Arteaga: “A Palermo per riscattare l’avventura in Emilia”

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

Arteaga, il giorno della premiazione

Arteaga, il giorno della premiazione

CARACAS – Classe ‘94, l’attaccante venezuelano ha dettato legge in Primera División realizzando 17 reti nelle 19 gare disputate con la maglia dello Zulia dutante il Torneo de Adecuación. Lo abbiamo incontrato durante la cerimonia di premiazione organizzata dalla ‘Asociación de Clubes de Fútbol Profesional de Venezuela’. “Spero di imparare tanto dai miei nuovi compagni. Questa é una meta complicata, ma so che ci riuscirò”.

Il 21enne nato a Maracaibo, aveva una voglia matta di giocare in Italia: da lì la volontà di un club italiano di tornare a puntare su di lui dopo l’avventura poco edificante a Parma. Sbarcò in Emilia appena 18enne in prestito con diritto di riscatto, ma col club ducale non riuscì mai a imporsi.

Nemmeno nella squadra Primavera. Al termine della stagione Arteaga tornò in patria per rilanciarsi. Un’operazione riuscita con successo e che permetterà al giocatore di godere di una nuova e più importante opportunità italiana. Il Palermo lo aspetta, il 27 dicembre il giorno del suo sbarco in Italia.

“Devo ringraziare Dio per questa nuova opportunità e a tutte le persone che mi hanno permesso di vincere il premio di bomber dell’anno” ha dichiarato il bomber.

Arteaga ha mostrato tutto il suo fiuto da goleador in questo Torneo Adecación griffando 19 dei 32 gol segnati dallo Zulia. “E’ stato il mio torneo. Dio mi ha regalato l’opportunità di vivere queste cose spettacolari. Sempre bisogna lavorare, non bisogna mai darsi per sconfitto e credere in se stessi”.

Arteaga è atteso a Palermo il 27 dicembre per le decisive visite mediche. Nei progetti del club rosanero e di Davide Ballardini sarà lui il vice-Gilardino in attesa del recupero del serbo Djurdjevic. Ma la caccia del Palermo ai giovani talenti non è finita: in arrivo ce ne sono altri emergenti alla riapertura delle liste a gennaio. Attualmente la squadra rosanero é 16ª con 18 punti e in piena lotta per non retrocedere.

“Ho vissuto in Italia per la mia breve esperienza al Parma, come tutti sapete, qualche anno fa. Non ho ancora avuto modo di conoscere Palermo ma mi rende felice l’idea di andare in Sicilia e conoscere un posto così interessante. Il Palermo è una grande d’Italia che possiede una particolarità che ci attrae: considera moltissimo il talento sudamericano, sa valorizzarlo e migliorarlo. E’ un club con tradizione, credo di poter imparare moltissimo qui per tanti motivi. E’ un onore per me che abbiano avuto fiducia nelle mie qualità e spero di poterli ripagare in campo”.

Dopo aver coronato il sogno di tornare in Italia, Arteaga ha un’altro sogno nel cassetto, quello di indossare nuovamente la maglia della Vinotinto: “So che devo avere fiducia e pazienza, appena la indossero daró il massimo. Ho avuto l’opportunità di parlare con Noel Sanvicente e anche di ringraziarlo per l’opportunità che mi ha dato di entrare nel giro della nazionale. Ho dato tutta la mia disponibilità per essere convocato e se la chiamata arriverà sarò li per onorare la maglia della nazionale”.

Il calciatore nato 21 anni fa a Maracaibo, é nella seletta lista di 16 giocatori che hanno disputato tutte le categorie inferiori della nazionale dall’Under 15 (2009), passando per l’Under 17 (2011) e l’Under 20 (2013).

La sua ottima performance con lo Zulia gli ha permesso di arrivare nella nazionale maggiore, dove ha disputato due amichevoli entrambe contro l’Honduras.

Arteaga, si unirà alla comunità venezuelana che gioca tra campionato di Serie A e Serie B. “Mantengo i rapporti con Josef Martinez del Torino, Rincón del Genoa, Ponce della Sampdoria e Signorelli della Ternana. Non li ho ancora contattati per sapere com’è cambiata la Serie A”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora