Israele, l’ex premier Olmert condannato a 18 mesi di carcere per corruzione

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

Israele, a Olmert 18 mesi di carcere per corruzione

Israele, a Olmert 18 mesi di carcere per corruzione

TEL AVIV. – L’ex premier israeliano Ehud Olmert è stato condannato dalla Corte Suprema di Gerusalemme a una pena detentiva di 18 mesi. Ehud Olmert (primo ministro negli anni 2006-9), si è trovato coinvolto in quello che i media definiscono ”il più grave caso di corruzione” nella storia del Paese.

Nel 2011 la Corte Suprema aveva condannato anche l’ex Capo di Stato Moshe Katzav a sette anni di carcere, per stupro. Da metà febbraio Olmert e Katzav si troveranno entrambi fra le mura del carcere di Maassyahu (Ramla), in un settore protetto e a distanza di sicurezza dai detenuti comuni.

Nel 2014 Olmert era stato condannato da un giudice del tribunale distrettuale di Tel Aviv a sei anni di detenzione per aver accettato tangenti (quando fungeva da sindaco di Gerusalemme) per l’equivalente di 150 mila euro da un mediatore impegnato a far approvare un grandioso progetto edile, il Holyland, che in città è tristemente noto come ”il Mostro”.

Oggi cinque giudici della Corte Suprema hanno preferito non calcare la mano su Olmert, un ex dirigente del Likud che in seguito è stato fra i fondatori del partito centrista Kadima. Hanno confermato che, oppresso da gravi debiti, suo fratello Yossi ricevette dal mediatore una cifra ingente, oltre 100 mila euro. Ma hanno ammesso di non poter affermare con certezza che Ehud Olmert fosse stato al corrente di quel versamento.

Nel frattempo i dieci assegni staccati dal mediatore si sono volatilizzati. E il mediatore stesso non può più parlare: è infatti deceduto due anni fa, mentre nel tribunale di Tel Aviv veniva torchiato dagli avvocati di Olmert, che adesso ha dunque goduto del beneficio del dubbio. La sua condanna a 18 mesi si basa su una cifra minore, che il mediatore inoltrò alla segretaria di Olmert.

Dalla sentenza dei giudici della Corte Suprema è comunque emerso un quadro inquietante: nella gestione di Olmert e del suo successore Uri Lupoliansky il municipio di Gerusalemme concesse a famelici imprenditori edili agevolazioni senza precedenti, a scapito della collettività.

”Questa sentenza rappresenta uno spartiacque nella lotta contro la corruzione pubblica” ha confermato Liat Ben Ari Shweiki, la responsabile della pubblica accusa nel ‘processo Holyland’. Di fronte alle telecamere Olmert è emerso sereno, anche se deluso. Ancora una volta ha sostenuto che nessuno ha mai cercato di corromperlo e che non si è lasciato corrompere ”né direttamente né attraverso intermediari”. Ad ogni modo, ha concluso, ”occorre inchinarsi di fronte alla Corte Suprema”.

La vicenda lascia negli israeliani un sapore amaro. Da un lato viene espressa da più parti la soddisfazione nel constatare che il sistema giudiziario sa essere inflessibile anche verso i potenti. Dall’altro vi è – almeno nella opposizione al governo di Benyamin Netanyahu – la sensazione che questo processo ad Olmert (ed altri ancora, uno dei quali è tuttora in appello) abbiano improvvidamente interrotto nel 2009 contatti serrati con il presidente Abu Mazen che avrebbero potuto portare alla firma di un accordo israelo-palestinese.

In questi ambienti è diffusa l’opinione che per la nazione sarebbe stato preferibile consentire a Olmert di portare a compimento i propri sforzi di pace con i palestinesi, e regolare in seguito i conti per la sua ormai lontana gestione del municipio di Gerusalemme. Da quando Olmert è uscito di scena, fanno notare, Netanyahu è rimasto unico protagonista indisturbato della politica locale.

(di Aldo Baquis/ANSA)

Ultima ora

19:28Fuma con la figlia incinta accanto, automobilista multato

(ANSA) - TRENTO, 19 GEN - Multato a Trento dalla Polizia locale un automobilista perché stava fumando una sigaretta mentre al suo fianco c'era la figlia incinta. Gli agenti, verificato l'avanzato stato di gravidanza della giovane donna, hanno contestato e verbalizzato al conducente, un sessantenne del capoluogo, una sanzione si 110 euro per l'inosservanza della legge 3 del 16/01/2003, recentemente modificata dal decreto legislativo 16 gennaio 2016. L'articolo 51 della norma prevede il "divieto di fumare da parte del conducente di autoveicoli, in sosta o in movimento, e dei passeggeri a bordo degli stessi in presenza di minori di anni diciotto e di donne in stato di gravidanza".

19:26Pompieri su resti relitto Concordia per principio incendio

(ANSA) - GENOVA, 19 GEN - Principio di incendio sui resti del relitto della Concordia, la nave da crociera naufragata nel 2012 davanti alle coste dell'isola del Giglio e ora in superbacino per essere definitivamente smantellata. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco e le squadre antincendio del porto. Secondo quanto appreso, tutto sarebbe partito dalla coibentazione della sala macchine. L'intervento dei pompieri è terminato in pochi minuti.

19:25Terremoto: M5s cancella mobilitazione per voto dopo Consulta

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il M5s ha deciso di cancellare, per rispetto del difficile momento che sta vivendo il Paese a causa delle conseguenze del terremoto, la manifestazione prevista a ridosso della sentenza della Corte Costituzionale sulla legge elettorale. E' quanto filtra da ambienti del M5s. I 5 Stelle avevano in programma di organizzare per il 24 sera un evento davanti il Parlamento per reclamare le urne elettorali.

19:21Craxi: Berlusconi, onorato ogni volta mio nome accostato suo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "La sua eredita' politica, il socialismo riformatore,liberale, occidentale e' una delle parti migliori della tradizione politica del nostro Paese. La considero parte integrante del progetto politico che ho creato quando ho fondato Forza Italia, anche per impedire che l'Italia cadesse nelle mani della sinistra post-comunista. Continuo a credere che questa tradizione politica riformista, assieme a quella liberale e a quella cristiana, siano i fondamenti sui quali costruire il futuro dell'Italia Bettino Craxi e' anche un simbolo della dignita' della politica. Per questo sono onorato ogni volta che il mio nome viene accostato al suo, per quanto la cosa avvenga spesso con intenti polemici, come qualche giornale ha fatto anche oggi". Lo afferma Silvio Berlusconi in un passaggio della lettera inviata alla famiglia di Bettino Craxi.

19:21Usa: ex presidente Bush e moglie ancora in ospedale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - L'ex Presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush e la moglie Barbara restano in ospedale a Houston, lui ricoverato in terapia intensiva, lei sotto antibiotici e in osservazione con sintomi di tosse e affaticamento. L'ex capo della Casa Bianca, che ha 92 anni, "ha subito una piccola operazione per liberare le vie aeree, che ha richiesto l'anestesia", ha detto il portavoce della famiglia, Jim McGrath. Alla base dell'intervento, "una crisi respiratoria acuta provocata dalla polmonite", ha spiegato. Quanto a Barbara, che ha un anno meno del marito, non si sentiva bene da un paio di settimane "e ha deciso di mettere la faccenda in mano agli esperti". Inizialmente i medici avevano pronosticato di dimettere lui entro la settimana, ma adesso ci hanno ripensato e non c'è ancora una data per rimandarlo a casa. Idem per la moglie: l'ospedale vuole vedere come reagisce alle terapie. I Bush hanno festeggiato il 6 gennaio il 72esimo anniversario di matrimonio, il più lungo nella storia dei presidenti Usa.

19:16Prodi da Gentiloni a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Incontro a Palazzo Chigi tra il premier Paolo Gentiloni e Romano Prodi. L'ex premier è arrivato da solo a piedi a Palazzo Chigi verso le 14,50 e si è intrattenuto con il presidente del consiglio per poco più di un'ora. Alla domanda sul motivo della visita, l'ex presidente della commissione Ue non ha risposto.

19:16Terremoto: Mattarella, nessuno sforzo viene risparmiato

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Nessuno sforzo viene risparmiato nel tentativo di salvare vite umane e di soccorrere le persone in difficolta'. Ringrazio per la loro abnegazione i soccorritori che operano in condizioni estreme provocate dalla contemporaneita' di scosse sismiche e di eccezionali nevicate. Questa condizione richiede alla comunita' nazionale grande unita'. Ognuno, per la sua parte, deve agire con intelligenza e responsabilita' per contribuire ad alleviare le sofferenze delle persone coinvolte". Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Archivio Ultima ora