Venezuela, le ragioni per dialogare

Pubblicato il 31 dicembre 2015 da redazione

venezuela2

Riproponiamo ai nostri lettori un articolo a firma del sottosegretario agli Esteri, Mario Giro, pubblicato nei giorni scorsi su l’Unità

ROMA – Nelle ultime elezioni parlamentari venezuelane, la coalizione d’opposizione (Mud) ha ottenuto 112 deputati, contro i 55 del partito di governo (Psuv). La Mud ha ottenuto un successo che é andato al di là di ogni più ottimistica previsione, riuscendo a prevalere anche nei quartieri più poveri, tradizionali roccaforti del chavismo.

La vittoria, uniforme in quasi tutte le circoscrizioni elettorali, può essere ascritta al gravissimo disagio vissuto quotidianamente da gran parte della popolazione, che ha usato ii voto per sanzionare l’incapacità del governo di risolvere il problema della penuria di generi di prima necessità, del continuo aumento dei prezzi e della Criminalità.

Il presidente Maduro ha accettato immediatamente la sconfitta politica e ha riconosciuto pubblicamente il risultato delle elezioni sulle quali si concentrava una forte attenzione internazionale. Lo svolgimento pacifico di una tornata elettorale così delicata, su cui erano puntati gli occhi di tutti, è un fatto rilevante. Tuttavia nei due giorni successivi la posizione del governo si è progressivamente irrigidita.

E’ molto probabile che presto sarà avviato un rimpasto di governo, di fatto aggiornando le influenze della varie correnti nel partito di governo. Il rimpasto potrebbe servire a trovare una collocazione ad esponenti di rilievo che non sono stati rieletti o per eliminare eventuali dissidenti interni.

Preoccupano le voci su una presunta intenzione di creare una (non costituzionale) “assemblea comunale” -non è chiaro come composta- che dovrebbe affiancare il parlamento. Si tratta certamente di voci che nascono nell’ambito dei falchi chavisti.

Anche per l’opposizione si apre un periodo di riflessione. La Mud è consapevole che molti dei voti ricevuti sono “Contro Maduro” piuttosto che in loro favore e che per qualsiasi iniziativa sarà necessaria l’azione unitaria dei 18 partiti dell’opposizione. La Mud non coagula forze omogenee attorno ad un programma ben definito, che non sia quello di rimuovere il Presidente prima della scadenza naturale nel 2018.

Con la maggioranza dei due terzi del Parlamento, l’opposizione può prendere una serie di iniziative che potranno incidere sugli altri poteri controllati dal Psuv; revocare membri del governo, nominare i giudici del tribunale supremo, nominare i componenti delta Commissione elettorale, convocare un’assemblea costituente o un referendum revocatorio sul Presidente. Secondo il governo, invece, la nuova assemblea parlamentare non avrebbe il potere di rimuovere gli altri poteri dello Stato né i dirigenti delle varie amministrazioni. Ci si attende quindi, a partire dal 5 gennaio, il riacutizzarsi di tensioni e violenze.

Il rischio è che il Venezuela continui a vivere pericolosamente, sempre sull’orlo della destabilizzazione, con frequenti proteste sociali, in un reticolo di veti incrociati e rimpalli di responsabilità tra poteri dello Stato. Un muro contro muro, di cui non è possibile prevedere a priori il vincitore, con effetti devastanti su popolazione ed economia.

Il Venezuela necessita un vero dialogo tra le parti politiche per affrontare le enormi sfide di ordine economico e sociale che il Paese ha di fronte a sé. La situazione economica è talmente complessa che né governo né opposizione sono in grado di risolverla senza un consenso più largo. Nessuno ha oggi il monopolio del futuro ed è illusorio che una parte riesca ad eliminare l’avversario politico.

Per alcuni membri del chavismo il dialogo tra governo e opposizione potrebbe instaurarsi solo con la premessa di una conferma dell’esecutivo fino alla scadenza, mentre per l’opposizione è centrale la questione dei prigionieri politici.

Come è accaduto durante le proteste dei 2014, l’Italia continua a seguire con attenzione la fase attuale, ascoltando innanzitutto le voci che vengono dalla grande collettività italo-venezuelana.

(Mario Giro)

Ultima ora

23:57Blitz di Lotta Studentesca a giornate antifasciste dell’Anpi

(ANSA) - MILANO, 26 MAG - Blitz di Lotta Studentesca contro le giornate antifasciste dell'Anpi in diverse città italiane: il movimento giovanile di Forza Nuova ha recintato con del nastro segnaletico alcune sedi dell'Anpi. Lo rende noto lo stesso movimento con un comunicato stampa e con una foto in cui si vedono alcuni ragazzi davanti alla sede dell'Anpi di Milano nel quartiere Crescenzago. "I militanti di LS, in tuta bianca da lavoro, hanno anche affisso numerosi cartelli - si legge nella nota - per informare la cittadinanza della disinfestazione in corso contro zecche e fastidiosi animaletti, purtroppo presenti nel luogo". "Oggi i nostri militanti - afferma Andrea Di Cosimo, responsabile nazionale del movimento giovanile - sono impegnati in una vasta operazione di disinfestazione in molte città italiane per liberarle dalla presenza di zecche e partigiani vari". "Nessuno - conclude la nota - vieterà a Lotta Studentesca di esprimere le sue idee".

23:29Calcio: semifinali playoff, Carpi-Frosinone 0-0

(ANSA) - CARPI, 26 MAG - Finisce senza reti l'andata della semifinale dei playoff serie B tra Carpi e Frosinone, un pari che avvicina i ciociari alla finalissima in virtù della migliore posizione di classifica (terzo posto contro il settimo del Carpi) che avrà un peso nella gara di ritorno, lunedì prossimo a Frosinone. La squadra di Marino non è stata in grado di sfruttare la superiorità numerica dopo l'espulsione del giocatore di casa Sabbione al 35' della ripresa per doppia ammonizione. Gara molto intensa ma con pochissime occasioni da gol, a conferma del grande equilibrio in campo nell'arco dei novanta minuti. Decisiva nel corso del primo tempo l'uscita provvidenziale del portiere Belec su Ciofani, mentre nella ripresa più iniziativa da parte del Carpi che ha potuto contare sull'apporto di Mbakogu entrato ma anche lui poco incisivo in zona gol. Con un pareggio nel ritorno Frosinone in finale, mentre il Carpi sarà obbligato a vincere per andare in finale.

22:34Calcio: Bernardo Silva dal Monaco al Manchester City

(ANSA) - MANCHESTER, 26 MAG - Bernardo Silva, nazionale portoghese di 22 anni, passa dal Monaco al Manchester City. Durata del contratto e costo dell'operazione non sono stati resi noti, ma i media inglesi ipotizzano una affare da circa 43 milioni di sterline. Con la maglia del Monaco, Silva ha vinto quest'anno il campionato francese e raggiunto le semifinali di Champions. E' un rinforzo fortemente voluto dal tecnico Pep Guardiola, che ha concluso la prima stagione al City senza vincere trofei. Il centrocampista ha già superato le visite mediche e dal primo luglio sarà a tutti gli effetti a disposizione di Guardiola.

22:31Egitto: autorità, colpite basi miliziani in est Libia

(ANSA-AP) - IL CAIRO, 26 MAG - Responsabili egiziani hanno riferito stasera che aerei da combattimento egiziani hanno compiuto raid e hanno colpito basi di miliziani nell'est della Libia. Si tratta, hanno detto, della risposta al sanguinoso attentato compiuto oggi contro i cristiani copti egiziani. Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha rivolto un appello al presidente Usa, Donald Trump, perché prenda la guida della lotta al terrorismo. "Rivolgo il mio appello al presidente Trump: io mio fido di te, della tua parola e della tua capacità di fare della lotta al terrorismo globale il tuo obiettivo principale". Sisi ha poi ripetuto il suo appello a punire i Paesi che finanziano, armano o addestrano i terroristi.

21:47Calcio: Mandzukic a riposo, col Bologna c’è Sturaro

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Niente Bologna per Mario Mandzukic, a cui mister Allegri dovrebbe concedere un turno di riposo in vista della finale Champions di Cardiff. Al suo posto al Dall'Ara dovrebbe esserci Sturaro. Questa l'indicazione emersa al termine dell'allenamento svolto dalla Juventus nel pomeriggio.

21:42Blue Whale: Procura Udine indaga su presunto caso in Friuli

(ANSA) - UDINE, 26 MAG - La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per "istigazione al suicidio a carico di ignoti" per un sospetto caso di Blue Whale, la sfida delle 50 prove in 50 giorni che istigherebbe gli adolescenti fino al suicidio. La vicenda coinvolgerebbe una ragazzina friulana. Lo si apprende dal Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo. Stando agli elementi emersi finora, la minore coinvolta sarebbe ancora nella fase iniziale della sfida, che comincia con la sveglia alle 4 del mattino e la visione di film horror per arrivare fino al suicidio gettandosi dal palazzo più alto della città, dopo le ferite autoinferte con un temperino per tatuarsi una balena sul braccio, da cui il nome di Blue Whale. E' stato lanciato dai genitori l'allarme sul quale stanno indagando la Procura della Repubblica di Udine e la Polizia Postale. La ragazzina vive in provincia di Udine e ha 13 anni. I genitori hanno notato un tatuaggio, simile a quello del Blue Whale, sul braccio della figlia.

21:12Terrorismo: Minniti, sbaglio fare scambio sicurezza-libertà

(ANSA) - TODI (PERUGIA), 26 MAG - "E' fondamentale tenere insieme due principi, quello di garantire la sicurezza dei cittadini ma anche la loro libertà. Non è possibile fare uno scambio tra sicurezza e libertà, sarebbe la cosa più sbagliata di questo mondo": lo ha detto il ministro dell'Interno, Marco Minniti, intervenendo oggi a Todi ad un incontro a sostegno del candidato a sindaco del centro sinistra Carlo Rossini. presente anche la presidente della Regione Catiuscia Marini. Soffermandosi sul tema del terrorismo il ministro ha detto che "sicurezza e libertà devono essere due termini strettamente connessi" perché al cittadino non "serve avere una sicurezza che lo isola e che non gli permette di vivere serenamente la sua vita". (ANSA).

Archivio Ultima ora