Bologna avvia l’agonia del Milan, Mihajlovic appeso alla Roma

Pubblicato il 06 gennaio 2016 da redazione

Bologna's Emanuele Giaccherini (C) and his teammates celebrate their victory at the end of the Italian serie A soccer match Milan-Bologna at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 06 January 2016. Bologna won 1-0. ANSA/ DANIELE MASCOLO

Bologna’s Emanuele Giaccherini (C) and his teammates celebrate their victory at the end of the Italian serie A soccer match Milan-Bologna at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 06 January 2016. Bologna won 1-0. ANSA/ DANIELE MASCOLO

MILANO. – Le sole 48 ore che separano la disfatta (0-1) con il Bologna dalla prossima sfida del Milan contro la Roma all’Olimpico sembrano l’unico fattore a salvare Sinisa Mihajlovic dall’esonero. Silvio Berlusconi non può che essere sempre più deluso: ancora una volta sono mancati gioco e risultato, e sotto accusa sarebbe anche la scelta dell’allenatore di inserire Cerci prima di Luiz Adriano.

Il serbo voleva la svolta e invece si ritrova a un passo dall’agonia paventata alla vigilia della prima di tre partite considerate fondamentali. E non è mai stato così vicino all’esonero, il quarto in due anni per il Milan. Da qualche settimana Marcello Lippi e Cesare Prandelli sono in stand by ma, salvo terremoti nelle prossime ore, Mihajlovic sarà in panchina a Roma, ultimo appello per giocarsi giovedì il quarto di finale di coppa Italia, ormai l’unico torneo che può dare un senso alla stagione rossonera.

Le parate di Mirante e il gol di Giaccherini a 8′ dalla fine hanno riaperto la crisi milanista (con 28 punti, viaggia a 1.5 di media a gara e -8 dalla Champions) e allontanato dalla zona retrocessione il Bologna, che ha conquistato 16 dei suoi 22 punti con Donadoni, accolto dal pubblico di San Siro con più calore rispetto a Mihajlovic.

Alla fine il serbo esce fra i fischi assieme alla sua squadra, nervosa e disunita anche nella scelta di andare a salutare la Curva, visto che Alex, Bacca e Luiz Adriano non hanno accolto l’invito di Montolivo, fra i più beccati dai tifosi assieme a Honda e Cerci.

C’è più improvvisazione che tattica in questo Milan e la rete del Bologna mette a nudo molti problemi: la difficoltà di servire Bacca (Abate sbaglia il passaggio e resta in attacco spalancando la fascia a Giaccherini); l’inconsistenza del centrocampo (Bertolacci ne azzecca poche perdendo i duelli con Taider e col giovane Diawara); le amnesie difensive, in questo caso di Alex, Mexes e De Sciglio che lascia metri a Mounier (come Montolivo gli fa notare con sarcasmo); e infine l’incapacità di reagire.

Insomma, la sosta natalizia non ha prodotto metamorfosi nel Milan, che all’inizio soffre il pressing imposto dalla squadra di Donadoni. Al 15′ Alex deve sventare un pericoloso inserimento di Giaccherini dopo un’incerta uscita di Donnarumma. Sull’altro fronte è sicuro e decisivo in più occasioni l’altro portiere di Castellammare di Stabia: al 26′ Mirante salva su Honda e Niang, dopo una delle poche azioni milaniste ben costruite. Poi si replica su Bonaventura (40′) e si supera su Bacca (47′), finalmente trovato da un bel lancio di Abate.

Prima dell’intervallo Donadoni perde per un guaio muscolare Maietta, bravo fino a quel momento ad annullare Niang e contenere Honda in collaborazione col giovane Masina. Il francese e il giapponese all’11’ della ripresa sciupano un’altra buona chance, e al 20′ piovono fischi su Honda (più tonico quando parla che in campo), sostituito da Cerci, che al 32′ manda su tutte le furie il pubblico e Mihajlovic sprecando un contropiede inventato da Niang.

Il Milan praticamente finisce qui, fra confusione, stanchezza, nervosismo ed errori. Come quelli che spalancano la porta a Giaccherini che, dopo oltre un mese di stop, torna in campo e rende perfetta la trasferta del Bologna. Ora Mihajlovic è con le spalle al muro.

Ultima ora

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

01:03Gambia: Jammeh lascia Paese, Barrow rientrerà a breve

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'ex presidente del Gambia Yahya Jammeh ha lasciato il Paese, a quanto sembra diretto in Guinea. Lo ha reso noto la Bbc. Il neopresidente Adama Barrow, che si trova in Senegal nonostante la vittoria alle elezioni dello scorso dicembre, ha spiegato che rientrerà nel Paese "il più presto possibile" e che creerà una commissione d'inchiesta sulle accuse di violazione dei diritti umani da parte di Jammeh, padre-padrone del Gambia degli ultimi 22 anni.

00:29Napoli sbanca S.Siro, Milan sconfitto 2-1, è 2/o con la Roma

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Vittoria di importanza capitale per il Napoli che sbanca San Siro (2-1), batte il Milan, diretta concorrente in chiave Champions, aggancia la Roma - che giocherà domani - al secondo posto in classifica e può continuare a sognare alla grande. A San Siro partita bellissima con gli azzurri di Sarri che partono fortissimi e sono avanti 2-0 dopo appena 9 minuti, grazie ai gol di Insigne e Callejon. Il Milan ci mette un po' a riordinare le idee e dopo aver rischiato lo 0-3, con Mertens che si divora il gol che avrebbe forse chiuso anzitempo i giochi, riapre la gara con Kucka al 37'. Nella ripresa sono i rossoneri a fare la gara e con Pasalic sfiorano il pari ma il colpo di testa finisce sulla traversa. Inutile il forcing finale (dentro anche Bertolacci, Lapadula e Niang): i tre punti vanno alla squadra di Sarri che vola a 44 punti, insieme alla Roma che giocherà domani sera, e un punto meno della juve che però ha due partite in meno.

23:29Calcio: Coppa d’Africa, Egitto-Uganda 1-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - L'Egitto si sveglia a un minuto dal termine e batte l'Uganda 1-0 nel secondo turno del Gruppo D di Coppa d'Africa. La rete decisiva di El-Said, su assist al bacio di Salah, all'89' che permette ai Faraoni di salire a 4 punti in classifica, alle spalle del Ghana (che incontrerà nel terzo turno) che ne ha sei e davanti al Mali con 1. Già eliminate le Gru dell'Uganda, che restano a zero dopo due partite. (ANSA)

22:54Maltempo: 90enne muore in casa, neve impedisce funerale

(ANSA) - ARSITA (TERAMO), 21 GEN - In contrada San Nicola manca la corrente da una settimana, i cumuli di neve sfiorano i 4 metri, troppi perché qualsiasi mezzo possa raggiungere l'abitazione di una famiglia che, ad Arsita, gestisce un'azienda agricola con 150 capi di bestiame imprigionati in un capannone. E nella notte fra mercoledì e giovedì è morta, per cause naturali, una signora 90enne; in casa la figlia, il genero e due nipoti che solo domenica potranno ricevere la visita di un un medico legale e, forse, delle pompe funebri. L'altro giorno un 'gatto delle nevi' arrivato da Belluno, insieme a una turbina disponibile sul posto, ha aperto la strada principale del paese, ma per raggiungere questa abitazione i parenti della defunta hanno dovuto inforcare le ciaspole e camminare due ore. Lo hanno fatto per condividere il dolore con i congiunti, ma anche per portare taniche di benzina per un piccolo gruppo elettrogeno, generi alimentari e medicine. Con amici hanno spalato la neve dal tetto della stalla. Ora chiedono aiuto.

Archivio Ultima ora