Le radici e le ali, prossima l’uscita del nuovo libro di Goffredo Palmerini

Pubblicato il 05 gennaio 2016 da redazione

Copertina Le radici e le ali

Copertina Le radici e le ali

L’AQUILA – E’ in corso di pubblicazione per i tipi delle Edizioni One Group, con prevedibile uscita in questo mese di gennaio, il volume “Le radici e le ali” di Goffredo Paglierini. Il libro è una raccolta di storie, annotazioni e curiosità della più bella Italia nel mondo.

Un caleidoscopio di personaggi, fatti ed eventi culturali che raccontano la nostra comunità all’estero, alcune interessanti singolarità dell’Abruzzo e perle di quel grande scrigno d’arte e tradizioni suggestive della intrigante provincia italiana.

Il volume raccoglie 52 scritti, una curata selezione di articoli pubblicati su numerose testate all’estero (Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cile, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Sud Africa, Uruguay e Venezuela), su agenzie internazionali e su diverse testate in Italia e abruzzesi, specie on line.

Molti gli argomenti, che spaziano dalla cultura all’arte, dall’emigrazione a personaggi illustri, dai grandi eventi tenutisi in Abruzzo e nel resto d’Italia alle attività delle comunità abruzzesi nel mondo. Tutti con un filo rosso che li lega. Dunque, anche questo specialissimo “annuario” è uno specchio della migliore Italia, dentro e fuori i confini.

Insomma, ancora un viaggio appassionante attraverso mondi ancora poco conosciuti, siano essi nella straordinaria provincia italiana, l’Abruzzo in particolare, come tra la ricchezza morale e culturale delle nostre comunità all’estero. E’ quanto Palmerini propone con questa sua ulteriore pubblicazione che, al pari delle precedenti, non manca di regalare sorprese in pagine di avvincente e intensa narrazione.

Con l’autorizzazione dell’editore, si anticipano qui la bella copertina e la nota di presentazione che apre il volume, vergata da un grande autore del teatro mondiale, il drammaturgo d’origine aquilana Mario Fratti, che da oltre mezzo secolo vive a New York. (g.p.)

Presentazione di Mario Fratti

Nuovo volume dell’attivissimo giornalista Goffredo Palmerini. Titolo evocativo e affascinante: “Le radici e le ali”. E’ la sintesi di una vita. Seguo da anni con intenso interesse l’evoluzione di un abruzzese che sente nel suo sangue amore e dovere. Amore per la sua terra, le sue radici. Dovere di librarsi in alto per rammentarci la gioia di appartenere.

Goffredo è un aquilano che freme al ricordo di un terremoto che ha distrutto i gioielli della nostra città. Lavora ora per ricostruirla. Conosce bene l’Abruzzo, la nostra regione. Per più di trent’anni è stato impegnato nel Consiglio comunale della città, più volte assessore e vice sindaco dell’Aquila. Ha dedicato tutto il suo tempo al difficile compito di amministrare L’Aquila, la nostra bella città.

Leale e cordiale con tutti, ma sempre pronto ad indicare saggi metodi per migliorare la vita dei cittadini nella città che tanto ama. Dopo tanti anni al servizio della comunità aquilana, ha deciso di essere utile alla città in modo diverso: far conoscere e mettere in evidenza in tutto il mondo i valori della cultura abruzzese.

Trasmette ogni giorno con puntuale chiarezza e con la sua nitida capacità di individuare l’essenziale, le novità culturali abruzzesi. Trasmette il desiderio e il dovere di nutrire amore per il proprio Paese e la necessità dell’impegno civile. Siamo nati per migliorare la nostra società.

Goffredo indaga e sviluppa con serena capacità razionale la psicologia dell’emigrato che soffre al pensiero di essere lontano dal proprio Paese, dal suo nido, ma non dimentica il calore dell’abbraccio materno dei suoi primi anni.

Sa valorizzare pagine scritte da tanti poeti e scrittori che non erano molto conosciuti fuori dalla loro regione, prima delle sue ricerche pubblicate come articoli, anche all’estero: le sue rivalutazioni. Ha il dono che solo pochi giornalisti hanno.

E’ per me un piacere e un orgoglio, come aquilano a New York, leggere spesso intere pagine di America Oggi con i suoi articoli così ricchi di cultura, i suoi dettagliatissimi reportage su eventi e viaggi, che ti fanno sentire “presente” anche a migliaia di chilometri di distanza.

Sa scandagliare con affetto l’anima di chi si sente solo, lontano e abbandonato dalla sua terra natale. Le sue parole scavano, indagano, rivelano lo stato d’animo di chi si sentiva ignorato prima dei suoi numerosi articoli.

Sa incoraggiare e suggerire creatività e impegno. Abbiamo tutti mondi intimi da rivelare e condividere. Per sentirci parte della famiglia umana, della spesso trascurata vitalità degli abruzzesi.

Le radici e le ali. Un nuovo libro da leggere e rileggere. Rivela ed incoraggia.

Goffredo sente il dovere di amare la propria terra, il nido natìo. E’ il nostro campione. Generoso e umile. Non chiede. Dà, offre, sa offrire le sue intuizioni, il suo rispetto e amore per chi si sentiva ignorato.

Goffredo ha uno stile impeccabile, chiaro, nitido, preciso. E’ un giornalista che trova il tempo per essere attivissimo anche come delegato abruzzese dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrati e componente del Consiglio Regionale Abruzzesi nel Mondo.

Ha ben meritato i premi che gli sono stati tributati: XXXI Premio internazionale Emigrazione per il Giornalismo; Premio L’Aquila “Zire’ d’oro”; Premio internazionale “Guerriero di Capestrano” per la diffusione della cultura abruzzese nel mondo.

Grazie, Goffredo. Siamo orgogliosi di essere tuoi conterranei. Siamo fortunati di vivere oggi, in un mondo nel quale si può raggiungere chiunque, in qualsiasi angolo della terra.

Mario Fratti - !

Mario Fratti
Professore emerito della Columbia University e dell’Hunter College di New York

MARIO FRATTI è nato a L’Aquila il 5 luglio 1927. Dopo la laurea in Lingue alla Ca’ Foscari di Venezia e l’esordio in teatro negli anni Cinquanta, nel 1963 sceglie di vivere a New York, dove vive tuttora. Ha insegnato alla Columbia University e all’Hunter College. Drammaturgo fecondo, opera anche come critico teatrale e giornalista.

Autore originale e raffinato, tagliente e immediato, capace di fondere gli elementi della tradizione teatrale europea con le novità dell’esperienza americana, Mario Fratti ha scritto più di novanta opere teatrali, tradotte e rappresentate in molti paesi del mondo. Tra queste, quella che ha riscosso maggior successo internazionale, di critica e di pubblico, è il musical Nine portato in scena nel 1981, liberamente ispirato al film “8 e mezzo” di Federico Fellini. Ha contato oltre duemila repliche e guadagnato ben sette Tony Awards, in America nel teatro equivalenti agli Oscar cinematografici.

La sua vasta produzione teatrale è stata insignita di altri numerosi riconoscimenti, tra i quali otto Drama Desk Awards, il Premio Selezione O’ Neil, il Richard Rogers, l’Outer Critics, l’Heritage and Culture, il Capri Award alla carriera, il Premio internazionale “Magna Grecia” e il Premio John Fante. Mario Fratti ha inoltre il merito di essersi costantemente prodigato per la diffusione del teatro italiano negli Usa e nel mondo, sostenendo e incoraggiando le avanguardie e le espressioni artistiche più innovative.

Frequenti sono i suoi viaggi in ogni continente, per trasmettere la sua esperienza a giovani generazioni di operatori teatrali. Sempre vivo il suo rapporto con l’Italia e specialmente con l’Abruzzo. Recentemente ha pubblicato il suo primo romanzo “Diario proibito” e la silloge poetica “Volti”.

Ultima ora

16:16Calcio: Spalletti, Totti giocherà un bel pezzo di gara

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Totti dal primo minuto contro il Genoa? Giocherà un bel pezzo di partita, quello più importante secondo me". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, sull'impiego del capitano nell'ultima di campionato. Riguardo al futuro del n.10, il toscano aggiunge: "C'è da vedere quello che sarà il suo sentimento, che cosa gli dice di fare, perché effettivamente ancora si deve esprimere. Vorrei sentirlo contento della decisone da prendere". Riguardo alle insidie della gara con il Genoa, Spalletti confessa che il rischio è quello "che la testa venga portata su un'altra attenzione, ugualmente bellissima e importante, e che si perda di vista quello che invece dev'essere l'obiettivo primario. Che festa sarebbe senza i tre punti? La prima cosa da ricordare è che noi dobbiamo fare la partita nella maniera corretta. In questa gara c'è tutto quello che stiamo cercando da un anno. I tre punti sono fondamentali per far venire bene la festa, sennò ce la fanno gli altri: il Napoli con la Samp probabilmente vince".

16:13F.1: Raikkonen, una sensazione grandiosa

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "E' la mia prima pole dal 2008, ed è una sensazione grandiosa. E' stato un pochino complicato arrivare a fare questo tempo, ma siamo riusciti a sistemare la macchina, anche se qui è sempre tutto difficile". Sono queste le prime impressioni di Kimi Raikkonen dopo aver ottenuto la pole position nel Gp di Monaco, che vedrà una prima fila tutta rosso Ferrari. "Ho la miglior posizione di partenza, e cercherò di sfruttarla domani - aggiunge -. Qui è davvero difficile aggiustare le traiettorie, si passa molto vicini alle barriere, ma la macchina mi ha dato subito buone sensazioni e mi sono divertito".

16:07Calcio: Zeman, contento che campionato finisca

(ANSA) - PESCARA, 27 MAG - "Sono contento che finisca il campionato anche se in parte è anche un dispiacere non giocare più. Nel prossimo anno dovranno cambiare molte cose. Sono tornato qui a Pescara pensando già al torneo del prossimo anno, sperando di fare qualcosa di positivo anche per i tifosi". Lo ha detto il trainer biancazzurro Zdenek Zeman, presentando l'ultima gara di campionato che il Pescara giocherà domani sera a Firenze. Zeman, proiettato già alla prossima stagione ha poi aggiunto: "Spero che non finiamo il mercato a agosto ma molto prima. Vorrei una squadra che si alleni, lavori e giochi insieme. Ci sono giocatori che ho segnalato. Non siamo una società molto ricca e dobbiamo adeguarci. Non so quanti giocatori di questa rosa possano rimanere. Ero convinto quando sono arrivato che ci si poteva salvare, poi ho capito di aver sbagliato. Come organico non siamo inferiori, ma mentalmente non eravamo all'altezza".

16:03Calcio: Sarri, Roma 8 rigori in più statisticamente illogico

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "La Roma ha avuto otto rigori più di noi. Noi e i giallorossi siamo le squadre che giocano più palloni nelle aree avversarie, quindi statisticamente questo dato è incomprensibile". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri rispondendo in conferenza stampa ai cronisti che gli chiedevano se sul terzo posto avessero pesato di più gli infortuni o i 14 rigori fischiati alla Roma. "Alcuni di quei rigori - ha aggiunto Sarri - sono stati ininfluenti, altri invece hanno portato punti. Bisognerebbe vedere episodio per episodio e magari può essere giusto, ma statisticamente mi sembra illogico".

16:03Per sbaglio spara al figlio, gravissimo

(ANSA) - BERGAMO, 27 MAG - Ha sparato accidentalmente al figlio, ferito alla testa e ora in fin di vita, durante una battuta di caccia al tasso. L'episodio questa mattina sulle colline di Villa d'Adda, nel Bergamasco: il genitore, 58 anni, imbracciava una carabina e si trovava da ieri sera in una zona di vigneti con i due figli. All'improvviso gli è partito il colpo, che ha centrato uno dei figli, di 34 anni, alla testa. Immediato l'allarme: sul posto l'elisoccorso del 118, con il quale il giovane è stato trasferito all'ospedale Manzoni di Lecco. Le sue condizioni sono gravi.

15:48Papa a Genova: 3000 in festa al santuario della Guardia

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Circa 3000 giovani festanti hanno accolto Papa Francesco al santuario della Madonna della Guardia sulle alture di Genova. Sono giovani delle parrocchie e dei gruppi scout di tutta la provincia di Genova e hanno marciato per circa 4 km per raggiungere il santuario. Tra loro anche 135 persone che parteciperanno a un pranzo privato col Papa nella sala del Caminetto al santuario. Tra loro rifugiati, tra i quali i nove residenti della casa famiglia 'papa Giovanni' che sorge presso il santuario, una ventina di detenuti e un gruppo di senza tetto assistiti da associazioni di volontari. I ragazzi hanno accolto il Papa con 22 cartelli a comporre la scritta 'ti vogliamo un mare di bene'. Al pranzo anche una bimba di otto mesi, Agnese, con la madre, una migrante. Per la piccola predisposto un seggiolone. Ai giovani il Papa ha parlato creando un neologismo: Ha detto 'Non siate turisti, andate a missionare". E parlando dei migranti ha detto: "L'italia è generosa con loro, altri no".

15:44Calcio: Vecchi, Spalletti è uno dei migliori sulla piazza

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Spalletti ha iniziato benissimo vincendo in C e in B, ha fatto bene ovunque e ha dimostrato chi è anche a Roma: è uno dei migliori sulla piazza". Lo afferma Stefano Vecchi, il tecnico della Primavera dell'Inter promosso in prima squadra fino al termine della stagione per il dopo-Pioli, sposa la scelta del club nerazzurro, ma mette in guardia il suo successore: "Chiunque arriverà, dovrà ridare entusiasmo e certezze a dei giocatori che hanno preso delle bastonate, trasmettendo la cultura del lavoro, fondamentale per i risultati". Vecchi, alla vigilia dell'ultima partita di campionato contro l'Udinese, ammette che alcuni giocatori non meritano di vestire la maglia dell'Inter, ma non fa nomi perché "sono valutazioni che farà il nuovo allenatore". Poi spiega: "Qualcuno si è tirato un po' indietro rispetto ad altri, ma non mi posso lamentare del gruppo per le gare con Sassuolo e Lazio. Joao Mario e Gabigol? Ho condiviso i provvedimenti della società: quanto accaduto a Roma non era mai successo prima".

Archivio Ultima ora