L’Italia non è più nelle secche. Renzi prepara il 2016

Pubblicato il 26 dicembre 2015 da redazione

Italian Prime Minister Matteo Renzi partecipates at the gathering of Scout "Agesci Route Nazionale 2014" in San Rossore, near Pisa, Italy, 10 August 2014. ANSA/FRANCO SILVI

Italian Prime Minister Matteo Renzi partecipates at the gathering of Scout “Agesci Route Nazionale 2014” in San Rossore, near Pisa, Italy, 10 August 2014.
ANSA/FRANCO SILVI

ROMA. – L’Italia non è più nelle secche, la ripartenza è un dato concreto. Nell’anticipazione della sua enews Matteo Renzi rivendica l’azione del suo governo e si prepara, idealmente, ad un 2016 che, tra l’appuntamento delle amministrative, il referendum sulle riforme e il delicato rapporto con l’Europa, si preannuncia decisivo.

E non a caso il premier, intervenendo alla fine di un dicembre segnato dal caso banche, ricorda i “tantissimi dossier impantanati da anni” e sbloccati nel 2015. “Non significa che abbiamo fatto tutto bene o che non c’è altro da fare. Ma la verità è che l’Italia non è più incagliata nelle secche, e la svolta in questo 2015 c’è stata”, rilancia il premier.

Parole che fanno quasi da ‘apripista’ ad un inizio 2016 certamente in salita per l’attività parlamentare, sulla quale, al Senato, ha fatto da poco irruzione il delicatissimo ddl del Pd per l’istituzione di una commissione bicamerale d’inchiesta sulla vigilanza del sistema bancario e sulla quale è altissima l’attenzione di partiti e istituzioni.

Ma al di là del caso banche, sono diversi i dossier-chiave ai quali il Parlamento, con la ripresa in gennaio, dovrà metter mano. Su tutti, spicca il ddl unioni civili sul quale, dopo settimane di scontri, Pd e Ap sono ben lontani dal trovare un punto di caduta, divisi da quella stepchild adoption che semina dubbi anche tra i Dem. Non a caso, il Pd ha istituito un gruppo di lavoro ad hoc, costituito da parlamentari di diverse sensibilità, per mettere nero su bianco alcuni emendamenti condivisi. Il termine per la loro presentazione è il 22 gennaio: dopo 4 giorni comincerà la discussione nell’Aula del Senato, con l’ipotesi di un ok con una maggioranza inedita Pd-M5S-Sinistra Italiana.

A Palazzo Madama, nel 2016, riemergerà poi la riforma dello ius soli ‘temperato’, approvata alla Camera il 13 ottobre. Legge che permetterà ai minori nati in Italia e figli di genitori stranieri di richiedere (con rigidi requisiti) la cittadinanza italiana ma sulla quale pende, oltre alla violenta protesta della Lega, un contesto internazionale segnato dall’allerta terrorismo.

E sempre al Senato attende da mesi un ok il ddl per l’istituzione (attesa da 30 anni) del reato di tortura, approvato in aprile alla Camera ma sul quale la commissione Giustizia ha già inserito modifiche: il testo, quindi, è destinato ad un nuovo rimpallo con Montecitorio.

Le distanze tra Pd e Ap pesano, invece, sul ddl sulla prescrizione (con il nodo del raddoppio dei tempi per i reati di corruzione) approvata in marzo alla Camera e in attesa di vedere la luce al Senato che, il 12 gennaio, riaprirà invece i battenti sulla riforma del codice degli appalti.

Il giorno prima, alla Camera, sarà quello del sì alle riforme costituzionali: il ddl Boschi tornerà quindi al Senato per i suoi passaggi finali prima del referendum, previsto per ottobre e sul quale Renzi ha in mente una campagna capillare.

“C’è tanta fame di Italia nel mondo. Dovremo rendere sempre più semplice il Paese e vedrete non ce ne sarà per nessuno”, sottolinea il premier escludendo qualsiasi rallentamento della sua azione e con un occhio a quel rapporto con l’Europa che, complice il nodo del credito, delinea una primavera ‘agitata’ sulla linea Bruxelles-Roma.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

13:09Mauritania: introdotta la pena di morte per blasfemia

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - La Mauritania ha deciso di irrigidire le leggi contro la blasfemia e l'apostasia, dopo che un tribunale locale ha deciso di rilasciare una blogger accusata di aver criticato il profeta Maometto. Un emendamento all'articolo 306 del codice penale del Paese imporrà la pena di morte per "qualunque musulmano, uomo o donna, che ridicolizzi o insulti Allah". Secondo quanto riportato dall'agenzia stampa AMI, il pentimento non esonererà dalla pena.

13:03Caccia Igor: in proroga “necessità identificare complici”

(ANSA) - BOLOGNA, 24 NOV - Il 6 novembre la Procura di Bologna ha chiesto al Gip la proroga delle indagini in corso su Norbert Feher-Igor Vaclavic. Nella richiesta, visionata dall'ANSA, il serbo latitante risulta unico indagato e l'atto è motivato dalle indagini ancora in corso con l'analisi del traffico telefonico dello straniero "volto a confermare la presenza nei luoghi dei delitti" e da intercettazioni "anche volte a identificare le persone che ne hanno favorito la latitanza e la fuga". La richiesta è stata inoltrata dal Pm Marco Forte al Gip Letizio Magliaro, scaduti i primi sei mesi per le indagini preliminari. E' in corso di notifica all'avv. Cesare Pacitti, difensore del latitante, e alle persone offese: le due vittime degli omicidi, la vedova del barista Davide Fabbri, i familiari della guardia volontaria Valerio Verri. Oltre a loro, l'agente di polizia provinciale Marco Ravaglia ferita nell'agguato nel Mezzano, la guardia giurata rapinata a Consandolo e un pachistano aggredito tra i due omicidi. (ANSA).

12:49Condannato per omicidio, latitante arrestato all’estero

(ANSA) - BENEVENTO, 24 NOV - E' stato catturato dalla Polizia di Stato in Croazia il latitante Paolo Messina Junior, di 35 anni. Condannato dalla Corte di Assise di Benevento a 24 anni di reclusione per l'omicidio volontario di Antonello Rosiello, un imprenditore ucciso per ragioni economiche a colpi di pistola nelle prime ore del 25 novembre del 2013, era fuggito all'estero da 23 giorni. I particolari della complessa operazione che ha portato alla cattura in territorio estero saranno resi noti in mattinata nel corso di una conferenza stampa presso la Procura della Repubblica di Benevento. Al termine della vicenda processuale, l'uomo, anch'egli imprenditore nel settore dell'impiantistica da riscaldamento, si era reso irreperibile. I poliziotti della Squadra Mobile di Benevento, coordinati dal Servizio Centrale Operativo, della Direzione Anticrimine della Polizia di Stato, che ha loro fornito il supporto operativo e tecnico necessario, attraverso articolate attività tecniche, hanno individuato l'uomo.(ANSA).

12:32Zimbabwe: Mnangagwa ha giurato, è il nuovo presidente

(ANSA) - HARARE, 24 NOV - Emmerson Mnangagwa ha prestato giuramento quale nuovo presidente dello Zimbabwe al posto di Robert Mugabe, al potere da 37 anni ma dimessosi martedì su pressione dei militari. Mnangagwa, suo ex braccio destro, ha promesso di dedicarsi al benessere del popolo ed è stato acclamato da decine di migliaia di persone.

12:23Turchia: 79 mandati d’arresto contro ex docenti ‘gulenisti’

(ANSA) - ISTANBUL, 24 NOV - Nuovi blitz stamani in Turchia contro sospetti affiliati alla presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Ankara ha emesso 79 mandati d'arresto contro ex docenti di scuole private - ora chiuse con decreti dello stato d'emergenza - che secondo i magistrati facevano capo alla fitta rete di strutture educative dei 'gulenisti'. Lo riporta l'agenzia statale Anadolu. La polizia ha avviato un'operazione per cercare di catturare i ricercati in diversi quartieri della capitale turca. Le retate avvengono nel giorno in cui si celebra la 'Giornata degli insegnanti', ricorrenza tradizionalmente molto sentita nel Paese.

12:21Brexit: May, negoziati positivi, andare avanti insieme

(ANSA) - BRUXELLES, 24 NOV - "Vedrò Tusk qui oggi, per parlare dei negoziati positivi in corso, guardando alla futura partnership approfondita e speciale che voglio con l'Ue. I negoziati continuano ma ciò su cui sono chiara è che dobbiamo andare avanti assieme. Sta sia alla Gran Bretagna che all'Ue arrivare alla prossima fase". Così la premier britannica Theresa May arrivando al quinto vertice sul Partenariato orientale, a Bruxelles.

12:10Incidente nel Sassarese, 14enne muore travolto da autobus

(ANSA) - ITTIRI, 24 NOV - Un ragazzo di 14 anni è stato investito e ucciso da un' autobus dell' Arst a Ittiri nel Sassarese. Il giovane che frequentava lo scientifico a Sassari, insieme a decine di studenti stava aspettando il bus nel piazzale antistante il cimitero per andare a scuola: quanto l'autobus è arrivato i ragazzi hanno cominciato a corrergli a fianco per cercare di salire prima degli altri e assicurasi un posto a sedere. Nella calca, il 14enne potrebbe essere rimasto impigliato tra le ruote centrali dell'autosnodato ed è stato travolto. Immediatamente i ragazzi che erano con lui hanno cominciato a battere sull'autobus: l'autista si è fermato subito ma per il ragazzo non c'era più nulla da fare. Immediati i soccorsi: sotto choc i ragazzi e l'autista che nonostante la sua esperienza non è riuscito a salvare il ragazzo. Il padre della vittima è un geometra del comune di Ittiri, molto conosciuto e stimato in paese.

Archivio Ultima ora