Isis: il 5 gennaio partono gli altri 4 Tornado tedeschi

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da ansa

(ANSA) – BERLINO, 29 DIC – Partiranno il 5 gennaio gli altri 4 Tornado di ricognizione tedeschi impegnati nell’operazione militare in Siria contro l’Isis. Lo ha reso noto oggi a Berlino un portavoce dell’aviazione. I velivoli partiranno dalle basi di Jagel e Buechel, rispettivamente in Schleswig-Holstein nel nord e in Renania-Palatinato nel centro della Germania dirette alla base Nato di Incirlik, in Turchia, dove raggiungeranno i primi due Tornado già partiti a metà dicembre. Questi ultimi rientreranno in Germania a metà gennaio e saranno sostituiti da altri due Tornado. I quattro aerei in partenza il 5 gennaio inizieranno le loro missioni sui cieli della Siria a metà del mese. In tutto i Tornado in missione che la Germania ha messo a disposizione dell’alleanza contro l’Isis sono sei. A essi si aggiunge una fregata da guerra per la scorta alla portaerei francese Charles de Gaulle, il supporto di un sistema satellitare di ricognizione e 1200 soldati. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

09:06Usa: Trump, ‘lasciamo implodere l’Obamacare’

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - "Tre repubblicani e 48 democratici hanno deluso il popolo americano. Come ho detto fin dall'inizio, si lasci che l'Obamacare imploda, poi si intervenga. Guardate!". E' il tweet del presidente degli Stati Uniti Donald Trump in reazione alla bocciatura in Senato del testo sulla revoca parziale della riforma della sanità voluta da Obama.

08:42Usa: il Senato boccia il testo ‘smilzo’ per revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il voto contrario di tre senatori repubblicani, tra i quali John McCain, ha determinato la bocciatura al Senato del disegno di legge cosiddetto 'smilzo' per una revoca parziale dell'Obamacare, affossando cosi' il tentativo estremo dei repubblicani di 'revocare e sostituire' la riforma della sanità voluta da Barack Obama.

08:02Nissan-Renault-Mitsubishi leader mondiale auto

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - Il gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi è il nuovo leader mondiale dell'auto. Nel primo semestre dell'anno, infatti, le vendite hanno superato quelle del gruppo Volkswagen. Secondo le ultime rilevazioni pubblicate dalla costruttore nipponico, da gennaio a giugno le immatricolazioni hanno raggiunto 5,27 milioni a livello globale, in crescita del 7%. Le vendite della Volkswagen, dal canto suo, si sono assestate a 5,16 milioni di autovetture, con un rialzo dello 0,7%. Il costruttore giapponese Nissan - alleato di Renault dal 1999 - ha rilevato il 34% della Mitsubishi lo scorso ottobre, dando vita a un gruppo in grado di produrre 10 milioni di autoveicoli all'anno. L'accelerazione del fatturato si è concentrata prevalentemente in Cina, il primo mercato mondiale dell'auto.

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

Archivio Ultima ora