Dakar sempre nella bufera, dopo incidente salta tappa

Pubblicato il 03 gennaio 2016 da redazione

Spanish Carlos Sainz during the prologue stage of the Rally Dakar 2016 in Arrecife, 80 kilometers from Rosario, Argentina, 02 January 2016.  EPA/Felipe Turbo

Spanish Carlos Sainz during the prologue stage of the Rally Dakar 2016 in Arrecife, 80 kilometers from Rosario, Argentina, 02 January 2016. EPA/Felipe Turbo

ROMA. – Un grave incidente nel prologo, la prima tappa annullata per maltempo: è stato un avvio più che sfortunato, quello della Dakar 2016 in Argentina, tanto da richiamare subito l’attenzione di chi crede nell’influenza nefasta dell’anno bisestile.

Credenze a parte, il clima di festa che da sempre accompagna la partenza del massacrante raid in Sudamerica è stato subito cancellato dall’incidente che ieri nel prologo ha coinvolto una decina di spettatori, travolti dalla Mini n. 360 condotta dalla cinese Guo Meiling durante la prova speciale di 11 chilometri nel percorso tra Buenos Aires e Rosario.

Superata la paura, quando oggi tutto sembrava pronto per la partenza, un nubifragio ha colpito la zona intorno a Rosario, inducendo gli organizzatori a cancellare la tappa per motivi di sicurezza. Tutto, quindi, è rinviato a domani, quando la carovana partirà da Villa Carlos Paz per la seconda prova.

Intanto, fonti ospedaliere hanno parzialmente rassicurato sulle condizioni dei feriti. Una persona è “in condizioni gravi”, mentre un uomo e il figlio di 10 anni sono stabili e in via di miglioramento; una donna incinta viene trattenuta in ospedale, ma solo in osservazione. Un altro ferito è stato trasportato a Buenos Aires per essere operato a un femore, altri sono stati già dimessi.

Guo Meiling, una donna d’affari di 47 anni, al debutto nella Dakar, non ha subito danni, ma qualche commentatore in Argentina ha espresso dubbi sulle sue capacità di gestire la Mini All4 Racing, mostro da oltre 300 cavalli.

Dal 1979 a oggi, la Dakar è stata funestata da decine di incidenti, che solo tra i piloti hanno causato 28 morti, tra i quali anche gli italiani Giampaolo Marinoni nell’86 e Fabrizio Meoni nel 2005. Molti anche gli incidenti che hanno coinvolto spettatori nelle 37 edizioni, specie quando il raid si dispurtava fra le dune del Sahara.

Anche il maltempo è stato spesso protagonista, ma mai finora aveva fermato la prima tappa della corsa. Stamane un vero diluvio ha imperversato sull’area del percorso, causando la formazione di torrenti d’acqua che avrebbero impedito il passaggio di moto e quad, mentre gli elicotteri dell’assistenza sanitaria non potevano levarsi in volo. Ovvia, a quel punto, la decisione di rinviare tutto a domani.

I partecipanti – 110 auto, 55 camion, 143 moto e 46 quad – si sono diretti, in parte in convoglio, verso Villa Carlos Paz. Li aspetta domani la più lunga prova speciale di questa edizione, 510 km per auto e camion e 450 per moto e quad.

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora