Venezuela, le ragioni per dialogare

Pubblicato il 31 dicembre 2015 da redazione

venezuela2

Riproponiamo ai nostri lettori un articolo a firma del sottosegretario agli Esteri, Mario Giro, pubblicato nei giorni scorsi su l’Unità

ROMA – Nelle ultime elezioni parlamentari venezuelane, la coalizione d’opposizione (Mud) ha ottenuto 112 deputati, contro i 55 del partito di governo (Psuv). La Mud ha ottenuto un successo che é andato al di là di ogni più ottimistica previsione, riuscendo a prevalere anche nei quartieri più poveri, tradizionali roccaforti del chavismo.

La vittoria, uniforme in quasi tutte le circoscrizioni elettorali, può essere ascritta al gravissimo disagio vissuto quotidianamente da gran parte della popolazione, che ha usato ii voto per sanzionare l’incapacità del governo di risolvere il problema della penuria di generi di prima necessità, del continuo aumento dei prezzi e della Criminalità.

Il presidente Maduro ha accettato immediatamente la sconfitta politica e ha riconosciuto pubblicamente il risultato delle elezioni sulle quali si concentrava una forte attenzione internazionale. Lo svolgimento pacifico di una tornata elettorale così delicata, su cui erano puntati gli occhi di tutti, è un fatto rilevante. Tuttavia nei due giorni successivi la posizione del governo si è progressivamente irrigidita.

E’ molto probabile che presto sarà avviato un rimpasto di governo, di fatto aggiornando le influenze della varie correnti nel partito di governo. Il rimpasto potrebbe servire a trovare una collocazione ad esponenti di rilievo che non sono stati rieletti o per eliminare eventuali dissidenti interni.

Preoccupano le voci su una presunta intenzione di creare una (non costituzionale) “assemblea comunale” -non è chiaro come composta- che dovrebbe affiancare il parlamento. Si tratta certamente di voci che nascono nell’ambito dei falchi chavisti.

Anche per l’opposizione si apre un periodo di riflessione. La Mud è consapevole che molti dei voti ricevuti sono “Contro Maduro” piuttosto che in loro favore e che per qualsiasi iniziativa sarà necessaria l’azione unitaria dei 18 partiti dell’opposizione. La Mud non coagula forze omogenee attorno ad un programma ben definito, che non sia quello di rimuovere il Presidente prima della scadenza naturale nel 2018.

Con la maggioranza dei due terzi del Parlamento, l’opposizione può prendere una serie di iniziative che potranno incidere sugli altri poteri controllati dal Psuv; revocare membri del governo, nominare i giudici del tribunale supremo, nominare i componenti delta Commissione elettorale, convocare un’assemblea costituente o un referendum revocatorio sul Presidente. Secondo il governo, invece, la nuova assemblea parlamentare non avrebbe il potere di rimuovere gli altri poteri dello Stato né i dirigenti delle varie amministrazioni. Ci si attende quindi, a partire dal 5 gennaio, il riacutizzarsi di tensioni e violenze.

Il rischio è che il Venezuela continui a vivere pericolosamente, sempre sull’orlo della destabilizzazione, con frequenti proteste sociali, in un reticolo di veti incrociati e rimpalli di responsabilità tra poteri dello Stato. Un muro contro muro, di cui non è possibile prevedere a priori il vincitore, con effetti devastanti su popolazione ed economia.

Il Venezuela necessita un vero dialogo tra le parti politiche per affrontare le enormi sfide di ordine economico e sociale che il Paese ha di fronte a sé. La situazione economica è talmente complessa che né governo né opposizione sono in grado di risolverla senza un consenso più largo. Nessuno ha oggi il monopolio del futuro ed è illusorio che una parte riesca ad eliminare l’avversario politico.

Per alcuni membri del chavismo il dialogo tra governo e opposizione potrebbe instaurarsi solo con la premessa di una conferma dell’esecutivo fino alla scadenza, mentre per l’opposizione è centrale la questione dei prigionieri politici.

Come è accaduto durante le proteste dei 2014, l’Italia continua a seguire con attenzione la fase attuale, ascoltando innanzitutto le voci che vengono dalla grande collettività italo-venezuelana.

(Mario Giro)

Ultima ora

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

22:47Tennis: Laver Cup, si parte con Cilic-Tiafoe

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Saranno Marin Cilic e Frances Tiafoe a inaugurare domani la prima edizione della Rod Laver Cup, il nuovo format del tennis che vedrà a Praga i campioni della racchetta difendere i colori dell'Europa da una parte e del resto del mondo dall'altra, sulla falsariga della Ryder Cup golfistica. I capitani dei due team, Bjorn Borg per l'Europa e John McEnroe per il Resto del mondo hanno comunicato le loro scelte per la giornata d'esordio che, oltre al croato e allo statunitense, vedrà scendere in campo Dominic Thiem (Europa) e John Isner (Mondo) e nella sessione serale Alexander Zverev (Europa) contro Denis Shapovalov (Mondo) e il primo doppio, Tomas Berdych/Rafa Nadal (Europa) contro Nick Kyrgios/Jack Sock (Mondo). Roger Federer, tra i più attesi nel team Europa, riposerà nella prima giornata. Sede dei match, da domani a domenica, il veloce indoor della O2 Arena della capitale ceca. La formula del torneo prevede tre giorni di incontri, con 3 singolari e un doppio al dì, e un doppio decisivo in caso di parità.

22:44Tedesca violentata: ci sarebbe una foto del sospettato

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Ci sarebbe un sospettato per la violenza subita da una cittadina tedesca alcune notti fa a Villa Borghese, nel cuore di Roma. Secondo quanto si è appreso, durante un'attività di controllo nel parco sarebbe stata scattata una foto di un uomo con tratti e abbigliamento che coincidono con la descrizione della vittima.

22:29Pedofilia: lieve sconto di pena all’ex prete Inzoli di Crema

(ANSA) - CREMONA, 21 SET - Mauro Inzoli, ex capo di Comunione e Liberazione di Cremona e fondatore del Banco Alimentare, spretato lo scorso maggio, oggi si è visto ridurre dalla corte d'appello di Brescia la condanna a 4 anni, 7 mesi e 10 giorni di reclusione contro i 4 anni e 9 mesi che gli erano stati inflitti dal giudice dell'udienza preliminare del tribunale di Cremona. Inzoli, soprannominato 'don Mercedes' per la sua passione ostentata per le auto di lusso, era accusato di abusi sessuali su cinque minorenni, il più giovane di 12, il più grande di 16. La sentenza è stata pronunciata nel giorno in cui papa Francesco prometteva che non concederà la grazia ai preti colpevoli di pedofilia nel discorso pronunciato alla Pontificia Commissione per la tutela dei minori. Il Pontefice ha oggi fatto riferimento proprio al caso di Inzoli, di 67 anni, che è stato anche parroco della Santissima Trinità a Crema (Cremona). Gli abusi furono compiuti tra il 2004 e il 2008.

22:24Scuola: dà 9 a tutti gli studenti, insegnante a processo

(ANSA) - VARESE, 21 SET - Per mesi non avrebbe programmato verifiche o interrogazioni in classe assegnando, alla fine dell'anno, come voto 9 a tutti gli studenti. L'insegnante, 40 anni, è stata rinviata a giudizio a Varese con l'accusa di falso. L'episodio è avvenuto nell'anno scolastico 2014-15 al liceo scientifico Ferraris di Varese. La segnalazione è partita dalla dirigenza scolastica, che ha riscontrato anomalie nei voti assegnati dall'insegnante di matematica e fisica, che non lavora più nell'istituto.

Archivio Ultima ora