Un milione di arrivi in Europa nel 2015, 3.700 morti in mare

Pubblicato il 22 dicembre 2015 da redazione

A young man gestures after disembarking from a dinghy at a beach on the Greek island of Lesbos after crossing the Aegean sea from the Turkish coast, Saturday, Nov. 14, 2015. (ANSA/AP Photo/Santi Palacios)

A young man gestures after disembarking from a dinghy at a beach on the Greek island of Lesbos after crossing the Aegean sea from the Turkish coast, Saturday, Nov. 14, 2015. (ANSA/AP Photo/Santi Palacios)

BRUXELLES. – Il flusso di migranti più elevato dalla Seconda guerra mondiale, quattro volte le cifre dell’anno scorso. Un’onda lunga un milione di persone, di cui la metà siriani, che nel 2015 ha attraversato il Mediterraneo per cercare rifugio in Europa sbarcando sulle coste dell’Italia e della Grecia. E almeno 3.700 sono morti annegati nelle sue acque. Gli ultimi 11, tra cui tre bambini, ieri in Turchia dove una barca che tentava di raggiungere l’isola greca di Samos si è capovolta.

E’ la fotografia scattata negli ultimi dati dell’anno resi noti dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni insieme all’Unhcr, che chiedono un sistema di migrazione “legale e sicura”. L’Italia si è vista arrivare 144.200 migranti negli ultimi 12 mesi. Ma non bisogna parlare di invasione, ha però sottolineato il premier Matteo Renzi, invitando ad agire invece di trincerarsi dietro “slogan”.

E proprio ieri è stato aperto l’hotspot di Trapani per la registrazione dei migranti come richiesto dall’Ue, invitata però dal ministro dell’interno Angelino Alfano a fare i rimpatri, “altrimenti il sistema collassa”.

Al 21 dicembre, secondo i dati Oim e Unhcr, sono stati 972mila i migranti ad aver attraversato il Mediterraneo, e oltre 34mila sono arrivati in Bulgaria e Grecia dopo esser passati via terra dalla Turchia. Sono invece 3.692 le persone morte o disperse in mare.

“Il totale rappresenta il flusso migratorio più elevato dalla Seconda guerra mondiale”, ricorda l’Oim: l’anno scorso i migranti erano stati un quarto, 219mila. E di questo milione di persone, “una persona su due, cioè mezzo milione di persone”, sono “siriani che scappavano dalla guerra”. Degli altri, il 20% sono afghani e il 7% iracheni.

Dei 144mila sbarcati in Italia, 129mila arrivano dalla Libia, e sono ben il 12,9% in meno rispetto al 2014. Alfano ha spiegato che si tratta di eritrei (+10,3%), e soprattutto nigeriani (+124,1) e somali (+95,3%).

“C’è una minoranza di partiti politici italiani che fa polemica e dice che c’è un’invasione di migranti”, ha attaccato Renzi, portando ad esempio il Libano che “è 15 volte più piccolo dell’Italia, ha quattro milioni di abitanti, non sessanta, eppure accoglie con grandi valori umani e grande senso della civiltà un milione e mezzo di rifugiati, dieci volte il numero accolto dall’Italia quest’anno. Questo dà il senso delle proporzioni”.

Il messaggio del premier è chiaro: bisogna “smettere con gli slogan e iniziare a fare le cose concrete per affrontare il problema rifugiati”. L’Italia, con l’apertura dell’hotspot di Trapani, cerca intanto di rispondere alle richieste di Bruxelles, che una settimana fa ha aperto una procedura d’infrazione per il mancato raccoglimento delle impronte digitali dei migranti.

E sono ripresi anche i ricollocamenti Ue: 24 rifugiati, di cui 20 eritrei e 4 siriani, sono stati trasferiti ieri dall’Italia in Finlandia, facendo salire a 184 i ricollocati ‘italiani’. La cifra complessiva, però, resta drammaticamente bassa: inclusi quelli dalla Grecia, sono appena 266 i ricollocamenti totali in due mesi, sui 160mila previsti in due anni.

Il presidente Usa Barack Obama, intanto, ha annunciato per il prossimo anno un summit Onu sulla crisi globale dell’immigrazione. Sempre che non sia troppo tardi.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

18:52Terremoto:primo aprile manifestazione a Roma e città colpite

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Sabato primo aprile nuova manifestazione dei terremotati che questa volta, oltre a essere in Piazza Montecitorio a Roma, presidieranno numerosi stalli nei centri più colpiti dal sisma. Da Amatrice a Pieve Torina passando per Norcia e L'Aquila, i terremotati faranno sentire la loro voce "denunciando i troppi ritardi e le inadeguatezze amministrative che stanno portando il Centro Italia allo spopolamento". L'evento, voluto dai due Comitati spontanei già organizzatori delle manifestazioni del 25 gennaio e 2 febbraio, si svolgerà a dalle 10 a Montecitorio e nei 10 stalli individuati nelle vicinanze delle zone più colpite (Torrita, Grisciano, Trisungo, Visso, Pieve Torina, Salvalagli di Gaiole, Tolentino, Porto Sant'Elpidio e L'Aquila), dove le popolazioni si raccoglieranno per dar voce "a una protesta pacifica ma determinata per esigere un cambio di passo nella gestione di questa tragedia.In numerose città italiane verranno poi esposti, in segno di solidarietà con i manifestanti, gli striscioni dell'evento".

18:52Genova: Pirondini (M5s), strappiamo città a sistema potere

(ANSA) - GENOVA, 23 MAR - "Siamo pronti a strappare Genova dalle mani di un sistema di potere che la amministra da oltre 40 anni": lo ha scritto il candidato sindaco del M5S a Genova Luca Pirondini oggi pomeriggio nel suo primo post su Fb dopo lo scoppio del caso Cassimatis. Pirondini, che ringrazia "tutti per il sostegno e la fiducia" ha scritto che "siamo pronti a lottare contro tutto e tutti" per "il bene della città" e "a subire attacchi sapendo che ascolto, impegno e lavoro sul territorio saranno le uniche nostre risposte. Noi parliamo solo di temi".

18:44Attacco Londra: capo Fbi, in Usa mille persone indagate

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Ci sono circa mille casi di persone negli Stati Uniti che stiamo indagando" che potrebbero essere state ispirate dall'Isis. Lo ha affermato il direttore dell'Fbi, James Comey, nel corso di una conferenza sull'antiterrorismo ad Austin, in Texas, come riportano i media Usa. "La cosa che mi tiene sveglio la notte - ha aggiunto Comey - e' la preoccupazione che ci posa essere qualcuno nel Paese che possa portare a termine un attacco terroristico".

18:41Tir fuori controllo in A/1 nel Fiorentino,denunciato autista

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAR - Paura sull'autostrada A/1, in provincia di Firenze, per un tir che procedeva a zig zag in direzione Sud, passando continuamente da una corsia di marcia all'altra. La polizia stradale, avvisata da alcuni automobilisti impauriti, ha intercettato il mezzo e lo ha bloccato all'altezza dello svincolo di Valdarno, dopo un inseguimento di circa 20 chilometri. L'autista, un uomo originario dell'Ucraina, ubriaco, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e per lui è scattato il ritiro della patente. Sequestrato il tir. Il mezzo pesante è stato avvistato dalla stradale poco prima del casello di Incisa. Poiché la coda del mezzo dondolava da una corsia all' altra, la pattuglia della stradale "ha attivato la procedura della safety car". La vettura della polizia si è posizionata al centro della carreggiata, dietro al tir, in modo da impedire agli altri veicoli di sorpassare. L'autista ha proseguito la sua corsa per circa 20 chilometri, fino a che la stradale non lo ha affiancato.

18:38Clima: Onu, Guterres, ‘cambiamento climatico innegabile’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - "Il cambiamento climatico e innegabile e le azioni per contrastarlo non possono essere fermate". Lo ha detto il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres aprendo un incontro ad alto livello al Palazzo di Vetro sul rapporto tra clima e sviluppo sostenibile. "Ogni mese sempre piu' paesi trasformano gli impegni presi a Parigi in piani di azione nazionali sul clima. Citta' e imprese fanno da apripista, perche' riconoscono non solo la minaccia ma anche i benefici del lavoro fatto per limitare l'aumento delle temperature globali", ha detto Guterres con una frecciata implicita agli Usa di Donald Trump: "Anche se qualche governo ha fatto marcia indietro, l'effetto combinato delle azioni di autorità subnazionali, mondo degli affari e societa' civile ha creato una spinta inarrestabile" nella lotta al climate change.

18:24Denise: madre riceve tessera sanitaria figlia, che tristezza

(ANSA) - PALERMO, 23 MAR - "Che tristezza vedere, dentro la cassetta della posta, una busta con la nuova e rinnovata tessera sanitaria di Denise, purtroppo mai utilizzata. In alcuni casi, per lo Stato italiano, gli scomparsi esistono, per altri... si sarebbero eclissati, o forse mai esistiti". Lo scrive su Facebook Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, la bimba scomparsa da Mazara del Vallo l'1 settembre di tredici anni fa, mentre giocava sul marciapiedi di casa. Il post ha oltre 1400 ''mi piace''. Ancora oggi di Denise, che al momento del sequestro non aveva compiuto quattro anni, non si sa nulla. (ANSA).

18:20Terremoti: scossa 2,3 gradi registrata in Friuli

(ANSA) - TRIESTE, 23 MAR - Una scossa di terremoto di magnitudo 2,3 gradi Richter è stata registrata alle ore 14.11 in Friuli Venezia Giulia. L'epicentro è stato rilevato in una zona a due chilometri a Sud-Sudest di Venzone (Udine), a una profondità stimata a 13 chilometri, secondo le rilevazioni del centro di ricerche sismologiche dell'Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale (Ogs).

Archivio Ultima ora