Reporter senza frontiere, 110 cronisti uccisi nel 2015

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

giornalista guerra

PARIGI. – Nel mondo decine di giornalisti continuano ad essere uccisi con “violenze deliberate”, mentre fanno il loro lavoro o per motivi legati alla loro professione, anche in Paesi in cui non sono in corso conflitti. A lanciare l’allarme è Reporter senza frontiere, che nel suo bilancio annuale conta 110 reporter professionisti uccisi nel 2015, a cui si aggiungono 27 ‘citizen journalists’ e 7 altre persone che lavoravano per i media.

In base alle verifiche dell’organizzazione, almeno 67 di questi cronisti sono stati senza dubbio uccisi per ragioni professionali. Per gli altri 43, spiega l’ong specializzata nella tutela del diritto d’informazione, le circostanze della morte e le motivazioni restano “non determinate”, spesso a causa di “mancanza di indagini ufficiali accurate e imparziali, scarsa buona volontà dei governi o difficoltà di indagare in regioni instabili o prive di uno Stato di diritto”.

Nell’anno che sta per chiudersi inoltre, riporta ancora Rsf, la maggior parte dei decessi non sono avvenuti in zone di guerra, ma in luoghi “pacifici” come la Francia, che con gli 8 giornalisti morti nell’attacco terroristico del gennaio scorso a Charlie Hebdo è balzata al terzo posto della classifica dei Paesi più mortali.

“Non abbiamo quasi mai inviato giornalisti in zone di guerra, il 7 gennaio è la guerra che è arrivata tra noi”, commentava il nuovo direttore del settimanale satirico, Riss, a ottobre, poco prima che Parigi fosse di nuovo teatro di una grande tragedia del terrorismo islamista. Ancora oggi, ricorda Rsf, “giornalisti e collaboratori di Charlie Hebdo vivono sotto massima protezione. Alcuni sono tuttora costretti a cambiare regolarmente domicilio.

La cronista che si occupa di questioni religiose e dell’estremismo islamico a maggio spiegava di vivere un po’ in albergo e un po’ a casa dei parenti. Insisteva sulla difficoltà di fare il suo lavoro con tali minacce, e in particolare sull’impossibilità di fare dei reportage sotto scorta di polizia”.

In testa alla graduatoria dei Paesi più pericolosi restano in ogni caso i Paesi in cui è più saldamente basato l’Isis, l’Iraq (11 vittime) e la Siria (10), seguite dalla citata Francia e dallo Yemen, terze a pari merito con 8 morti.

Il bilancio di Reporter senza frontiere cita in particolare i casi molto critici della città siriana di Aleppo, dove i cronisti si ritrovano “in una sorta di campo minato” tra “forze fedeli a Bashar el Assad, gruppi radicali o curdi e bombardamenti della coalizione”, e di quella irachena di Mosul, “un buco nero dell’informazione” stretto nella morsa dell’Isis, che qui ha già commesso “48 rapimenti e 13 esecuzioni in 18 mesi”.

Il giornalismo è un mestiere molto pericoloso anche nel sud dell’Asia, e in particolare in India, dove si moltiplicano “le violenze di tipo mafioso contro chi osa indagare sul crimine organizzato e i suoi legami con il potere politico”, come i due reporter uccisi mentre lavoravano a un’inchiesta sulle attività minerarie illegali.

Ad alto rischio anche il Bangladesh, dove nel 2015 quattro blogger “laici, portatori di valori di tolleranza” sono stati assassinati dal ramo locali di Al Qaida e dal gruppo radicale Ansarullah Bangla. “Di fronte a questo bagno di sangue – commenta Rsf – la passività delle autorità bengalesi alimenta un clima di impunità”.

(di Chiara Rancati/ANSA)

Ultima ora

01:32Calcio: Chelsea soffre, col Norwich passa solo ai rigori

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Soffre il Chelsea di Conte in Fa Cup. Sono serviti i rigori ai Blues per decidere la gara con il Norwich e accedere al quarto turno della Coppa: avanti con Batshuayi a segno al 10' del secondo tempo, il Chelsea si fa acciuffare nel recupero subendo la rete di Lewis. Sull'1-1 anche dopo i tempi supplementari, la squadra di Conte dal dischetto però fa la differenza (5-3) e si guadagna seppure a fatica il passaggio di turno.

00:54Calcio: Messi sbaglia rigore, Barca cade in Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il Barcellona non è imbattibile. Con un gol di Melendo all'88' l'Espanyol si aggiudica il derby di Coppa del Re, valido per l'andata dei quarti di finale. Dopo aver dominato il match, i blaugrana si devono arrendere anche di fronte alla serata super del portiere dell'Espanyol, Diego Lopez, che para anche il rigore calciato da Lionel Messi. Tra una settimana al Camp Nou il ritorno che vale l'accesso alla semifinale.

00:30Calcio: Psg a valanga in Ligue1, Ranieri beffato al 95′

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Un Psg senza pietà liquida la pratica Digione (travolto 8-0 con) e mantiene a debita distanza (-11) il Lione da stasera secondo solitario in classifica dopo il successo per 2-0 sul campo del Guingamp e la frenata del Monaco, fermato ieri dal Nizza. Nella 21ma giornata di Ligue1, al Parco dei Principi è stata davvero una formalità per la squadra di Unay Emery, già sul 4-0 dopo il primo tempo, fa altrettanto nella ripresa chiudendo con otto reti: doppio Di Maria, Cavani (che tocca quota 156 ed eguaglia Ibrahimovic come miglior realizzatore nella storia del Psg), poker di Neymar, a segno anche Mbappe. Beffa in peno recupero invece per il Nantes di Claudio Ranieri, raggiunto sull'1-1 a Tolosa da un rigore di Gradel al 95'. In Classifica guida solitario il Psg con 56 punti, davanti a Lione (45), Marsiglia (44), Monaco (43) e Nantes (34).

00:09Parte un colpo di pistola, uccide la fidanzata

(ANSA) - VILLA D'ALME' (BERGAMO), 17 GEN - Una giovane donna è morta questa sera, uccisa da un colpo di pistola, pare sparato accidentalmente dal fidanzato, una guardia giurata. L'episodio nella casa di quest'ultimo, in via dei Mille a Villa d'Almè. In casa c'erano anche i genitori del ragazzo, tra cui il padre che è un carabiniere andato da poco in pensione. L'allarme è stato immediato, ma per la ragazza non c'era più nulla da fare. Le notizie sono ancora frammentarie: all'abitazione sono giunti i carabinieri della Scientifica e il pubblico ministero di turno, Maria Cristina Rota.

23:04Calcio: Crotone, preso in prestito Benali dal Pescara

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Il centrocampista Ahmad Benali è un nuovo calciatore del Crotone. L'annuncio è stato dato dalla società che ne ha ottenuto il prestito con diritto di riscatto dal Pescara. Ventisei anni, Benali è nato a Manchester, naturalizzato libico, cresciuto nel Manchester City. Nel 2012 ha giocato a Brescia (Serie B) prima di passare al Pescara, dove ha ottenuto la promozione in Serie A nella stagione 2015/16. Lo scorso anno ha messo a segno, alla sua prima stagione nella massima serie, 6 reti, mentre nei primi mesi dell'attuale stagione ha realizzato 4 gol in 15 presenze, sempre col Pescara. Ha già preso parte al primo allenamento con i nuovi compagni.

22:36Coppa del Re: Montella batte il ‘cholo’ e respira

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Vincenzo Montella respira. Dopo i due ko in Liga, contro il Betis e l'Alaves, il suo Siviglia si riscatta nell'andata dei quarti di Coppa del Re, vincendo sul campo dell'Atletico Madrid. Finisce 2-1 per gli andalusi che pure erano andato sotto 1-0 grazie a Diego Costa (73'). Il vantaggio dei padroni di casa è durato appena 7', co, pareggio raggiunto grazie all'autogol di Moya (80'). Quando l'epilogo sembrava scontato ci ha pensato Joaquin Correa a far sorridere l'ex tecnico del Milan piombando su un pallone vagante in area e trafiggere il portiere madrileno. Nell'altro quarto di finale disputato sempre alle 19 vittoria del valencia sull'Alaves per 2-1. Anche qui vittoria in rimonta: ha aperto le marcature Sobrino (66'), poi il parrggio di Guedes (73') e il gol vittoria di Rodrigo all'82'. Il ritorno di entrambe le partite è in programma martedì 23 gennaio.

22:23Donna uccisa in Calabria: omicida condannato a 30 anni

(ANSA) - CROTONE , 17 GEN - Salvatore Fuscaldo, il bracciante 50enne di Cirò Marina, reo confesso dell'omicidio di Antonella Lettieri, la commessa di 42 anni uccisa l'8 marzo dello scorso a Cirò Marina, è stato condannato a 30 anni di reclusione dal gup di Crotone che ha accolto la richiesta avanzata dal pm Alfredo Manca a conclusione della requisitoria nel processo celebrato con il rito abbreviato. Il rappresentante della pubblica accusa ha ripercorso le tappe della vicenda, elencando le prove raccolte dal giorno dell'omicidio fino alla richiesta di rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. Antonella Lettieri venne uccisa nella sua abitazione con almeno una ventina di colpi alla testa sferrati con un tubo di ferro ed undici coltellate al corpo. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, con l'ausilio del Ris di Messina. L'uomo, vicino di casa della vittima, fu fermato il 16 marzo ed il 21 aprile confessò di essere l'autore dell'omicidio.(ANSA).

Archivio Ultima ora