Mattarella, dalle principali difficoltà alle principali speranze di ogni giorno

Pubblicato il 02 gennaio 2016 da redazione

Italian President Sergio Mattarella during the year-end speech to Italians at Quirinale Palace in Rome, Italy, 31 December 2015. ANSA/QUIRINALE PRESS OFFICE/FRANCESCO AMMENDOLA

Italian President Sergio Mattarella during the year-end speech to Italians at Quirinale Palace in Rome, Italy, 31 December 2015.
ANSA/QUIRINALE PRESS OFFICE/FRANCESCO AMMENDOLA

ROMA. – Niente politichese per la “prima” di Sergio Mattarella a reti unificate. Il presidente sorprende tutti mostrando una spinta ambientalista che le forze politiche sembrano aver perso da tempo. Ma soprattutto parla della gente, dei problemi dei troppi italiani in difficoltà, delle fasce più deboli, i giovani e le donne, gli anziani e i disabili e riapre la grande questione meridionale.

Il presidente della Repubblica ha scelto di pronunciare il suo messaggio di fine anno rivolgendosi ai cittadini dal salotto del suo appartamento al Quirinale. E subito sgombra il campo da eventuali equivoci: “stasera dedicherò questi minuti con voi alle principali difficoltà e alle principali speranze della vita di ogni giorno”, premette seduto in poltrona con alle spalle un presepe napoletano.

E parte subito, duro, dalle incertezze che rimangono in un Paese che eppur si muove. Per prima l’inaccettabile disoccupazione che affligge soprattutto il Mezzogiorno: “L’occupazione è tornata a crescere. Ma questo dato positivo, che pure dà fiducia, l’uscita dalla recessione economica e la ripresa non pongono ancora termine alle difficoltà quotidiane di tante persone e di tante famiglie.

Il lavoro manca ancora a troppi dei nostri giovani”, scandisce agli italiani riuniti per brindare a un nuovo anno ancora troppo gravido di incognite. In un mix bilanciato di realismo e carica energizzante il capo dello Stato non nasconde che “la condizione economica dell’Italia va migliorando e che le prospettive per il 2016 appaiono favorevoli”.

Ma nessuno può crogiolarsi su dati ancora incerti, né le forze politiche, né i cittadini. Sì, perché il discorso del presidente non è asettico, non punta le nuvole ma chiama in causa anche il singolo, il cittadino e i suoi comportamenti, spesso virtuosi, a volte indegni di un Paese civile. Come l’inaccettabile evasione fiscale che, ricorda Sergio Mattarella, “vale ben 7,5 punti di Pil” e danneggia la crescita e “gli onesti”.

“Soltanto dimezzando l’evasione si potrebbero creare oltre 300.000 posti di lavoro” aggiunge spiegando che finalmente in Italia si respira un clima diverso e cresce la consapevolezza che “le tasse sarebbero decisamente più basse se tutti le pagassero”.

Questo nel messaggio: poi oggi torna a precisare ancora meglio le sue preoccupazioni per il disagio di molti italiani e le sue perplessità da cattolico riformatore sulla piega che sta prendendo il mondo. Serve una maggiore “educazione alla legalità e alla solidarietà”, per il presidente, che – in un messaggio a papa Francesco – richiama la politica a non abdicare su questi temi. Ci vuole “dunque l’impegno delle Istituzioni italiane per corrispondere con garanzie solide alle legittime aspettative delle componenti più fragili della nostra società”. Senza nascondere che proprio i più deboli pagano il prezzo di una “cultura dell’indifferenza e del consumismo edonistico”.

Ma Mattarella ha rotto gli schemi e ha presentato un profilo ambientalista, un inaspettato “green president” che affronta di petto nodi che da troppo tempo viaggiano sottotraccia. “In questi giorni avvertiamo allarme per l’inquinamento. Il problema dell’ambiente, che a molti e a lungo è apparso soltanto teorico, oggi si rivela concreto e centrale”, spiega il capo dello Stato forse notando l’assenza dei partiti sul tema.

E quindi l’unico vero affondo politico su un tema di strettissima attualità, quello dello smog che attanaglia le nostre città: serve “maggior impegno delle istituzioni, nazionali e locali” e non basta “chiedere ai cittadini di limitare l’uso delle auto private”. Bisogna fornire anche un “trasporto pubblico efficiente e purtroppo non dovunque è così”.

Dopo un invito a non sottovalutare l’importanza della raccolta differenziata dei rifiuti, il capo dello Stato si sposta sul tema dei diritti civili. E parte dalle donne alle quali invia un “pensiero di riconoscenza”. “Fanno fronte – ricorda – a impegni molteplici e tanti compiti, e devono fare ancora i conti con pregiudizi e arretratezze. Con una parità di diritti enunciata ma non sempre assicurata; a volte persino con soprusi o violenze”.

E non è un caso se quattro nomi citati nel suo discorso sono femminili: Fabiola Giannotti, che assume la direzione del Cern di Ginevra, l’astronauta Samantha Cristoforetti e l’atleta paralimpica Nicole Orlando. E non scorda un quarto nome, quello di Valeria Solesin, purtroppo uccisa dai terroristi fondamentalisti al Bataclan di Parigi.

L’orgoglio di essere italiani, quindi. E il coraggio di tornare alla “legalità”, anche all’interno di un tema caldo come quello dell’immigrazione. “Serve accoglienza, ma serve anche rigore”, premette il presidente. “Chi è in Italia deve rispettare le leggi e la cultura del nostro Paese. E quegli immigrati che commettono reati devono essere fermati e puniti, come del resto avviene per gli italiani che delinquono.

Quelli che sono pericolosi vanno espulsi”, aggiunge con chiarezza spiegando però che la gran parte dei cittadini stranieri si sono integrati “rispettando le nostre leggi e pagando le tasse”. Ma soprattutto, riconoscendo amaramente che “le migliaia di donne e uomini annegati nel Mediterraneo, i 700 bambini morti nella speranza di raggiungere un’esistenza serena, sono muti e sofferenti testimoni di un fallimento drammatico”.

Vi è poi un fenomeno molto italiano, quello “dell’illegalità, di chi corrompe e di chi si fa corrompere. Di chi ruba, di chi inquina, di chi sfrutta”. E questi sono comportamenti inaccettabili, da sradicare. Anche perché, ricorda, “la quasi totalità dei nostri concittadini crede nell’onestà e pretende correttezza”.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

11:02Auto: a Vallelunga il nono Aci Racing Weekend

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Sarà un "Piero Taruffi" rinnovato quello che ospiterà il terzultimo ACI Racing Weekend 2017. Il circuito capitolino, dopo essersi rifatto il look con il nuovo asfalto e le modifiche al paddock, ospiterà quello che, di fatto, sarà un weekend fondamentale per i pretendenti al titolo di tutte le categorie in pista. A partire dal tricolore Gran Turismo, sempre più avvincente con 4 equipaggi racchiusi in una manciata di punti per il titolo assoluto, al TCR Italy con la sfida Scalvini - Baldan e l'esordio della lady romana Carlotta Fedeli oltre al ritorno di "Piedone" Giovanardi. Ma grande attesa anche per il tricolore Sport Prototipi, il MINI Challenge, la F.2 Italian Trophy e la Mitjet Italian Series dove farà il suo esordio il campione GP2 2012 Davide Valsecchi, ormai volto noto della Formula 1 su Sky. Una festa per l'autodromo romano che compie 65 anni con la presentazione di un libro che ne racconta la storia, venerdì sera. Ingresso gratuito scaricando il biglietto da acisport.it e vallelunga.it.

10:39Viabilità: chiuso traforo Gran San Bernardo

(ANSA) - AOSTA, 21 SET - Per un "problema di carattere tecnico" alle 8.50 è stato chiuso al traffico il traforo del Gran San Bernardo, che collega l'Italia alla Svizzera. "E' tutto al vaglio dei tecnici della società, stiamo conducendo delle valutazioni in merito. Al momento non sappiamo stimare i tempi per la riapertura", spiega un responsabile della Sistrasb, la Società italiana traforo del Gran San Bernardo. Il problema si è verificato "nella parte italiana" della galleria. La protezione civile della Valle d'Aosta ha applicato il piano per la viabilità che prevede il divieto di transito in salita per i mezzi pesanti. I veicoli leggeri possono invece percorrere il Colle del Gran Bernardo.(ANSA).

10:21Calcio: Allegri, ‘3 punti imparando a soffrire,ora il derby’

(ANSA) - TORINO, 21 SET - "Gli 1-0 servono perché oltre ai tre punti in classifica si impara a soffrire". Doppio risultato per Massimiliano Allegri, che vede la Juventus lottare per 90' per avere la meglio sulla Fiorentina, unendo alla buona prova di carattere anche il primo posto in classifica in compagnia del Napoli. "Bene così, ora sotto con il derby!" ha aggiunto l'allenatore bianconero nel consueto tweet che accompagna la fine delle partite della Juventus, impegnata sabato sera all'Allianz Stadium contro il Torino.

10:19Contrada: difensore, sentenza conferma ruolo di Corte Europa

(ANSA) - BOLOGNA, 21 SET - "Finalmente e senza mezzi termini: un pronuncia che conferma il ruolo protagonistico della Corte europea nell'ordinamento giuridico italiano, conferendo piena cogenza alle decisioni di Strasburgo". Il prof.Vittorio Manes, difensore di Bruno Contrada, commenta così la sentenza della Cassazione che ha dichiarato ineseguibile e improduttiva di effetti penali la condanna per l'ex numero 2 del Sisde. La sentenza, prosegue, è "molto coraggiosa e dai toni 'alti', decisamente consapevole della complessità dei problemi giuridici in gioco, che prende molto sul serio gli obblighi derivanti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo". E "detta una parola decisiva in ordine ai doveri del giudice nazionale che - a prescindere dalla condivisione della decisione europea sul caso concreto - non può sottrarsi alle pronunce di condanna del giudice di Strasburgo, a cui deve dare piena esecuzione, eliminando ogni effetto dell'eventuale sentenza di condanna 'domestica' ritenuta illegittima dalla corte Edu".(ANSA).

10:06‘Ndrangheta: arrestato in Olanda latitante Bonarrigo

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 21 SET - E' stato arrestato ad Amsterdam Gioacchino Bonarrigo, 33 anni, di Cinquefrondi, latitante da luglio 2011 quando evase dai domiciliari. L'uomo, ritenuto elemento di spicco della cosca Bellocco di Rosarno e con ramificazioni in Italia e all'estero, è accusato di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga ed è stato arrestato dalla polizia olandese insieme ai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria. Destinatario di mandato di arresto europeo dal 2016, deve scontare anche 2 anni e 19 giorni di reclusione per armi e ricettazione. Dalla collaborazione tra i carabinieri del reparto operativo di Reggio e del Gruppo di Gioia Tauro e la polizia olandese, col raccordo del Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, è emerso che il latitante, sotto false generalità, si muoveva in vari paesi europei, tra cui l'Olanda. E' stato quindi individuato in un quartiere del centro di Amsterdam e bloccato. (ANSA).

09:42Crolla solaio nella notte, quattro feriti a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 21 SET - Quattro persone - i genitori e i due figli - sono rimaste ferite, una delle quali in modo grave, a seguito di un crollo avvenuto in uno stabile di tre piani di via D'Alò Alfieri, a Taranto. Secondo le prime informazioni, pare che a cedere sia stato prima il solaio del terzo e ultimo piano (disabitato) che ha fatto poi cadere il pavimento con le macerie finite nella camera da letto del secondo piano. Una bambina sarebbe stata trasportata in codice rosso all'ospedale "Santissima Annunziata", ma non correrebbe pericolo di vita. Feriti in maniera non grave il genitori e il fratello sedicenne della piccola. Sul posto vigili del fuoco, 118, Polizia e carabinieri. L'edificio è stato sgomberato e messo in sicurezza.

09:38Morta la quindicenne ferita da ex compagno della madre

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA) - E' morta stamani la ragazza di 15 anni che ieri era stata ferita al volto da un colpo di pistola sparato dall'ex compagno della mamma, Antonio Di Paola, di 37 anni, che, dopo una fuga nelle campagne, si è ucciso con la stessa arma, una calibro 22. Nicolina Pacini stava andando a scuola quando è stata avvicinata da Di Paola, che le avrebbe chiesto della mamma, Donatella Rago, di 37 anni, fino ad un mese fa la sua compagna. Al rifiuto della ragazzina, l'uomo ha sparato colpendola al viso. Donatella Rago ha saputo della tragedia nella località della Toscana dove lavora e dove, pare, avesse cominciato una nuova relazione. Antonio Di Paola non si dava pace e voleva in tutti i modi ritornare con la donna che di recente lo aveva denunciato due volte per minacce, l'ultima un paio di settimane fa. Nicolina Pacini, per le condizioni di disagio famigliare, viveva con i nonni ai quali era stata affidata dai servizi sociali insieme con il fratello.

Archivio Ultima ora