Una italiana su due costretta a rinunce sul lavoro per la famiglia

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

mamma

ROMA. – Sono quasi dieci milioni le donne che sono state costrette a delle rinunce sul lavoro a causa degli impegni in famiglia. In percentuale, si tratta di poco meno di una su due. Hanno dovuto dire di no a un posto, non hanno accettato un incarico, sono state costrette a interrompere l’attività o a scartare un’opportunità che altrimenti avrebbero colto al volo.

Il risultato è un Paese ancora lontano dai target europei per l’occupazione femminile, anche se qualche avanzamento c’è stato: la rappresentanza ‘rosa’ nei consigli di amministrazione delle aziende è raddoppiata e lo stesso vale per il Parlamento europeo, ma qui un ruolo non da poco lo hanno giocato le leggi, con le misure a favore della presenza delle donne nelle sedi che contano, siano economiche o politiche.

Ma anche in famiglia qualcosa è cambiato: le donne breadwinner (tradotto, che portano il pane in casa) hanno sfondato la soglia degli otto milioni. Tuttavia quando c’è una capofamiglia spesso è semplicemente perché il marito è disoccupato o non c’è proprio, quindi nella maggioranza dei casi non si tratta di una posizione invidiabile.

A fare il punto sulla situazione è l’Istat nel rapporto, un e-book, ‘Come cambia la vita delle donne’. Uno studio che copre dieci anni (2004-2010), curato da Linda Laura Sabbadini, Sara Demofonti e Romina Fraboni. Dell’intero dossier la cifra che più colpisce è quella che misura tutti i no delle donne al mondo del lavoro.

“Complessivamente, nel nostro Paese sono poco meno di 10 milioni, pari al 44,1% della popolazione femminile tra 18 e 74 anni, le donne che nel corso della loro vita, a causa di impegni e responsabilità familiari, per una gravidanza o semplicemente perché i propri familiari così volevano, hanno rinunciato a lavorare, oppure hanno dovuto interrompere il lavoro, o non hanno potuto accettare un incarico lavorativo o, ancora, non hanno potuto investire come avrebbero voluto nel proprio lavoro perché hanno preso, per esempio, congedi con retribuzione parziale, hanno ridotto le ore di lavoro o accettato incarichi di minore importanza”, spiega la ricerca, sulla base di dati del 2011, gli ultimi a disposizione e di tutta attualità, evidenziano all’Istat, visto che le interviste hanno riguardato non gli eventi accaduti nell’anno ma nell’arco della vita di ciascuna.

Praticamente le donne che hanno dovuto ‘lasciar perdere’ sono più di quelle che risultano occupate (circa 9,3mln). Anche agli uomini capita di dover ripiegare per stare dietro alla famiglia, ma i casi di questo tipo si fermano a 4 milioni (meno di 2 su 10).

Tornando alle donne, “la rinuncia più frequente è quella che riguarda l’inizio o la ricerca di un lavoro. In valori assoluti hanno vissuto questa esperienza 6 milioni 888 mila donne”. E di queste circa 1 milione e mezzo non ha mai fatto ingresso nel mercato del lavoro.

L’Istat elenca anche i motivi principali: nell’ordine, dover accudire un bambino troppo piccolo, doversi occupare della famiglia e aspettare un figlio.

Ultima ora

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

Archivio Ultima ora