Le radici e le ali, prossima l’uscita del nuovo libro di Goffredo Palmerini

Pubblicato il 05 gennaio 2016 da redazione

Copertina Le radici e le ali

Copertina Le radici e le ali

L’AQUILA – E’ in corso di pubblicazione per i tipi delle Edizioni One Group, con prevedibile uscita in questo mese di gennaio, il volume “Le radici e le ali” di Goffredo Paglierini. Il libro è una raccolta di storie, annotazioni e curiosità della più bella Italia nel mondo.

Un caleidoscopio di personaggi, fatti ed eventi culturali che raccontano la nostra comunità all’estero, alcune interessanti singolarità dell’Abruzzo e perle di quel grande scrigno d’arte e tradizioni suggestive della intrigante provincia italiana.

Il volume raccoglie 52 scritti, una curata selezione di articoli pubblicati su numerose testate all’estero (Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cile, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Sud Africa, Uruguay e Venezuela), su agenzie internazionali e su diverse testate in Italia e abruzzesi, specie on line.

Molti gli argomenti, che spaziano dalla cultura all’arte, dall’emigrazione a personaggi illustri, dai grandi eventi tenutisi in Abruzzo e nel resto d’Italia alle attività delle comunità abruzzesi nel mondo. Tutti con un filo rosso che li lega. Dunque, anche questo specialissimo “annuario” è uno specchio della migliore Italia, dentro e fuori i confini.

Insomma, ancora un viaggio appassionante attraverso mondi ancora poco conosciuti, siano essi nella straordinaria provincia italiana, l’Abruzzo in particolare, come tra la ricchezza morale e culturale delle nostre comunità all’estero. E’ quanto Palmerini propone con questa sua ulteriore pubblicazione che, al pari delle precedenti, non manca di regalare sorprese in pagine di avvincente e intensa narrazione.

Con l’autorizzazione dell’editore, si anticipano qui la bella copertina e la nota di presentazione che apre il volume, vergata da un grande autore del teatro mondiale, il drammaturgo d’origine aquilana Mario Fratti, che da oltre mezzo secolo vive a New York. (g.p.)

Presentazione di Mario Fratti

Nuovo volume dell’attivissimo giornalista Goffredo Palmerini. Titolo evocativo e affascinante: “Le radici e le ali”. E’ la sintesi di una vita. Seguo da anni con intenso interesse l’evoluzione di un abruzzese che sente nel suo sangue amore e dovere. Amore per la sua terra, le sue radici. Dovere di librarsi in alto per rammentarci la gioia di appartenere.

Goffredo è un aquilano che freme al ricordo di un terremoto che ha distrutto i gioielli della nostra città. Lavora ora per ricostruirla. Conosce bene l’Abruzzo, la nostra regione. Per più di trent’anni è stato impegnato nel Consiglio comunale della città, più volte assessore e vice sindaco dell’Aquila. Ha dedicato tutto il suo tempo al difficile compito di amministrare L’Aquila, la nostra bella città.

Leale e cordiale con tutti, ma sempre pronto ad indicare saggi metodi per migliorare la vita dei cittadini nella città che tanto ama. Dopo tanti anni al servizio della comunità aquilana, ha deciso di essere utile alla città in modo diverso: far conoscere e mettere in evidenza in tutto il mondo i valori della cultura abruzzese.

Trasmette ogni giorno con puntuale chiarezza e con la sua nitida capacità di individuare l’essenziale, le novità culturali abruzzesi. Trasmette il desiderio e il dovere di nutrire amore per il proprio Paese e la necessità dell’impegno civile. Siamo nati per migliorare la nostra società.

Goffredo indaga e sviluppa con serena capacità razionale la psicologia dell’emigrato che soffre al pensiero di essere lontano dal proprio Paese, dal suo nido, ma non dimentica il calore dell’abbraccio materno dei suoi primi anni.

Sa valorizzare pagine scritte da tanti poeti e scrittori che non erano molto conosciuti fuori dalla loro regione, prima delle sue ricerche pubblicate come articoli, anche all’estero: le sue rivalutazioni. Ha il dono che solo pochi giornalisti hanno.

E’ per me un piacere e un orgoglio, come aquilano a New York, leggere spesso intere pagine di America Oggi con i suoi articoli così ricchi di cultura, i suoi dettagliatissimi reportage su eventi e viaggi, che ti fanno sentire “presente” anche a migliaia di chilometri di distanza.

Sa scandagliare con affetto l’anima di chi si sente solo, lontano e abbandonato dalla sua terra natale. Le sue parole scavano, indagano, rivelano lo stato d’animo di chi si sentiva ignorato prima dei suoi numerosi articoli.

Sa incoraggiare e suggerire creatività e impegno. Abbiamo tutti mondi intimi da rivelare e condividere. Per sentirci parte della famiglia umana, della spesso trascurata vitalità degli abruzzesi.

Le radici e le ali. Un nuovo libro da leggere e rileggere. Rivela ed incoraggia.

Goffredo sente il dovere di amare la propria terra, il nido natìo. E’ il nostro campione. Generoso e umile. Non chiede. Dà, offre, sa offrire le sue intuizioni, il suo rispetto e amore per chi si sentiva ignorato.

Goffredo ha uno stile impeccabile, chiaro, nitido, preciso. E’ un giornalista che trova il tempo per essere attivissimo anche come delegato abruzzese dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrati e componente del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo.

Ha ben meritato i premi che gli sono stati tributati: XXXI Premio internazionale Emigrazione per il Giornalismo; Premio L’Aquila “Zire’ d’oro”; Premio internazionale “Guerriero di Capestrano” per la diffusione della cultura abruzzese nel mondo.

Grazie, Goffredo. Siamo orgogliosi di essere tuoi conterranei. Siamo fortunati di vivere oggi, in un mondo nel quale si può raggiungere chiunque, in qualsiasi angolo della terra.

Mario Fratti - !

Mario Fratti
Professore emerito della Columbia University e dell’Hunter College di New York

MARIO FRATTI è nato a L’Aquila il 5 luglio 1927. Dopo la laurea in Lingue alla Ca’ Foscari di Venezia e l’esordio in teatro negli anni Cinquanta, nel 1963 sceglie di vivere a New York, dove vive tuttora. Ha insegnato alla Columbia University e all’Hunter College. Drammaturgo fecondo, opera anche come critico teatrale e giornalista.

Autore originale e raffinato, tagliente e immediato, capace di fondere gli elementi della tradizione teatrale europea con le novità dell’esperienza americana, Mario Fratti ha scritto più di novanta opere teatrali, tradotte e rappresentate in molti paesi del mondo. Tra queste, quella che ha riscosso maggior successo internazionale, di critica e di pubblico, è il musical Nine portato in scena nel 1981, liberamente ispirato al film “8 e mezzo” di Federico Fellini. Ha contato oltre duemila repliche e guadagnato ben sette Tony Awards, in America nel teatro equivalenti agli Oscar cinematografici.

La sua vasta produzione teatrale è stata insignita di altri numerosi riconoscimenti, tra i quali otto Drama Desk Awards, il Premio Selezione O’ Neil, il Richard Rogers, l’Outer Critics, l’Heritage and Culture, il Capri Award alla carriera, il Premio internazionale “Magna Grecia” e il Premio John Fante. Mario Fratti ha inoltre il merito di essersi costantemente prodigato per la diffusione del teatro italiano negli Usa e nel mondo, sostenendo e incoraggiando le avanguardie e le espressioni artistiche più innovative.

Frequenti sono i suoi viaggi in ogni continente, per trasmettere la sua esperienza a giovani generazioni di operatori teatrali. Sempre vivo il suo rapporto con l’Italia e specialmente con l’Abruzzo. Recentemente ha pubblicato il suo primo romanzo “Diario proibito” e la silloge poetica “Volti”.

Ultima ora

00:28Tennis: Atp Miami, Federer stende Del Potro in due set

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Roger Federer, numero 6 del mondo e 4 del tabellone, ha sconfitto per 6-3, 6-4, in un'ora e 22 minuti di gioco, l'argentino Juan Martin Del Potro, numero 34 e 29esima testa di serie, nel terzo turno del Miami Open, Atp Masters 1000 in corso sui campi in cemento di Crandon Park, in Florida. Prossimo avversario per lo svizzero sarà lo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 18 Atp e 14esima testa di serie, che a sua volta ha prevalso in rimonta (3-6, 6-2, 6-3) sullo statunitense Sam Querrey, numero 27 del ranking e 22 del tabellone. Federer ha vinto tutti e cinque i precedenti confronti diretti senza cedere nemmeno un set.

00:09Calcio: Di Biagio, abbiamo tenuto testa alla Spagna

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "È stato il test che volevamo: abbiamo sempre cercato di competere con squadre di alto livello, proprio com'è la Spagna. I ragazzi hanno dato tutto. Certo, dobbiamo imparare a stringere di più gli spazi, ma bisogna comunque fare un plauso a tutto il gruppo". È il commento a caldo di Gigi Di Biagio, tecnico della Nazionale Under 21, dopo la sconfitta per 2-1, a Roma, con la Spagna, ultima amichevole prima degli Europei. "Nel primo tempo - ha aggiunto sempre intervistato da RaiSport - nonostante una buonissima mezz'ora in cui abbiamo anche avuto le occasione più nette, abbiamo subìto quell'uno-due della Spagna, e rischiato di prendere pure il terzo. Ma poi c'è stata la reazione. I 23 per l'Europeo? Ho 30-35 nomi d'altissimo livello, nelle prossime settimane vedremo. Con Ventura sono in contatto continuo".

00:08Calcio: Under 21, Italia-Spagna 1-2 in amichevole

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - La Spagna Under 21 espugna l'Olimpico, 1-2, ma i pari età dell'Italia non sfigurano in quella che è stata l'ultima amichevole prima degli Europei. E il tecnico Di Biagio può guardare con fiducia all'impegno futuro. Nella sfida di Roma, dove gli azzurrini non giocavano dall'86, gli ospiti partono bene rendendosi subito pericolosi, ma l'occasione migliore è per l'Italia con Berardi che al 9' chiama Lopez ad una grande parata. Quindi, fra il 34' e il 38', il micidiale uno-due degli spagnoli, che segnano prima con Niguez (semirovesciata dopo una respinta di Scuffet) e poi con Mayoral (che, tutto solo, insacca di testa su involontaria torre di Chiesa). Nella ripresa, un legno per parte: traversa di Benassi al 2' e palo di Asensio al 13'. Quindi, Di Biagio inserisce forze fresche e la pressione azzurra è premiata dal colpo di testa di Pellegrini che accorcia le distanze al 27'. La gara si fa un po' meno amichevole, l'Italia ci crede, ma di vere occasioni da gol non ne arrivano più. Resta la bella reazione.

23:20Basket: serie A, Reggio Emilia-Brescia 103-70

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 27 MAR - Contro una Germani Basket fortemente rimaneggiata (assenti Vitali e Moss, Moore in panchina solo per onor di firma) la Grissin Bon Reggio Emilia vince 103-70 nel posticipo della 9/a giornata di ritorno del campionato di serie A di basket e mette in cascina due preziosissimi punti in chiave playoff. Prosegue invece il momento "down" dei lombardi, afflitti dagli infortuni.

22:55Italiano ucciso durante rapina in Nuova Zelanda

(ANSA) - LA SPEZIA, 27 MAR - E' morto dopo tre giorni di agonia, dopo essere stato malmenato e ridotto in fin di vita al culmine di una rapina, avvenuta nel parcheggio di un club di Christchurch, in Nuova Zelanda. Pierclaudio Raviola, 65enne originario della Spezia, da oltre venti anni aveva scelto il Paese oceanico per rifarsi una vita. Ad ammazzarlo, secondo la polizia neozelandese, sarebbero state tre persone, già arrestate e accusate di omicidio: Deborah Jean Tihema, di 38 anni, Cyle Robert Jetson, di 20, e un sedicenne, dovranno comparire davanti alla Corte suprema il prossimo 12 aprile. Proprio a Christchurch, terza città del Paese, da anni Raviola lavorava come autista di scuolabus. Prima ancora aveva aperto un ristorante ad Auckland, chiuso poi qualche anno dopo per difficoltà finanziarie.

22:45Caso Juve-Ultrà: club su Twitter, ‘desecretate Pecoraro’

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - "Quello che sta avvenendo è estremamente sbagliato: riportare pezzi di intercettazione, momenti e frasi senza contestualizzarli è fuorviante. Si rischia di far passare per vere cose che non costituiscono fatti provati". L'avvocato Luigi Chiappero, legale della Juventus, interviene così a Jtv nello speciale JTalk dedicato ai presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finito anche sotto la lente della commissione parlamentare Antimafia. "#Desecretate Pecoraro" è l'hashtag twittato dal profilo ufficiale del club bianconero per lanciare la trasmissione. "Un conto sono i fatti, un conto le cose che si dicono al telefono - sostiene Chiappero -. Le intercettazioni sono un fatto delicato, di difficile interpretazione ed è importante contestualizzarle". Il riferimento è al procuratore federale Giuseppe Pecoraro, che sul caso ha deferito la Juve e il suo presidente, Andrea Agnelli, alla giustizia sportiva.

22:45Calcio: Ventura, gli stage stanno dando i loro frutti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "La dimostrazione del beneficio degli stage è che alcuni ragazzi che vi hanno partecipato, oggi sono qui. Non ci sono variazioni di programma e non ce ne saranno". Lo ha assicurato Gian Piero Ventura nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "I nostri giovani stanno dimostrando di valere - ha aggiunto il ct azzurro - Ce ne sono tanti di bravi e che hanno potenzialità: dobbiamo solo dargli tempo e a quel punto avremo fatto un grande passo per il futuro. Ci sono segnali da un'infinità di giovani e ci sono quindi i presupposti per fare qualcosa di importante: sarà poi il campo, ovviamente, a dire l'ultima parola. Ma questo concetto di fiducia l'ho espresso già tante volte. Vedo entusiasmo ed umiltà: due condizioni fondamentali". Quanto alla gara di domani, il tecnico la vede coma una "occasione per verificare cosa dobbiamo ancora fare e cosa invece abbiamo fatto".

Archivio Ultima ora