Iran blocca i pellegrinaggi alla Mecca. Kuwait, via l’ambasciatore

Pubblicato il 05 gennaio 2016 da redazione

Pro-Saudi Pakistani supporters of a  religious group burn an effigy of American leadership during an anti-Iran rally in Peshawar, Pakistan, Tuesday, Jan. 5, 2016. (ANSA/AP Photo/Mohammad Sajjad)

Pro-Saudi Pakistani supporters of a religious group burn an effigy of American leadership during an anti-Iran rally in Peshawar, Pakistan, Tuesday, Jan. 5, 2016. (ANSA/AP Photo/Mohammad Sajjad)

TEHERAN. – Non si ricuce la frattura fra l’Iran, che blocca i pellegrinaggi alla Mecca, e l’Arabia Saudita, che si porta dietro anche il Kuwait – dopo Bahrein, Sudan e in misura minore Emirati Arabi Uniti – nella decisione di rompere le relazioni diplomatiche con Teheran, dopo l’assalto alla sua ambasciata durante proteste non autorizzate contro l’esecuzione dell’imam sciita Nimr al Nimr.

Ma si propongono nuovi sponsor di una possibile mediazione anche ad Ankara e Berlino, dopo quelli che si erano già fatti avanti a Mosca, Washington e Parigi, mentre gli inviati dei due Paesi all’Onu scelgono questa sede per esporre le loro ragioni.

La linea ufficiale di Teheran è quella del rammarico per quanto accaduto a Teheran e al consolato di Mashad, di confermare il proprio rispetto dell’obbligo di tutelare le sedi diplomatiche straniere ed il loro personale e di assicurare che i responsabili saranno perseguiti. Ma anche le parole del presidente Rohani – seppur lontane dall’invocazione della “vendetta divina” levata contro i tagliagole sauditi dalla Guida Ali Khamenei – possono pesare come pietre.

Riad non può “coprire” il suo “grande crimine” della messa a morte di al Nimr rompendo le relazioni diplomatiche con l’Iran, ha detto il presidente della Repubblica islamica. Invitando anche i Paesi europei, sempre sensibili al tema dei diritti umani, a battere un colpo contro chi a Riad reprime il dissenso con le decapitazioni.

Un’azione concreta inoltre la decide anche Teheran sospendendo il pellegrinaggio alla Mecca dell’Umra, il cosiddetto ‘piccolo pellegrinaggio’ che si può fare in ogni momento dell’anno, diversamente da quello obbligatorio almeno una volta nella vita per ogni musulmano.

La misura, già nell’aria, è stata annunciata dal portavoce del governo Mohammad Bagher Nobakht. Che tuttavia non l’ha ricondotta esplicitamente alla crisi in atto, ma alla necessità di migliori garanzie per la sicurezza dei pellegrini, dopo la calca che causò migliaia di morti, fra cui centinaia di iraniani, il 24 settembre alla Mecca: un episodio che aveva riattizzato le tensioni con Riad, accusata di aver gestito male tutto l’incidente e di non aver voluto andare a fondo nella ricerca delle responsabilità.

Del resto lo stop ai pellegrini da Teheran non è certo un inedito fra i due Paesi: l’ultima volta era accaduto in primavera, dopo un caso di molestie contro due minori iraniani. Insomma, l’Iran tiene il punto ma non sembra voler cedere alle provocazioni. E tramite lo stesso portavoce del governo contrappone implicitamente anche, alla giovane età del ministro degli Esteri saudita Adel Jubeir, la propria storia millenaria e l’esperienza che ne deriva, assicurando anche in questa vicenda l’equilibrio mantenuto nei negoziati per il nucleare.

Le sue ragioni le invia in una lettera all’Onu – il cui Consiglio di sicurezza ha d’altra parte condannato gli attacchi alle sedi diplomatiche saudite in Iran senza tuttavia citare ne le contestate 47 esecuzioni a Riad né l’unilaterale rottura dei rapporti da parte della monarchia sunnita.

Riad è tuttavia pronta a ricucire i rapporti con Teheran, ha detto l’inviato presso l’Onu Abdallah Al Mouallimi, allargando il campo a quel contesto regionale in cui le nuove tensioni in realtà si riconducono, se la Repubblica Islamica “cesserà di interferire negli affari interni di altri Paesi, compreso il nostro”. E ha anche assicurato che l’Arabia Saudita “continuerà a lavorare duramente per la pace in Siria”.

Una rassicurazione giunta anche dall’inviato speciale dell’Onu in Siria Staffan de Mistura, molto preoccupato dall’ipotesi che le nuove tensioni possano compromettere i colloqui di pace sulla Siria di fine mese.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

20:27Nuoto: Mondiali, King oro e record mondo

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Medaglia d'oro e record del mondo per la statunitense Lilly King che trionfa nei 100 metri rana con il tempo di 1'04"13 ai Mondiali di nuoto di Budapest. Il primato precedente era della lituana Ruta Meilutyte che ai Mondiali di Barcellona 2013 aveva nuotato in 1'04"35. Medaglia d'argento per un'altra statunitense, Katie Meili (1'05"03), bronzo alla russa Yuliya Efimova (1'05"05).

20:15Calcio: Cassano, un invito dal Legino

(ANSA) - SAVONA, 25 LUG - "Cassano venga a giocare a Savona: sarà vicino a casa e non sentirà la nostalgia". È l'invito lanciato dalla società Unione Sportiva Legino 1910, squadra di Savona che milita nel campionato di Promozione e che ha visto i 'primi passi' di Stefan el Shaarawy. A lanciare la proposta l'allenatore e dirigente Fabio Tobia con l'appoggio dall'assessore allo sport Maurizio Scaramuzza. Se l'ingaggio di Fantantonio potrebbe rappresentare un ostacolo insormontabile per un club di Promozione, l'allenatore e l'assessore hanno trovato una soluzione: "Il Legino calcio non può permettersi, per il budget limitato, di sostenere i costi per un campione di questo calibro. Tuttavia a Antonio Cassano garantiremo l'ospitalità e l'accoglienza della città e tutte le volte che lo desidererà, la nostra farinata bianca".

20:06Migranti: Gentiloni, dopo impegni Juncker ora fatti

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Agli impegni su immigrazione presi da Juncker e Commissione, che ringrazio, corrisponda la mobilitazione dei partner Ue a fianco dell'Italia". Così il premier Paolo Gentiloni su twitter dopo le affermazioni del presidente della commissione europea.

Archivio Ultima ora