Mattarella, dalle principali difficoltà alle principali speranze di ogni giorno

Pubblicato il 02 gennaio 2016 da redazione

Italian President Sergio Mattarella during the year-end speech to Italians at Quirinale Palace in Rome, Italy, 31 December 2015. ANSA/QUIRINALE PRESS OFFICE/FRANCESCO AMMENDOLA

Italian President Sergio Mattarella during the year-end speech to Italians at Quirinale Palace in Rome, Italy, 31 December 2015.
ANSA/QUIRINALE PRESS OFFICE/FRANCESCO AMMENDOLA

ROMA. – Niente politichese per la “prima” di Sergio Mattarella a reti unificate. Il presidente sorprende tutti mostrando una spinta ambientalista che le forze politiche sembrano aver perso da tempo. Ma soprattutto parla della gente, dei problemi dei troppi italiani in difficoltà, delle fasce più deboli, i giovani e le donne, gli anziani e i disabili e riapre la grande questione meridionale.

Il presidente della Repubblica ha scelto di pronunciare il suo messaggio di fine anno rivolgendosi ai cittadini dal salotto del suo appartamento al Quirinale. E subito sgombra il campo da eventuali equivoci: “stasera dedicherò questi minuti con voi alle principali difficoltà e alle principali speranze della vita di ogni giorno”, premette seduto in poltrona con alle spalle un presepe napoletano.

E parte subito, duro, dalle incertezze che rimangono in un Paese che eppur si muove. Per prima l’inaccettabile disoccupazione che affligge soprattutto il Mezzogiorno: “L’occupazione è tornata a crescere. Ma questo dato positivo, che pure dà fiducia, l’uscita dalla recessione economica e la ripresa non pongono ancora termine alle difficoltà quotidiane di tante persone e di tante famiglie.

Il lavoro manca ancora a troppi dei nostri giovani”, scandisce agli italiani riuniti per brindare a un nuovo anno ancora troppo gravido di incognite. In un mix bilanciato di realismo e carica energizzante il capo dello Stato non nasconde che “la condizione economica dell’Italia va migliorando e che le prospettive per il 2016 appaiono favorevoli”.

Ma nessuno può crogiolarsi su dati ancora incerti, né le forze politiche, né i cittadini. Sì, perché il discorso del presidente non è asettico, non punta le nuvole ma chiama in causa anche il singolo, il cittadino e i suoi comportamenti, spesso virtuosi, a volte indegni di un Paese civile. Come l’inaccettabile evasione fiscale che, ricorda Sergio Mattarella, “vale ben 7,5 punti di Pil” e danneggia la crescita e “gli onesti”.

“Soltanto dimezzando l’evasione si potrebbero creare oltre 300.000 posti di lavoro” aggiunge spiegando che finalmente in Italia si respira un clima diverso e cresce la consapevolezza che “le tasse sarebbero decisamente più basse se tutti le pagassero”.

Questo nel messaggio: poi oggi torna a precisare ancora meglio le sue preoccupazioni per il disagio di molti italiani e le sue perplessità da cattolico riformatore sulla piega che sta prendendo il mondo. Serve una maggiore “educazione alla legalità e alla solidarietà”, per il presidente, che – in un messaggio a papa Francesco – richiama la politica a non abdicare su questi temi. Ci vuole “dunque l’impegno delle Istituzioni italiane per corrispondere con garanzie solide alle legittime aspettative delle componenti più fragili della nostra società”. Senza nascondere che proprio i più deboli pagano il prezzo di una “cultura dell’indifferenza e del consumismo edonistico”.

Ma Mattarella ha rotto gli schemi e ha presentato un profilo ambientalista, un inaspettato “green president” che affronta di petto nodi che da troppo tempo viaggiano sottotraccia. “In questi giorni avvertiamo allarme per l’inquinamento. Il problema dell’ambiente, che a molti e a lungo è apparso soltanto teorico, oggi si rivela concreto e centrale”, spiega il capo dello Stato forse notando l’assenza dei partiti sul tema.

E quindi l’unico vero affondo politico su un tema di strettissima attualità, quello dello smog che attanaglia le nostre città: serve “maggior impegno delle istituzioni, nazionali e locali” e non basta “chiedere ai cittadini di limitare l’uso delle auto private”. Bisogna fornire anche un “trasporto pubblico efficiente e purtroppo non dovunque è così”.

Dopo un invito a non sottovalutare l’importanza della raccolta differenziata dei rifiuti, il capo dello Stato si sposta sul tema dei diritti civili. E parte dalle donne alle quali invia un “pensiero di riconoscenza”. “Fanno fronte – ricorda – a impegni molteplici e tanti compiti, e devono fare ancora i conti con pregiudizi e arretratezze. Con una parità di diritti enunciata ma non sempre assicurata; a volte persino con soprusi o violenze”.

E non è un caso se quattro nomi citati nel suo discorso sono femminili: Fabiola Giannotti, che assume la direzione del Cern di Ginevra, l’astronauta Samantha Cristoforetti e l’atleta paralimpica Nicole Orlando. E non scorda un quarto nome, quello di Valeria Solesin, purtroppo uccisa dai terroristi fondamentalisti al Bataclan di Parigi.

L’orgoglio di essere italiani, quindi. E il coraggio di tornare alla “legalità”, anche all’interno di un tema caldo come quello dell’immigrazione. “Serve accoglienza, ma serve anche rigore”, premette il presidente. “Chi è in Italia deve rispettare le leggi e la cultura del nostro Paese. E quegli immigrati che commettono reati devono essere fermati e puniti, come del resto avviene per gli italiani che delinquono.

Quelli che sono pericolosi vanno espulsi”, aggiunge con chiarezza spiegando però che la gran parte dei cittadini stranieri si sono integrati “rispettando le nostre leggi e pagando le tasse”. Ma soprattutto, riconoscendo amaramente che “le migliaia di donne e uomini annegati nel Mediterraneo, i 700 bambini morti nella speranza di raggiungere un’esistenza serena, sono muti e sofferenti testimoni di un fallimento drammatico”.

Vi è poi un fenomeno molto italiano, quello “dell’illegalità, di chi corrompe e di chi si fa corrompere. Di chi ruba, di chi inquina, di chi sfrutta”. E questi sono comportamenti inaccettabili, da sradicare. Anche perché, ricorda, “la quasi totalità dei nostri concittadini crede nell’onestà e pretende correttezza”.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora