Cina: vivo dopo 60 ore sotto le macerie

(ANSA) – PECHINO, 23 DIC – In Cina un uomo è stato estratto ancora vivo 60 ore dopo essere rimasto sepolto dalle macerie di un edificio crollato per lo smottamento di fango e detriti che si è abbattuto su un’area industriale nel distretto di Shenzen, nel sud-est della Cina, al confine con Hong Kong. L’uomo, dicono i soccorritori, è un lavoratore immigrato dal sud-ovest della Cina. “Il sopravissuto ha voce flebile e polso debole”, ha detto un responsabile dei soccorsi.

Condividi: