Papa: l’ingiustizia ferisce l’umanità, basta l’indifferenza

Pubblicato il 02 gennaio 2016 da redazione

papa

CITTA’ DEL VATICANO. – Ancora i temi dell’ “ingiustizia” e della “violenza” che “feriscono l’umanità”; ancora le immagini dei migranti che scappano e lasciano tutto per vedere rispettati i loro “diritti fondamentali”; ancora un appello a vincere “l’indifferenza” e la “falsa neutralità”. Papa Francesco comincia il 2016 rinnovando il richiamo a farsi “cooperatori” di Cristo “nella costruzione di un mondo più giusto”.

E quando la Chiesa celebra la Giornata Mondiale della Pace, il Papa sottolinea che “nemica della pace non è solo la guerra, ma anche l’indifferenza, che fa pensare solo a sé stessi e crea barriere, sospetti, paure e chiusure”. E poi aggiunge: “Dove non può arrivare la ragione dei filosofi né la trattativa della politica, là può giungere la forza della fede”.

Primo giorno dell’anno molto intenso per Papa Francesco. La giornata è cominciata alle 10 con la celebrazione della Messa a San Pietro nella festa della Madre di Dio. Poi l’Angelus. Infine questo pomeriggio ha aperto la Porta Santa della basilica romana di Santa Maria Maggiore, chiesa a lui tanto cara, con l’icona mariana della ‘Salus Populi Romani’.

Da pontefice ha visitato la basilica il giorno dopo la sua elezione, e poi è tornato tante volte, per esempio prima e dopo tutti i suoi viaggi apostolici internazionali. Oggi sarebbe la sua trentesima visita. Blindato il Vaticano fin dalle prime ore del mattino. Via della Conciliazione questa mattina è stata completamente pedonalizzata e si sono ripetuti i controlli a tappeto che si erano visti già in occasione dell’apertura del Giubileo, l’8 dicembre. E anche il pomeriggio imponenti erano le misure di sicurezza intorno a Santa Maria Maggiore.

Tanti i fedeli alle due celebrazioni; circa 60mila poi in piazza per l’Angelus. A Santa Maria Maggiore, aprendo la sua quinta Porta Santa, dopo Bangui, San Pietro, San Giovanni e alla Caritas, ha parlato di perdono che per Cristo, e dunque dovrebbe essere così anche per la Chiesa, “non conosce limiti. Non può fermarlo la legge con i suoi cavilli, né la sapienza di questo mondo con le sue distinzioni”.

“Questa parola, ‘perdono’, tanto incompresa dalla mentalità mondana, indica invece il frutto proprio, originale della fede cristiana”, ha detto Papa Francesco. E stamane citando i tanti mali del mondo, che fanno sentire Dio “come assente”, ha sottolineato che c’è una speranza per il compimento della quale ciascuno deve fare la sua parte.

“Un fiume di miseria, alimentato dal peccato, sembra contraddire la pienezza del tempo realizzata da Cristo. Eppure, questo fiume in piena non può nulla contro l’oceano di misericordia – ha sottolineato Papa Francesco – che inonda il nostro mondo. Siamo chiamati tutti ad immergerci in questo oceano, a lasciarci rigenerare”.

E con l’inizio del nuovo anno il Papa ha fatto gli auguri ai fedeli, all’Angelus e davanti alla basilica romana. Prima ha ringraziato il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella “per gli auguri che mi rivolto ieri sera nel suo Messaggio di fine anno, e che ricambio di cuore”. Poi rivolto a tutti:

“All’inizio dell’anno è bello scambiarsi gli auguri. Rinnoviamo così gli uni per gli altri, il desiderio che quello che ci attende sia un po’ migliore. Sappiamo però – ha detto Papa Francesco – che con l’anno nuovo non cambierà tutto, e che tanti problemi di ieri rimarranno anche domani. Allora vorrei rivolgervi un augurio sostenuto da una speranza reale”, ovvero che “il Signore posi lo sguardo sopra di voi e che possiate gioire”.

Papa Francesco ha aggiunto che Dio “è un Padre innamorato dell’uomo, che non si stanca mai di ricominciare da capo con noi per rinnovarci. Però non promette cambiamenti magici, Lui non usa la bacchetta magica. Ama cambiare la realtà dal di dentro, con pazienza e amore”.

(di Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

13:05Fluorsid: Pigliaru, pronti a controlli straordinari

(ANSA) - CAGLIARI, 23 MAG - "Sulla base delle indicazioni dei sindaci, anche sulle ansie più diffuse nella popolazione, siamo pronti a procedere con controlli aggiuntivi e straordinari". Lo ha detto il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, a proposito dei temi legati alla vicenda della Fluorsid di Macchiareddu prima di prendere parte all'incontro a Palazzo Regio con il sindaco della Città Metropolitana, Massimo Zedda, gli assessori ad Ambiente, Sanità e Industria, Donatella Spano, Luigi Arru e Maria Grazia Piras, il direttore generale dell'Arpa, Alessandro Sanna, e i sindaci di Assemini, Elmas e Uta. "Si tratta di circoscrivere il fenomeno e capire dove siamo - ha spiegato il governatore - c'è una materia vigente, noi abbiamo agito dentro le linee tracciate prescritte? Questa è la prima cosa a cui dobbiamo dare una risposta, rendicontare il nostro comportamento rispetto alla materia vigente". In secondo luogo, "ciò che emerge dai controlli fatti, o diciamo e rendiamo così il più possibile trasparenti i dati che abbiamo in mano". Infine, "se la materia vigente ha dimostrato di avere delle falle, ragioniamo sulla possibilità di modificarla". Ieri a Villa Devoto il tavolo tecnico permanente voluto dallo stesso Pigliaru ha lavorato sulle istruttorie condotte da Giunta e struttura regionale sulle attività conosciute, sui sistemi di monitoraggio, di controllo e sulle autorizzazioni. Non solo: sono stati illustrati i procedimenti in corso per la bonifica dei siti industriali ricadenti nell'area Sin (Sito riconosciuto di interesse nazionale in quanto storicamente inquinato), tra cui quello oggetto dell'inchiesta in corso, mentre da parte dell'Ispra, l'ente nazionale competente che fa capo al ministero dell'Ambiente, è arrivata la conferma alla richiesta, fatta dall'assessora Spano, di effettuare un'ispezione suppletiva nelle aree della Fluorsid. (ANSA).

13:03Vino: Brunello e Vernaccia contraffatti, denunciato

(ANSA) - MONTEPULCIANO (SIENA), 23 MAG - Brunello di Montalcino, Chianti Riserva e Vernaccia di San Gimignano contraffatti. La frode, messa in piedi da un produttore di un'azienda agricola di Montepulciano (Siena), è stata scoperta dalla guardia di finanza. L'uomo è stato denunciato per contraffazione, alterazione o uso di marchi e contraffazione di indicazioni geografiche e denominazioni di origine di prodotti agroalimentari. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Siena Aldo Natalini, sono partite da una verifica fiscale a carico di un rivenditore di vino locale. Su una partita di 2.500 bottiglie era stata apposta l'etichetta con un marchio di cui i produttori non erano proprietari. Durante le indagini i militari hanno scoperto 51 mila etichette dello stesso tipo e hanno accertato l'avvenuta commercializzazione di altre 30 mila bottiglie di vino. Circa 15 mila bottiglie erano invece state prodotte e commercializzate falsamente etichettate con indicazione geografica e denominazione di origine.

12:59Omicidio Noventa: richiesta parti civili

(ANSA) - PADOVA, 23 MAG - Tre milioni e trecentomila euro a favore della famiglia Noventa, 150mila euro per l'ex marito: Sono le richieste avanzate dalle parti civili a carico dei fratelli Sorgato, Freddy e Debora, ed a Manuela Cacco, imputati nel processo con rito abbreviato per la morte di Isabella Noventa, scomparsa tra il 15 e il 16 gennaio 2016 e che si ritiene sia stata uccisa. "Abbiamo insistito sulla ricostruzione del danno enorme arrecato alla famiglia Noventa. Le richieste sono uguali per tutti e tre gli imputati, 3,3 milioni in solido, perché anche la Cacco ha dimostrato un intensità del dolo rilevante sia nell'omicidio che nello stalking" ha detto l'avvocato Gian Mario Balduin, legale della famiglia Noventa. "Il mio assistito, da marito separato, ha contenuto la richiesta risarcitoria per lasciare spazio alla famiglia. Ancora oggi abbiamo ripetuto l'appello per indicare il luogo in cui è stato sepolto il corpo" ha rilevato l'avv. Ernesto De Toni, legale dell'ex marito di Isabella Noventa Piero Gasperini. (ANSA).

12:59Siria: tv, autobomba nel centro di Homs

(ANSAmed) - BEIRUT, 23 MAG - E' di due morti e alcuni feriti il bilancio dell'attentato con autobomba avvenuto oggi a Homs, nella Siria centrale. Lo riferisce la tv di Stato siriana, che precisa che l'attacco ha preso di mira il quartiere di Zahra, non lontano dalla rotonda di Porta Palmira (Bab Tadmor). La zona è abitata dalla comunità alawita, branca dello sciismo a cui appartengono i clan al potere in Siria da mezzo secolo.

12:46Incendio portale antica chiesa Trani, scoperto responsabile

(ANSA) - TRANI, 23 MAG - E' stato individuato e denunciato dai carabinieri l'uomo che nella notte tra il 13 e il 14 maggio scorsi diede fuoco al portale di una chiesa romanica nel centro storico di Trani, la chiesa di San Giacomo. L'uomo, un 51enne che in precedenza aveva dato fuoco a cassonetti di rifiuti, aveva usato alcuni cartoni cosparsi di liquido infiammabile: è accusato di danneggiamento di un edificio destinato al culto e di interesse storico artistico. Le indagini dei carabinieri sono partite subito dopo la segnalazione delle fiamme, fatta da alcuni passanti e determinante è stata la descrizione del responsabile, un uomo in pantaloncini e bandana blu in testa. L'incendio ha annerito il portone ligneo dell'ingresso della chiesa e danneggiato alcuni mattoni dell'edificio per i quali saranno fatte valutazioni sull'entità del danno. Chiusa alle celebrazioni, ma di recente aperta al pubblico per visite guidate, San Giacomo è stata la prima cattedrale dell'arcidiocesi di Trani realizzata nel 1143 in stile romanico.

12:32Colpi di pistola contro studio consulenza

(ANSA) - TARANTO, 23 MAG - Quattro colpi di pistola sono stati sparati la notte scorsa contro la vetrata d'ingresso di uno studio professionale di consulenza del lavoro in via Duca degli Abruzzi angolo Corso Umberto a Taranto. Non ci sono state feriti. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra Volante e della Polizia scientifica, che hanno eseguito i rilievi e avviato le indagini per risalire all'identità dei responsabili e stabilire il movente. Probabilmente è stata utilizzata una pistola a tamburo perchè non sono stati ritrovati bossoli.

12:19Lunedì nero al lavoro? Eppure si fatica di più il martedì…

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Se il primo giorno della settimana provoca ansia, malumore e addirittura disperazione in realtà è il martedì la giornata in cui si concentrano gli impegni maggiori. Blogmeter ha effettuato una ricerca - promossa da Red Bull - su come gli italiani vedono e affrontano i giorni lavorativi della settimana intervistando un campione di 815 italiani nella fascia d'età che va dai 18 ai 64 anni. Secondo il 27% degli intervistati il martedì è il giorno con il più alto carico di lavoro da portare a termine, quello in cui si ricevono maggiori richieste da clienti e fornitori (13%), e infine quello in cui si prendono in assoluto meno ferie e permessi (3%). Percentuali ancora più marcate sui giovani under 35. Il mercoledì è la giornata dei meeting e delle riunioni (13%), mentre il venerdì è il giorno in cui è più comune usufruire di ferie e permessi (19%). A dispetto delle aspettative, è il giovedì il giorno meno impegnativo per gli italiani che lavorano.

Archivio Ultima ora