Dakar sempre nella bufera, dopo incidente salta tappa

Pubblicato il 03 gennaio 2016 da redazione

Spanish Carlos Sainz during the prologue stage of the Rally Dakar 2016 in Arrecife, 80 kilometers from Rosario, Argentina, 02 January 2016.  EPA/Felipe Turbo

Spanish Carlos Sainz during the prologue stage of the Rally Dakar 2016 in Arrecife, 80 kilometers from Rosario, Argentina, 02 January 2016. EPA/Felipe Turbo

ROMA. – Un grave incidente nel prologo, la prima tappa annullata per maltempo: è stato un avvio più che sfortunato, quello della Dakar 2016 in Argentina, tanto da richiamare subito l’attenzione di chi crede nell’influenza nefasta dell’anno bisestile.

Credenze a parte, il clima di festa che da sempre accompagna la partenza del massacrante raid in Sudamerica è stato subito cancellato dall’incidente che ieri nel prologo ha coinvolto una decina di spettatori, travolti dalla Mini n. 360 condotta dalla cinese Guo Meiling durante la prova speciale di 11 chilometri nel percorso tra Buenos Aires e Rosario.

Superata la paura, quando oggi tutto sembrava pronto per la partenza, un nubifragio ha colpito la zona intorno a Rosario, inducendo gli organizzatori a cancellare la tappa per motivi di sicurezza. Tutto, quindi, è rinviato a domani, quando la carovana partirà da Villa Carlos Paz per la seconda prova.

Intanto, fonti ospedaliere hanno parzialmente rassicurato sulle condizioni dei feriti. Una persona è “in condizioni gravi”, mentre un uomo e il figlio di 10 anni sono stabili e in via di miglioramento; una donna incinta viene trattenuta in ospedale, ma solo in osservazione. Un altro ferito è stato trasportato a Buenos Aires per essere operato a un femore, altri sono stati già dimessi.

Guo Meiling, una donna d’affari di 47 anni, al debutto nella Dakar, non ha subito danni, ma qualche commentatore in Argentina ha espresso dubbi sulle sue capacità di gestire la Mini All4 Racing, mostro da oltre 300 cavalli.

Dal 1979 a oggi, la Dakar è stata funestata da decine di incidenti, che solo tra i piloti hanno causato 28 morti, tra i quali anche gli italiani Giampaolo Marinoni nell’86 e Fabrizio Meoni nel 2005. Molti anche gli incidenti che hanno coinvolto spettatori nelle 37 edizioni, specie quando il raid si dispurtava fra le dune del Sahara.

Anche il maltempo è stato spesso protagonista, ma mai finora aveva fermato la prima tappa della corsa. Stamane un vero diluvio ha imperversato sull’area del percorso, causando la formazione di torrenti d’acqua che avrebbero impedito il passaggio di moto e quad, mentre gli elicotteri dell’assistenza sanitaria non potevano levarsi in volo. Ovvia, a quel punto, la decisione di rinviare tutto a domani.

I partecipanti – 110 auto, 55 camion, 143 moto e 46 quad – si sono diretti, in parte in convoglio, verso Villa Carlos Paz. Li aspetta domani la più lunga prova speciale di questa edizione, 510 km per auto e camion e 450 per moto e quad.

Ultima ora

15:31Battisti: appello dell’ex moglie a presidente Corte Suprema

(ANSA) - SAN PAOLO, 18 OTT - L'ex moglie di Cesare Battisti, Priscila Pereira, ha inviato una lettera alla presidente del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano, Carmen Lucia, chiedendole che all'ex membro dei Pac sia concesso di rimanere in Brasile per occuparsi del figlio. Lo ha reso noto la giornalista Monica Bergamo nella sua colonna sul quotidiano Folha de Sao Paulo, citando vari brani della missiva, nella quale l'ex moglie sottolinea che Battisti ha "il diritto di continuare ad esercitare la sua paternità in modo totale". "Ho vissuto queste ultime giornate al limite dell'angoscia", scrive Pereira, spiegando che non dispone dei mezzi necessari per sostentarsi ed occuparsi del figlio che ha avuto con Battisti. Il prossimo 24 ottobre la Corte deve riunirsi per emettere un parere sulla richiesta di 'habeas corpus' presentata dagli avvocati dell'ex terrorista. Il governo di Michel Temer ha fatto sapere che non prenderà nessuna iniziativa su un'eventuale estradizione di Battisti finché l'alta corte non avrà preso una decisione

15:28Lavoro: rider fanno causa a Foodora, è la prima in Italia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - È iniziata a Torino la causa, la prima in Italia, intentata da sei rider contro Foodora. I fattorini, seguiti dagli avvocati Sergio Bonetto e Giulia Druetta, chiedono di essere reintegrati nel posto di lavoro. Dopo la mobilitazione dello scorso anno, l'azienda non ha più fatto lavorare i sei giovani, nonostante avessero dato la disponibilità. A quanto si apprende dagli avvocati, il tentativo di conciliazione è fallito e l'impresa ha escluso ogni possibilità di reintegro. Si tratta della prima azione legale in Italia nei confronti di Foodora. Dopo gli scioperi dello scorso anno contro le condizioni di lavoro di Foodora, i sei rider non vennero più chiamati. "Un licenziamento orale", che secondo i ricorrenti è illegittimo.(ANSA).

15:24Ferrovie: investimento mortale, bloccata linea Adriatica

(ANSA) - ANCONA, 18 OTT - Una persona è morta investita da un treno, il Freccia bianca Lecce-Milano, fra le stazioni di Montemarciano e Senigallia (Ancona). Potrebbe trattarsi di un suicidio. La circolazione lungo la linea Adriatica è interrotta dalle 13:40 circa su entrambi i binari. A bordo della Freccia ci sono 450 passeggeri. Sul posto la Polizia ferroviaria e uomini del Gruppo Ferrovie dello Stato.

15:23Bankitalia: Renzi, nessuno scontro Pd-Governo

(ANSA) - RECANATI, 18 OTT - "Confesso che faccio un po’ fatica a seguire da qui le ragioni reali dello scontro. Ieri c’è stata una mozione che riguarda Bankitalia che il Pd ha votato e ha avuto la riformulazione del governo. Non c’è nessuno scontro tra il Pd è il governo perché il Pd ha cambiato una mozione in logica di collaborazione”. Lo dice Matteo Renzi su Bankitalia.

15:20Migranti: Oim porta kit aiuti e 100 mila pasti in Libia

(ANSA) - NEW YORK, 18 OTT - L'agenzia per le migrazioni dell'Onu (Oim) sta fornendo sostegno ai profughi e migranti che vivono a Zuwara e nel punto di ritrovo di Sabratha, in Libia, sotto forma di kit che includono materassi, coperte, cuscini, kit per l'igiene e oltre 100.000 pasti. I migranti vengono da circa una decina di Nazioni, e l'Oim ha spiegato che, su 1.631 intervistati, il 44% vuole tornare nel proprio paese d'origine attraverso il programma volontario di ritorno. L'agenzia delle Nazioni Unite sostiene fortemente le alternative alla detenzione: "Siamo preoccupati per il gran numero di migranti detenuti", ha spiegato Othman Belbeisi, capo della missione Oim in Libia, affermando che i centri sono sovraccarichi e non rispettano gli standard minimi internazionali in materia di diritti umani. "Siamo pronti a fornire il supporto necessario alle autorità libiche per alternative alla detenzione - ha proseguito - soprattutto per i più vulnerabili come donne in gravidanza e bambini".

15:19Malta: blogger uccisa, si indaga sul tipo di bomba usata

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Esperti forensi danesi e maltesi sono al lavoro a Malta nel luogo dove due giorni fa è esplosa la vettura della giornalista-blogger Daphne Caruana Galizia, che l'ha uccisa sul colpo. Lo scrive The Times of Malta. L'auto con a bordo la reporter investigativa è stata scaraventata in un prato antistante alla strada a causa della potenza dell'esplosione, mentre altri pezzi della vettura sono stati sparpagliati tutto intorno. Si pensa che sia stato usato esplosivo militare di tipo Semtex. Gli inquirenti stanno cercando di stabilire il tipo di bomba, dove sia stata piazzata, come sia stata attivata e se i frammenti possano fornire ulteriori informazioni sulle persone coinvolte.

15:18Trump, decisione Lega football irrispettosa verso Usa

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "La Lega nazionale di football non obbligherà i giocatori a stare in piedi durante l'inno nazionale. Totale mancanza di rispetto verso il nostro grande paese!". Così il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha attaccato su Twitter la decisione della Nfl di continuare a permettere ai giocatori di inginocchiarsi per protesta durante l'inno americano senza alcuna sanzione.

Archivio Ultima ora