Iran invoca la vendetta divina, i sauditi come l’Isis

Pubblicato il 03 gennaio 2016 da redazione

iran

TEHERAN. – Sue le parole più forti – “la vendetta divina si abbatterà sui politici sauditi” – e sua anche l’immagine più eloquente: un boia bifronte, una parte vestita con l’abito bianco saudita e l’altro con quello nero di Jihadi John, l’impietoso tagliatore di teste dell’Isis.

E’ la Guida suprema Ali Khamenei a dare oggi la versione ufficiale della condanna iraniana all’esecuzione dell’imam Nimr al-Nimr, nel secondo giorno dell’ira sciita contro la monarchia saudita. “Dio onnipotente non rimarrà indifferente – è il monito di Khamenei sul suo sito ufficiale – al sangue innocente, e questo sangue sparso in modo ingiusto affliggerà rapidamente” i nuovi governanti di Riad, quelli guidati da re Salman.

Una condanna ed un rinvio ad una punizione futura che più autorevoli (e minacciosi) non potevano essere, e che si accompagnano a quelle che giungono dalle diverse voci del governo di Hassan Rohani. Le quali hanno anche ammonito i manifestanti a non deragliare dai binari della legalità, come accaduto l’altra notte all’ambasciata saudita, devastata e messa a fuoco nonostante i cordoni ed i rinforzi di polizia pur preventivamente ordinati.

Ma i protagonisti dell’assalto – ‘studenti’ e basiji, i volontari dei Pasdaran, sono spesso protagonisti di simili deragliamenti – evidentemente ben conoscevano la prassi degli attacchi alle ambasciate e anche i confini della semi-illegalità in cui potersi muovere. Tanto che, nonostante il divieto di tornare di fronte alla sede diplomatica di Riad – dove manca da circa un anno il titolare, solo pochi giorni fa si era annunciato l’arrivo del nuovo ambasciatore – e nonostante i circa 50 arresti annunciati dalla magistratura, altre proteste si sono ripetute nello stesso luogo, con scontri e qualche agente ferito.

Proteste concluse con un atto simbolico da parte dei manifestanti: una targa nuova, con il nome dello Sheikh Nimr, al posto di quella che indicava Boustan street. La manifestazione ufficiale intanto si svolgeva a Felestin Square, nel centro della capitale, con un vecchio e nuovo repertorio di slogan contro i sauditi, “mercenari degli Usa”, e il grande e storico nemico, Israele.

Il ministro degli Esteri Javad Zarif ritesseva nel frattempo la sua rete diplomatica, accusando Riad di violazione dei diritti umani e di sostegno al terrorismo in telefonate con la rappresentante della politica estera Ue Federica Mogherini – che ha cercato di “disinnescare le tensioni” e fermare l’escalation – e il segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon, il cui commissario per i diritti umani ha definito “inquietanti” le esecuzioni saudite.

Diritti che per il presidente Rohani sono stati violati da Riad insieme ai valori islamici, mentre le Guardie della rivoluzione insistevano sulle responsabilità del wahabismo e salafismo sunnita di marca saudita nel generare i mostri del terrorismo e dell’Isis.

Ma da Riad la risposta è stata pronta: “Il regime iraniano è l’ultimo al mondo che può accusare gli altri di sostenere il terrorismo”, ha detto un funzionario del ministero saudita, visto che “sponsorizza il terrore ed è condannato dalle Nazioni Unite e da molti Paesi”. Fra i quali gli Usa, che usano ancora il termine per indicare il suo sostegno a gruppi palestinesi di Gaza e a Hezbollah in Libano.

La protesta sciita ha portato a nuovi scontri e arresti in Bahrein, Paese governato da una minoranza sunnita e sostenuto ancora una volta da Riad. In questo quadro sono arrivate le condanne dell’assalto all’ambasciata a Teheran da parte della Lega Araba, mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno convocato l’ambasciatore iraniano ed il Consiglio di Cooperazione del Golfo ha espresso sostegno ai sauditi per la loro azione contro il terrorismo.

La linea di frattura tra sciiti e sunniti nella regione continua pericolosamente ad allargarsi.

(di Luciana Borsatti e Mojgan Ahmadvand/ANSA)

Ultima ora

08:32Usa: Spicer, ‘Come mi sento? Sollevato’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Sean Spicer, l'ormai ex portavoce del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si sente "sollevato" dopo aver rassegnato nelle scorse ore le sue dimissioni. Lo ha detto - tra il serio e il faceto - rispondendo a domande della Abc: "Come sembra che mi senta? Sollevato".

08:27Polonia: sì del Senato a controversa legge sui giudici

(ANSA) - VARSAVIA, 22 LUG - Il Senato polacco ha accolto stanotte con i voti della maggioranza del partito di Jaroslaw Kaczynski la controversa legge sulla Corte suprema con la quale viene cancellata in Polonia l'autonomia del sistema giudiziario. A favore della legge hanno votato 55 senatori, contrari erano 23, due senatori del Pis si sono astenuti. Contro la legge ieri sera hanno protestato i cittadini polacchi in 100 diverse citta' del Paese. Sotto la sede del parlamento polacco, circondato dalla polizia, e' tutt'ora in corso la protesta di diverse centinaia delle persone. Ora la legge passa al presidente, che ha 21 giorni per firmarla.

08:27Usa: capo polizia Minneapolis si dimette

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - La capo della Polizia di Minneapolis, Janee Harteau, ha annunciato le sue dimissioni in seguito al caso della donna Australiana disarmata uccisa da un agente meno di una settimana fa. Lo riferiscono i media americani. Le dimissioni erano state sollecitate anche dal sindaco della citta', Betsy Hodges.

08:12Usa: Trump Jr negozia per audizione privata

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - Donald Trump Jr e Paul Manafort, il figlio del presidente degli Stati Uniti e l'ex manager della campagna elettorale del tycoon, stanno negoziando con la commissione Giustizia del Senato circa la loro audizione nell'ambito del cosiddetto 'Russiagate' prevista per mercoledì, chiedendo che avvenga in forma privata invece che pubblica. Lo riferiscono media Usa, tra cui la Cnn. La commissione Giustizia del Senato aveva chiesto in un primo momento che Trump Jr e Manafort comparissero in una audizione pubblica il prossimo mercoledì, fissando per queste ore la scadenza per una risposta ufficiale. Intanto, il genero di Trump, Jared Kushner, ha acconsentito a comparire anche davanti alla commissione Intelligence della Camera martedì 25 luglio, per un'audizione a porte chiuse nell'ambito del 'Rusdsiagate'.

07:53Venezuela: Parlamento sceglie giudici, alta corte respinge

(ANSA) - CARACAS, 22 LUG - Continua ad acuirsi lo scontro fra poteri dello Stato in Venezuela: ieri il Parlamento ha eletto 33 magistrati per il Tribunale supremo di giustizia (Tsg), ma l'Alta corte ha definito illegale la designazione e ha chiesto alle "autorità civili e militari" di prendere "le misure coercitive pertinenti". L'Assemblea nazionale, dove l'opposizione dispone di una maggioranza di due terzi, ha scelto i giudici perché sostituiscano quelli eletti nelle ultime ore della precedente maggioranza chavista - dopo la dura disfatta del governo nelle elezioni politiche del 2015 - la cui designazione è denunciata come illegale non solo dal Legislativo ma anche dalla procuratrice generale Luisa Ortega Diaz. Il Tsg, però, considera il Parlamento in situazione di oltraggio alla corte e dunque respinge ogni sua azione come irregolare e senza effetto legale. Questa volta, inoltre, ha denunciato che l'elezione dei magistrati costituisce un "abuso di funzioni" e possibilmente "un tradimento della Patria".

07:47Wp, Sessions parlò di campagna Trump con amb.russo

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - L'ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak, ha riferito a suoi superiori a Mosca di aver discusso di temi legati alla campagna elettorale di Donald Trump con Jeff Sessions, durante la stessa campagna nel 2016 quando Sessions era consigliere di Trump per la politica estera, adesso ministro della Giustizia. Lo scrive il Washington Post citando fonti ufficiali. I resoconti di Kislyak relativi a due conversazioni con Sessions sono stati intercettati da 007 americani.

05:37Terremoto, scossa magnitudo 4.2 vicino Amatrice

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata registrata alle 4:13 tra le province dell'Aquila, Rieti e Teramo. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 14 km di profondità; l'epicentro è stato a 3 km da Campotosto (L'Aquila), 8 da Amatrice (Rieti) e 12 da Crognaleto (Teramo). La scossa è stata chiaramente avvertita dalla popolazione, anche fino a Rieti. Al momento non si hanno segnalazioni di danni a persone o cose.

Archivio Ultima ora