Variante di Valico, Italia mai più spezzata in due

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

Un tratto della variante di valico dell'autostrada A1, inaugurata oggi dal premier Matteo Renzi, Castiglione dei Pepoli (Bologna), 23 dicembre 2015. ANSA/GIORGIO BENVENUTI

Un tratto della variante di valico dell’autostrada A1, inaugurata oggi dal premier Matteo Renzi, Castiglione dei Pepoli (Bologna), 23 dicembre 2015. ANSA/GIORGIO BENVENUTI

CASTIGLIONE DEI PEPOLI (BOLOGNA). – Con l’apertura della Variante di Valico, per dirla con le parole di Matteo Renzi, finirà l’era dei bimbi che vomitano in auto sul tratto appenninico dell’Autosole. Ma soprattutto dovrebbe essere la fine dei titoli dei telegiornali su “L’Italia spezzata in due” che scattavano quando incidenti o maltempo bloccavano l’A1 tra Bologna e Firenze. Mandando in tilt la circolazione stradale tra nord e sud.

La nuova infrastruttura, per il presidente del Consiglio, mostra che l’Italia “è in grado di fare opere che segnano la storia della ingegneria del mondo”. Ma è anche capace di rivelare anche altri meno lusinghieri ‘primati’ di burocrazia, “perché nessuno ci mette 32 anni per dare un via libera”.

La Variante resta comunque un’opera che segna “la storia delle autostrade” per Autostrade per l’Italia. Per questo l’ad Giovanni Castellucci respinge oggi ogni critica. Anche a chi sottolinea le code che hanno interessato proprio nel giorno dell’inaugurazione il tratto dell’A1 manda a dire che “il 23 dicembre é giorno di grande traffico, quindi prima apriamo prima diamo un grande servizio”.

Ma l’ad rimanda al mittente anche le polemiche sui tempi lunghi della realizzazione di un progetto la cui prima idea risale agli anni ’80. I lavori di costruzione, puntualizza, sono durati 9 anni da quando nel 2006 è arrivata l’ autorizzazione definitiva. All’estero i tempi per opere simili sono quelli, quindi “sono stati congrui”.

Certo fa impressione pensare che l’inserimento in convenzione dell’opera sia del 1997. Rispetto ai 2,5 miliardi di euro previsti la sola Variante ne è costata a consuntivo 4,1. Rincaro che Autostrade assicura non sarà scaricato sui pedaggi. Un incremento dovuto anche alla difficoltà tecnica di lavori in un territorio complesso, con valli strette, montagne e terreni instabili. Un aumento comunque “fisiologico” per Castellucci, che ricorda come altre opere progettate in quegli anni abbiano moltiplicato i costi per 3 o per 4.

L’opera è costata non solo in termini economici. Un’inchiesta pende a Bologna sugli smottamenti che hanno interessato alcuni edifici del paesino di Ripoli. Ma è costata anche in vite umane. Il più grave incidente sul lavoro fu il 2 ottobre 2008: tre operai morirono precipitando da una piattaforma utilizzata per la costruzione di un pilone di un viadotto a Barberino del Mugello.

Ma la Variante è anche fonte di primati: per scavare la galleria Sparvo, sede dell’inaugurazione, fu messa all’opera ‘Martina’, la più grande fresa mai realizzata al mondo. Da oggi chi viaggia tra Emilia e Toscana potrà scegliere se svalicare usando il vecchio tracciato della A1, oppure quello alternativo aperto oggi: un nuovo tratto autostradale di 32 chilometri che viaggia parallelo al vecchio, ma molto più in basso rispetto all’originario, con un valico ribassato di 226 metri, e quindi meno esposto alle bizze del meteo.

L’infrastruttura ha anche pendenze più lievi, una riduzione massima delle curve, scorre spesso in galleria, con tempi di percorrenza accorciati in media di 20 minuti. Per questo ci si aspetta che, come è successo oggi, il grosso del traffico si sposti sulla Variante. Ma in caso di incidente, o altro impedimento, il traffico potrà sempre essere deviato sul tracciato alternativo. E l’Italia non dovrebbe più spezzarsi in due.

(dell’inviata Giorgia Bentivogli/ANSA)

Ultima ora

15:47Brexit: governo Gb, verdetto non blocca uscita da Ue

(ANSA) - LONDRA, 24 GEN - Il governo May rispetta il verdetto della Corte Suprema, ma conferma l'impegno a portare a termine il divorzio dall'Ue nel rispetto del referendum. L'ha detto oggi ai Comuni il ministro per la Brexit, David Davis, precisando che una legge "la più inequivocabile possibile" per permettere all'esecutivo ad avviare i negoziati con Bruxelles sarà presentata "a giorni" e aggiungendo che al Parlamento spetta ora autorizzare il governo, non mettere in discussione la Brexit.

15:36M5S: indagato candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - Un altro candidato sindaco di Palermo è indagato. Per Ugo Forello del Movimento Cinque Stelle, accusato di "induzione a rendere dichiarazioni mendaci", è un atto dovuto dopo la denuncia dei deputati nazionali grillini travolti dal caso firme false. Secondo Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, che hanno presentato un esposto circa un mese fa, l'inchiesta della Procura di Palermo sarebbe stata in qualche modo ispirata da Forello. Forello - secondo chi ha denunciato - avrebbe imbeccato i "pentiti" dell'indagine, come la parlamentare regionale Claudia La Rocca, vantando anche rapporti con i pm che indagano. La Procura ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sull'induzione a rendere dichiarazioni mendaci e le persone offese si sono opposte, da qui la fissazione dell'udienza in cui le parti discuteranno. "Il gip non si pronuncia sulla fondatezza della questione - ha spiegato Forello - E' una cosa normale, sono molto sereno. Del resto la stessa Procura ha chiesto di archiviare il caso".

15:32M5s: Di Battista, non siamo filo-Russia né filo-Usa

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Il M5S non è filo-russo ne filo-americano. Il premio Nobel per la pace Obama è stato un presidente guerrafondaio, punto. Basta informarsi". Così il deputato M5s Alessandro Di Battista in un lungo post su Fb "dedicato agli ipocriti". "Non se ne può più della manipolazione mediatica e dell'ipocrisia galoppante" afferma il deputato che a proposito della vittoria di Trump e delle accuse di populisimo aggiunge: "Ecco questo atteggiamento ipocrita e profondamente anti-democratico mi fa vomitare!".

15:29Straniero uccide volontaria in comunità nel Bresciano

(ANSA) - BRESCIA, 24 GEN - Omicidio ad Iseo, in provincia di Brescia. Un marocchino regolare in Italia e affetto da problemi psichiatrici avrebbe ucciso per futili motivi a coltellate una volontaria di 25 anni all'interno della struttura protetta, la Cascina Clarabella, dove la donna lavorava e dove l'uomo è in cura. Indagano i carabinieri.

15:28Coniugi quasi ottantenni litigano per gelosia, lui le spara

(ANSA) - FRANCAVILLA FONTANA (BRINDISI), 24 GEN - Un uomo di 79 anni, Rocco Bellanova, ha ferito gravemente al volto con un colpo d'arma da fuoco sua moglie 78enne, durante una lite scoppiata nella casa dei coniugi a Francavilla Fontana, pare per motivi di gelosia. Secondo i primi accertamenti, l'arma usata sarebbe un fucile. Sull'accaduto indagano i carabinieri che ora stanno interrogando l'uomo che è stato portato in caserma. La donna è ricoverata in ospedale con riserva di prognosi.

15:27Morì in ospedale a Bologna, confermata assoluzione 3 medici

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Confermata in secondo grado l'assoluzione per i medici imputati a Bologna per la morte di Loredana Mainetti, deceduta a 59 anni il 25 settembre 2010 al reparto di Gastroenterologia dell'ospedale Maggiore, dopo un intervento endoscopico per l'asportazione di un polipo al duodeno. La Procura, con il Pm Rossella Poggioli, aveva impugnato la sentenza per tre dei quattro medici accusati di omicidio colposo e assolti dal tribunale: l'ex primario di Gastroenterologia Nicola D'Imperio (difeso dall'avvocato Nicola Mazzacuva), il medico che fece l'intervento Paola Billi (avv.Giuseppe Coliva), e un'altra dottoressa, Angela Alberani (avv.Sabrina Di Giampietro e Giovanni Sacchi Morsiani). Nei giorni scorsi l'udienza davanti alla prima sezione penale della Corte di Appello e la conferma della decisione del primo giudice. (ANSA).

15:23Sport: Lotti,maturi tempi riforma mandati Coni e federazioni

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Credo siano maturi i tempi per portare a conclusione l'iter della proposta di legge" in materia di limiti al rinnovo dei mandati degli organi del Coni e delle federazioni sportive nazionali. Così il ministro dello Sport, Luca Lotti, ascoltato in audizione davanti alla commissioni congiunte Cultura e Istruzione di Camera e Senato.

Archivio Ultima ora