Israele, l’ex premier Olmert condannato a 18 mesi di carcere per corruzione

Pubblicato il 29 dicembre 2015 da redazione

Israele, a Olmert 18 mesi di carcere per corruzione

Israele, a Olmert 18 mesi di carcere per corruzione

TEL AVIV. – L’ex premier israeliano Ehud Olmert è stato condannato dalla Corte Suprema di Gerusalemme a una pena detentiva di 18 mesi. Ehud Olmert (primo ministro negli anni 2006-9), si è trovato coinvolto in quello che i media definiscono ”il più grave caso di corruzione” nella storia del Paese.

Nel 2011 la Corte Suprema aveva condannato anche l’ex Capo di Stato Moshe Katzav a sette anni di carcere, per stupro. Da metà febbraio Olmert e Katzav si troveranno entrambi fra le mura del carcere di Maassyahu (Ramla), in un settore protetto e a distanza di sicurezza dai detenuti comuni.

Nel 2014 Olmert era stato condannato da un giudice del tribunale distrettuale di Tel Aviv a sei anni di detenzione per aver accettato tangenti (quando fungeva da sindaco di Gerusalemme) per l’equivalente di 150 mila euro da un mediatore impegnato a far approvare un grandioso progetto edile, il Holyland, che in città è tristemente noto come ”il Mostro”.

Oggi cinque giudici della Corte Suprema hanno preferito non calcare la mano su Olmert, un ex dirigente del Likud che in seguito è stato fra i fondatori del partito centrista Kadima. Hanno confermato che, oppresso da gravi debiti, suo fratello Yossi ricevette dal mediatore una cifra ingente, oltre 100 mila euro. Ma hanno ammesso di non poter affermare con certezza che Ehud Olmert fosse stato al corrente di quel versamento.

Nel frattempo i dieci assegni staccati dal mediatore si sono volatilizzati. E il mediatore stesso non può più parlare: è infatti deceduto due anni fa, mentre nel tribunale di Tel Aviv veniva torchiato dagli avvocati di Olmert, che adesso ha dunque goduto del beneficio del dubbio. La sua condanna a 18 mesi si basa su una cifra minore, che il mediatore inoltrò alla segretaria di Olmert.

Dalla sentenza dei giudici della Corte Suprema è comunque emerso un quadro inquietante: nella gestione di Olmert e del suo successore Uri Lupoliansky il municipio di Gerusalemme concesse a famelici imprenditori edili agevolazioni senza precedenti, a scapito della collettività.

”Questa sentenza rappresenta uno spartiacque nella lotta contro la corruzione pubblica” ha confermato Liat Ben Ari Shweiki, la responsabile della pubblica accusa nel ‘processo Holyland’. Di fronte alle telecamere Olmert è emerso sereno, anche se deluso. Ancora una volta ha sostenuto che nessuno ha mai cercato di corromperlo e che non si è lasciato corrompere ”né direttamente né attraverso intermediari”. Ad ogni modo, ha concluso, ”occorre inchinarsi di fronte alla Corte Suprema”.

La vicenda lascia negli israeliani un sapore amaro. Da un lato viene espressa da più parti la soddisfazione nel constatare che il sistema giudiziario sa essere inflessibile anche verso i potenti. Dall’altro vi è – almeno nella opposizione al governo di Benyamin Netanyahu – la sensazione che questo processo ad Olmert (ed altri ancora, uno dei quali è tuttora in appello) abbiano improvvidamente interrotto nel 2009 contatti serrati con il presidente Abu Mazen che avrebbero potuto portare alla firma di un accordo israelo-palestinese.

In questi ambienti è diffusa l’opinione che per la nazione sarebbe stato preferibile consentire a Olmert di portare a compimento i propri sforzi di pace con i palestinesi, e regolare in seguito i conti per la sua ormai lontana gestione del municipio di Gerusalemme. Da quando Olmert è uscito di scena, fanno notare, Netanyahu è rimasto unico protagonista indisturbato della politica locale.

(di Aldo Baquis/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora