In occasione dell’International Migrants Day

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

International-Migrants-Day-observed-on-18th-December-2015-300x200

ROMA – In occasione dell’International Migrants Day il Centro Studi Emigrazione di Roma ha ospitato il seminario “Scenari di una nuova Italia: riforma della legge 91/92 in materia di cittadinanza italiana e flussi migratori in uscita dall’Italia”. L’incontro è stato organizzato dallo Cser in collaborazione con l’Associazione Nazionale Forense, l’Associazione di promozione sociale Alexandra, l’Ufficio comunicazione scalabriniani e Scalabrini International Migration Network.

L’incontro è stato introdotto dal direttore dello Cser René Manenti che ha spiegato come il dibattito si proponga di analizzare in contemporanea due temi cari alla mobilità umana, ovvero la nuova legge sulla cittadinanza in discussione al Senato e la realtà, che sembrava attenuata, dei flussi migratori in uscita dall’Italia. Un fenomeno, quest’ultimo, che sembrava appartenere al passato ma che in realtà, non solo a causa della crisi economica, è tornato ad essere importante.

Ha poi preso la parola il moderatore della prima parte del dibattito Emanuele Giudice (Alexandra / ANF) che ha spiegato come la riforma della legge n. 91/92 in materia di cittadinanza, attualmente in discussione al Senato, si prefigga di ampliare i casi in cui i minori nati o cresciuti in Italia possano acquisire la cittadinanza italiana. Per Giudice a questa legge va riconosciuto il merito di aver elevato il dibattito, nel tentativo di favorire un’integrazione consapevole dell’immigrato, sull’attuazione dei principi dello ius sanguinis e dello ius soli.

Il moderatore, oltre a segnalare la necessità di rivisitare la disciplina della naturalizzazione, ha evidenziato come l’acquisto della cittadinanza da parte degli immigrati comporti anche l’accettazione dei valori italiani ed europei.

Dal canto suo la relatrice della legge sulla cittadinanza al Senato Doris Lo Moro ha sottolineato come la riforma, pur intervenendo sulla normativa del 1992 in qualità di semplice modifica, in realtà introduca concetti che ne ribaltano le fondamenta. “Il tema della cittadinanza – ha aggiunto Lo Moro – va portato avanti con il tema dei flussi e con quello dell’integrazione degli immigrati, perché se questo non avviene vi è il rischio di creare cittadini di serie b che non vengono integrati in Italia o in Europa. La legge all’esame del Senato – ha aggiunto – è molto innovativa perché riconosce e allarga fondamentalmente lo ius soli, cioè il diritto ad ottenere la cittadinanza da parte di chi non essendo italiano nasce in Italia, Un’apertura verso un mondo giovanile che potrebbe fare la ricchezza dell’Italia” . La senatrice ha anche rilevato l’esigenza che i nuovi cittadini accettino e rispettino i valori italiani.

Giulia Perin, dell’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (Asgi), ha sottolineato come la nuova legge sulla cittadinanza cerchi di riequilibrare una situazione che per tanti anni ha favorito l’acquisizione della cittadinanza da parte dei discendenti degli italiani all’estero, rendendo invece difficoltoso all’acquisto di questo diritto da parte dei figli degli immigrati che nascevano in Italia. Sempre per quanto riguarda la riforma Perin ha posto in evidenza la necessità di tornare a parlare nell’articolo uno di “anni di residenza” anziché di permesso di lungo soggiornante.

Una prerogativa, quest’ultima, che rischierebbe di favorire discriminazione fra gli immigrati che hanno un lavoro migliore e quelli meno benestanti. E’ poi intervenuto Corrado Bonifazi del CNR che ha segnalato la necessità di comprendere come dare agli immigrati che divengono nuovi cittadini italiani la pienezza di tutti i diritti. “La concessione della cittadinanza – ha spiegato Bonifazi – e la percentuale degli immigrati che hanno il permesso di lunga residenza è uno dei fattori su cui l’Europa misura lo stato dei processi di integrazione. Nel nostro paese nonostante le ristrettezze sulla cittadinanza la tendenza di questo dato è in crescita, anche se sempre minore rispetto a quello inglese” .

Dal canto suo la ricercatrice dell’Istat Cinzia Conti ha rilevato come l’interesse per l’acquisizione della cittadinanza italiana vari da comunità a comunità e, partendo dai dati dal censimento del 2011, ha ipotizzato la presenza sul territorio del nostro paese di circa 592.000 cittadini italiani per acquisizione. La Conti ha anche segnalato come vi sia una generazione italiana e straniera che ha un’idea diversa di cittadinanza e di appartenenza globale e locale.

Nel proseguo del dibattito, moderato da Carola Perillo dello Cser, è intervenuto il missionario scalabriniano Mario Toffari (Ass. Centro Migranti di Brescia) che ha sottolineato l’esigenza di introdurre accorgimenti nella nuova legge sulla cittadinanza per evitare che gli immigrati, una volta divenuti cittadini italiani, perdano la cittadinanza d’origine. A tal proposito Toffari ha auspicato la promozione di accordi con gli Stati che non prevedono la doppia cittadinanza.

“Anche perché in questo caso – ha precisato Toffari – il minore che perde la sua cittadinanza d’origine non potrebbe utilizzare l’opzione , a causa del rischio di divenire apolide, di rinunciare dopo due anni all’acquisizione della cittadinanza italiana”.

Fra gli altri interventi segnaliamo quello di Kwaza Musi Dos Santos, dell’associazione “Questa è Roma”, che ha rilevato come l’integrazione fra i popoli debba essere reciproca e basata sull’incontro fra culture diverse e senza l’imposizione di valori. Dos Santos ha anche parlato della necessità sia di portare avanti buone pratiche, come ad esempio la formazione dei docenti per la gestione di classi multiculturali e il riconoscimento dei titoli di studio, sia di cominciare a pensare in maniera globale e nell’ottica della diversità.

Di simile tenore l’intervento di Mohamed Tailmoun della Rete G2/Seconde generazioni, che ha segnalato come la legge numero 91/92 abbia nel corso degli anni limitato l’accesso alla cittadinanza degli stranieri. Tailmoun ha inoltre parlato sia della costruzione di un patto di cittadinanza fra seconde generazioni di immigrati e gli italiani autoctoni, sia dell’esigenza di portare a casa i risultati raggiunti nella riforma sulla cittadinanza in discussione al Senato.

Nell’ultima sessione di lavoro, dedicata al tema “La ripresa dei flussi migratori in uscita dall’Italia”, la moderatrice del dibattito Carla Collicelli (Censis) ha spiegato come i nuovi flussi migratori dall’Italia, un fenomeno importante di cui si parla poco, presentino connotazioni positive, in quanto formati da giovani super qualificati che si sentono cittadini del mondo, ma anche segnali negativi rispetto alla situazione lavorativa ed economica italiana e non italiana.

La Collicelli ha quindi ricordato come, secondo i dati nell’Istat, nel 2014 siano stati 277.631 gli italiani iscritti all’estero. Connazionali che hanno scelto di trasferire la loro residenza in altri paesi e che si sono recati prevalentemente in Inghilterra, in Germania, in Svizzera, in Francia, negli Stati Uniti, in Brasile e in Belgio. Un fenomeno complesso dunque che, secondo la Collicelli, va visto anche “nell’ottica e sullo sfondo di una modernizzazione che è in corso e della quale a volte ci dimentichiamo.

Il mondo – ha aggiunto – è radicalmente cambiato dal punto di vista economico, finanziario e politico, ma anche come sentimenti della gente , perché l’andare via, che prima era vissuto come una tragedia umana, oggi per fortuna è connotato spesso da elementi positivi: l’ essere cittadini del mondo, lavorare in ambienti qualificati, avere contatti con persone di altre culture, imparare le lingue. Sarebbe bello – ha concluso la Collicelli – che questi fossero sempre più processi circolari volti ad arricchire tutti e non solo alcuni”.

“C’è da dire – ha esordito Giovanni Maria De Vita, Capo Ufficio I della Direzione Generale del Maeci per gli Italiani all’estero e le politiche migratorie – che il fenomeno del lavoro all’estero ha sempre interessato l’italiano che caratterialmente è incuriosito ed attratto da realtà fuori dal suo paese e quindi c’è sempre stata un’emigrazione di professionisti che esercitavano il loro lavoro in vari centri finanziari o dove vi fosse una particolare richiesta di preparazione tecnologica.

A partire dal 2008 con la crisi economica questo fenomeno è aumentato esponenzialmente privando anche il nostro sistema di potenziali promotori di ricerca, ma è ripresa , e questa è la cosa che ci preoccupa in particolare, anche quella che potremo definire emigrazione tradizionale.. Un fenomeno – ha aggiunto De Vita – che si ripropone anche secondo modelli che ricalcano un po’ i problemi avuti dai nostri primi emigrati nel mondo già a partire dalla seconda metà dell’800. C’è da dire che in quel periodo storico i primi a rispondere a questa richiesta di aiuto furono le associazioni locali e religiose.

Ora invece il sistema delle nostre ambasciate e consolati, a fronte di un contesto di continua riduzione delle risorse finanziarie ed umane, sta cercando di dare una mano a chi si trova in difficoltà e sperimenta delusioni rispetto alle aspettative di partenza. I problemi che incontra questo tipo di emigrazione e qui non mi riferisco a ricercatori o a persone attive nel campo della finanzia e della tecnologia –ha precisato De Vita -, è quello dell’adattamento alla situazione locale, perché l’insediamento in contesti diversi da quelli di provenienza continua creare dei problemi come ad esempio quello dell’approccio linguistico”.

De Vita ha poi ricordato come , al fine di far fronte alle problematiche dei nuovi emigranti italiani, a partire dal 2012 la rete diplomatica all’estero abbia tentato con un approccio sistematico di organizzare iniziative di informazione per i nostri connazionali volte anche, grazie al contributo delle associazioni italiane nel mondo e di quelle religiose, a favorire l’incontro fra domanda ed offerta di lavoro.

A tal proposito De Vita ha segnalato il caso del Consolato generale a Londra che organizza l’iniziativa “Primo approdo”, seminari informativi diffusi tramite You Tube. De Vita ha anche ricordato gli stanziamenti messi a disposizione dei Comites al fine di agevolare la promozione di iniziative a sostegno e per l’inserimento dei nuovi immigrati italiani. Per quanto poi riguarda la stima della presenza degli italiani nel mondo, i nuovi flussi migratori dal nostro paese guardano all’Europa ma anche a grandi paesi di accoglienza come l’Argentina e il Brasile che hanno una legislazione di immigrazione più flessibile, De Vita ha ricordato come a tutt’oggi il dato delle anagrafi consolari si attesti intorno ai 5 milioni di persone, molti dei quali hanno acquisito la cittadinanza all’estero.

Ha poi preso la parola Carlotta Venturi, docente di sociologia delle migrazioni alla Gregoriana, che ha illustrato alcuni dati del Rapporto Italiani nel Mondo realizzato dalla Migrantes. La Venturini ha ricordato come, secondo gli ultimi dati dell’Aire, gli italiani nel mondo sarebbero circa 4 milioni e seicento mila, il 3,3% in più rispetto al 2014. Una variegata realtà in cui i minori sono più di 700.000 e appaiono in costante crescita gli anziani che si trasferiscono all’estero.

In questa nuova ondata migratoria partono soprattutto persone nubili in età lavorativa, fa i 30 e 34 anni, e quasi tutte diplomate. Il saldo degli espatri (circa 82.000) è inoltre nettamente superiore a quello dei rientri (28.000). La Venturi ha anche spiegato come la scelta della maggior parte dei ricercatori italiani di emigrare in Europa sia dovuta non solo alla vicinanza e quindi alla facilità del mantenimento dei legami con l’Italia, ma anche dal fatto che questi giovani si considerano ormai cittadini europei.

Ha infine preso la parola la giornalista Tiziana Grassi, direttrice del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo. “C’è chi dice – ha affermato la Grassi – che la nostra emigrazione è finita, che i nostri connazionali stanno bene e che ci sono nuove forme di mobilità; la mia esperienza invece, dopo anni alla Rai International con un programma di servizio che accoglieva le istanze degli italiani all’estero, mi dice che non è cosi, se non altro per la fascia di prima generazione dei nostri oriundi.

Oggi – ha proseguito la giornalista – con gli immigrati che vengono nel nostro paese, perché siamo alla prima o seconda generazione, stiamo ritrovando alcune tematiche e problemi, alcuni focus di costruzione di territorialità che passano, come quando i nostri connazionali si rivolgevano a noi, per pensioni, fisco, usucapione di case e terreni e cittadinanza”.

Tiziana Grassi ha poi evidenziato come “l’Italia dentro i confini” sia chiamata a riflettere, per quanto concerne le politiche per gli italiani all’estero, sul desiderio di italianità e di riacquisto della cittadinanza perduta portato avanti per motivi identitari e affettivi da parte delle terze e quarte generazioni all’estero. Un filo del discorso, fondato sul senso di appartenenza ereditaria, che l’Italia dovrebbe riprendere. La Grassi ha infine segnalato l’esigenza di raccontare l’immigrazione non attraverso i sensazionalismi giornalistici, ma con la narrazione delle singole storie di integrazione che in Italia sono la maggior parte.

(Goffredo Morgia/Inform)

Ultima ora

20:14Italia team: Fontana portabandiera a PyeongChang 2018

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sarà l'azzurra dello short track Arianna Fontana la portabandiera dell'Italia team alle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018. Lo apprende l'Ansa in ambienti dello sport del ghiaccio. La decisione verrà ufficializzata dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, martedì prossimo in una cerimonia al salone d'onore del Foro Italico.

20:10Separazione per Noemi Letizia, a lei 6000 euro al mese

(ANSA) - NAPOLI, 20 OTT - Noemi Letizia e Vittorio Romano hanno raggiunto l'accordo per una separazione consensuale: a lei, di Portici (Napoli) - diventata famosa quando l'allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi si presentò a sorpresa nell'aprile del 2009 alla sua festa per il 18esimo compleanno a Casoria (Napoli) - andranno 6 mila euro al mese. L'intesa tutela i due piccoli bambini nati dalla loro unione. Per il via libera definitivo all'accordo manca solo l'ok del pubblico ministero. I due, 26 anni lei, 36 lui, si erano sposati lo scorso 23 giugno con una cerimonia a Nerano, in Costiera Amalfitana. Dopo tre mesi dal matrimonio la fine della loro relazione. I coniugi avrebbero utilizzato la procedura della 'negoziazione assistita', prevista dal 2014, che consente di decidere in tempi rapidi mantenimento, affidamento dei figlio, conti. A marzo del 2015, ad Arcore, Berlusconi aveva fatto da padrino al secondo figlio di Noemi.

20:05Studente morto: Procura indaga, istigazione al suicidio

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - La Procura di Roma ha aperto un fascicolo contro ignoti per fare luce sul suicidio dello studente avvenuto in Via Tasso. Il pm Elena Neri procede per istigazione al suicidio e tale ipotesi è stata configurata, benché agli inquirenti siano già apparsi chiari i tormenti del ragazzo, per svolgere una serie di accertamenti a tutto campo.

20:01Polonia: accoltella 8 persone, 1 donna muore

(ANSA) - VARSAVIA, 20 OTT - Otto persone sono state colpite con un coltello da un uomo che le ha attaccate in un centro commerciale a Stalowa Wola, nel sud-est della Polonia e una di loro, una donna di 50 anni, è deceduta dopo il ricovero in ospedale. L'aggressore, che è stato arrestato dalla polizia, ha 27 anni ed è un polacco abitante in città. Lo riferisce la polizia precisando che l'uomo "ha attaccato le persone alle spalle, colpendole con un coltello". Successivamente la polizia ha affermato che non si è trattato di un atto di terrorismo.

19:54Morti in corsia: chiuse indagini,cinque nuovi casi a Saronno

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - La Procura di Busto Arsizio (Varese) ha ufficialmente chiuso la seconda trance di indagini della maxi inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia all'ospedale di Saronno. La notifica è stata trasmessa agli indagati Laura Taroni e Leonardo Cazzaniga, rispettivamente infermiera e medico del pronto soccorso di Saronno, nel pomeriggio. Il fascicolo include cinque nuovi casi di morti sospette, avvenute al pronto soccorso di Saronno (Varese) tra il 2011 e il 2013, all'epoca curati dal vice primario Cazzaniga (arrestato undici mesi fa per altri quattro decessi sospetti in corsia e la morte di Massimo Guerra, marito dell'infermiera con cui aveva una relazione) e i decessi di Maria Rita Clerici e Luciano Guerra, rispettivamente madre e suocero di Taroni, anche lei in carcere dal 29 novembre scorso con l'accusa di aver ucciso suo marito insieme a Cazzaniga.

19:46Usa: ad università Michigan prima laurea in cannabis

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - Dopo la legalizzazione della marijuana in alcuni stati americani, arriva anche la prima laurea in cannabis. La offre la Northern Michigan University, per rispondere alla sempre crescente domanda dell'industria di settore. Dal college, però, avvertono i giovani che si tratta di un progetto serio e complesso. "Gli studenti dovranno essere molto dedicati e motivati​ - ha detto il docente di chimica Brandon Canfield - Non è un corso facile, ma e' un programma intensivo di chimica e biologia". Canfield ha spiegato che gli alunni non coltiveranno la marijuana come parte del loro percorso, ma studieranno piante simili con valore terapeutico. In America stanno aumentando sempre più gli stati che hanno legalizzato la cannabis, per uso medico o ricreativo: ad oggi sono 29, oltre il District of Columbia.

19:21Ergastolano ha diritto a permesso parto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Per un genitore "la nascita di un figlio rappresenta un evento emozionale di natura eccezionale e insostituibile, tale da realizzare un unicum indelebile nella sua esperienza di vita". In ragione di questo è possibile il permesso anche per il detenuto all'ergastolo con il regime del 4 bis, che prevede il divieto dei benefici, e si applica per alcuni reati, come quelli di mafia. Lo ha stabilito la Cassazione, accogliendo il ricorso di un detenuto (originario di Lecce, condannato per reati di criminalità organizzata) cui il tribunale di sorveglianza di Roma aveva, invece, detto no al permesso. La Suprema Corte ha quindi disposto una nuova pronuncia da parte del giudice, che tenga conto di questo principio. Ma ormai, da quanto emerge dalle date dell'iter giudiziario, è troppo tardi: la data prevista per il parto è già passata.

Archivio Ultima ora