Assalto alla Banca Etruria, la rabbia dei risparmiatori ad Arezzo

Pubblicato il 28 dicembre 2015 da redazione

Banche: protesta risparmiatori Etruria, 'rivogliamo soldi rubati'

AREZZO. – “Ladri, ladri. Rivogliamo i nostri soldi rubati”: la rabbia dei risparmiatori che si ritengono danneggiati da Banca Etruria è esplosa di nuovo davanti alla sede centrale dell’istituto di credito ad Arezzo. Una cinquantina di persone è arrivata alla spicciolata, sfidando il freddo e la nebbia, ed è rimasta per diverse ore davanti alla banca.

Molti i volti noti, quelli stessi che hanno già manifestato prima davanti a Montecitorio, poi in occasione della convention della Leopolda con il premier e davanti a Bankitalia. Ripetono le loro storie fatte di disperazione e sconforto dopo aver saputo che tutti i loro risparmi erano andati in fumo, se la prendono con il governo, con il premier, con Bankitalia, Consob, con il vecchio management della banca ma anche con la Nuova Banca dell’Etruria.

Anche se i nuovi istituti ‘ripuliti’ sarebbero disposti a dialogare sulla posizione degli obbligazionisti più colpiti, ma al momento non è arrivata alcuna richiesta formale in tal senso.

Durante la manifestazione non sono mancati momenti di tensione soprattutto quando un gruppo ha cercato di entrare nella sede della banca, qualcuno ha preso a pungi la porta a vetri d’ingresso, hanno guadagnato l’atrio, ma poi sono stati bloccati prima di raggiungere la seconda porta d’ingresso. C’è stato anche il lancio di qualche uovo, ma la protesta, seguita dalle forze dell’ordine, è rimasta sempre pacifica. Per un po’ di tempo il traffico è rimasto paralizzato in due strade della città.

“Questo governo avrà salvato seimila posti di lavoro – ha detto un manifestante proveniente da Città di Castello – ma ha gettato sul lastrico 130mila risparmiatori. Ho tolto tutti i conti che avevo dalle banche italiane, troppo inaffidabili”. “Aiutateci – ha aggiunto una donna di Empoli -, dateci una mano a recuperare ciò che è nostro”.

All’uscita dal lavoro alcuni dipendenti della banca si sono soffermati con chi contestava, esponendo tutto il loro disagio per quanto sta accadendo. La maggior parte degli impiegati ha seguito quanto accadeva chiuso dentro gli uffici, in qualche caso alla finestra.

Intanto il Codacons, che ha appoggiato la manifestazione e ne ha annunciate altre per i prossimi giorni, ha fatto sapere che si stanno definendo le prime cause risarcitorie. “Le nostre iniziative a tutela dei risparmiatori non si fermano però alle proteste di piazza – ha spiegato il presidente Carlo Rienzi -.

Stiamo infatti definendo le prime cause risarcitorie che partiranno a inizio 2016, attraverso le quali gli investitori che hanno visto azzerati i propri risparmi chiedono il rimborso integrale delle obbligazioni subordinate, vendute in modo truffaldino senza adeguate informazioni sui rischi e in mancanza di avvisi alla clientela circa lo stato di dissesto degli istituti emittenti”.

Ultima ora

14:37Terremoto: Zingaretti, con governo fatti passi avanti

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Con il governo abbiamo fatto dei passi avanti, nel senso che ora abbiamo più certezze per un progetto che è divenuto più solido. Stiamo lavorando per mantenere gli impegni e per far tornare la gente nei propri territori, come conferma la presenza di ben 38 cantieri". Lo ha sottolineato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, uscendo da Palazzo Chigi al termine dell'incontro con il presidente del Consiglio Gentiloni dedicato al terremoto del Centro Italia.(ANSA).

14:36Calcio: Olimpico senza barriere dal derby di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Il derby di Coppa Italia si giocherà con le curve dell'Olimpico senza barriere. Partiranno domattina, infatti, i lavori per la rimozione dei divisori: il primo settore ad essere interessato sarà quello della Nord, che resterà chiuso per la partita Roma-Empoli, in programma sabato sera. A seguire, anche la curva Sud sarà liberata dalle barriere: i lavori termineranno martedì mattina, in tempo per il derby di Coppa Italia del 4 aprile.

14:08Migranti: Kompatscher, serve cambio di rotta dell’Europa

(ANSA) - BOLZANO, 28 MAR - "Dobbiamo cambiare rotta. Serve una svolta della politica comunitaria per la gestione dei migranti". Lo ha detto il governatore altoatesino Arno Kompatscher in riferimento all'annuncio di Vienna di voler disattendere il piano di ricollocamento. "La posizione di Vienna - ha aggiunto - in un certo senso è comprensibile, visto che i numeri in rapporto agli abitanti sono nettamente sopra la media europea e anche sopra la media italiana". Kompatscher ha espresso rammarico "che ora dal piano di ricollocamento si sfila anche l'Austria e resta praticamente solo la Germania che sta già facendo moltissimo su questo fronte". Il presidente della provincia di Bolzano incontrerà domani ad Innsbruck il suo omologo tirolese Günther Platter e il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka.

14:06Ue: Gentiloni, flessibilità possibile e necessaria

(ANSA) - ROMA, 28 MAR -"Dobbiamo essere certi che sui margini del patto di stabilità c'è una discussione in corso e non riguarda solo l'Italia. Andrà avanti nei prossimi mesi e noi vi parteciperemo perché la flessibilità non solo è possibile ma anche necessaria in un momento in cui la crescita va incoraggiata". Così il premier Paolo Gentiloni ribadisce, dopo l'incontro a Palazzo Chigi sul terremoto, la linea italiana in Ue.

14:03Gentiloni, cerchiamo altri soldi per terremoto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Ho detto che stanzieremo almeno 1 miliardo all'anno e per 3 anni, ma stiamo lavorando per avere risorse più ingenti possibili. Le modalità con cui questo fondo sarà utilizzato saranno rese note dal governo ad aprile". Lo ha annunciato a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando delle norme per il terremoto del Centro Italia.

13:59Card. Ravasi, fuggire facile via nazionalismo e populismo

(ANSA) - PADOVA, 28 MAR - "E' una visione del tutto non cristiana quella che considera che la via più semplice di fronte all'altro è di considerarlo un rischio e un pericolo mettendo quindi in atto la paura o l'attacco, l'assalto. Ed è proprio questo che i fondamentalisti vogliono perché su quel terreno sono capaci di contrastarci. Il compito della cultura e delle religioni è di stabilire un duetto, non un duello, con voci diverse ma che possono costruire qualcosa insieme. Dobbiamo fuggire la facile via del nazionalismo e del populismo che purtroppo fa sempre scattare adesioni istintive". Così il cardinal Gianfranco Ravasi, parlando di integrazione e interculturalità a margine dell'intervento tenuto a Padova all'inaugurazione dell'anno accademico della Facoltà Teologica del Triveneto.

13:59Calcio: Simeone insegue Lacazette, lo vuole all’Atletico

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Alexandre Lacazette è finito nel mirino dell'Atletico Madrid, dove Diego Simeone vorrebbe comporre un tandem d'attacco tutto francese: Antoine Griezmann insieme all'attuale centravanti del Lione. Il miglior marcatore francese in Europa (29 gol finora) è infatti al primo posto, riferisce France Football, nella lista del ds dei 'Colchoneros', Andrea Berta, che ha cominciato già a contattare l'entourage del giocatore e il club. Secondo la rivista sportiva francese, l'Atletico sarebbe pronto a mettere sul piatto 60 milioni per il cartellino dell'attaccante che ha ancora due anni di contratto col Lione.

Archivio Ultima ora