Calciomercato: El Shaarawy e Van der Wiel, i sogni di Capodanno

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

El Shaarawy (Monaco-Psv amichevole)

El Shaarawy (Monaco-Psv amichevole)

ROMA. – Le ultime voci a breve faranno spazio ai primi botti del 2016, che si preannuncia intenso per gli operatori di calciomercato. Finora è stato un susseguirsi di rumors, presto arriveranno i giochi d’artificio. Non sono pochi i club a caccia del colpaccio a gennaio, anche per raddrizzare situazioni deficitarie, o dare seguito ai determinati sogni di gloria.

Si muovono anche le grandi, con l’Inter che punta su VAN DER WIEL, in uscita dal PSG, ma a patto che si riduca l’ingaggio: l’olandese attualmente percepisce 4 milioni a stagione, ma anche per l’addio di Santon. La Fiorentina sembra in pole position per il ‘faraone’ EL SHAARAWY del Monaco, soprattutto se dovesse partire Giuseppe ROSSI (direzione Bologna o Samp).

La Juve che, nell’attesa dell’arrivo di BERARDI dal Sassuolo (operazione a giugno, costo del trasferimento del fantasista 18 milioni), incassa la richiesta di cessione di un altro ex del Sassuolo, ZAZA. L’attaccante è stato relegato al ruolo di riserva della riserva e, in una ipotetica scala gerarchica, si è visto superare dai vari DYBALA, MANDZUKIC e MORATA. Zaza chiede di poter giocare, la società bianconera lo lascerà andar via in cambio di una quindicina di milioni.

L’Empoli ha detto no a Napoli e Roma per TONELLI, ‘ni’ per SAPONARA, che può finire alla Juve, ma solo a giugno. Daniele VERDE, reduce dal prestito a Frosinone, dovrebbe essere girato dalla Roma al Pescara e non al Crotone, come si vociferava. Sul fronte giallorosso comincia a prendere corpo l’ipotesi dell’arrivo di Antonio CONTE in panchina, con Giorgio PERINETTI (cavallo di ritorno) al posto di SABATINI nel ruolo di ds. Se ne parlerà a fine stagione, per adesso al timone resta Garcia.

Per la difesa del Milan spunta il nome dell’esterno Branislav IVANOVIC, classe 1984, in scadenza a giugno con il Chelsea. Antonio CANDREVA piace anche in Bundesliga e in particolare al Borussia Dortmund. Gli inglesi del Bournemouth insistono per l’esterno colombiano ZUÑIGA, in uscita dal Napoli, che piace pure alla Samp. La squadra blucerchiata ha accolto l’arrivo di Ricky ALVAREZ, argentino ed ex Inter. Per il centrocampo piace l’atalantino CIGARINI, già nel mirino del Palermo, ma anche BENALOUANE, difensore tunisino del Leicester.

Il Verona ha ingaggiato l’ex milanista Urby EMANUELSON, che era svincolato e domani sosterrà le visite mediche. L’Atalanta ha messo gli occhi sul giovane svedese dell’Heerenveen, Sam LARSOON, 22 anni, che nell’attuale stagione ha collezionato 17 presenze, tre gol e due assist nell’Eredivisie.

Il Palermo ha presentato il venezuelano Manuel ARTEAGA per l’attacco e sta perfezionando la cessione di RIGONI al Genoa. Tre idee per la porta del Carpi, dopo le bocciature di BRKIC e BENUSSI: sono AGAZZI del Middlesbrough, RAFAEL del Napoli e PEGOLO del Sassuolo. Il Bologna, invece, vuol mettere le mani su FLOCCARI, visto che Donadoni cerca un attaccante esperto.

Sarri considera GABBIADINI incedibile ma, in caso di un’offerta da 25 milioni, il talento azzurro potrebbe anche lasciare la città del Vesuvio. La Lazio ha messo gli occhi su CALDIROLA, classe ’91, ex Inter, difensore in forza ai tedeschi del Darmstadt. Infine, per la panchina del Bari (Serie B), ci sono pure ZEMAN e ZOLA.

Ultima ora

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

Archivio Ultima ora