Le auto si fermano a Milano, ma lo smog aumenta

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

Una panoramica del centro di Milano, giovedì 28 gennaio 2010.  DANIEL DAL ZENNARO/ANSA

Una panoramica del centro di Milano, giovedì 28 gennaio 2010. DANIEL DAL ZENNARO/ANSA

MILANO. – La tabellina sulla qualità dell’aria in Lombardia viene diffusa in mattinata e i numerini in neretto, quelli che evidenziano lo sforamento del Pm10, sembrano risaltare ancora più sinistri. A Milano sono gli stessi dei giorni precedenti. Anzi, persino peggiori.

Nonostante il blocco delle auto dalle 10 alle 16, la concentrazione di polveri sottili è infatti aumentata. Il Pm10 tocca quota 67 microgrammi al metro cubo in zona Pascal (l’altro ieri era 57), aumenta di 3 punti nella centrale Senato (da 63 a 66). Sembra quasi ironico il dato di Busto Arsizio, città del varesotto dove non è stato attuato alcun blocco. L’altro ieri era la città maglia nera in Lombardia con 126 microgrammi al metro cubo, ieri è sceso a 75.

“Questo forse vuol dire che il Pm10 non dipende dalle auto che circolano?”, ironizza il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini. “Le valutazioni andranno fatte solo dopo le tre giornate di blocco”, replica subito il Comune di Milano che si è trovato quasi da solo in questa battaglia, seguito da 13 paesi su 120 della cosiddetta Città Metropolitana.

“Il blocco fatto così non serve a nulla’, ribattono in tanti, tra i primi il governatore lombardo Roberto Maroni, secondo il quale servono 2 miliardi per misure strutturali, e Mariastella Gelmini, vice coordinatore vicario di Forza Italia alla Camera.

Milano l’altroieri ha vissuto il suo 99/o giorno con il Pm10 fuorilegge (il limite normativo è di 35), e il 34/o consecutivo sottolinea l’Arpa, Azienda Regionale per la Protezione dell’ambiente, che si occupa delle rilevazioni e o poi diffonde quotidianamente i dati. Certo è lontano il record di 162 giorni del 2002, ma la città si era abituata ad annate meno negative, come i 68 dello scorso anno e gli 81 del 2013.

“I primi dati dell’Arpa restituiscono un quadro sostanzialmente simile alle giornate festive precedenti – dicono dal Comune – Valutazioni più puntuali andranno ovviamente fatte a conclusione delle tre giornate, ma la misura è stata già utile a contenere i livelli di inquinanti nell’aria in una fase di alta pressione”.

Senza il blocco, in altre parole, i numerini in neretto sulla tabellina Arpa potevano essere ancora più negativi. La stessa Arpa nella sue previsioni meteo non sembra dare speranze immediate di miglioramento. Perturbazioni e vento che potrebbero contribuire a disperdere le polvere sottili non arriveranno prima del 2 gennaio.

Intanto ieri, secondo giorno di blocco dalle 10 alle 16, i vigili urbani hanno effettuato 1700 controlli (200 in più di ieri) e sanzionato 310 trasgressori (ieri 300). Oggi ancora motori fermi.

(di Marisa Alagia/ANSA)

Ultima ora

05:30Giappone:bilancio valanga Tochigi sale a 9 morti e 40 feriti

TOKYO - Ammonta a 9 il bilancio finale delle vittime della valanga che si e' abbattuta nella prefettura di Tochigi, a circa 100 km a nord di Tokyo, nel corso di un evento di arrampicata in programma a inizio settimana. Le autorita' municipali hanno confermato la morte di 8 studenti di scuola superiore e un insegnante, oltre al ferimento di 40 persone. La polizia ha aperto un'indagine sui motivi per i quali la manifestazione era stata organizzata malgrado la forte nevicata, circa 30 centimetri di neve, caduta il giorno prima sul villaggio.

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

Archivio Ultima ora