Papa: cristiani perseguitati nel silenzio, sono martiri

Pubblicato il 26 dicembre 2015 da redazione

Pope Francis during the Angelus prayer at St. Peter's Square, Vatican City, 26 December 2015.  ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Pope Francis during the Angelus prayer at St. Peter’s Square, Vatican City, 26 December 2015.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

CITTA’ DEL VATICANO. – “Preghiamo per i cristiani che sono perseguitati, spesso con il silenzio vergognoso di tanti”. Il senso che voleva dare alla solennità di Santo Stefano, primo martire della Chiesa, papa Francesco l’ha impresso con un tweet già nella mattinata, dedicato a quelli che, nel messaggio Urbi et Orbi di Natale, aveva definito “i nostri martiri d’oggi”.

E proprio nel giorno del nuovo, sanguinoso attacco a un villaggio cristiano nelle Filippine, all’Angelus in Piazza San Pietro il Pontefice ha affidato “alla Vergine Maria coloro – e sono purtroppo tantissimi – che come Santo Stefano subiscono persecuzioni in nome della fede”. “I nostri tanti martiri di oggi”, ha ripetuto.

Per il resto, l’Angelus – ancora tra severe e imponenti misure di sicurezza – è stato un inno al valore del “perdono”, che trasforma “l’odio in amore” e rende “più pulito il mondo”. E’ stato comunque nel giorno di Natale, nel messaggio “alla Città e al Mondo” dalla loggia centrale di San Pietro per questo Natale dell’Anno giubilare, che Bergoglio ha passato in rassegna tutte le emergenze che attualmente segnano il mondo: dai conflitti in Medio Oriente, in Siria e i tanti altri sparsi nel pianeta, alle stragi terroristiche e alle “atrocità” dell’Isis, dalle sofferenze dei migranti, dei bambini soldato, delle vittime della tratta, alle difficoltà di chi non ha lavoro.

“Solo la Misericordia di Dio può liberare l’umanità da tante forme di male, a volte mostruose, che l’egoismo genera in essa. La grazia di Dio – ha detto – può convertire i cuori e aprire vie di uscita da situazioni umanamente insolubili”. Ecco quindi l’invocazione di pace per il Medio Oriente, dove continuano a intensificarsi violenze e tensioni.

“Possano Israeliani e Palestinesi – è stato il suo appello – riprendere un dialogo diretto e giungere a un’intesa che permetta ai due Popoli di convivere in armonia, superando un conflitto che li ha lungamente contrapposti, con gravi ripercussioni sull’intera Regione”.

Francesco ha auspicato anche che l’intesa raggiunta all’Onu “riesca quanto prima a far tacere il fragore delle armi in Siria e a rimediare alla gravissima situazione umanitaria della popolazione stremata”, mentre è altrettanto urgente “che l’accordo sulla Libia trovi il sostegno di tutti, affinché si superino le gravi divisioni e violenze che affliggono il Paese”.

Poi, pur senza citarlo espressamente, il riferimento all’Isis e il richiamo all’unità internazionale per fermarne gli orrori: “l’attenzione della Comunità internazionale sia unanimemente rivolta a far cessare le atrocità che”, sia in Siria e Libia “come pure in Iraq, Yemen e nell’Africa subsahariana, tuttora mietono numerose vittime, causano immani sofferenze e non risparmiano neppure il patrimonio storico e culturale di interi popoli”.

Il pensiero del Papa è andato “pure a quanti sono stati colpiti da efferate azioni terroristiche, particolarmente dalle recenti stragi avvenute sui cieli d’Egitto, a Beirut, Parigi, Bamako e Tunisi”. “Pace e concordia” sono state quindi chieste dal Papa per la Repubblica Democratica del Congo, il Burundi, il Sud Sudan, la Colombia, così come per l’Ucraina.

I richiami del Pontefice si sono poi soffermati sulla situazione di “schiere di uomini e donne” che oggi “sono private della loro dignità umana e, come il Bambino Gesù, soffrono il freddo, la povertà e il rifiuto degli uomini”. Ha espresso “vicinanza ai più indifesi, soprattutto ai bambini soldato, alle donne che subiscono violenza, alle vittime della tratta delle persone e del narcotraffico”.

E ha augurato “conforto” “a quanti fuggono dalla miseria o dalla guerra, viaggiando in condizioni troppo spesso disumane e non di rado rischiando la vita”: il Papa ha benedetto “quanti, singoli e Stati, si adoperano con generosità per soccorrere e accogliere i numerosi migranti e rifugiati, aiutandoli a costruire un futuro dignitoso per sé e per i propri cari e ad integrarsi all’interno delle società che li ricevono”.

Infine ha invocato che si ridia “speranza a quanti non hanno lavoro”, con “l’impegno di quanti hanno responsabilità pubbliche in campo politico ed economico” che “si adoperino per perseguire il bene comune e a tutelare la dignità di ogni vita umana”.

Un ultimo pensiero, sotto l’egida del Giubileo della misericordia, per i carcerati, perché “il Signore doni loro di sperimentare il suo amore misericordioso che sana le ferite e vince il male”. Misericordia che, in questo Natale dell’Anno Santo, ha augurato a tutti “di poter accogliere nella propria vita” per “essere misericordiosi con i nostri fratelli”. “Così faremo crescere la pace!”, ha concluso.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

Archivio Ultima ora