Venezuela, le ragioni per dialogare

Pubblicato il 31 dicembre 2015 da redazione

venezuela2

Riproponiamo ai nostri lettori un articolo a firma del sottosegretario agli Esteri, Mario Giro, pubblicato nei giorni scorsi su l’Unità

ROMA – Nelle ultime elezioni parlamentari venezuelane, la coalizione d’opposizione (Mud) ha ottenuto 112 deputati, contro i 55 del partito di governo (Psuv). La Mud ha ottenuto un successo che é andato al di là di ogni più ottimistica previsione, riuscendo a prevalere anche nei quartieri più poveri, tradizionali roccaforti del chavismo.

La vittoria, uniforme in quasi tutte le circoscrizioni elettorali, può essere ascritta al gravissimo disagio vissuto quotidianamente da gran parte della popolazione, che ha usato ii voto per sanzionare l’incapacità del governo di risolvere il problema della penuria di generi di prima necessità, del continuo aumento dei prezzi e della Criminalità.

Il presidente Maduro ha accettato immediatamente la sconfitta politica e ha riconosciuto pubblicamente il risultato delle elezioni sulle quali si concentrava una forte attenzione internazionale. Lo svolgimento pacifico di una tornata elettorale così delicata, su cui erano puntati gli occhi di tutti, è un fatto rilevante. Tuttavia nei due giorni successivi la posizione del governo si è progressivamente irrigidita.

E’ molto probabile che presto sarà avviato un rimpasto di governo, di fatto aggiornando le influenze della varie correnti nel partito di governo. Il rimpasto potrebbe servire a trovare una collocazione ad esponenti di rilievo che non sono stati rieletti o per eliminare eventuali dissidenti interni.

Preoccupano le voci su una presunta intenzione di creare una (non costituzionale) “assemblea comunale” -non è chiaro come composta- che dovrebbe affiancare il parlamento. Si tratta certamente di voci che nascono nell’ambito dei falchi chavisti.

Anche per l’opposizione si apre un periodo di riflessione. La Mud è consapevole che molti dei voti ricevuti sono “Contro Maduro” piuttosto che in loro favore e che per qualsiasi iniziativa sarà necessaria l’azione unitaria dei 18 partiti dell’opposizione. La Mud non coagula forze omogenee attorno ad un programma ben definito, che non sia quello di rimuovere il Presidente prima della scadenza naturale nel 2018.

Con la maggioranza dei due terzi del Parlamento, l’opposizione può prendere una serie di iniziative che potranno incidere sugli altri poteri controllati dal Psuv; revocare membri del governo, nominare i giudici del tribunale supremo, nominare i componenti delta Commissione elettorale, convocare un’assemblea costituente o un referendum revocatorio sul Presidente. Secondo il governo, invece, la nuova assemblea parlamentare non avrebbe il potere di rimuovere gli altri poteri dello Stato né i dirigenti delle varie amministrazioni. Ci si attende quindi, a partire dal 5 gennaio, il riacutizzarsi di tensioni e violenze.

Il rischio è che il Venezuela continui a vivere pericolosamente, sempre sull’orlo della destabilizzazione, con frequenti proteste sociali, in un reticolo di veti incrociati e rimpalli di responsabilità tra poteri dello Stato. Un muro contro muro, di cui non è possibile prevedere a priori il vincitore, con effetti devastanti su popolazione ed economia.

Il Venezuela necessita un vero dialogo tra le parti politiche per affrontare le enormi sfide di ordine economico e sociale che il Paese ha di fronte a sé. La situazione economica è talmente complessa che né governo né opposizione sono in grado di risolverla senza un consenso più largo. Nessuno ha oggi il monopolio del futuro ed è illusorio che una parte riesca ad eliminare l’avversario politico.

Per alcuni membri del chavismo il dialogo tra governo e opposizione potrebbe instaurarsi solo con la premessa di una conferma dell’esecutivo fino alla scadenza, mentre per l’opposizione è centrale la questione dei prigionieri politici.

Come è accaduto durante le proteste dei 2014, l’Italia continua a seguire con attenzione la fase attuale, ascoltando innanzitutto le voci che vengono dalla grande collettività italo-venezuelana.

(Mario Giro)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora