Da Handanovic a Higuain, la top 11 della Serie A

Pubblicato il 26 dicembre 2015 da redazione

higuain

ROMA. – Le cinque squadre che si contendono lo scudetto che si assegna a maggio sono giunte a stretto contatto alla pausa natalizia. Da gran parte delle loro file provengono i giocatori che si sono distinti come protagonisti : da Handanovic a Higuain, da Bernardeschi a Marchisio ci sono vecchi conoscenze e new entry.

I giudizi potranno variare ma fin d’ora Gonzalo Higuain sembra avviato ad un’annata straordinaria. Il Pipita è in forma strepitosa, finalizza il gioco del Napoli con colpi d’autore che lo collocano nel podio europeo insieme a Suarez e Lewandowski, che hanno anche il palcoscenico della Champions. Higuain, rigenerato da Sarri, ha segnato 16 reti in 17 partite con tocchi d’artista, tiri potenti e spettacolari.

Accanto a lui eccelle Lorenzo Insigne, maturo e completo nel ruolo di rifinitore e creatore di assist ma anche buon finalizzatore con sette reti. Il terzo partenopeo ad eccellere è Koulibaly, arcigno e prestante difensore centrale, veloce e tecnicamente dotato, che può anche impostare se impiegato esterno basso.

Al reparto arretrato appartengono gli elementi che hanno portato l’Inter in vetta al campionato. Handanovic è tornato ad essere il miglior portiere della serie A grazie al senso del piazzamento, alla personalità e all’esperienza. Lo sloveno si giova molto dell’apporto di Murillo, centrale colombiano giovane ma affidabile e dotato di un grande anticipo. Cresce l’apporto del croato Brozovic che Mancini può utilizzare in tutti i ruoli del centrocampo.

Dopo un inizio in sordina e una lunga rincorsa la Juve torna a ruggire con sette successi consecutivi. Oltre ai gol dello sgobbone Mandzukic e del geniale Dybala un peso preponderante l’hanno avuto due veterani: Marchisio per la sostanza e qualità data a un centrocampo indebolito da partenze e assenze e Evra con le scorribande e la personalità da leader.

Sorpresa della stagione grazie alle qualità del nuovo tecnico Paulo Sousa, la Fiorentina diverte e coinvolge col suo gioco spumeggiante irradiato dalla fresca vena di Bernardeschi, talento sbocciato, che completa un attacco che si giova degli spunti del goleador di razza Kalinic e della classe di Ilicic. Ma a dare sostanza alla squadra è anche la versatilità in fase di appoggio e di copertura del centrocampista Borja Valero.

La lunga fase di appannamento ha ridotto le eccellenze in casa Roma, a lungo spettacolare con le pennellate di Pjanic e le scorribande di Gervinho, poi bloccato da un infortunio.

E’ doverosa poi una citazione a random di altri protagonisti del girone d’andata: il giovane portiere milanista Donnarumma, autore di eccellenti prestazioni. In difesa spicca la qualità dell’ex rossonero Acerbi che, dopo avere sconfitto la malattia, nel Sassuolo si sta dimostrando tra i migliori centrali del campionato. Tra alti e bassi lasciano intravedere qualità il sampdoriano Ivan, il romanista dell’Empoli Paredes e due attaccanti: l’irascibile genoano Pavoletti e il torinista Belotti.

Tra i veterani invece sta vivendo una seconda giovinezza Maccarone, trascinatore dell’Empoli con sette splendide reti. Tra gli italiani protagonisti all’estero da segnalare la stagione esemplare di Okaka all’Anderlecht con dieci gol e tanti assist, di Ogbonna tra i migliori difensori della Premier nel West Ham, mentre dopo un lungo infortunio Verratti sta tornando protagonista al Psg .

Ma il numero uno del calcio italiano può essere considerato un allenatore navigato tornato in auge: Claudio Ranieri sta compiendo un capolavoro in Premier visto che è in testa con il Leicester, che ha messo in fila club milionari e campioni strapagati. Il primato in Premier di Ranieri coincide con l’annuncio del ritorno di Ancelotti, che da giugno guiderà il Bayern. In attesa di tornare a primeggiare in campo, il calcio italiano continua a dettare legge in panchina.

Spetterebbe quindi a Ranieri la guida simbolica della formazione migliore del girone d’andata: Handanovic, Koulibaly, Murillo, Acerbi, Evra, Borja Valerio, Marchisio, Brozovic, Bernardeschi, Insigne, Higuain.

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora