L’Italia non è più nelle secche. Renzi prepara il 2016

Pubblicato il 26 dicembre 2015 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi partecipates at the gathering of Scout "Agesci Route Nazionale 2014" in San Rossore, near Pisa, Italy, 10 August 2014. ANSA/FRANCO SILVI

Italian Prime Minister Matteo Renzi partecipates at the gathering of Scout “Agesci Route Nazionale 2014” in San Rossore, near Pisa, Italy, 10 August 2014.
ANSA/FRANCO SILVI

ROMA. – L’Italia non è più nelle secche, la ripartenza è un dato concreto. Nell’anticipazione della sua enews Matteo Renzi rivendica l’azione del suo governo e si prepara, idealmente, ad un 2016 che, tra l’appuntamento delle amministrative, il referendum sulle riforme e il delicato rapporto con l’Europa, si preannuncia decisivo.

E non a caso il premier, intervenendo alla fine di un dicembre segnato dal caso banche, ricorda i “tantissimi dossier impantanati da anni” e sbloccati nel 2015. “Non significa che abbiamo fatto tutto bene o che non c’è altro da fare. Ma la verità è che l’Italia non è più incagliata nelle secche, e la svolta in questo 2015 c’è stata”, rilancia il premier.

Parole che fanno quasi da ‘apripista’ ad un inizio 2016 certamente in salita per l’attività parlamentare, sulla quale, al Senato, ha fatto da poco irruzione il delicatissimo ddl del Pd per l’istituzione di una commissione bicamerale d’inchiesta sulla vigilanza del sistema bancario e sulla quale è altissima l’attenzione di partiti e istituzioni.

Ma al di là del caso banche, sono diversi i dossier-chiave ai quali il Parlamento, con la ripresa in gennaio, dovrà metter mano. Su tutti, spicca il ddl unioni civili sul quale, dopo settimane di scontri, Pd e Ap sono ben lontani dal trovare un punto di caduta, divisi da quella stepchild adoption che semina dubbi anche tra i Dem. Non a caso, il Pd ha istituito un gruppo di lavoro ad hoc, costituito da parlamentari di diverse sensibilità, per mettere nero su bianco alcuni emendamenti condivisi. Il termine per la loro presentazione è il 22 gennaio: dopo 4 giorni comincerà la discussione nell’Aula del Senato, con l’ipotesi di un ok con una maggioranza inedita Pd-M5S-Sinistra Italiana.

A Palazzo Madama, nel 2016, riemergerà poi la riforma dello ius soli ‘temperato’, approvata alla Camera il 13 ottobre. Legge che permetterà ai minori nati in Italia e figli di genitori stranieri di richiedere (con rigidi requisiti) la cittadinanza italiana ma sulla quale pende, oltre alla violenta protesta della Lega, un contesto internazionale segnato dall’allerta terrorismo.

E sempre al Senato attende da mesi un ok il ddl per l’istituzione (attesa da 30 anni) del reato di tortura, approvato in aprile alla Camera ma sul quale la commissione Giustizia ha già inserito modifiche: il testo, quindi, è destinato ad un nuovo rimpallo con Montecitorio.

Le distanze tra Pd e Ap pesano, invece, sul ddl sulla prescrizione (con il nodo del raddoppio dei tempi per i reati di corruzione) approvata in marzo alla Camera e in attesa di vedere la luce al Senato che, il 12 gennaio, riaprirà invece i battenti sulla riforma del codice degli appalti.

Il giorno prima, alla Camera, sarà quello del sì alle riforme costituzionali: il ddl Boschi tornerà quindi al Senato per i suoi passaggi finali prima del referendum, previsto per ottobre e sul quale Renzi ha in mente una campagna capillare.

“C’è tanta fame di Italia nel mondo. Dovremo rendere sempre più semplice il Paese e vedrete non ce ne sarà per nessuno”, sottolinea il premier escludendo qualsiasi rallentamento della sua azione e con un occhio a quel rapporto con l’Europa che, complice il nodo del credito, delinea una primavera ‘agitata’ sulla linea Bruxelles-Roma.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

18:55Barcellona: Spagna rafforza livello 4 allerta

(ANSA) - MADRID, 19 AGO - Il governo spagnolo ha deciso oggi, all'indomani degli attentati a Barcellona e Cambrils, di mantenere al livello 4, il penultimo più alto, il livello di allerta contro il terrorismo rafforzando però il dispositivo, ha annunciato il ministro degli Interni Juan Ignacio Zoido.

18:52Calcio: è di Mandzukic il primo gol in Serie A

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Il bianconero Mario Mandzukic è il primo marcatore del campionato di Serie A 2017/18, che parte oggi con la disputa delle partite Juventus-Cagliari e Verona-Napoli. L'attaccante croato ha portato in vantaggio la Juventus sul terreno dell'Allianz stadium contro i sardi, grazie a un girata al volo che si è insaccata nell'angolo basso alla destra del portiere Cragno. Il gol è arrivato dopo soli 12' di gioco.

18:43Barcellona: Juve-Cagliari, 1′ silenzio per vittime

(ANSA) - TORINO, 19 AGO - Un lungo applauso degli spettatori dell'Allianz Stadium di Torino ha concluso il minuto di silenzio osservato per le vittime dell'attentato di Barcellona prima del fischio d'inizio di Juventus-Cagliari, la prima partita del campionato di serie A 2017/2018.

18:42Barcellona: Valverde ‘atto deplorevole, non abbiamo paura’

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Non abbiamo paura, è questo il modo migliore per andare avanti". Così l'allenatore del Barcellona, Ernesto Valverde, sullo stato d'animo dei blaugrana dopo l'attentato di due giorni fa sulla Rambla. "Per come stanno le cose - dice in conferenza stampa - siamo tutti vittime potenziali, in una stazione della metro o in un luogo affollato. È stata una giornata difficile e diversa per coloro che l'hanno vissuta. Siamo con tutti loro". Il tecnico, all'esordio sulla panchina blaugrana nella Liga, ha definito l'attentato "un atto deplorevole". Domani il Barca sarà impegnato nella prima giornata della Liga contro il Betis Siviglia e la polizia catalana ha deciso di adottare misure di sicurezza eccezionali nel Camp Nou. I giocatori indosseranno una maglia particolare, contrassegnata dalla scritta 'Barcelona' al posto del nome del giocatore, per onorare la vittime della strage. Inoltre, il club ha lanciato l'hashtag #TotsSomBarcelona che apparirà sul petto di ogni calciatore.

18:39Calcio: Premier, Southampton col brivido, Gabbiadini in gol

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Manolo Gabbiadini ha contribuito, con un gol dopo 11', al successo del Southampton in casa sul West Ham, nella 2/a giornata della Premier. Sul terreno del St. Mary's stadium è finita 3-2 e, dopo il punto dell'attaccante italiano, è arrivato il raddoppio di Tadic su rigore al 38'. Il 'Chicharito' Hernandez ha accorciato le distanze prima dell'intervallo, concedendo il bis al 29' st. Un altro rigore, ma di Austin al 93', ha regalato il successo ai 'Saints'. Al West Bromwich Albion è bastato un gol per vincere sul campo del Burnley, mentre nel Leicester ha brillato Mahrez che, dopo il gol del vantaggio-lampo di Hokazaki, ha servito a Maguire il pallone del 2-0 definitivo. Il Liverpool ha sofferto, ma è riuscito a piegare in casa il Crystal Palace grazie a Mane, in gol al 28' st. Infine, successo del Watford per 2-0 sul campo del Bournemouth. Alle 18,30 toccherà all'Arsenal sul campo dello Stoke City, domani sarà la volta di Huddersfield-Newcastle (14,30), Tottenham-Chelsea (17).

18:38Calcio: Marotta, Juve pronta a cogliere opportunità mercato

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Il mercato è ancora aperto, noi abbiamo un gruppo che soddisfa in pieno le esigenze della società e dell'allenatore, ma terremo gli occhi aperti per cogliere le eventuali opportunità. Insomma, esigenze non ne abbiamo ma, se troveremo giocatori che faranno al caso nostro, cercheremo di cogliere l'opportunità". Così l'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Cagliari. "Perché Bonucci al Milan? Di questi tempi - ha spiegato il dirigente dei bianconeri - ogni giocatore decide il proprio destino e se si impunta per andare in una società particolare, l'accordo alla fine si trova. Ma non è un nuovo caso Pirlo: Pirlo era a parametro zero, mentre per Bonucci abbiamo preso 42 milioni. Sono i fatti del calcio, non la vedo una situazione stravolgente o straordinaria". Infine, in merito al mercato 'infinito', Marotta ha annunciato: "Faremo, assieme alle altre cinque leghe più importanti, la richiesta di far chiudere il mercato prima dell'inizio dei rispettivi campionati".

18:35Barcellona: Firenze, monitoraggio barriere e più militari

(ANSA) - FIRENZE, 19 AGO - Punto della situazione e valutazione delle eventuali misure aggiuntive sulla base delle indicazioni del Viminale e delle forze dell'ordine per garantire più sicurezza a Firenze. E' l'attività svolta oggi dal Comitato provinciale per la sicurezza a Firenze dopo l'attentato a Barcellona. Il Comune, ha spiegato al termine il sindaco Dario Nardella, fornirà "la mappatura esatta di tutte le delimitazioni delle aree sia nel centro che fuori, come dissuasori mobili e catene, per valutare se sono sufficienti o se devono essere migliorate o rafforzate". Il Comitato ha anche valutato il rafforzamento dei militari nei luoghi sensibili (progetto Strade sicure). Il sindaco ha sottolineato che "le barriere esistenti non sono state progettate e installate con finalità antiterrorismo. Una catena a presidio di un'area pedonale per non far parcheggiare non è pensata per bloccare un Tir a 80 all'ora. Però possono avere una funzione di deterrenza: saranno le forze dell'ordine a dirci dove dobbiamo intervenire".

Archivio Ultima ora