Giallo Brescia: inquirenti, omicidio pianificato

(ANSA) – BRESCIA, 26 DIC – “Chi ha ucciso Mario Bozzoli ha pianificato tutto”. Ne sono sempre più convinti gli inquirenti che indagano sulla morte dell’imprenditore bresciano scomparso l’8 ottobre scorso. Contro i nipoti Alex e Giacomo e gli operai Oscar Maggi e il senegalese Abu ci sarebbe “un quadro indiziario molto pesante”, anche se mancano prove certe. I nipoti da tre anni pare che avessero manifestato malumore contro lo zio e la frase “prima o poi uccido lo zio” pronunciata da Giacomo non sarebbe un caso isolato.

Condividi: