Una italiana su due costretta a rinunce sul lavoro per la famiglia

Pubblicato il 23 dicembre 2015 da redazione

mamma

ROMA. – Sono quasi dieci milioni le donne che sono state costrette a delle rinunce sul lavoro a causa degli impegni in famiglia. In percentuale, si tratta di poco meno di una su due. Hanno dovuto dire di no a un posto, non hanno accettato un incarico, sono state costrette a interrompere l’attività o a scartare un’opportunità che altrimenti avrebbero colto al volo.

Il risultato è un Paese ancora lontano dai target europei per l’occupazione femminile, anche se qualche avanzamento c’è stato: la rappresentanza ‘rosa’ nei consigli di amministrazione delle aziende è raddoppiata e lo stesso vale per il Parlamento europeo, ma qui un ruolo non da poco lo hanno giocato le leggi, con le misure a favore della presenza delle donne nelle sedi che contano, siano economiche o politiche.

Ma anche in famiglia qualcosa è cambiato: le donne breadwinner (tradotto, che portano il pane in casa) hanno sfondato la soglia degli otto milioni. Tuttavia quando c’è una capofamiglia spesso è semplicemente perché il marito è disoccupato o non c’è proprio, quindi nella maggioranza dei casi non si tratta di una posizione invidiabile.

A fare il punto sulla situazione è l’Istat nel rapporto, un e-book, ‘Come cambia la vita delle donne’. Uno studio che copre dieci anni (2004-2010), curato da Linda Laura Sabbadini, Sara Demofonti e Romina Fraboni. Dell’intero dossier la cifra che più colpisce è quella che misura tutti i no delle donne al mondo del lavoro.

“Complessivamente, nel nostro Paese sono poco meno di 10 milioni, pari al 44,1% della popolazione femminile tra 18 e 74 anni, le donne che nel corso della loro vita, a causa di impegni e responsabilità familiari, per una gravidanza o semplicemente perché i propri familiari così volevano, hanno rinunciato a lavorare, oppure hanno dovuto interrompere il lavoro, o non hanno potuto accettare un incarico lavorativo o, ancora, non hanno potuto investire come avrebbero voluto nel proprio lavoro perché hanno preso, per esempio, congedi con retribuzione parziale, hanno ridotto le ore di lavoro o accettato incarichi di minore importanza”, spiega la ricerca, sulla base di dati del 2011, gli ultimi a disposizione e di tutta attualità, evidenziano all’Istat, visto che le interviste hanno riguardato non gli eventi accaduti nell’anno ma nell’arco della vita di ciascuna.

Praticamente le donne che hanno dovuto ‘lasciar perdere’ sono più di quelle che risultano occupate (circa 9,3mln). Anche agli uomini capita di dover ripiegare per stare dietro alla famiglia, ma i casi di questo tipo si fermano a 4 milioni (meno di 2 su 10).

Tornando alle donne, “la rinuncia più frequente è quella che riguarda l’inizio o la ricerca di un lavoro. In valori assoluti hanno vissuto questa esperienza 6 milioni 888 mila donne”. E di queste circa 1 milione e mezzo non ha mai fatto ingresso nel mercato del lavoro.

L’Istat elenca anche i motivi principali: nell’ordine, dover accudire un bambino troppo piccolo, doversi occupare della famiglia e aspettare un figlio.

Ultima ora

22:38Calcio: Zaza show, tripletta in 8′ al Malaga

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Tre gol in otto minuti di Simone Zaza al Malaga. Uno vero e proprio show dell'attaccante italiano del Valencia che si merita la copertina nel sonante 5-0 inflitto dalla squadra di Marcelino agli andalusi, ultimi in classifica a zero punti dopo cinque partite. Il Valencia era già in vantaggio per 1-0 al 45' del primo anticipo della quinta giornata di Liga per una rete di Mina, ma Zaza ha dato la svolta all'incontro: il n.9 ha segnato al 10', al 15' e al 18' della ripresa, prima in spaccata, poi di testa e quindi di sinistro, portando a quattro il suo bottino stagionale. Al 41' è arrivato poi il 5-0 firmato da Rodrigo. Il Valencia sale provvisoriamente al terzo posto, con nove punti.

22:13Calcio: diluvio a Terni, rinviata Ternana-Brescia

(ANSA) - TERNANA, 19 SET - Gara sospesa e poi rinviata per pioggia allo stadio 'Libero Liberati' di Terni dove si stavano sfidando Ternana e Brescia. La gara, ferma sullo 0-0 è stata sospesa al 20' minuto di gioco a causa di un violentissimo nubifragio. Le due squadre sono state rimandate nello spogliatoio e intorno alle 21.10 c'è stato un sopralluogo da parte del direttore di gara, Daniele Martinelli, per verificare lo stato del terreno di gioco. Alle 21.18 a causa del perdurare della pioggia il delegato di Lega, con le due squadre d'accordo, ha deciso per il rinvio a data da destinarsi. La gara riprenderà dal minuto 20 con le due squadre sullo 0-0.

21:15Forte terremoto nel Messico centrale

(ANSA) - CITTÀ DEL MESSICO, 19 set - Un forte terremoto di magnitudo 7.1 è stato registrato nel Messico centrale. Lo riferisce l'Usgs americano. L'epicentro è nella regione di Puebla, a 10 km di profondità. L'ente geofisico nazionale ha fissato la stima preliminare a 6.8. La scossa è stata avvertita anche a Città del Messico, dove molte persone sono scese in strada.

21:15Bus Catalogna: Orlando a collega spagnolo, chiarezza

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha scritto al suo omologo spagnolo, il ministro Rafael Català Polo, esprimendo "il rammarico delle famiglie delle vittime dell'incidente stradale in cui hanno perso la vita le studentesse Erasmus italiane e auspicando che ci sia ancora la possibilità di chiarire quali siano state le cause e le circostanze dell'incidente".

20:42Consip: Musti, ‘in che pasticcio ci hanno messo?’

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Ma in che pasticcio ci sono andati a mettere?". Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. L'intercettazione faceva parte dell'informativa dell'inchiesta Cpl Concordia che il pm di Napoli, Henry John Woodcock, aveva trasmesso alla collega di Modena.

20:39Calcio: a Prato l’ultimo saluto a Bersellini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Parenti, amici, e tanti campioni del calcio si sono riuniti questo pomeriggio al Duomo di Prato per i funerali di Eugenio Bersellini, l'indimenticato allenatore morto domenica scorsa a 81 anni. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Giuseppe Bergomi, Evaristo Beccalossi, Alessandro Altobelli e Gabriele Oriali, giocatori dell'Inter con cui il tecnico tra il '77 e l'82 vinse uno scudetto e due Coppe Italia. Bersellini viveva da qualche anno a Prato insieme ad una delle figlie.

20:38Terrorismo: processo Meriem, sentiti primi testimoni

(ANSA) - VENEZIA, 19 SET - E' un processo senza imputata ma soprattutto senza la certezza che sia ancora viva, quello nei confronti di Meriem Rehailly, la studentessa residente nel padovano e fuggita in Siria nel 2015 per combattere con il califfato, che ha registrato oggi al Tribunale a Venezia la seconda udienza. Tra problemi di traduzione e la certezza di familiari e difesa, rappresentata dall'avv. Andrea Niero, che la ragazza sia morta, come avrebbe riferito un'altra simpatizzante dell'Isis, si sono ricostruiti alcuni passaggi della sua fuga. Prima quello che la vede impreparata - come ha raccontato chi le ha venduto i biglietti - tanto da chiedere un tagliando di sola andata per la Turchia, senza sapere che serviva anche quello di ritorno. Dall'altra i militari dei Ros che, rispondendo anche alla Pm Francesca Crupi, hanno ricostruito come la ragazzini si fosse documentata con un 'manuale' del terrorista sul web. Poi è stata la volta del padre di origini marocchine il quale ha ribadito come la figlia sia stata plagiata.

Archivio Ultima ora