Un intenso 2016 per il Papa, tanti progetti da completare

Pubblicato il 27 dicembre 2015 da redazione

Roma 14/02/2014 Festa di San Valentino Papa Francesco riceve in udienza in Piazza San Pietro coppie di fidanzati Ph: Cristian Gennari/Siciliani

Roma 14/02/2014
Festa di San Valentino
Papa Francesco riceve in udienza in Piazza San Pietro coppie di fidanzati
Ph: Cristian Gennari/Siciliani

CITTA’ DEL VATICANO. – E’ come se, dopo tre anni di pontificato, il 2016 rappresentasse l’anno in cui raccogliere finalmente i risultati nei tanti terreni dove papa Francesco ha seminato. E’ un altro anno cruciale quello che attende il Pontefice argentino, ed ancor più importante perché dalla fase della progettualità messa in campo in tanti settori, si deve passare ora a quella della maturazione e della raccolta dei frutti. E su questo Bergoglio, che 10 giorni fa ha compiuto 79 anni, non ha mai nascosto una certa, operosissima fretta.

Dal Giubileo che ora procede spedito – nonostante la coincidenza con l’escalation terroristica su scala globale ne abbia un po’ fiaccato le attese numeriche in termini di pellegrini – alle fila da tirare dei due Sinodi dei Vescovi sulla famiglia, dalla riforma della Curia da condurre in porto alle strategie nei campi della diplomazia e delle azioni di pace: molti sono i fronti che vedono impegnati Bergoglio e la Santa Sede, proprio in un anno, tra l’altro, in cui la “terza guerra mondiale a pezzi” così battezzata dal Pontefice fa sentire sempre più le sue ombre minacciose, accentuate dalle paure e dagli orrori sparsi dal terrorismo islamista, giunti fin nel cuore dell’Europa, e non solo.

Proprio col Giubileo straordinario papa Francesco ha posto la sua Chiesa e il suo pontificato sotto l’insegna della “misericordia”, di un cristianesimo fondato sul perdono, l’accoglienza del diverso, la tenerezza, la comprensione dell’altro, in contrasto con una fede che altri vogliono arcigna, fatta di giudizi e di condanne, che dice più ‘no’ che ‘sì’.

E non è un caso che proprio nell’Anno giubilare, con tutta probabilità questo febbraio, Bergoglio pubblicherà l’esortazione che scaturisce dal doppio Sinodo sulla famiglia: e anche qui la misericordia sarà protagonista, in particolare verso le situazioni delle famiglie “irregolari”, come anche verso i divorziati risposati, per il cui ritorno ai sacramenti è stata studiata la soluzione del “caso per caso”, in un’ottica “penitenziale”, da affidare alla valutazione del confessore sotto l’egida del vescovo diocesano.

Nel 2016, proprio per i tanti impegni del Giubileo, Francesco limiterà il numero dei viaggi: per ora sono in programma il Messico dal 12 al 18 febbraio (una “costola” di quello dello scorso settembre a Cuba e negli Usa) e la Polonia il prossimo luglio per la Gmg di Cracovia, anche questo un evento dell’Anno Santo, in quanto “Giubileo dei giovani”.

Rinviata al 2017, invece (quando il cardinale arcivescovo Angelo Scola avrà già compiuto 75 anni), la visita che era stata fissata per il 7 maggio a Milano. E altre in Italia per ora non sono in vista. Un grande evento giubilare sarà anche la canonizzazione di Madre Teresa, prevista per il prossimo 4 settembre nell’anniversario della morte: i vescovi indiani hanno chiesto che si faccia a Calcutta, e si vedrà cosa deciderà il Papa.

Sempre nel nuovo anno prenderà forma pressoché definitiva la riforma della Curia, anche se sessioni del “Consiglio dei nove cardinali” (C9) sono state programmate fino a tutto dicembre 2016: dopo le già costituite Segreterie per l’Economia e per le Comunicazioni (in quest’ultimo campo ci saranno avvicendamenti, come quello già annunciato del giornalista ex-Fox News Greg Burke al posto di padre Ciro Benedettini alla vice-direzione della Sala stampa vaticana), vedranno la luce due nuovi dicasteri, il “laici, famiglia e vita”, con l’accorpamento dei rispettivi Pontifici Consigli e Accademia, e il “giustizia, pace e migrazioni”, anch’esso frutto di fusioni di attuali Consigli.

Non rappresenterà un ostacolo per la riforma, anzi un incentivo ad andare avanti, come ha detto lo stesso Bergoglio, l’esito dello scandalo “Vatileaks 2”, con la conclusione del processo con cinque imputati, in procinto di riprendere a febbraio dopo gli accertamenti tecnici richiesti dalla difesa.

In attesa di un possibile Concistoro per la nomina di nuovi cardinali (nel 2016 ben dieci porporati compiranno gli 80 anni, portando il numero degli elettori a soli 107, ben al di sotto del ‘tetto’ di 120 fissato da Paolo VI e confermato da Giovanni Paolo II), per Bergoglio restano ferme sul tavolo di lavoro le priorità dei rapporti con le altre religioni, dell’azione diplomatica e della pace.

Il Giubileo ha tra i caposaldi anche quello del dialogo con ebrei e musulmani, e se il 17 gennaio il Papa andrà in visita alla Sinagoga di Roma, terzo Pontefice nella storia, non è escluso anche un gesto altamente simbolico verso l’Islam.

Nella diplomazia, in cui la Santa Sede è tornata fortemente attiva – un anno fa veniva annunciato lo storico disgelo tra Cuba e Stati Uniti cui il Vaticano ha ampiamente contribuito -, c’è un dossier che per papa Francesco è fondamentale: la Cina. Il dialogo con Pechino è ripreso dopo anni di gelo, ed è possibile che importanti novità maturino.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

22:12Calcio: Mirabelli, Montella? Ognuno ha un suo tempo

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Ognuno di noi ha un tempo nella vita e nel mestiere che fa, non solo Montella. Questo Milan è stato costruito con tutti i rischi del caso: abbiamo voluto dare al mister un gruppo di giocatori giovani, con un buon futuro. La proprietà non è affatto lontana, è vicina e ci sta facendo lavorare tutti al meglio, ma il tempo è un orologio per tutti". Così il ds rossonero Massimiliano Mirabelli su Vincenzo Montella, parlando a Sky poco prima della sfida di Europa League contro l'Aek Atene. "Il futuro dell'allenatore è legato ai risultati? È il rischio del nostro lavoro - ha risposto il dirigente - A volte capita anche a grandi allenatori e grandi dirigenti di non ottenere risultati in un anno. Finora abbiamo fatto vedere buone cose in alcuni momenti, mentre in altri no: non ce lo possiamo permettere. Ma stiamo lavorando affinché la squadra sia consapevole della propria forza. Non dimentichiamo che il Milan è la squadra che dà più giocatori alle Nazionali: è un gruppo forte, deve diventare presto squadra".

22:10Morte Magherini: appello conferma condanne di 3 carabinieri

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La corte d'appello di Firenze ha confermato nella sostanza la sentenza di primo grado con cui furono condannati tre carabinieri per omicidio colposo nella vicenda della morte di Riccardo Magherini, il 40enne deceduto in strada a Firenze durante un controllo la notte del 3 marzo 2014. Condannati quindi i carabinieri Vincenzo Corni a 8 mesi, Stefano Castellano e Agostino Della Porta a 7 mesi ciascuno. Restano assolte le due volontarie della Croce Rossa, Claudia Matta e Jannetta Mitrea.

22:04‘Marcia su Roma’ di Fn non si farà il 28, ipotesi 4 novembre

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Forza Nuova (Fn) ha rinunciato a tenere qualsiasi iniziativa il 28 ottobre, anniversario della Marcia su Roma fascista del 1922, dopo il divieto notificato dalla Questura della Capitale per la manifestazione annunciata. "Nel pomeriggio odierno i promotori si sono presentati in Questura comunicando nuove modalità di svolgimento dell'iniziativa, che sono oggetto di adeguate valutazioni - si legge in una nota della Questura -. Il 28 ottobre, quindi, non si terrà nessun evento". Forza Nuova ha presentato preavviso per un'altra data. Si lavora all'ipotesi del 4 novembre, giornata dell'Unità della nazione delle forze armate, con un corteo all'Eur sul percorso previsto per il 28. "Non abbiamo ancora sciolto la riserva sul 28 - dice il leader di Forza Nuova Roberto Fiore -, stiamo cercando un modo di risolvere l'impasse". Fn non avrebbe ancora ritirato la comunicazione per quel giorno e lancia un appello online al ministro dell'Interno Marco Minniti, che da settimane ha detto che la Marcia non sarà autorizzata.

21:55‘Ndrangheta: Riesame scarcera imprenditore Lugarà

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - E' stato scarcerato per mancanza dei gravi indizi di colpevolezza dal Tribunale del Riesame di Milano Antonino Lugarà, l'imprenditore arrestato per corruzione quasi un mese fa nel maxi blitz delle Procure di Monza e Milano contro 'ndrangheta e corruzione. Lugarà, difeso dai legali Luca Ricci e Bruno Brucoli, era finito in carcere con l'accusa di aver procurato voti per l'elezione del sindaco di Seregno (Monza e Brianza) Edoardo Mazza di FI, anche lui arrestato, in cambio del via libera alla realizzazione di un centro commerciale. Lugarà è uscito in serata dal carcere di Opera, dove era detenuto dal 26 settembre scorso, su decisione del collegio del Riesame presieduto da Luisa Savoia che ha accolto il ricorso per l'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Monza, presentato dal legale Luca Ricci (le motivazioni della decisione saranno depositate tra 45 giorni).

21:44Calcio: Europa League, Nizza-Lazio 1-3

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Dura meno di un minuto l'illusione del Nizza contro la Lazio che, a sua volta, vede proseguire anche in Europa League il momento magico: all'Allianz Riviera, i biancocelesti s'impongono in rimonta per 3-1. Padroni di casa avanti al 4': Jallet in area serve all'indietro Sneijder; cross dell'olandese per la testa di Balotelli che batte Strakosha. Meno di 60 secondi e la Lazio pareggia: palla al centro e lancio di Luis Felipe per Milinkovic-Savic che spizza di testa; Caicedo sfrutta l'indecisione tra Cardinale e Dante e batte il portiere da due passi. Non succede granché fino alla nuova fiammata laziale, che arriva al 65': cross di Caicedo dalla linea di fondo che serve centralmente Milinkovic-Savic; il numero 21 anticipa l'intervento di Le Marchand e batte Cardinale di destro. L'1-3 giunge all'89' sugli sviluppi di un angolo: Milinkovic-Savic di testa batte ancora il n. 1 del Nizza. Nell'altra gara della 3/a giornata: Zulte Waregem-Vitesse Arnhem 1-1. Classifica: Lazio 9; Nizza 6; Vitesse e Waregem 1.

21:28Lega: motivazioni, Bossi consapevole truffa rimborsi

(ANSA) - GENOVA, 19 OTT - Umberto Bossi e Francesco Belsito "erano consapevoli delle irregolarità dei rendiconti da loro sottoscritti". Lo scrivono i giudici del tribunale di Genova nelle motivazioni della sentenza con cui hanno condannato il Senatur a 2 anni e 2 mesi e l'ex tesoriere della Lega Nord a 4 anni e 10 mesi per la maxi truffa per i rimborsi elettorali. Consapevole era Belsito "autore materiale delle appropriazioni" ma anche Bossi "considerato che la irregolare gestione contabile si protraeva da anni", che il Senatur "i suoi familiari e persone del suo entourage erano i beneficiari delle spese, anche ingenti, a fini privati, e che i rimborsi mensili forfettari e in nero, anche per attività inesistenti e comunque non documentate erano erogati anche a favore dei suoi stretti congiunti e collaboratori; che per ragioni di carica aveva certamente contatti continui con Belsito che non vi era nessuna logica ragione di effettuare spese ed erogazioni a favore di Umberto Bossi e dei suoi familiari a sua insaputa".

21:05Morto a Santa Croce: procura sequestra area decesso

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La procura di Firenze ha deciso di porre sotto sequestro l'area della basilica di Santa Croce dove oggi si è verificato l'incidente mortale a un turista spagnolo per il distacco di un frammento che lo ha colpito. La decisione è stata presa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo aperta sul fatto. Sul caso è stata aperta un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di santa Croce ha spiegato, attraverso il segretario generale Giuseppe De Micheli, che controlli erano stati effettuati una settimana fa in occasione della pulitura delle vetrate.

Archivio Ultima ora