Israele, l’ex premier Olmert condannato a 18 mesi di carcere per corruzione

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

Israele, a Olmert 18 mesi di carcere per corruzione

Israele, a Olmert 18 mesi di carcere per corruzione

TEL AVIV. – L’ex premier israeliano Ehud Olmert è stato condannato dalla Corte Suprema di Gerusalemme a una pena detentiva di 18 mesi. Ehud Olmert (primo ministro negli anni 2006-9), si è trovato coinvolto in quello che i media definiscono ”il più grave caso di corruzione” nella storia del Paese.

Nel 2011 la Corte Suprema aveva condannato anche l’ex Capo di Stato Moshe Katzav a sette anni di carcere, per stupro. Da metà febbraio Olmert e Katzav si troveranno entrambi fra le mura del carcere di Maassyahu (Ramla), in un settore protetto e a distanza di sicurezza dai detenuti comuni.

Nel 2014 Olmert era stato condannato da un giudice del tribunale distrettuale di Tel Aviv a sei anni di detenzione per aver accettato tangenti (quando fungeva da sindaco di Gerusalemme) per l’equivalente di 150 mila euro da un mediatore impegnato a far approvare un grandioso progetto edile, il Holyland, che in città è tristemente noto come ”il Mostro”.

Oggi cinque giudici della Corte Suprema hanno preferito non calcare la mano su Olmert, un ex dirigente del Likud che in seguito è stato fra i fondatori del partito centrista Kadima. Hanno confermato che, oppresso da gravi debiti, suo fratello Yossi ricevette dal mediatore una cifra ingente, oltre 100 mila euro. Ma hanno ammesso di non poter affermare con certezza che Ehud Olmert fosse stato al corrente di quel versamento.

Nel frattempo i dieci assegni staccati dal mediatore si sono volatilizzati. E il mediatore stesso non può più parlare: è infatti deceduto due anni fa, mentre nel tribunale di Tel Aviv veniva torchiato dagli avvocati di Olmert, che adesso ha dunque goduto del beneficio del dubbio. La sua condanna a 18 mesi si basa su una cifra minore, che il mediatore inoltrò alla segretaria di Olmert.

Dalla sentenza dei giudici della Corte Suprema è comunque emerso un quadro inquietante: nella gestione di Olmert e del suo successore Uri Lupoliansky il municipio di Gerusalemme concesse a famelici imprenditori edili agevolazioni senza precedenti, a scapito della collettività.

”Questa sentenza rappresenta uno spartiacque nella lotta contro la corruzione pubblica” ha confermato Liat Ben Ari Shweiki, la responsabile della pubblica accusa nel ‘processo Holyland’. Di fronte alle telecamere Olmert è emerso sereno, anche se deluso. Ancora una volta ha sostenuto che nessuno ha mai cercato di corromperlo e che non si è lasciato corrompere ”né direttamente né attraverso intermediari”. Ad ogni modo, ha concluso, ”occorre inchinarsi di fronte alla Corte Suprema”.

La vicenda lascia negli israeliani un sapore amaro. Da un lato viene espressa da più parti la soddisfazione nel constatare che il sistema giudiziario sa essere inflessibile anche verso i potenti. Dall’altro vi è – almeno nella opposizione al governo di Benyamin Netanyahu – la sensazione che questo processo ad Olmert (ed altri ancora, uno dei quali è tuttora in appello) abbiano improvvidamente interrotto nel 2009 contatti serrati con il presidente Abu Mazen che avrebbero potuto portare alla firma di un accordo israelo-palestinese.

In questi ambienti è diffusa l’opinione che per la nazione sarebbe stato preferibile consentire a Olmert di portare a compimento i propri sforzi di pace con i palestinesi, e regolare in seguito i conti per la sua ormai lontana gestione del municipio di Gerusalemme. Da quando Olmert è uscito di scena, fanno notare, Netanyahu è rimasto unico protagonista indisturbato della politica locale.

(di Aldo Baquis/ANSA)

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora