Reporter senza frontiere, 110 cronisti uccisi nel 2015

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

giornalista guerra

PARIGI. – Nel mondo decine di giornalisti continuano ad essere uccisi con “violenze deliberate”, mentre fanno il loro lavoro o per motivi legati alla loro professione, anche in Paesi in cui non sono in corso conflitti. A lanciare l’allarme è Reporter senza frontiere, che nel suo bilancio annuale conta 110 reporter professionisti uccisi nel 2015, a cui si aggiungono 27 ‘citizen journalists’ e 7 altre persone che lavoravano per i media.

In base alle verifiche dell’organizzazione, almeno 67 di questi cronisti sono stati senza dubbio uccisi per ragioni professionali. Per gli altri 43, spiega l’ong specializzata nella tutela del diritto d’informazione, le circostanze della morte e le motivazioni restano “non determinate”, spesso a causa di “mancanza di indagini ufficiali accurate e imparziali, scarsa buona volontà dei governi o difficoltà di indagare in regioni instabili o prive di uno Stato di diritto”.

Nell’anno che sta per chiudersi inoltre, riporta ancora Rsf, la maggior parte dei decessi non sono avvenuti in zone di guerra, ma in luoghi “pacifici” come la Francia, che con gli 8 giornalisti morti nell’attacco terroristico del gennaio scorso a Charlie Hebdo è balzata al terzo posto della classifica dei Paesi più mortali.

“Non abbiamo quasi mai inviato giornalisti in zone di guerra, il 7 gennaio è la guerra che è arrivata tra noi”, commentava il nuovo direttore del settimanale satirico, Riss, a ottobre, poco prima che Parigi fosse di nuovo teatro di una grande tragedia del terrorismo islamista. Ancora oggi, ricorda Rsf, “giornalisti e collaboratori di Charlie Hebdo vivono sotto massima protezione. Alcuni sono tuttora costretti a cambiare regolarmente domicilio.

La cronista che si occupa di questioni religiose e dell’estremismo islamico a maggio spiegava di vivere un po’ in albergo e un po’ a casa dei parenti. Insisteva sulla difficoltà di fare il suo lavoro con tali minacce, e in particolare sull’impossibilità di fare dei reportage sotto scorta di polizia”.

In testa alla graduatoria dei Paesi più pericolosi restano in ogni caso i Paesi in cui è più saldamente basato l’Isis, l’Iraq (11 vittime) e la Siria (10), seguite dalla citata Francia e dallo Yemen, terze a pari merito con 8 morti.

Il bilancio di Reporter senza frontiere cita in particolare i casi molto critici della città siriana di Aleppo, dove i cronisti si ritrovano “in una sorta di campo minato” tra “forze fedeli a Bashar el Assad, gruppi radicali o curdi e bombardamenti della coalizione”, e di quella irachena di Mosul, “un buco nero dell’informazione” stretto nella morsa dell’Isis, che qui ha già commesso “48 rapimenti e 13 esecuzioni in 18 mesi”.

Il giornalismo è un mestiere molto pericoloso anche nel sud dell’Asia, e in particolare in India, dove si moltiplicano “le violenze di tipo mafioso contro chi osa indagare sul crimine organizzato e i suoi legami con il potere politico”, come i due reporter uccisi mentre lavoravano a un’inchiesta sulle attività minerarie illegali.

Ad alto rischio anche il Bangladesh, dove nel 2015 quattro blogger “laici, portatori di valori di tolleranza” sono stati assassinati dal ramo locali di Al Qaida e dal gruppo radicale Ansarullah Bangla. “Di fronte a questo bagno di sangue – commenta Rsf – la passività delle autorità bengalesi alimenta un clima di impunità”.

(di Chiara Rancati/ANSA)

Ultima ora

15:17Incidenti stradali: scontro mezzi pesanti su A1, un morto

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Una persona è morta in un incidente stradale accaduto sull'autostrada A1 Milano-Napoli nel tratto tra Modena Nord e Modena Sud in direzione di Bologna. Intorno alle 12:10 all'altezza del km 169 sono stati coinvolti nell'incidente due mezzi pesanti, con perdita di carico da parte di entrambi - spiega una nota delle Autostrade -, costituito da latte e da fusti con liquido catramoso. Sono intervenuti sul luogo dell'evento, oltre al personale della Direzione 3/o Tronco di Bologna, le pattuglie della Polizia Stradale, i Vigili del fuoco e i soccorsi meccanici e sanitari. Si circola su una sola corsia e si registrano 4 km di coda in direzione di Bologna. Per gli automobilisti che da Milano sono diretti verso Bologna, consigliato di uscire a Modena Nord e rientrare in A1 a Modena Sud, dopo aver percorso la SS9 Via Emilia. (ANSA).

15:16Calcio: Malagò “Ko Juventus riapre campionato”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con la sconfitta della Juventus "il campionato sicuramente è diventato aperto". Ne è sicuro il presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla luce del ko della Juve ieri a Firenze. Una sconfitta che porta la Roma a -1 e il Napoli a -4 dai bianconeri sebbene la squadra di Allegri debba ancora recuperare un match: "Ora al vertice c'è un campionato nel campionato - ha aggiunto il presidente del Coni - Mi dispiace non succeda lo stesso in basso. Tra l'altro molte squadre di vertice stanno facendo un record di punti perché le formazioni che lottano per la retrocessione fanno fatica". Malagò ha poi commentato le 'nozze d'argento' di Totti con la Serie A e la maglia della Roma, festeggiate ieri a Udine: "Totti in Serie A per 25 anni consecutivi è una cosa spaventosa. Lui è uno spot per il calcio in assoluto, un eroe positivo come sono tutti questi ragazzi che stanno emergendo. Ho visto che quando è entrato ieri il pubblico di Udine lo ha applaudito, penso che il nostro calcio ha bisogno di eroi positivi".

15:07Calcio: de Magistris, genio Maradona è bene comune

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - "Per quanto riguarda il genio calcistico, Diego è un bene comune e quindi ci vuole un grande evento popolare". Lo ha detto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, parlando di Maradona, in città per lo spettacolo di Alessandro Siani, in programma stasera al Teatro San Carlo. "Penso allo stadio San Paolo o a piazza del Plebiscito - ha affermato - Spero a maggio che è il mese migliore considerando i trent'anni dal primo scudetto. Maradona è di fatto un cittadino di Napoli e a breve lo sarà ufficialmente. Ci vuole un grande evento popolare per lui".

15:05Roma: Dezko, 3 punti importanti a Udine, il resto non conta

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - I complimenti ai compagni, una sorta di mea culpa per gli errori commessi davanti alla porta. Così Edin Dzeko, all'indomani del successo della Roma sul campo dell'Udinese, commenta via social la prestazione dei giallorossi alla Dacia Arena. "Buon lavoro da parte della squadra ieri, altri tre punti importanti lontano da casa" scrive l'attaccante bosniaco su Instagram aggiungendo che "tutto il resto non importa", con tanto di scherzosa emoticon a coprirsi gli occhi in riferimento ai suoi numerosi errori, a cominciare da quello in occasione del rigore tirato alto. A completare il post di Dzeko poi, pubblicato con una foto in cui c'è la squadra che si abbraccia, un chiaro messaggio: "Non mollare e crederci sempre. Forza Roma".

15:03Violenza sessuale su allieva 13enne, 7 anni a prof di musica

(ANSA) - CAGLIARI, 16 GEN - Condannato a sette anni di carcere per abusi sessuali con una sua alunna e sospetti di adescamento verso una seconda: una sentenza più pesante di quella chiesta dall'accusa è stata inflitta dal Gup del Tribunale di Cagliari, Roberto Cau, al professore Paolo Sorrentino, 64 anni. Il pm Liliana Ledda aveva sollecitato la condanna a sei anni e otto mesi per il docente difeso dall'avvocato Antonella Piredda. Secondo l'accusa avrebbe avuto rapporti sessuali con una sua allieva di soli 13 anni quando insegnava musica in una scuola del Cagliaritano. Era stato prima indagato e poi arrestato con l'accusa di atti sessuali con minori. Per il sostituto procuratore, il prof avrebbe approfittato della posizione di docente per abusare della ragazzina dopo aver instaurato con lei un forte legame di complicità. I fatti contestati risalgono all'estate 2014. A far scattare le indagini è stata la segnalazione della madre della 13enne. La donna aveva notato comportamenti strani della figlia, sempre più introversa e taciturna, riuscendo alla fine a scoprire la verità. Oltre alla condanna a sette anni il Gup ha disposto per il docente anche un anno di divieto di avvicinamento a luoghi con bambini. Stabilito poi un risarcimento provvisionale di 80 mila euro nei confronti delle parti civili assistite dall'avvocato Gigi Porcella. (ANSA).

15:00Donna morta a Milano: uccisa con 23 coltellate

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo aver ucciso la moglie, Luigi Messina ha trascorso le successive tre ore (prima di chiamare il 118) facendo la spesa, comprando pasticcini e giocando alle slot machine. È stato il suo tentativo di crearsi un alibi. La donna - ha riferito la Squadra Mobile - è stata uccisa con 23 coltellate.

14:54Gentiloni a Berlino mercoledì prossimo

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - Angela Merkel riceverà il premier italiano Paolo Gentiloni Berlino, mercoledì prossimo alle 12 con gli onori militari. Lo ha annunciato oggi in conferenza stampa il portavoce della cancelliera, Steffen Seibert. Una conferenza stampa sarà tenuta intorno alle 13.15. Subito dopo Merkel e Gentiloni presenzieranno a una vertice economico italo-tedesco in programma nella sede del ministero dell'Economia, dove terranno entrambi un discorso.

Archivio Ultima ora