Iran invoca la vendetta divina, i sauditi come l’Isis

Pubblicato il 03 gennaio 2016 da redazione

iran

TEHERAN. – Sue le parole più forti – “la vendetta divina si abbatterà sui politici sauditi” – e sua anche l’immagine più eloquente: un boia bifronte, una parte vestita con l’abito bianco saudita e l’altro con quello nero di Jihadi John, l’impietoso tagliatore di teste dell’Isis.

E’ la Guida suprema Ali Khamenei a dare oggi la versione ufficiale della condanna iraniana all’esecuzione dell’imam Nimr al-Nimr, nel secondo giorno dell’ira sciita contro la monarchia saudita. “Dio onnipotente non rimarrà indifferente – è il monito di Khamenei sul suo sito ufficiale – al sangue innocente, e questo sangue sparso in modo ingiusto affliggerà rapidamente” i nuovi governanti di Riad, quelli guidati da re Salman.

Una condanna ed un rinvio ad una punizione futura che più autorevoli (e minacciosi) non potevano essere, e che si accompagnano a quelle che giungono dalle diverse voci del governo di Hassan Rohani. Le quali hanno anche ammonito i manifestanti a non deragliare dai binari della legalità, come accaduto l’altra notte all’ambasciata saudita, devastata e messa a fuoco nonostante i cordoni ed i rinforzi di polizia pur preventivamente ordinati.

Ma i protagonisti dell’assalto – ‘studenti’ e basiji, i volontari dei Pasdaran, sono spesso protagonisti di simili deragliamenti – evidentemente ben conoscevano la prassi degli attacchi alle ambasciate e anche i confini della semi-illegalità in cui potersi muovere. Tanto che, nonostante il divieto di tornare di fronte alla sede diplomatica di Riad – dove manca da circa un anno il titolare, solo pochi giorni fa si era annunciato l’arrivo del nuovo ambasciatore – e nonostante i circa 50 arresti annunciati dalla magistratura, altre proteste si sono ripetute nello stesso luogo, con scontri e qualche agente ferito.

Proteste concluse con un atto simbolico da parte dei manifestanti: una targa nuova, con il nome dello Sheikh Nimr, al posto di quella che indicava Boustan street. La manifestazione ufficiale intanto si svolgeva a Felestin Square, nel centro della capitale, con un vecchio e nuovo repertorio di slogan contro i sauditi, “mercenari degli Usa”, e il grande e storico nemico, Israele.

Il ministro degli Esteri Javad Zarif ritesseva nel frattempo la sua rete diplomatica, accusando Riad di violazione dei diritti umani e di sostegno al terrorismo in telefonate con la rappresentante della politica estera Ue Federica Mogherini – che ha cercato di “disinnescare le tensioni” e fermare l’escalation – e il segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon, il cui commissario per i diritti umani ha definito “inquietanti” le esecuzioni saudite.

Diritti che per il presidente Rohani sono stati violati da Riad insieme ai valori islamici, mentre le Guardie della rivoluzione insistevano sulle responsabilità del wahabismo e salafismo sunnita di marca saudita nel generare i mostri del terrorismo e dell’Isis.

Ma da Riad la risposta è stata pronta: “Il regime iraniano è l’ultimo al mondo che può accusare gli altri di sostenere il terrorismo”, ha detto un funzionario del ministero saudita, visto che “sponsorizza il terrore ed è condannato dalle Nazioni Unite e da molti Paesi”. Fra i quali gli Usa, che usano ancora il termine per indicare il suo sostegno a gruppi palestinesi di Gaza e a Hezbollah in Libano.

La protesta sciita ha portato a nuovi scontri e arresti in Bahrein, Paese governato da una minoranza sunnita e sostenuto ancora una volta da Riad. In questo quadro sono arrivate le condanne dell’assalto all’ambasciata a Teheran da parte della Lega Araba, mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno convocato l’ambasciatore iraniano ed il Consiglio di Cooperazione del Golfo ha espresso sostegno ai sauditi per la loro azione contro il terrorismo.

La linea di frattura tra sciiti e sunniti nella regione continua pericolosamente ad allargarsi.

(di Luciana Borsatti e Mojgan Ahmadvand/ANSA)

Ultima ora

14:37Terremoto: Zingaretti, con governo fatti passi avanti

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Con il governo abbiamo fatto dei passi avanti, nel senso che ora abbiamo più certezze per un progetto che è divenuto più solido. Stiamo lavorando per mantenere gli impegni e per far tornare la gente nei propri territori, come conferma la presenza di ben 38 cantieri". Lo ha sottolineato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, uscendo da Palazzo Chigi al termine dell'incontro con il presidente del Consiglio Gentiloni dedicato al terremoto del Centro Italia.(ANSA).

14:36Calcio: Olimpico senza barriere dal derby di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Il derby di Coppa Italia si giocherà con le curve dell'Olimpico senza barriere. Partiranno domattina, infatti, i lavori per la rimozione dei divisori: il primo settore ad essere interessato sarà quello della Nord, che resterà chiuso per la partita Roma-Empoli, in programma sabato sera. A seguire, anche la curva Sud sarà liberata dalle barriere: i lavori termineranno martedì mattina, in tempo per il derby di Coppa Italia del 4 aprile.

14:08Migranti: Kompatscher, serve cambio di rotta dell’Europa

(ANSA) - BOLZANO, 28 MAR - "Dobbiamo cambiare rotta. Serve una svolta della politica comunitaria per la gestione dei migranti". Lo ha detto il governatore altoatesino Arno Kompatscher in riferimento all'annuncio di Vienna di voler disattendere il piano di ricollocamento. "La posizione di Vienna - ha aggiunto - in un certo senso è comprensibile, visto che i numeri in rapporto agli abitanti sono nettamente sopra la media europea e anche sopra la media italiana". Kompatscher ha espresso rammarico "che ora dal piano di ricollocamento si sfila anche l'Austria e resta praticamente solo la Germania che sta già facendo moltissimo su questo fronte". Il presidente della provincia di Bolzano incontrerà domani ad Innsbruck il suo omologo tirolese Günther Platter e il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka.

14:06Ue: Gentiloni, flessibilità possibile e necessaria

(ANSA) - ROMA, 28 MAR -"Dobbiamo essere certi che sui margini del patto di stabilità c'è una discussione in corso e non riguarda solo l'Italia. Andrà avanti nei prossimi mesi e noi vi parteciperemo perché la flessibilità non solo è possibile ma anche necessaria in un momento in cui la crescita va incoraggiata". Così il premier Paolo Gentiloni ribadisce, dopo l'incontro a Palazzo Chigi sul terremoto, la linea italiana in Ue.

14:03Gentiloni, cerchiamo altri soldi per terremoto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Ho detto che stanzieremo almeno 1 miliardo all'anno e per 3 anni, ma stiamo lavorando per avere risorse più ingenti possibili. Le modalità con cui questo fondo sarà utilizzato saranno rese note dal governo ad aprile". Lo ha annunciato a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando delle norme per il terremoto del Centro Italia.

13:59Card. Ravasi, fuggire facile via nazionalismo e populismo

(ANSA) - PADOVA, 28 MAR - "E' una visione del tutto non cristiana quella che considera che la via più semplice di fronte all'altro è di considerarlo un rischio e un pericolo mettendo quindi in atto la paura o l'attacco, l'assalto. Ed è proprio questo che i fondamentalisti vogliono perché su quel terreno sono capaci di contrastarci. Il compito della cultura e delle religioni è di stabilire un duetto, non un duello, con voci diverse ma che possono costruire qualcosa insieme. Dobbiamo fuggire la facile via del nazionalismo e del populismo che purtroppo fa sempre scattare adesioni istintive". Così il cardinal Gianfranco Ravasi, parlando di integrazione e interculturalità a margine dell'intervento tenuto a Padova all'inaugurazione dell'anno accademico della Facoltà Teologica del Triveneto.

13:59Calcio: Simeone insegue Lacazette, lo vuole all’Atletico

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Alexandre Lacazette è finito nel mirino dell'Atletico Madrid, dove Diego Simeone vorrebbe comporre un tandem d'attacco tutto francese: Antoine Griezmann insieme all'attuale centravanti del Lione. Il miglior marcatore francese in Europa (29 gol finora) è infatti al primo posto, riferisce France Football, nella lista del ds dei 'Colchoneros', Andrea Berta, che ha cominciato già a contattare l'entourage del giocatore e il club. Secondo la rivista sportiva francese, l'Atletico sarebbe pronto a mettere sul piatto 60 milioni per il cartellino dell'attaccante che ha ancora due anni di contratto col Lione.

Archivio Ultima ora