Iran blocca i pellegrinaggi alla Mecca. Kuwait, via l’ambasciatore

Pubblicato il 05 gennaio 2016 da redazione

Pro-Saudi Pakistani supporters of a  religious group burn an effigy of American leadership during an anti-Iran rally in Peshawar, Pakistan, Tuesday, Jan. 5, 2016. (ANSA/AP Photo/Mohammad Sajjad)

Pro-Saudi Pakistani supporters of a religious group burn an effigy of American leadership during an anti-Iran rally in Peshawar, Pakistan, Tuesday, Jan. 5, 2016. (ANSA/AP Photo/Mohammad Sajjad)

TEHERAN. – Non si ricuce la frattura fra l’Iran, che blocca i pellegrinaggi alla Mecca, e l’Arabia Saudita, che si porta dietro anche il Kuwait – dopo Bahrein, Sudan e in misura minore Emirati Arabi Uniti – nella decisione di rompere le relazioni diplomatiche con Teheran, dopo l’assalto alla sua ambasciata durante proteste non autorizzate contro l’esecuzione dell’imam sciita Nimr al Nimr.

Ma si propongono nuovi sponsor di una possibile mediazione anche ad Ankara e Berlino, dopo quelli che si erano già fatti avanti a Mosca, Washington e Parigi, mentre gli inviati dei due Paesi all’Onu scelgono questa sede per esporre le loro ragioni.

La linea ufficiale di Teheran è quella del rammarico per quanto accaduto a Teheran e al consolato di Mashad, di confermare il proprio rispetto dell’obbligo di tutelare le sedi diplomatiche straniere ed il loro personale e di assicurare che i responsabili saranno perseguiti. Ma anche le parole del presidente Rohani – seppur lontane dall’invocazione della “vendetta divina” levata contro i tagliagole sauditi dalla Guida Ali Khamenei – possono pesare come pietre.

Riad non può “coprire” il suo “grande crimine” della messa a morte di al Nimr rompendo le relazioni diplomatiche con l’Iran, ha detto il presidente della Repubblica islamica. Invitando anche i Paesi europei, sempre sensibili al tema dei diritti umani, a battere un colpo contro chi a Riad reprime il dissenso con le decapitazioni.

Un’azione concreta inoltre la decide anche Teheran sospendendo il pellegrinaggio alla Mecca dell’Umra, il cosiddetto ‘piccolo pellegrinaggio’ che si può fare in ogni momento dell’anno, diversamente da quello obbligatorio almeno una volta nella vita per ogni musulmano.

La misura, già nell’aria, è stata annunciata dal portavoce del governo Mohammad Bagher Nobakht. Che tuttavia non l’ha ricondotta esplicitamente alla crisi in atto, ma alla necessità di migliori garanzie per la sicurezza dei pellegrini, dopo la calca che causò migliaia di morti, fra cui centinaia di iraniani, il 24 settembre alla Mecca: un episodio che aveva riattizzato le tensioni con Riad, accusata di aver gestito male tutto l’incidente e di non aver voluto andare a fondo nella ricerca delle responsabilità.

Del resto lo stop ai pellegrini da Teheran non è certo un inedito fra i due Paesi: l’ultima volta era accaduto in primavera, dopo un caso di molestie contro due minori iraniani. Insomma, l’Iran tiene il punto ma non sembra voler cedere alle provocazioni. E tramite lo stesso portavoce del governo contrappone implicitamente anche, alla giovane età del ministro degli Esteri saudita Adel Jubeir, la propria storia millenaria e l’esperienza che ne deriva, assicurando anche in questa vicenda l’equilibrio mantenuto nei negoziati per il nucleare.

Le sue ragioni le invia in una lettera all’Onu – il cui Consiglio di sicurezza ha d’altra parte condannato gli attacchi alle sedi diplomatiche saudite in Iran senza tuttavia citare ne le contestate 47 esecuzioni a Riad né l’unilaterale rottura dei rapporti da parte della monarchia sunnita.

Riad è tuttavia pronta a ricucire i rapporti con Teheran, ha detto l’inviato presso l’Onu Abdallah Al Mouallimi, allargando il campo a quel contesto regionale in cui le nuove tensioni in realtà si riconducono, se la Repubblica Islamica “cesserà di interferire negli affari interni di altri Paesi, compreso il nostro”. E ha anche assicurato che l’Arabia Saudita “continuerà a lavorare duramente per la pace in Siria”.

Una rassicurazione giunta anche dall’inviato speciale dell’Onu in Siria Staffan de Mistura, molto preoccupato dall’ipotesi che le nuove tensioni possano compromettere i colloqui di pace sulla Siria di fine mese.

(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

00:14Calcio: Europa League, Milan pari e vittoria dell’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Milan-Aek Atene 0-0 e Atalanta-Apollon Limassol 3-1 in due gare della 3/a giornata di Europa League. I rossoneri, nonostante le occasioni sprecate soprattutto nella ripresa, non abbattono il muro greco e chiudono tra i fischi. Nell'altra partita del girone D, Austria Vienna-Rijeka 1-3. Classifica: Milan 7; Aek 5; Rijeka 3; Austria V. 1. A Reggio Emilia, invece, vittoria dell'Atalanta sui ciprioti. Primo gol all'11': Spinazzola scende da sinistra e pesca l'indisturbato Ilicic che insacca da due passi. Nella ripresa, l'Apollon pareggia al 59': cross da destra di Jakolis e Schembri, tutto solo, insacca di testa. Ma dura poco: dopo una traversa di Gomez, sul successivo corner al 64', Petagna salta sull'uscita a vuoto di Bruno Vale e riporta i suoi avanti. E due minuti dopo arriva il 3-1: sull'apertura di Gomez, Ilicic fa sponda di petto per Freuler che fa secco il portiere con un diagonale da dentro l'area. Sull'altro campo del girone E, Everton-Lione 1-2. Classifica: Atalanta 7; Lione 5; Apollon 2; Everton 1.

22:38Sindaco Amatrice candidato alle regionali nel Lazio

(ANSA) - RIETI, 19 OTT - Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, sarebbe in procinto di candidarsi alle regionali del Lazio del 2018 secondo quanto riferisce l'edizione reatina online de Il Messaggero. A sostenerlo, sempre secondo il quotidiano romano, sarà una lista civica con il suo nome, all'interno del centrodestra. L'ufficialità è attesa alla presentazione del suo libro a Roma il 24 ottobre.

Archivio Ultima ora