Papa: l’ingiustizia ferisce l’umanità, basta l’indifferenza

Pubblicato il 02 gennaio 2016 da redazione

papa

CITTA’ DEL VATICANO. – Ancora i temi dell’ “ingiustizia” e della “violenza” che “feriscono l’umanità”; ancora le immagini dei migranti che scappano e lasciano tutto per vedere rispettati i loro “diritti fondamentali”; ancora un appello a vincere “l’indifferenza” e la “falsa neutralità”. Papa Francesco comincia il 2016 rinnovando il richiamo a farsi “cooperatori” di Cristo “nella costruzione di un mondo più giusto”.

E quando la Chiesa celebra la Giornata Mondiale della Pace, il Papa sottolinea che “nemica della pace non è solo la guerra, ma anche l’indifferenza, che fa pensare solo a sé stessi e crea barriere, sospetti, paure e chiusure”. E poi aggiunge: “Dove non può arrivare la ragione dei filosofi né la trattativa della politica, là può giungere la forza della fede”.

Primo giorno dell’anno molto intenso per Papa Francesco. La giornata è cominciata alle 10 con la celebrazione della Messa a San Pietro nella festa della Madre di Dio. Poi l’Angelus. Infine questo pomeriggio ha aperto la Porta Santa della basilica romana di Santa Maria Maggiore, chiesa a lui tanto cara, con l’icona mariana della ‘Salus Populi Romani’.

Da pontefice ha visitato la basilica il giorno dopo la sua elezione, e poi è tornato tante volte, per esempio prima e dopo tutti i suoi viaggi apostolici internazionali. Oggi sarebbe la sua trentesima visita. Blindato il Vaticano fin dalle prime ore del mattino. Via della Conciliazione questa mattina è stata completamente pedonalizzata e si sono ripetuti i controlli a tappeto che si erano visti già in occasione dell’apertura del Giubileo, l’8 dicembre. E anche il pomeriggio imponenti erano le misure di sicurezza intorno a Santa Maria Maggiore.

Tanti i fedeli alle due celebrazioni; circa 60mila poi in piazza per l’Angelus. A Santa Maria Maggiore, aprendo la sua quinta Porta Santa, dopo Bangui, San Pietro, San Giovanni e alla Caritas, ha parlato di perdono che per Cristo, e dunque dovrebbe essere così anche per la Chiesa, “non conosce limiti. Non può fermarlo la legge con i suoi cavilli, né la sapienza di questo mondo con le sue distinzioni”.

“Questa parola, ‘perdono’, tanto incompresa dalla mentalità mondana, indica invece il frutto proprio, originale della fede cristiana”, ha detto Papa Francesco. E stamane citando i tanti mali del mondo, che fanno sentire Dio “come assente”, ha sottolineato che c’è una speranza per il compimento della quale ciascuno deve fare la sua parte.

“Un fiume di miseria, alimentato dal peccato, sembra contraddire la pienezza del tempo realizzata da Cristo. Eppure, questo fiume in piena non può nulla contro l’oceano di misericordia – ha sottolineato Papa Francesco – che inonda il nostro mondo. Siamo chiamati tutti ad immergerci in questo oceano, a lasciarci rigenerare”.

E con l’inizio del nuovo anno il Papa ha fatto gli auguri ai fedeli, all’Angelus e davanti alla basilica romana. Prima ha ringraziato il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella “per gli auguri che mi rivolto ieri sera nel suo Messaggio di fine anno, e che ricambio di cuore”. Poi rivolto a tutti:

“All’inizio dell’anno è bello scambiarsi gli auguri. Rinnoviamo così gli uni per gli altri, il desiderio che quello che ci attende sia un po’ migliore. Sappiamo però – ha detto Papa Francesco – che con l’anno nuovo non cambierà tutto, e che tanti problemi di ieri rimarranno anche domani. Allora vorrei rivolgervi un augurio sostenuto da una speranza reale”, ovvero che “il Signore posi lo sguardo sopra di voi e che possiate gioire”.

Papa Francesco ha aggiunto che Dio “è un Padre innamorato dell’uomo, che non si stanca mai di ricominciare da capo con noi per rinnovarci. Però non promette cambiamenti magici, Lui non usa la bacchetta magica. Ama cambiare la realtà dal di dentro, con pazienza e amore”.

(di Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

15:49Calcio: Icardi, voglio restare all’Inter per sempre

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Sono tifoso dell'Inter e voglio stare qui per sempre. Mi vedo bene con la maglia nerazzurra e sono capitano di questa grande squadra. Sto bene a Milano con la mia famiglia e voglio stare sempre all'Inter": lo dice l'attaccante dell'Inter Mauro Icardi rispondendo alle domande dei tifosi nerazzurri sul profilo Facebook del club. "Il mio obiettivo è arrivare a giocare ad alti livelli con l'Inter. Champions? Intanto speriamo di arrivarci. La voglio giocare con questa squadra e questo resta uno dei nostri obiettivi".

15:32Terremoto: Zingaretti, 11 mln per sostenere economia

(ANSA) - RIETI, 29 MAR - "Siamo attenti alle richieste delle imprese, con misure concrete per scongiurare lo spopolamento produttivo in queste zone. L'obiettivo è riportare qui le produzioni. L'investimento globale sarà di 11 milioni di euro per sostenere l'economia con tre provvedimenti cumulabili". E' quanto ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presentando il pacchetto di interventi e misure a favore delle popolazioni colpite dal sisma nel Reatino. "Come Regione - ha aggiunto - abbiamo voluto portare avanti due filoni. Una prima campagna di comunicazione che verrà promossa durante la Maratona di Roma, e una serie di campagne sui quotidiani nazionali per promuovere il territorio. Oltre a questo stiamo realizzando due guide turistiche che parleranno anche dei comuni del cratere".

15:31Calcio: Icardi, Inter con Suning può fare grandi cose

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Mi aspetto molto dall'Inter, abbiamo qualità. Possiamo arrivare a fare grandi cose. La società sta sistemando tutto, la squadra e il club. Vuole puntare in alto". E' la certezza di Mauro Icardi, attaccante dell'Inter, che oggi risponde alle domande dei tifosi sul profilo Facebook del club nerazzurro. "Il nostro team manager - spiega l'argentino - è andato in Cina e ci ha raccontato tutte le cose incredibili che Suning ha e tutti i progetti che ha per far tornare grande l'Inter". Disegni ambiziosi? "E' la prima cosa che ci hanno trasmesso - risponde Icardi - l'Inter deve tornare dove è stata. E questo dà tanta fiducia a noi giocatori. Loro cercheranno di migliorare ogni anno, con il mercato, con giocatori esperti che possano dare un contributo alla squadra".

15:27Calcio: Bisceglie denuncia gioco violento, ora ci ritiriamo

(ANSA) - BISCEGLIE (BARLETTA ANDRIA TRANI), 29 MAR - Non falli, ma gioco violento nell'ultima gara di campionato disputata, che ha avuto quale conseguenza la perforazione di un timpano per un calciatore e la frattura di un dito di una mano per un suo compagno di squadra, entrambi militanti nella formazione del Don Uva Bisceglie, che disputa il campionato di Seconda categoria. A denunciarlo in una nota è il presidente della società del Bisceglie, Silvestro Carbotti, il quale annuncia di non voler più partecipare al campionato.

15:25Migranti: Austria, controlleremo tutti treni Brennero

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAR - L'Austria controllerà tutti i treni al Brennero nella stazione di Brennersee, dove sarà realizzato un apposito binario per non intralciare il traffico internazionale. Lo ha annunciato il governatore tirolese Günther Platter. La situazione al valico italo-austriaco per il momento "è relativamente calma grazie ai controlli già in atto e alla buona collaborazione con le autorità italiane e tedesche". In caso di necessità la barriera "può comunque essere attivata in qualsiasi momento", ha detto Platter.

15:21Calcio:legale Dominello,curva Juve mai business ‘ndrangheta

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Rocco Dominello non è mai stato associato alla 'ndrangheta, non ha mai avuto biglietti dalla Juventus in tale veste e non ha mai distribuito alcun utile né al padre né ad altra organizzazione criminale". Lo precisa all'ANSA l'avvocato Domenico Putrino, legale di Rocco Dominello e del padre Saverio, che nell'udienza preliminare del processo Alto Piemonte sulle infiltrazioni della criminalità organizzata al nord si è dissociato dalla 'ndrangheta. Nel corso della sua deposizione, Saverio Dominello - prosegue il legale - ha precisato che "non vi è mai stato interesse", da parte delle famiglie di Rosarno, sul business dei biglietti della Juventus e che "Agnelli non ha mai avuto contatti con la 'ndrangheta".

15:04Calcio: Juve, Pjaca, lesione a legamento crociato

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - Rientrato da Tallin con la nazionale croata, Pjaca è stato sottoposto a risonanza magnetica questa mattina nella clinica privata Santa Katarina, specializzata in Ortopedia, a Zabok, a una trentina di chilometri da Zagabria. Gli specialisti e i medici della nazionale croata hanno aggiornato lo staff medico della Juventus. Claudio Marchisio fa coraggio al compagno di squadra: "Marko, tutti noi ti siamo vicino! Forza. Tornerai alla grande per dimostrare tutto il tuo talento!".

Archivio Ultima ora