Italia recupero lento in Ue, ma cresce il clima di fiducia

Pubblicato il 03 gennaio 2016 da redazione

fiducia

ROMA. – L’Italia in recupero più lento rispetto ai big dell’Unione Europea, ma negli ultimi 6 mesi sembra aver ingranato la ripresa. Il clima di fiducia dei consumatori tocca i massimi dall’inizio della crisi, la produzione industriale continua a crescere e il tasso di utilizzo degli impianti si sta avvicinando ai livelli pre-crisi.

E’ quanto emerge dall’ultimo “Cruscotto congiunturale” basato su dati Eurostat relativi al terzo trimestre 2015 e pubblicato sul sito del Mise. I dati di Eurostat “dimostrano che l’Italia ha ingranato la ripresa” afferma il Mise. Induce a ben sperare il confronto fra i dati sulla produzione industriale dei cinque maggiori paesi europei.

All’ottobre 2015 il livello della produzione industriale dell’Italia è ancora distante oltre il 31% dai livelli pre-crisi: va meglio della Spagna che ha ancora una distanza del 33,6% ma molto, molto peggio della Germania che ha una ‘distanza’ di appena il 2,5%.

Il recupero dai minimi della crisi per il Belpaese è stato di solo il 3%, però di questo 3%, più di un terzo (l’1,1%) è stato realizzato negli ultimi 6 mesi. Se si considerano infatti le variazioni della produzione industriale di secondo e terzo trimestre 2015 l’Italia con il suo +1,1% fa meglio di Francia (+0,7), Germania (0,1) e Regno Unito (+1,0); sotto solo alla Spagna che ‘sprinta’ con un +2,4%.

Il tasso di disoccupazione in Italia resta alto (+11,5% a ottobre) ma in discesa di 1,4 punti sui dodici mesi, con un recupero dell’1,6% dal massimo della crisi. Sempre pesante la situazione dell’occupazione giovanile (dai 15 ai 24 anni) che con un tasso al 15,1% ci vede fanalini di coda, anche dietro alla Spagna (17,7%) che però ha un tasso di disoccupazione complessiva al 21,6%.

A leggere i dati Eurostat, l’Italia brilla soprattutto per il clima di fiducia che nel 2015 sembra essere tornato non solo per i consumatori, ma anche per le imprese. Nel confronto con i principali paesi europei la fiducia degli italiani è fra le migliori con un recupero dai minimi della crisi di 40,3 punti dell’indice e la variazione degli ultimi sei mesi di +7,7 (il risultato migliore rispetto a Germania, Francia, Regno Unito e Spagna).

Bene anche la fiducia delle imprese che si sta avvicinando ai livelli pre-crisi con un miglioramento negli ultimi 6 mesi. Fiducia che però non si traduce negli investimenti diminuiti dello 0,4% e che interessa macchinari e attrezzature (-0,9%) Fra i dati positivi l’aumento nel terzo trimestre del 2015 del tasso di utilizzo della capacità produttiva degli impianti che anche in questo caso si avvicina ai livelli pre-crisi.

“Nel confronto internazionale, l’Italia, rispetto ai principali paesi Ue, sconta una crisi più lunga e più dura che altrove – osservano dal Mise -. La ripresa, che nella maggior parte degli Stati membri Ue è partita e si è consolidata dal 2009, in Italia si è manifestata compiutamente solo tra il 2014 e il 2015. Tuttavia, i dati più recenti mostrano che il recupero è finalmente scattato, anche grazie alle misure assunte dal Governo per favorire investimenti e occupazione”.

Infine i consumatori, mentre i dati Eurostat rinfocolano le polemiche politiche con Fi che punta a “ricette nuove” di sviluppo, chiedono un piano straordinario di investimenti pubblici e privati e che stimoli la realizzazione di posti di lavoro.

Ultima ora

16:59Riciclaggio: chiesto processo per Fini e Tulliani

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Chiesto il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, accusato dai pm di Roma di riciclaggio. Oltre all'ex leader di An, il pm Barbara Sargenti, ha chiesto il processo per la sua compagna Elisabetta Tulliani, per il padre e il fratello di quest'ultima, Sergio e Giancarlo e per il "Re delle slot" Francesco Corallo. L'inchiesta condotta dal pm Barbara Sargenti della Dda capitolina, che coinvolge anche l'ex parlamentare Amedeo Labocetta e altre 4 persone, ha riguardato anche la vicenda della compravendita dell'appartamento a Montecarlo, lasciato in eredità dalla contessa Annamaria Colleoni ad An. L'immobile sarebbe stato acquistato da Giancarlo Tulliani (attualmente libero su cauzione a Dubai) grazie ai soldi di Corallo attraverso due società (Printemps e Timara) costituite ad hoc. Il coinvolgimento di Fini nell'inchiesta è legato proprio al suo rapporto con Corallo. Un rapporto, per la procura, che sarebbe alla base del patrimonio dei Tulliani.

16:34Valanghe: verso massimo grado di pericolo in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 22 GEN - Nel nordovest dell'Alto Adige nelle prossime ore sarà proclamato il massimo livello di pericolo valanghe (5 di 5) e la Protezione civile sarà messa in preallarme ("Bravo"). Lo comunica il meteorologo provinciale Dieter Peterlin. "Lungo la cresta di confine a 2.000 metri di quota registriamo oltre due metri di neve", informa Peterlin. In alcune zone della provincia, soprattutto in alta val Venosta, nessuno si ricorda tanta neve: a Roia di Fuori, per esempio, attualmente si segnalano 190 centimetri di neve, battendo di misura il record storico di 170 centimetri del 1981. La val Venosta è generalmente una delle zone più aride delle Alpi perché incastonata tra montagne che superano i 3.000 metri di altitudine, che formano una barriera naturale per le nuvole. Questo inverno invece è una della zone più ricche di neve.

16:29Diritti tv: presentate 5 buste

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Sono 5 le buste presentate per i diritti tv della Lega Serie A. Alcune contengono più di un'offerta, secondo fonti vicine al dossier. Sky ha presentato offerta per il pacchetto A (gare di 8 squadre fra cui le big per il satellitare), per il C (stesso contenuto per Internet) e per D1 e D2 (le partite delle altre 12 squadre, Roma inclusa, oltre che per i diritti accessori di A e D1-D2. Mediaset e Italia Way hanno offerto per il B (stesso contenuto di A per il digitale terrestre) e secondo quanto risulta anche Tim e Perform hanno avanzato offerte per il C.

15:51Calcio: Roma-Chelsea, Dzeko prende tempo

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Ore decisive per la trattativa in corso fra Roma e Chelsea. Secondo quanto riferisce SkySports, è tutto fatto per il passaggio di Emerson Palmieri ai Blues, mentre Edin Dzeko avrebbe delle perplessità in merito ai propri emolumenti e il Chelsea si starebbe chiedendo, sempre secondo la stessa fonte, se vale la pena pagare così tanto (per cartellino e stipendio) un calciatore di 31 anni. Così ora i londinesi starebbero prendendo in seria considerazione la candidatura alternativa dell'ex interista Marko Arnautovic, attualmente in forza al West Ham.

15:45Recuperati quadri di Luzzati trafugati a Sesto S.Giovanni

(ANSA) - CREMONA, 22 GEN - Un operaio di 65 anni di Trescore Cremasco (Cremona) è stato denunciato per furto dai carabinieri che hanno rinvenuto nella sua abitazione due quadri di Emanuele Luzzati trafugati lo scorso dicembre dall'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. L'uomo si era recato nel centro medico per una visita. In quei giorni era in ospedale una retrospettiva di Luzzati. Benché la sala fosse sorvegliata, erano stati asportati due quadri. Dalla visione delle immagini della videosorveglianza dell'ospedale, i carabinieri hanno visto una persona uscire con fare sospetto occultando qualcosa di voluminoso sotto gli abiti. Le immagini sono state sottoposte al vaglio del personale del centro medico che ha riconosciuto la persona che si era sottoposta ad accertamenti sanitari proprio all'Ospedale Multimedica. I carabinieri hanno perquisito la sua casa e lì hanno trovato le due opere: 'La Rosaura' e 'La Rosaura vedova scaltra' di Luzzati, nato a Genova nel 1921 e morto nel 2007.(ANSA).

15:40Calcio: iniziato consiglio Aic, al centro elezioni Figc

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' iniziato, con un'ora e mezza di ritardo rispetto all'orario previsto, il Direttivo dell'Associazione italiana calciatori, in cui si discuterà della posizione dell'Aic alle prossime elezioni federali, previste per il 29 gennaio. Prima dell'inizio del Consiglio, il presidente Damiano Tommasi ha incontrato anche il presidente dell'Assoallenatori, Renzo Ulivieri: un faccia a faccia incentrato proprio sulle candidature alla Figc.

15:38Calcio: la Juventus sbarca su Netflix

(ANSA) - TORINO, 22 GEN - La Juventus sbarca su Netflix. La piattaforma dell'intrattenimento online offre dal 16 febbraio ai suoi iscritti, oltre cento milioni in 190 Paesi, 'Prima squadra: Juventus Fc', la docu-serie originale dedicata ai campioni d'Italia. Per realizzarla ci sono voluti quattro mesi di riprese, fianco a fianco ai campioni bianconeri. I primi tre episodi della serie - la seconda parte sarà disponibile in estate - permetteranno di accedere al dietro le quinte del club. Un racconto "avvincente e serrato di questa stagione - si legge sul sito del club bianconero - che si snoda tra le storie dei protagonisti e cattura dentro e fuori dal campo le vere esperienze di vita che rendono la Juventus non solo una squadra vincente, ma anche delle più affascinanti al mondo".

Archivio Ultima ora