Papa: cristiani perseguitati nel silenzio, sono martiri

Pubblicato il 26 dicembre 2015 da redazione

Pope Francis during the Angelus prayer at St. Peter's Square, Vatican City, 26 December 2015.  ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Pope Francis during the Angelus prayer at St. Peter’s Square, Vatican City, 26 December 2015.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

CITTA’ DEL VATICANO. – “Preghiamo per i cristiani che sono perseguitati, spesso con il silenzio vergognoso di tanti”. Il senso che voleva dare alla solennità di Santo Stefano, primo martire della Chiesa, papa Francesco l’ha impresso con un tweet già nella mattinata, dedicato a quelli che, nel messaggio Urbi et Orbi di Natale, aveva definito “i nostri martiri d’oggi”.

E proprio nel giorno del nuovo, sanguinoso attacco a un villaggio cristiano nelle Filippine, all’Angelus in Piazza San Pietro il Pontefice ha affidato “alla Vergine Maria coloro – e sono purtroppo tantissimi – che come Santo Stefano subiscono persecuzioni in nome della fede”. “I nostri tanti martiri di oggi”, ha ripetuto.

Per il resto, l’Angelus – ancora tra severe e imponenti misure di sicurezza – è stato un inno al valore del “perdono”, che trasforma “l’odio in amore” e rende “più pulito il mondo”. E’ stato comunque nel giorno di Natale, nel messaggio “alla Città e al Mondo” dalla loggia centrale di San Pietro per questo Natale dell’Anno giubilare, che Bergoglio ha passato in rassegna tutte le emergenze che attualmente segnano il mondo: dai conflitti in Medio Oriente, in Siria e i tanti altri sparsi nel pianeta, alle stragi terroristiche e alle “atrocità” dell’Isis, dalle sofferenze dei migranti, dei bambini soldato, delle vittime della tratta, alle difficoltà di chi non ha lavoro.

“Solo la Misericordia di Dio può liberare l’umanità da tante forme di male, a volte mostruose, che l’egoismo genera in essa. La grazia di Dio – ha detto – può convertire i cuori e aprire vie di uscita da situazioni umanamente insolubili”. Ecco quindi l’invocazione di pace per il Medio Oriente, dove continuano a intensificarsi violenze e tensioni.

“Possano Israeliani e Palestinesi – è stato il suo appello – riprendere un dialogo diretto e giungere a un’intesa che permetta ai due Popoli di convivere in armonia, superando un conflitto che li ha lungamente contrapposti, con gravi ripercussioni sull’intera Regione”.

Francesco ha auspicato anche che l’intesa raggiunta all’Onu “riesca quanto prima a far tacere il fragore delle armi in Siria e a rimediare alla gravissima situazione umanitaria della popolazione stremata”, mentre è altrettanto urgente “che l’accordo sulla Libia trovi il sostegno di tutti, affinché si superino le gravi divisioni e violenze che affliggono il Paese”.

Poi, pur senza citarlo espressamente, il riferimento all’Isis e il richiamo all’unità internazionale per fermarne gli orrori: “l’attenzione della Comunità internazionale sia unanimemente rivolta a far cessare le atrocità che”, sia in Siria e Libia “come pure in Iraq, Yemen e nell’Africa subsahariana, tuttora mietono numerose vittime, causano immani sofferenze e non risparmiano neppure il patrimonio storico e culturale di interi popoli”.

Il pensiero del Papa è andato “pure a quanti sono stati colpiti da efferate azioni terroristiche, particolarmente dalle recenti stragi avvenute sui cieli d’Egitto, a Beirut, Parigi, Bamako e Tunisi”. “Pace e concordia” sono state quindi chieste dal Papa per la Repubblica Democratica del Congo, il Burundi, il Sud Sudan, la Colombia, così come per l’Ucraina.

I richiami del Pontefice si sono poi soffermati sulla situazione di “schiere di uomini e donne” che oggi “sono private della loro dignità umana e, come il Bambino Gesù, soffrono il freddo, la povertà e il rifiuto degli uomini”. Ha espresso “vicinanza ai più indifesi, soprattutto ai bambini soldato, alle donne che subiscono violenza, alle vittime della tratta delle persone e del narcotraffico”.

E ha augurato “conforto” “a quanti fuggono dalla miseria o dalla guerra, viaggiando in condizioni troppo spesso disumane e non di rado rischiando la vita”: il Papa ha benedetto “quanti, singoli e Stati, si adoperano con generosità per soccorrere e accogliere i numerosi migranti e rifugiati, aiutandoli a costruire un futuro dignitoso per sé e per i propri cari e ad integrarsi all’interno delle società che li ricevono”.

Infine ha invocato che si ridia “speranza a quanti non hanno lavoro”, con “l’impegno di quanti hanno responsabilità pubbliche in campo politico ed economico” che “si adoperino per perseguire il bene comune e a tutelare la dignità di ogni vita umana”.

Un ultimo pensiero, sotto l’egida del Giubileo della misericordia, per i carcerati, perché “il Signore doni loro di sperimentare il suo amore misericordioso che sana le ferite e vince il male”. Misericordia che, in questo Natale dell’Anno Santo, ha augurato a tutti “di poter accogliere nella propria vita” per “essere misericordiosi con i nostri fratelli”. “Così faremo crescere la pace!”, ha concluso.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

08:00F1:Australia,un italiano al via dopo 6 anni, ecco Giovinazzi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un pilota italiano al via di un Gran Premio di Formula 1 dopo sei anni di assenza, dai tempi di Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi. Antonio Giovinazzi, già terza guida della Ferrari, è scattato a bordo di una Sauber, che monta il motore della casa di Maranello, nel primo Gp della stagione in Australia sulla pista semi-cittadina dell'Albert Park di Melbourne. Il pilota pugliese di Martina Franca, scattato dalla sedicesima posizione in griglia, sostituisce il pilota titolare della Sauber Pascal Wehrlein ancora non in condizione per affrontare un intero Gp dopo l'incidente subito nella Race of Champions, a Miami, lo scorso 23 gennaio.

07:50F1: Circus riparte da Australia, Hamilton davanti a Vettel

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Prende il via ufficialmente la stagione 2017 di Formula 1 con il primo Gran Premio del 2017 in Australia. Sulla pista semi-cittadina dell'Albert Park di Melbourne, al primo semaforo verde dell'anno la Mercedes di Lewis Hamilton è scattata davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel che partiva dalla seconda posizione. Terza l'altra Stella d'Argento di Bottas che precede la rossa di Raikkonen.

07:01Bulgaria, si vota per politiche anticipate

(ANSA) - SOFIA, 26 MAR - In Bulgaria si vota oggi per le elezioni politiche anticipate, una consultazione dall'esito incerto e nella quale si prevede una lotta serrata fra conservatori e socialisti. Il voto vede la partecipazione di 13 partiti, 9 coalizioni e 21 comitati d'iniziativa. Le urne si sono aperte alle 7 locali (le 6 italiane) e chiuderanno alle 20 (19). Subito dopo saranno diffusi gli exit poll. Gli oltre 6,8 milioni di elettori - su una popolazione di 7,5 milioni di abitanti - possono votare in quasi 12 mila seggi elettorali, e l'affluenza prevista si aggira intorno al 60%-65%. Stando agli ultimi sondaggi sembra improbabile che dalle urne esca una maggioranza di governo ben definita.

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

Archivio Ultima ora