Discorso di fine anno del Presidente, da politica plausi e pochi distinguo

Pubblicato il 02 gennaio 2016 da redazione

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 05-06-2014 Roma Cronaca Celebrazione del 200° anniversario di fondazione dell'Arma dei Carabinieri Nella foto Piero Grasso, Matteo Renzi, Sergio Mattarella, Angelino Alfano

Foto Roberto Monaldo / LaPresse
05-06-2014 Roma
Cronaca
Celebrazione del 200° anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri
Nella foto Piero Grasso, Matteo Renzi, Sergio Mattarella, Angelino Alfano

ROMA. – Un discorso diretto al “cuore degli italiani” e segnato da un realismo mirato, per toccare i veri problemi degli italiani: il mondo della politica plaude al primo messaggio di fine anno del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, oltre ad incassare le congratulazioni di tutte le forze di maggioranza, ‘buca’ anche il fronte dell’opposizione che vede, nel passaggio sui migranti, anche un “monito” al governo.

Il primo a complimentarsi, pochi minuti dopo la fine del messaggio, è stato il presidente emerito Giorgio Napolitano. Subito dopo, invece, è stato il premier Matteo Renzi a telefonare al Colle, congratulandosi per un “discorso diretto al cuore degli italiani, e pieno di amore dell’Italia”.

Al premier ha “colpito”, in particolare, “la sottolineatura della lotta contro il pregiudizio e la diffidenza nella vita quotidiana dei bambini, con un occhio partecipe sul tema delle migrazioni e della necessaria integrazione”. Temi che, nel 2015, hanno segnato una delle battaglie più accese dell’Europa a Bruxelles.

E se la presidente della Camera Laura Boldrini osserva come il “mettere al centro le difficoltà e le speranze della vita quotidiana delle persone” abbia “profondo significato politico”, il presidente del Senato, Pietro Grasso, cita il capo dello Stato e ricorda che “siamo tutti chiamati ad aver cura della Repubblica”.

Unanime è il plauso di Pd e Ap, con il ministro dell’Interno Angelino Alfano che rimarca i “meriti riconosciuti di chi si è impegnato per la sicurezza”. Per il presidente del Pd, Matteo Orfini, quello di Mattarella è stato “un discorso forte e autorevole” mentre l’ex segretario Dem Pierluigi Bersani, su twitter, osserva: “Il presidente è uscito dal Palazzo, ha parlato con semplicità e senza politicismi, è andato al cuore dei problemi veri degli italiani. Davvero un bell’esordio”.

E, rispetto all’ultimo discorso di Giorgio Napolitano, ben meno agguerrita è la trincea delle opposizioni. L’unico, vero, attacco frontale arriva da Beppe Grillo che nel suo contro-messaggio definisce Mattarella “un ologramma dell’ologramma”, presidente di un Paese tacciato anch’esso di essere “un ologramma”.

Silenzio invece, dal M5S, sul messaggio del presidente laddove la Lega, con Matteo Salvini, attacca Mattarella per aver “difeso la legge Fornero”, ma, sul tema dei migranti, esulta: “persino lui ci dà regione”. L’accoglienza e il rigore, richiamati dal Capo dello Stato come priorità nelle politiche sull’ìmmigrazione piace anche a Fdi e a FI, con il capogruppo al Senato Paolo Romani che osserva come, anche su lavoro e Sud, dal Colle arrivi un forte “monito” al governo.

Netto anche l’apprezzamento di Sinistra Italiana (“è un discorso nel quale ci riconosciamo pienamente”) laddove Cisl e Uil ringraziano Mattarella per il “richiamo ai valori del lavori”. Di tutt’altro tenore, infine, il commento di Marco Pannella. “Ha espresso il nulla che è quello che in Italia ci dà un regime, e non uno Stato”, è lo strale lanciato dal leader radicale, secondo il quale Mattarella ha ignorato le “violazioni del diritto” per cui l’Italia “è formalmente condannata”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

23:08Calcio: playoff serie B, Carpi in semifinale

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Il Carpi è la prima semifinalista dei playoff di serie B ed il 26 e 29 maggio affronterà il Frosinone per contendergli un posto in serie A. La squadra allenata da Fabrizio Castori ha vinto 2-1 sul campo del Cittadella. Carpi in vantaggio con Lollo al 33' del primo tempo: gran tiro dai 35 metri che si è infilato sotto l'incrocio dei pali. Raddoppio degli ospiti al 20' della ripresa con Mbakogu, lanciato a rete da Letizia. Due minuti dopo Iunco, entrato da poco al posto di Chiaretti, ha accorciato le distanze con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Valzania. Vano l'assalto finale del Cittadella per portare la partita ai supplementari. L'eventuale parità al termine di questi ultimi avrebbe comunque promosso la squadra veneta, che ha chiuso il campionato un punto sopra il Carpi.

Archivio Ultima ora