si gioca in casa della Mud.

Ad aggravare il panorama è lo stallo economico, latente da anni ma che oggi si manifesta in tutta la sua complessità. L’anno venturo sarà assai difficile. Infatti, è improbabile un incremento del prezzo del barile di greggio. E, come si sa, l’economia nazionale dipende ormai in un 95 per cento dall’esportazione dell’oro nero.

Ma la crisi sarà ancor più severa se dovessero risultare certe le voci circa l’ordine di vendere, e obbligare a vendere, quanto hanno in deposito negozi e supermarket. Dagli alimenti agli elettrodomestici, dagli abbigliamenti alle medicine. Se ciò fosse vero, il prossimo anno inizierebbe con una crisi di scarsità di proporzioni ciclopiche.

Mancanza di alimenti, abbigliamenti, elettrodomestici e medicine che non potrebbe essere tamponata immediatamente con le importazioni. Mancanza di ogni bene che il governo e il Psuv, ormai all’Opposizione, attribuirebbero alla nuova Assemblea Nazionale.

Voci di corridoio. Per il momento, solo speculazioni. Comunque, considerazioni inquietanti. Così, il Paese chiude il 2015 in un clima di caos, confusione e ansia. C’è solo da sperare che il buon senso prevalga nel 2016. E’ l’augurio di tutti noi.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora