Bologna avvia l’agonia del Milan, Mihajlovic appeso alla Roma

Pubblicato il 06 gennaio 2016 da redazione

Bologna's Emanuele Giaccherini (C) and his teammates celebrate their victory at the end of the Italian serie A soccer match Milan-Bologna at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 06 January 2016. Bologna won 1-0. ANSA/ DANIELE MASCOLO

Bologna’s Emanuele Giaccherini (C) and his teammates celebrate their victory at the end of the Italian serie A soccer match Milan-Bologna at the Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 06 January 2016. Bologna won 1-0. ANSA/ DANIELE MASCOLO

MILANO. – Le sole 48 ore che separano la disfatta (0-1) con il Bologna dalla prossima sfida del Milan contro la Roma all’Olimpico sembrano l’unico fattore a salvare Sinisa Mihajlovic dall’esonero. Silvio Berlusconi non può che essere sempre più deluso: ancora una volta sono mancati gioco e risultato, e sotto accusa sarebbe anche la scelta dell’allenatore di inserire Cerci prima di Luiz Adriano.

Il serbo voleva la svolta e invece si ritrova a un passo dall’agonia paventata alla vigilia della prima di tre partite considerate fondamentali. E non è mai stato così vicino all’esonero, il quarto in due anni per il Milan. Da qualche settimana Marcello Lippi e Cesare Prandelli sono in stand by ma, salvo terremoti nelle prossime ore, Mihajlovic sarà in panchina a Roma, ultimo appello per giocarsi giovedì il quarto di finale di coppa Italia, ormai l’unico torneo che può dare un senso alla stagione rossonera.

Le parate di Mirante e il gol di Giaccherini a 8′ dalla fine hanno riaperto la crisi milanista (con 28 punti, viaggia a 1.5 di media a gara e -8 dalla Champions) e allontanato dalla zona retrocessione il Bologna, che ha conquistato 16 dei suoi 22 punti con Donadoni, accolto dal pubblico di San Siro con più calore rispetto a Mihajlovic.

Alla fine il serbo esce fra i fischi assieme alla sua squadra, nervosa e disunita anche nella scelta di andare a salutare la Curva, visto che Alex, Bacca e Luiz Adriano non hanno accolto l’invito di Montolivo, fra i più beccati dai tifosi assieme a Honda e Cerci.

C’è più improvvisazione che tattica in questo Milan e la rete del Bologna mette a nudo molti problemi: la difficoltà di servire Bacca (Abate sbaglia il passaggio e resta in attacco spalancando la fascia a Giaccherini); l’inconsistenza del centrocampo (Bertolacci ne azzecca poche perdendo i duelli con Taider e col giovane Diawara); le amnesie difensive, in questo caso di Alex, Mexes e De Sciglio che lascia metri a Mounier (come Montolivo gli fa notare con sarcasmo); e infine l’incapacità di reagire.

Insomma, la sosta natalizia non ha prodotto metamorfosi nel Milan, che all’inizio soffre il pressing imposto dalla squadra di Donadoni. Al 15′ Alex deve sventare un pericoloso inserimento di Giaccherini dopo un’incerta uscita di Donnarumma. Sull’altro fronte è sicuro e decisivo in più occasioni l’altro portiere di Castellammare di Stabia: al 26′ Mirante salva su Honda e Niang, dopo una delle poche azioni milaniste ben costruite. Poi si replica su Bonaventura (40′) e si supera su Bacca (47′), finalmente trovato da un bel lancio di Abate.

Prima dell’intervallo Donadoni perde per un guaio muscolare Maietta, bravo fino a quel momento ad annullare Niang e contenere Honda in collaborazione col giovane Masina. Il francese e il giapponese all’11’ della ripresa sciupano un’altra buona chance, e al 20′ piovono fischi su Honda (più tonico quando parla che in campo), sostituito da Cerci, che al 32′ manda su tutte le furie il pubblico e Mihajlovic sprecando un contropiede inventato da Niang.

Il Milan praticamente finisce qui, fra confusione, stanchezza, nervosismo ed errori. Come quelli che spalancano la porta a Giaccherini che, dopo oltre un mese di stop, torna in campo e rende perfetta la trasferta del Bologna. Ora Mihajlovic è con le spalle al muro.

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora