Reporter senza frontiere, 110 cronisti uccisi nel 2015

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

giornalista guerra

PARIGI. – Nel mondo decine di giornalisti continuano ad essere uccisi con “violenze deliberate”, mentre fanno il loro lavoro o per motivi legati alla loro professione, anche in Paesi in cui non sono in corso conflitti. A lanciare l’allarme è Reporter senza frontiere, che nel suo bilancio annuale conta 110 reporter professionisti uccisi nel 2015, a cui si aggiungono 27 ‘citizen journalists’ e 7 altre persone che lavoravano per i media.

In base alle verifiche dell’organizzazione, almeno 67 di questi cronisti sono stati senza dubbio uccisi per ragioni professionali. Per gli altri 43, spiega l’ong specializzata nella tutela del diritto d’informazione, le circostanze della morte e le motivazioni restano “non determinate”, spesso a causa di “mancanza di indagini ufficiali accurate e imparziali, scarsa buona volontà dei governi o difficoltà di indagare in regioni instabili o prive di uno Stato di diritto”.

Nell’anno che sta per chiudersi inoltre, riporta ancora Rsf, la maggior parte dei decessi non sono avvenuti in zone di guerra, ma in luoghi “pacifici” come la Francia, che con gli 8 giornalisti morti nell’attacco terroristico del gennaio scorso a Charlie Hebdo è balzata al terzo posto della classifica dei Paesi più mortali.

“Non abbiamo quasi mai inviato giornalisti in zone di guerra, il 7 gennaio è la guerra che è arrivata tra noi”, commentava il nuovo direttore del settimanale satirico, Riss, a ottobre, poco prima che Parigi fosse di nuovo teatro di una grande tragedia del terrorismo islamista. Ancora oggi, ricorda Rsf, “giornalisti e collaboratori di Charlie Hebdo vivono sotto massima protezione. Alcuni sono tuttora costretti a cambiare regolarmente domicilio.

La cronista che si occupa di questioni religiose e dell’estremismo islamico a maggio spiegava di vivere un po’ in albergo e un po’ a casa dei parenti. Insisteva sulla difficoltà di fare il suo lavoro con tali minacce, e in particolare sull’impossibilità di fare dei reportage sotto scorta di polizia”.

In testa alla graduatoria dei Paesi più pericolosi restano in ogni caso i Paesi in cui è più saldamente basato l’Isis, l’Iraq (11 vittime) e la Siria (10), seguite dalla citata Francia e dallo Yemen, terze a pari merito con 8 morti.

Il bilancio di Reporter senza frontiere cita in particolare i casi molto critici della città siriana di Aleppo, dove i cronisti si ritrovano “in una sorta di campo minato” tra “forze fedeli a Bashar el Assad, gruppi radicali o curdi e bombardamenti della coalizione”, e di quella irachena di Mosul, “un buco nero dell’informazione” stretto nella morsa dell’Isis, che qui ha già commesso “48 rapimenti e 13 esecuzioni in 18 mesi”.

Il giornalismo è un mestiere molto pericoloso anche nel sud dell’Asia, e in particolare in India, dove si moltiplicano “le violenze di tipo mafioso contro chi osa indagare sul crimine organizzato e i suoi legami con il potere politico”, come i due reporter uccisi mentre lavoravano a un’inchiesta sulle attività minerarie illegali.

Ad alto rischio anche il Bangladesh, dove nel 2015 quattro blogger “laici, portatori di valori di tolleranza” sono stati assassinati dal ramo locali di Al Qaida e dal gruppo radicale Ansarullah Bangla. “Di fronte a questo bagno di sangue – commenta Rsf – la passività delle autorità bengalesi alimenta un clima di impunità”.

(di Chiara Rancati/ANSA)

Ultima ora

01:05Cadavere a Prato, probabile omicidio

(ANSA) - PRATO, 31 MAR - Il corpo di un uomo, un pratese 42enne, è stato trovato davanti al tribunale di Prato. L'ipotesi che viene ritenuta più probabile è quella dell'omicidio. Il corpo, insanguinato, presenta una grossa ferita alla testa ma non è chiaro se a provocarla sia stato un colpo d'arma da fuoco o una lama. A segnalare la presenza del cadavere è stata, verso e 21, una telefonata anonima ai carabinieri. Poco dopo una nuova segnalazione da parte di una coppia di giovanissimi che passavano in auto e hanno scorto il cadavere insanguinato. Ancora non è chiaro se l'uomo sia morto sul posto o se il cadavere sia stato portato davanti al tribunale.

00:55Venezuela: deputati opposizione aggrediti davanti Alta Corte

(ANSA) - CARACAS, 31 MAR - Un gruppo di deputati dell'opposizione venezuelana è stato aggredito da militari della Guardia Nazionale e membri di gruppi irregolari pro governativi mentre tentavano di avvicinarsi alla sede del Tribunale Supremo di Giustizia (Tsj), nel centro di Caracas. I parlamentari volevano protestare contro la sentenza del Tsj, allineato sulle posizioni del governo di Nicolas Maduro, che si è attribuito i poteri dell'Assemblea Nazionale. Unità antisommossa della Guardia Nazionale hanno però impedito loro di avvicinarsi alla sede del Tsj, mentre i militanti chavisti li attaccavano con pietre e bastoni. Il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro, ha denunciato che a Caracas è in atto un "autocolpo di Stato perpetrato dal regime venezuelano contro l'Assemblea Nazionale". Il segretario dell'Osa ha lanciato un appello ai leader del continente perché reagiscano a quanto avviene a Caracas.

00:20Tennis: Miami, anche Berdych ko, Federer in semifinale

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Roger Federer agguanta la semifinale del torneo di Miami, secondo Master 1000 dell'anno. Il fuoriclasse svizzero, n.4 del seeding, ha avuto la meglio in tre set sul ceco Thomas Berdych (n.10): 6-2 3-6 7-6 in poco meno di due ore. Affronterà il vincente dell'altro quarto tra il tedesco Zverev (16) e l'australiano Kyrgios (12).

23:28Usa: bagni transgender, abolita legge North Carolina

(ANSA) - NEW YORK, 30 MAR - La controversa legge sui bagni per i transgender in North Carolina è stata ufficialmente abrogata. Come ci si aspettava, dopo il via libera dell'assemblea parlamentare dello Stato anche il governatore democratico Roy Cooper ha messo la sua firma sotto il provvedimento. I transgender saranno ora liberi di usare i bagni pubblici a seconda dell'identità di genere e non secondo quella assegnata alla nascita.(ANSA).

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

Archivio Ultima ora