La sfida di Renzi all’Ue: banche, flessibilità e migranti

Pubblicato il 28 dicembre 2015 da redazione

08/03/2014 Roma, il governo presenta il Documento di Economia e Finanza. Nella foto il premier Matteo Renzi

08/03/2014 Roma, il governo presenta il Documento di Economia e Finanza. Nella foto il premier Matteo Renzi

BRUXELLES. – Nell’immediato, il nodo del salvataggio delle banche. Quindi i migranti, e la procedura d’infrazione sulle impronte. E sullo sfondo il tema cruciale della flessibilità, in vista del via libera di primavera della Legge di Stabilità. Insomma, gran parte dell’agenda di governo del 2016, sul piano economico come su quello politico, sarà fortemente condizionata dall’esito della sfida tra il premier Matteo Renzi e Bruxelles.

Si tratta del “Cantiere Europa”, come lo ha definito il sottosegretario Sandro Gozi, cioè la battaglia per far cambiare musica alla Ue, dove, come ricorda sempre Gozi, “non c’è solo Beethoven, ma anche Verdi, Puccini e Bizet”. L’obbiettivo è una nuova Ue attenta allo sviluppo e all’occupazione, e non solo ”agli zero virgola”, come ripete spesso Renzi, più collegiale e non a guida tedesca.

Temi sul tavolo già nelle prossime settimane, quando Renzi vedrà il Presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, e Angela Merkel. Un fronte ambizioso, aperto esplicitamente dallo stesso Renzi, durante l’ultimo Consiglio europeo di questo 2015, un ‘annus horribilis’ per l’Ue.

In quella occasione, Renzi disse che era tempo per l’Italia di uscire dalla “”cultura della subalternità”. E a porte chiuse affrontò Angela Merkel, polemizzando sul Nord Stream. “Cara Angela – le disse – non potete raccontarci che state donando il sangue all’Europa”.

Primo banco di prova di questa partita tra Roma e Berlino, via Bruxelles, riguarderà proprio le banche: sin dai primi giorni del 2016 il tentativo di completare l’Unione bancaria con uno schema unico di garanzia per i depositi si continuerà a scontrare con l’opposizione della Germania, tra i Paesi che più ha beneficiato delle vecchie regole Ue per aiutare le proprie banche.

Già l’anno scorso, Bruxelles mise nel mirino le banche italiane, preoccupata per i tanti crediti deteriorati accumulati, chiedendo di trovarvi una soluzione con “misure vincolanti entro fine 2015”. Era stato inizialmente accolto come un segnale positivo la riforma delle popolari realizzata un anno fa, e poi quella delle fondazioni.

A inizio febbraio era stato avviato il dialogo sulla costituzione di una ‘bad bank’ italiana per risolvere il problema. Il confronto è continuato tutto l’anno, con continui contatti e incontri anche del ministro all’economia Pier Carlo Padoan con i diversi commissari coinvolti, in particolare la responsabile alla concorrenza Margrethe Vestager.

A settembre però arriva la doccia fredda: nessuna speranza di chiudere in tempi brevi. A gelare proprio la commissaria alla vigilia della missione a Roma: “Non siamo in alcun modo vicini alla conclusione”.

Il nodo è sempre lo stesso: gli aiuti di Stato e il giro di vite del 2013 per il loro utilizzo nel salvataggio delle banche, e l’entrata in vigore tra 2015 e 2016 della direttiva sulla risoluzione (Brrd) prevede che i costi ricadano sui privati.

Oltre al nodo banche, Roma sotto la lente Ue anche sul fronte dei presunti aiuti di stato all’Ilva, un dossier già oggetto di una procedura d’infrazione. Infine, ma non meno inquietante, la tensione sul tema dei migranti. Anche su questo fronte, su Roma pende una procedura d’infrazione per eventuali inadempienze sul fronte del riconoscimento.

Di contro il governo da tempo spinge perché l’Ue trovi in tempi rapidi un’intesa su come superare Dublino, considerato unanimemente obsoleto.

(di Marcello Campo/ANSA)

Ultima ora

11:37Yemen: Pentagono, raid contro Al Qaida, 7 uccisi

(ANSAmed) - BEIRUT, 23 MAG - Almeno 7 presunti miliziani di al Qaida sono stati uccisi nelle prime ore di oggi in Yemen in un raid americano compiuto con bombardamenti aerei e l'impiego di forze speciali a terra, secondo fonti citate dall'agenzia americana Ap. L'attacco è avvenuto nella provincia centrale di Marib. Un comunicato del Pentagono, citato anche da media arabi, afferma che sette membri di al Qaida sono stati uccisi in un attacco in cui è stata usata "una combinazione di armi da fuoco leggere e raid aerei di precisione". Fonti della sicurezza yemenita e di clan tribali locali, citati appunto dalla Ap, affermano che elicotteri Usa hanno trasportato soldati americani nell'area. Esponenti tribali locali, in particolare, riferiscono che esplosioni, seguite dal rumore di elicotteri e di sparatorie, sono state udite nell'area di Al Sirim.

11:35L. elettorale: Prodi, anche sistema tedesco dà instabilità

(ANSA) - MILANO, 23 MAG - "Io sono per l'uninominale, cioè il maggioritario": l'ex presidente del Consiglio Romano Prodi è tornato a ripeterlo a un seminario sulla Belt and Road Initiative organizzato dalla fondazione Italia Cina e dallo studio legale Dentons. "È inutile che ogni giorno mi chiediate se cambio parere. Il proporzionale - ha aggiunto - e tutto quello che gli assomiglia, compreso il sistema tedesco, dà instabilità al Paese e io voglio un Paese stabile".

11:30Basket: Nba, Golden State vince a Ovest e vola in finale

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - I Golden State Warriors si aggiudicano la Western Conference con un 4-0 nella serie di finale contro i San Antonio Spurs. Curry e compagni si sono imposti in Texas per 129-115, senza lasciare anche stavolta nemmeno un match agli avversari: la stessa sorte, infatti, era già toccata ai Portland Trail Blazers e agli Utah Jazz. Un 12-0 nei playoff Nba senza precedenti. Golden State accede dunque alla sua terza finale Nba consecutiva, dove potrebbe trovare ancora i Cleveland Cavaliers di LeBron James che, a loro volta, nella finale della Eastern Conference, sono in vantaggio 2-1 nella serie contro i Boston Celtics (stasera gara-4, ma non sarà decisiva). Tra Warriors e Cavaliers sarebbe una sorta di bella, essendosi spartiti i successi delle precedenti due edizioni. In casa Spurs, da segnalare l'omaggio del pubblico tributato a Manu Ginobili, ancora incerto sul suo futuro: per il 39enne argentino potrebbe essere stata l'ultima gara in carriera. Ieri ha messo a segno 15 punti in 32 minuti iniziati da titolare.

11:24Manchester: City e United, vicini alle persone coinvolte

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Il mondo dello sport non manca di far giungere la propria solidarietà per l'attentato di Manchester: in queste ore, soprattutto sui social network, si stanno moltiplicando infatti i messaggi di sostegno ai familiari delle vittime e alla città, inviati anche dall'Italia. Fra i due club calcistici di Manchester, le prime parole sono giunte via Twitter intorno alle 2.20 del mattino dal City: "Con grande tristezza abbiamo appreso dei terribili eventi all'Arena. Tutte le persone coinvolte e tutti i soccorritori della città sono nei nostri cuori". Poco dopo le 8, quindi, si è unito anche lo United: "Siamo profondamente colpiti dai terribili eventi di ieri sera alla Manchester Arena - si legge sempre su Twitter - I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per tutti coloro che sono stati coinvolti".

11:10Province: mobilitazione lavoratori, corteo a Torino

(ANSA) - TORINO, 23 MAG - Dietro al gonfalone dell'ente e allo striscione 'Città metropolitana... la riforma che non c'è', è partito il corteo dei lavoratori della Città Metropolitana di Torino. La manifestazione è promossa dai sindacati di categoria nell'ambito della protesta nazionale per denunciare le difficoltà in cui versano le province. La mobilitazione che coinvolge circa 200 persone, è stata indetta per denunciare le difficoltà economiche "dell'ente che mettono a rischio i servizi per i cittadini", ma anche "la precarietà del personale impiegato in questi servizi". Il corteo raggiungerà il centro di Torino, dove è previsto un incontro col prefetto, Renato Saccone, mentre le segreterie regionali dei sindacati incontreranno il presidente dell'Unione Province Piemontesi, Emanuele Ramella. "Chiediamo al Governo di ripristinare i fondi per servizi fondamentali, come manutenzione di strade e scuole, presidio del territorio e occupazione", dice il vicesindaco metropolitano Marco Marocco, che partecipa al corteo.(ANSA).

11:08Francia: 27 feriti in un incendio in una scuola di Rennes

(ANSA) - PARIGI, 23 MAG - Un grave incendio si è sviluppato ieri notte nel residence universitario della scuola di ingegneri Supélec di Rennes: 27 studenti sono rimasti feriti nel sonno, uno di loro sarebbe tra la vita e la morte e diversi in grave stato. Il fuoco sarebbe partito da una stanza del primo piano, riporta il sito di France Bleu. Non si conoscono ancora le cause dell'incendio che si è sviluppato intorno alle 2.30 del mattino: alcuni studenti, per sfuggire alle fiamme, si sono gettati dalle finestre. Sempre secondo la radio più di 70 pompieri sono arrivati sul luogo e 53 studenti sono stati evacuati

11:03Bagnasco, urgenti politiche famiglia, attenzione populismi

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - La famiglia non riceve attenzione da parte delle istituzioni. Come i giovani per i quali perdura il "dramma della disoccupazione". "Sono urgenti politiche familiari" e risorse perché "non sostenere la famiglia è suicida". Come pure è responsabilità della politica sostenere il lavoro. Lo ha detto il presidente Cei, card. Angelo Bagnasco, nella Prolusione all'assemblea. "Quante volte abbiamo detto che la cultura oggi disprezza la famiglia e la politica la maltratta! Come se questo nucleo, questo microcosmo, fosse vecchio e superato, e si dovesse viaggiare trionfalmente verso nuove forme". Per Bagnasco occorre poi prestare attenzione ai fenomeni politici che investono l'Europa, come il "marcato populismo, che, mentre afferma di voler semplificare problemi complessi e di promuovere nuove forme di partecipazione, si rivela superficiale nell'analisi come nella proposta, interprete di una democrazia solo apparente. Ma il populismo non può essere snobbato", "se non altro perché raccoglie sentimenti diffusi".

Archivio Ultima ora