Bologna avvia l’agonia del Milan, Mihajlovic appeso alla Roma

Pubblicato il 06 gennaio 2016 da redazione

Bologna's Emanuele Giaccherini (C) and his teammates celebrate their victory at the end of the Italian serie A soccer match Milan-Bologna at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 06 January 2016. Bologna won 1-0. ANSA/ DANIELE MASCOLO

Bologna’s Emanuele Giaccherini (C) and his teammates celebrate their victory at the end of the Italian serie A soccer match Milan-Bologna at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 06 January 2016. Bologna won 1-0. ANSA/ DANIELE MASCOLO

MILANO. – Le sole 48 ore che separano la disfatta (0-1) con il Bologna dalla prossima sfida del Milan contro la Roma all’Olimpico sembrano l’unico fattore a salvare Sinisa Mihajlovic dall’esonero. Silvio Berlusconi non può che essere sempre più deluso: ancora una volta sono mancati gioco e risultato, e sotto accusa sarebbe anche la scelta dell’allenatore di inserire Cerci prima di Luiz Adriano.

Il serbo voleva la svolta e invece si ritrova a un passo dall’agonia paventata alla vigilia della prima di tre partite considerate fondamentali. E non è mai stato così vicino all’esonero, il quarto in due anni per il Milan. Da qualche settimana Marcello Lippi e Cesare Prandelli sono in stand by ma, salvo terremoti nelle prossime ore, Mihajlovic sarà in panchina a Roma, ultimo appello per giocarsi giovedì il quarto di finale di coppa Italia, ormai l’unico torneo che può dare un senso alla stagione rossonera.

Le parate di Mirante e il gol di Giaccherini a 8′ dalla fine hanno riaperto la crisi milanista (con 28 punti, viaggia a 1.5 di media a gara e -8 dalla Champions) e allontanato dalla zona retrocessione il Bologna, che ha conquistato 16 dei suoi 22 punti con Donadoni, accolto dal pubblico di San Siro con più calore rispetto a Mihajlovic.

Alla fine il serbo esce fra i fischi assieme alla sua squadra, nervosa e disunita anche nella scelta di andare a salutare la Curva, visto che Alex, Bacca e Luiz Adriano non hanno accolto l’invito di Montolivo, fra i più beccati dai tifosi assieme a Honda e Cerci.

C’è più improvvisazione che tattica in questo Milan e la rete del Bologna mette a nudo molti problemi: la difficoltà di servire Bacca (Abate sbaglia il passaggio e resta in attacco spalancando la fascia a Giaccherini); l’inconsistenza del centrocampo (Bertolacci ne azzecca poche perdendo i duelli con Taider e col giovane Diawara); le amnesie difensive, in questo caso di Alex, Mexes e De Sciglio che lascia metri a Mounier (come Montolivo gli fa notare con sarcasmo); e infine l’incapacità di reagire.

Insomma, la sosta natalizia non ha prodotto metamorfosi nel Milan, che all’inizio soffre il pressing imposto dalla squadra di Donadoni. Al 15′ Alex deve sventare un pericoloso inserimento di Giaccherini dopo un’incerta uscita di Donnarumma. Sull’altro fronte è sicuro e decisivo in più occasioni l’altro portiere di Castellammare di Stabia: al 26′ Mirante salva su Honda e Niang, dopo una delle poche azioni milaniste ben costruite. Poi si replica su Bonaventura (40′) e si supera su Bacca (47′), finalmente trovato da un bel lancio di Abate.

Prima dell’intervallo Donadoni perde per un guaio muscolare Maietta, bravo fino a quel momento ad annullare Niang e contenere Honda in collaborazione col giovane Masina. Il francese e il giapponese all’11’ della ripresa sciupano un’altra buona chance, e al 20′ piovono fischi su Honda (più tonico quando parla che in campo), sostituito da Cerci, che al 32′ manda su tutte le furie il pubblico e Mihajlovic sprecando un contropiede inventato da Niang.

Il Milan praticamente finisce qui, fra confusione, stanchezza, nervosismo ed errori. Come quelli che spalancano la porta a Giaccherini che, dopo oltre un mese di stop, torna in campo e rende perfetta la trasferta del Bologna. Ora Mihajlovic è con le spalle al muro.

Ultima ora

09:55Giro: si sale ancora da San Candido a Piancacallo, 191 km

(ANSA) - SAN CANDIDO (BOLZANO), 26 MAG - Il Giro d'Italia continua a procedere con il naso all'insù, oggi 19/a tappa, da San Candido (Bolzano) a Piancavallo (Pordenone), per un totale di 191 km. E grande spazio per gli ultimi attacchi alla vetta della classifica generale, sempre dominata da Tom Dumoulin. La tappa, classificata come di 'alta montagna', presenta ampi tratti pianeggianti nella parte finale, prima dell'ultima salita. I corridori, tuttavia, saranno subito chiamati a superare il Gpm del Passo di Monte Croce Comelico (dopo 13,9 km, a 1.696 di quota) e la Cima Sappada (1.242 metri, dopo 47,3 km), su strade mediamente ampie e in buono stato, prima della lunga discesa fino a Tolmezzo. Il secondo Gpm di giornata (2/a Categoria) arriverà dopo 104,7 km, a quota 955 metri. Il percorso diventerà pianeggiante fino ad Aviano. L'ultima salita che porterà all'arrivo di Piancavallo (1.290 metri) misura 15,4 km, e una pendenza media del 7,3%, con un picco del 14%.

09:46Basket: Nba, Golden State-Cavs finale per 3/o anno di fila

(ANSA) - BOSTON, 26 MAG - Per il terzo anno consecutivo e' Golden State Warriors contro Cleveland Cavaliers la finale dei playoff Nba che assegnera' l'anello dei vincitori. Grazie ai 35 punti di LeBron James, che gli danno il primo posto nella classifica 'all time' dei marcatori dei playoff, i Cavaliers hanno battuto i Celtics a Boston in gara-5 per 135-102 chiudendo sul 4-1 la serie di finale della Eastern Conference e potranno cosi' provare a difendere il titolo conquistato nel 2016. Kyrie Irving ha messo a segno 24 punti e Kevin Love 15, in una partita senza storia, con Cleveland avanti anche di 39 punti. Per Lebron James, in particolare, sara' la settima finale Nba consecutiva, dopo le quattro con Miami (due vinte e due perse) e quelle degli ultimi due anni con i Cavaliers contro i Golden State (persa nel 2015 e vinta lo scorso anno).

09:45Sequestro reperti archeologici in Veneto, quattro denunce

(ANSA) VENEZIA, 26 MAG - Una quarantina di reperti archeologici risalenti al III e IV secolo a.C., di cui 12 falsi ma posti in vendita come autentici, sono stati recuperati in varie province del Veneto dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia. Quattro persone, residenti tra le province di Venezia Verona e Treviso, sono state denunciate per ricettazione, impossessamento di beni culturali e contraffazione. Il valore dei reperti è di un milione di euro.

08:44Moto: Valentino Rossi, notte tranquilla in ospedale Rimini

(ANSA) - RIMINI, 26 MAG - È trascorsa tranquillamente all'ospedale 'Infermi' di Rimini la notte per Valentino Rossi, il pilota della Yamaha ricoverato nella struttura dopo essere rimasto vittima di un incidente ieri durante un allenamento di motocross sulla pista di Cavallara, nel Pesarese. A quanto si è appreso, il centauro ha riportato un lieve trauma toracico addominale. Nessun trauma cranico e nessuna frattura. Ieri sera, nel nosocomio riminese, con il 'Dottore' erano presenti la mamma, il fratello e l'inseparabile amico 'Uccio'. In giornata sono previsti ulteriori controlli. Il campione di Tavullia è giunto in ospedale cosciente e insieme ai familiari. I medici hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Subito dopo l'incidente sulla pista di 'casa', Rossi si era rialzato ed era tornato a Tavullia, decidendo poi di raggiungere l'ospedale di Rimini in auto. Il pilota si allena spesso su quel circuito anche di notte e da solo. (ANSA).

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

Archivio Ultima ora