Arteaga: “A Palermo per riscattare l’avventura in Emilia”

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

Arteaga, il giorno della premiazione

Arteaga, il giorno della premiazione

CARACAS – Classe ‘94, l’attaccante venezuelano ha dettato legge in Primera División realizzando 17 reti nelle 19 gare disputate con la maglia dello Zulia dutante il Torneo de Adecuación. Lo abbiamo incontrato durante la cerimonia di premiazione organizzata dalla ‘Asociación de Clubes de Fútbol Profesional de Venezuela’. “Spero di imparare tanto dai miei nuovi compagni. Questa é una meta complicata, ma so che ci riuscirò”.

Il 21enne nato a Maracaibo, aveva una voglia matta di giocare in Italia: da lì la volontà di un club italiano di tornare a puntare su di lui dopo l’avventura poco edificante a Parma. Sbarcò in Emilia appena 18enne in prestito con diritto di riscatto, ma col club ducale non riuscì mai a imporsi.

Nemmeno nella squadra Primavera. Al termine della stagione Arteaga tornò in patria per rilanciarsi. Un’operazione riuscita con successo e che permetterà al giocatore di godere di una nuova e più importante opportunità italiana. Il Palermo lo aspetta, il 27 dicembre il giorno del suo sbarco in Italia.

“Devo ringraziare Dio per questa nuova opportunità e a tutte le persone che mi hanno permesso di vincere il premio di bomber dell’anno” ha dichiarato il bomber.

Arteaga ha mostrato tutto il suo fiuto da goleador in questo Torneo Adecación griffando 19 dei 32 gol segnati dallo Zulia. “E’ stato il mio torneo. Dio mi ha regalato l’opportunità di vivere queste cose spettacolari. Sempre bisogna lavorare, non bisogna mai darsi per sconfitto e credere in se stessi”.

Arteaga è atteso a Palermo il 27 dicembre per le decisive visite mediche. Nei progetti del club rosanero e di Davide Ballardini sarà lui il vice-Gilardino in attesa del recupero del serbo Djurdjevic. Ma la caccia del Palermo ai giovani talenti non è finita: in arrivo ce ne sono altri emergenti alla riapertura delle liste a gennaio. Attualmente la squadra rosanero é 16ª con 18 punti e in piena lotta per non retrocedere.

“Ho vissuto in Italia per la mia breve esperienza al Parma, come tutti sapete, qualche anno fa. Non ho ancora avuto modo di conoscere Palermo ma mi rende felice l’idea di andare in Sicilia e conoscere un posto così interessante. Il Palermo è una grande d’Italia che possiede una particolarità che ci attrae: considera moltissimo il talento sudamericano, sa valorizzarlo e migliorarlo. E’ un club con tradizione, credo di poter imparare moltissimo qui per tanti motivi. E’ un onore per me che abbiano avuto fiducia nelle mie qualità e spero di poterli ripagare in campo”.

Dopo aver coronato il sogno di tornare in Italia, Arteaga ha un’altro sogno nel cassetto, quello di indossare nuovamente la maglia della Vinotinto: “So che devo avere fiducia e pazienza, appena la indossero daró il massimo. Ho avuto l’opportunità di parlare con Noel Sanvicente e anche di ringraziarlo per l’opportunità che mi ha dato di entrare nel giro della nazionale. Ho dato tutta la mia disponibilità per essere convocato e se la chiamata arriverà sarò li per onorare la maglia della nazionale”.

Il calciatore nato 21 anni fa a Maracaibo, é nella seletta lista di 16 giocatori che hanno disputato tutte le categorie inferiori della nazionale dall’Under 15 (2009), passando per l’Under 17 (2011) e l’Under 20 (2013).

La sua ottima performance con lo Zulia gli ha permesso di arrivare nella nazionale maggiore, dove ha disputato due amichevoli entrambe contro l’Honduras.

Arteaga, si unirà alla comunità venezuelana che gioca tra campionato di Serie A e Serie B. “Mantengo i rapporti con Josef Martinez del Torino, Rincón del Genoa, Ponce della Sampdoria e Signorelli della Ternana. Non li ho ancora contattati per sapere com’è cambiata la Serie A”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

15:42Pakistan: scontri per blackout, un morto

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 MAG - Almeno una persona è morta in Pakistan ed altre sei sono rimaste ferite oggi in incidenti fra le forze dell'ordine e centinaia di manifestanti scesi in piazza contro i ripetuti blackout elettrici nella provincia nord-occidentale di Khyber Pkhtunkhwa. Lo riferisce la tv DawnNews. Gli incidenti sono avvenuti nel distretto di Malakand, dove i dimostranti hanno appiccato il fuoco al locale commissariato di polizia. Una simile protesta è avvenuta anche nel capoluogo provinciale Peshawar dove i manifestanti hanno bloccato il traffico sul Ring Road. L'interruzione delle forniture di energia elettrica è frequente in Pakistan, ma si è intensificata negli ultimi giorni, aumentando i disagi della popolazione impegnata nel rispetto del mese sacro di Ramadan.

15:34Calcio: Sarri domani ritira Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si terrà domani alle ore 15 a Roma, presso il Salone d'Onore del Coni, la celebrazione della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il premio sarà consegnato a Maurizio Sarri. A premiare l'allenatore del Napoli saranno il presidente dell'Us Acli Damiano Lembo, il numero uno della Figc Carlo Tavecchio, e il presidente del Coni Giovanni Malagò. Tanti gli ospiti illustri che prenderanno parte alla cerimonia, tra cui spicca la presenza del patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Il tecnico del Napoli succede a Claudio Ranieri ed è stato scelto da una prestigiosa giuria presieduta da Tavecchio e Lembo e formata da direttori e capi redazione delle più importanti testate italiane, sportive e nazionali, alcuni dei quali saranno presenti all'evento di domani.

15:27Domani Gentiloni incontra Trudeau a Villa Madama

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, riceverà domani, martedì 30 maggio, alle ore 12 a Villa Madama, il Primo Ministro canadese Justin Trudeau. Al termine dell'incontro è prevista una conferenza stampa.

15:26Calcio: Chiellini, siamo migliori di due anni fa

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - "Rispetto a due anni fa ci sentiamo diversi e migliori, a prescindere dalla qualità tecnica". Lo sostiene Giorgio Chiellini, grande assente contro il Barcellona due anni fa perché infortunato, paragonando la Juventus di allora a quella che sabato affronterà il Real Madrid in una nuova finale di Champions League. "Due anni fa a Berlino abbiamo avuto un primo tempo troppo di tensione, nel secondo invece ci siamo scoperti troppo. L'esperienza ci servirà", aggiunge il difensore bianconero.

15:26Amber Rudd replica a Merkel, fidati di noi

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Reazione irritata a Londra alle parole di Angela Merkel, che dopo il G7 di Taormina ha invitato l'Europa continentale a tornare padrona "del suo destino" e a non "dipendere più completamente" dagli Usa e dalla Gran Bretagna, specie nel dopo Trump e del dopo Brexit. Parole a cui Amber Rudd, ministra dell'Interno del governo conservatore di Theresa May, ha replicato a stretto giro dai microfoni della Bbc sottolineando come Berlino e Bruxelles non possano pensare di prescindere sulla collaborazione degli alleati, in particolare in materia di "sicurezza". "Mentre avviamo i negoziati per lasciare l'Ue, siamo in grado di rassicurare la Germania e gli altri Paesi europei di voler restare un partner forte nella difesa e nella sicurezza, oltre che, speriamo, nel commercio", ha detto Rudd. "Possiamo assicurare la signora Merkel - ha insisto punzecchiando la cancelliera tedesca - che noi puntiamo a una relazione speciale a livello pan-europeo per far sì di restare tutti al riparo dal terrorismo" estero e interno.

15:25L.elettorale: Delrio, alleanza Cav? Serve norma bipartisan

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Si sentirebbe a suo agio nell'ipotesi di un'alleanza con Berlusconi? "Io mi sento a mio agio adesso se il Paese trova la via per fare una riforma elettorale che vada bene alla gran parte delle forze politiche, di maggioranza e di opposizione che insieme trovano una soluzione". Lo ha detto rispondendo ai giornalisti a Firenze, il ministro per le infrastrutture Graziano Delrio. "Tutto il resto non è all'ordine del giorno, vediamo", ha aggiunto.

15:24Calcio: Montella, appello agli sponsor

(ANSA) - SANTA MARGHERITA DI PULA (CAGLIARI), 29 MAG - Il Milan cerca un grande centravanti e Vincenzo Montella si appella anche agli sponsor. "Siamo indecisi se comprare Morata o Belotti, ma vi chiedo uno sforzo sul piano economico, compriamo entrambi, e così non puntiamo solo alla Champions ma anche allo scudetto", ha scherzato l'allenatore parlando ai manager delle aziende partner del club. E, più serio, ha aggiunto che "sono due attaccanti forti per caratteristiche complementari". "C'è la volontà di tanti giocatori di venire al Milan, la nostra squadra e la nostra società piacciono nonostante non giochiamo la Champions - ha detto Montella in una pausa del workshop ospitato al Forte Village di Santa Margherita di Pula - L'obiettivo per l'anno prossimo è tornare in Champions, sarà una sfida impegnativa. Juve, Napoli e Roma sono nettamente più avanti, l'Inter ha un parco giocatori importante, la Lazio ha chiuso con 7 punti più di noi, la Fiorentina fa sempre squadre competitive e c'è l'outsider Atalanta".

Archivio Ultima ora