Renzi rilancia sulle banche. E l’Antitrust assolve Boschi

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

Il ministro dei Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi nell'Aula del Senato durante la discussione sulla Legge di Stabilita', Roma, 22 dicembre 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il ministro dei Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi nell’Aula del Senato durante la discussione sulla Legge di Stabilita’, Roma, 22 dicembre 2015. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Questo governo ha fatto quanto doveva, quando e come poteva: con il tempo emergerà sempre più chiaramente. Ostenta tranquillità Matteo Renzi con i suoi interlocutori. Il “caso banche” resta ancora centrale non solo nella polemica politica ma anche nel confronto tra istituzioni, mentre prosegue il botta e risposta a distanza tra Roma e Bruxelles.

Ma il premier si mostra concentrato piuttosto sulla riforma delle banche di credito cooperativo e sulla battaglia ‘di sistema’ in Europa contro il rigore. Su quanto accaduto in passato – ragionano nella maggioranza Pd – faranno chiarezza la magistratura e il Parlamento, ma la vicenda Boschi e la polemica “strumentale” contro il ministro viene archiviata dall’Antitrust che risponde ai 5 Stelle che non c’era conflitto d’interesse.

Non è un’iniziativa estemporanea la proposta di legge con cui 42 senatori guidati dal renziano Andrea Marcucci chiedono di istituire una commissione bicamerale d’inchiesta, con i poteri dell’autorità giudiziaria, chiamata a indagare sugli organi di gestione delle banche andate in crisi e sull’efficacia e l’appropriatezza della vigilanza bancaria.

L’inchiesta coprirebbe un arco di tempo che va dal 2000 al 2015, dunque anche gli anni in cui a presiedere la Banca d’Italia c’era Mario Draghi. Ma non è alimentare uno scontro istituzionale l’obiettivo dei promotori. “La nostra – spiega uno di loro – è la più limpida ‘dichiarazione’ che questo governo non ha nulla da temere e non guarda in faccia a nessuno”.

Ma non sfuggono gli effetti potenzialmente deflagranti che una commissione d’inchiesta potrebbe avere, dunque è più che probabile che al dunque alla fine la verifica venga assegnata a una commissione d’indagine. Una decisione, spiega un dirigente Pd, verrà presa con calma nei primi mesi del nuovo anno, quando si confida inizi a calare il “clamore mediatico” e la tensione sulla vicenda.

E non preoccupano gli attacchi di Matteo Salvini o Silvio Berlusconi (“Piove, governo ladro”, ha scherzato oggi il Cavaliere) né l’emergere di un fronte del dissenso nella minoranza Pd. I primi – affermano i renziani – saranno ‘neutralizzati’ dal voto della mozione di sfiducia presentata al Senato. Il secondo – spiegano – era largamente atteso.

Roberto Speranza, esponente di punta della sinistra Dem, avverte di “non dare l’idea che la politica cerchi diversivi”. Perciò boccia la commissione d’inchiesta: “Non servono polveroni o solo parole. Il Parlamento deve fare buone leggi e lasciare le indagini alla magistratura”, scandisce Speranza. Ma le sue parole vengono lasciate cadere nel vuoto dai renziani, che ricordano quanto detto dal premier dal palco della Leopolda: “C’era chi aveva una banca di partito – Mps, la banca ‘rossa’ – che ha fatto crac”.

Quanto ai 5 Stelle, che sono andati a protestare con i risparmiatori davanti a Bankitalia, la convinzione degli uomini vicini al premier è che stiano spostando l’attenzione dopo aver mancato il bersaglio Boschi. Che fossero “balle”, fa notare Ernesto Carbone, lo dimostra la risposta data dall’Antitrust ad Alessandro Di Battista, che aveva sollecitato un pronunciamento su Banca Etruria: “Non c’è conflitto d’interessi” perché non ha partecipato alle riunioni in cui sono stati approvati i provvedimenti sulle banche.

Se un errore c’è stato, osserva qualche renziano, è stato forse del ministero dell’Economia a non comunicare bene subito quanto rilevanti fossero i numeri del salvataggio delle quattro banche e quanto la via fosse obbligata. E se il commissario Jonathan Hill aveva addossato la decisione all’Italia – parole “lunari”, secondo Renzi – ecco che arriva la scelta di far emergere il testo della lettera con cui veniva detto no all’uso del fondo interbancario.

Con le regole europee – volute dalla Germania e avallate da chi allora governava l’Italia, ribadiscono a ogni occasione dal Pd – questo governo non aveva altra scelta. Ora bisognerà fare in modo, ragionano i renziani, che in Europa si cambi davvero rotta, superando il rigore che la Germania continua a difendere. E’ questa la battaglia che Renzi si è intestato. Su questo confida di far passi avanti nel 2016.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:15Totti: Monchi, col Genoa ultima in campo poi vedremo futuro

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "A Roma Totti è un idolo, domenica dirà addio alla carriera da calciatore nella partita contro il Genoa e vedremo quale sarà il suo futuro". In attesa che il diretto interessato riveli pubblicamente la propria scelta, il ds giallorosso Monchi ribadisce che per la società il tempo di Francesco Totti calciatore scadrà domenica con l'ultima di campionato all'Olimpico. "Francesco ha tanta esperienza e ciò basta per dare il suo contributo. Nel mio caso sicuramente avrò molto da imparare da lui - aggiunge l'ex dirigente del Siviglia all'emittente radiofonica spagnola Canal Sur Radio -. Per me è ancora una situazione strana vivere e lavorare a Roma. E' complicato e ho ancora dei sentimenti contrastanti. Il calcio in Italia e in particolare a Roma si vive in modo molto caldo, tutto quello che viene fatto è molto amplificato. In questo senso ricorda molto la Spagna, in particolare la questione legata ai tifosi".

21:13Morta triatleta tedesca travolta da camion in Romagna

(ANSA) - BOLOGNA, 22 MAG - E' morta all'ospedale Bufalini di Cesena Julia Viellehner, 31 anni, triathleta tedesca, rimasta vittima di un incidente stradale in allenamento al Passo delle Forche, nel forlivese, il 15 maggio. I suoi organi sono stati trapiantati. Lo ha reso noto un comunicato dell'Ausl di Romagna: "Si comunica che, alle ore 19.21 odierne, il Collegio Medico ha accertato il decesso dell'atleta tedesca Julia Viellehner, da lunedì 15 maggio ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva 2 dell'Ospedale Bufalini di Cesena, a seguito del gravissimo politrauma subito nell' incidente stradale occorso in quella stessa data. La Direzione dell'Azienda Usl della Romagna desidera ringraziare la famiglia, che ha voluto dare corso alla volontà manifestata in vita da Julia , acconsentendo alla donazione di organi e tessuti prelevati a scopo di trapianto terapeutico". L'atleta tedesca era stata agganciata da un camion e trascinata sull'asfalto mentre si stava allenando in bicicletta. (ANSA).

20:41Rai: Di Maio, Campo Dall’Orto vada avanti

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - "Come dice il M5s, se Campo Dall'Orto non va bene a Renzi è perché avrà detto qualche No di troppo, e chi dice No all'establishment per noi deve andare avanti". Lo ha detto il vicepresidente M5s della Camera, Luigi Di Maio, a Montecitorio.

20:39La 48^ Verzegnis Sella Chianzutan è gara-test per l’Alfa 4C

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La 48/a Verzegnis-Sella Chianzutan è la cronoscalata delle mille occasioni. Dopo il connubio con il 100° Giro d'Italia e aver annunciato il pienone di 250 iscritti, l'evento del 26-28 maggio organizzato dalla E4Run è confermato come gara-test per l'ammirata silhouette basata sull'Alfa Romeo 4C che domenica scorsa ha mosso i primi passi alla Sarnano-Sassotetto. Marco Gramenzi, pilota e promotore del nuovo progetto, e lo staff impegnato nella preparazione dell'auto hanno ricevuto gli ultimi elementi necessari all'effettivo completamento e ora il 5 volte campione italiano annuncia la sua presenza a Verzegnis, che del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017 è terza prova, con validità per la FIA International Hill Climb Cup e per diverse altre serie nazionali ed estere. L'auto del driver teramano è denominata MG-AR1 Furore, monta un motore Zytek V8 3 litri di cilindrata proveniente dalla F.3000

20:36Calcio: studenti Firenze premiano Bernardeschi

(ANSA) - FIRENZE, 23 MAG - "Ringrazio i giovani che mi hanno votato e li invito a inseguire i loro sogni con umiltà e sacrificio". Lo ha detto Federico Bernardeschi ritirando oggi in Palazzo Vecchio il 36/o Trofeo Assi Giglio Rosso. Il n.10 della Fiorentina e della Nazionale è stato il più votato dai 3500 studenti delle scuole fiorentine, precedendo il compagno di squadra Federico Chiesa e la squadra della Fiorentina Women's, vincitrice della Serie A femminile. Intanto Bernardeschi continua ad essere al centro di voci di mercato, voci alimentate anche dal fatto che il giocatore non ha ancora risposto alla proposta di prolungamento avanzata qualche mese fa dalla società viola. Nel frattempo domenica si concluderanno le celebrazioni per i 90 anni della Fiorentina Prima del fischio d'inizio del match con il Pescara sfileranno in campo i protagonisti della stagione 2003/2004 che vide la Fiorentina di tornare in A a 2 anni dal fallimento dopo aver vinto lo spareggio di B con il Perugia.

20:21Ryder Cup: M5S incontra Montali

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Contatto: dopo mesi di polemiche, anche feroci, oggi c'è stato il primo incontro in Campidoglio tra il Movimento 5 stelle e il direttore generale del Progetto Ryder Cup Roma 2022 Gian Paolo Montali. Lo apprende l'Ansa. Alla riunione erano presenti, oltre a Montali, il presidente dell'Assemblea capitolina Marcello De Vito, l'assessore Massimo Colomban e il responsabile sport e portavoce del M5s alla Camera, Simone Valente. "Tengo a dire - spiega al telefono Valente - che resta la contrarietà politica alla decisione del governo di stanziare soldi sull'evento, ma c'è ampia disponibilità istituzionale a collaborare da parte della giunta M5s in Campidoglio".

20:18M5s, si vota in autunno solo se partecipiamo a stesura legge

(ANSA) - ROMA, 23 MAG -"Si vota in autunno solo se il M5s parteciperà alla scrittura della nuova legge elettorale, altrimenti senza numeri si candidano al Vietnam del Senato. Noi ci siamo anche per andare a votare il prima possibile". Così Luigi Di Maio risponde a chi gli chiede se preferisca la linea Salvini dell'ok a qualsiasi legge pur di andare al voto il prima possibile: "E allora perché si è tirato fuori dalla proposta M5s di discutere sulla base della proposta della Consulta?" ribatte e ripete: "La presenza del M5s nell'accordo sulla legge elettorale velocizzerà la procedura per indire nuove elezioni".

Archivio Ultima ora