La tempesta cinese non si placa, le Borse a picco

Pubblicato il 07 gennaio 2016 da redazione

A woman reacts near a display board showing the plunge in the Shanghai Composite Index at a brokerage in Beijing, China, Thursday, Jan. 7, 2016. (ANSA/AP Photo/Ng Han Guan)

A woman reacts near a display board showing the plunge in the Shanghai Composite Index at a brokerage in Beijing, China, Thursday, Jan. 7, 2016. (ANSA/AP Photo/Ng Han Guan)

MILANO. – Nuovo violento scossone dei mercati finanziari internazionali in scia al crollo dei listini in Cina, con la svalutazione dello yuan a innescare ancora una volta grandi turbolenze. E un ‘guru’ di Wall Street come il finanziere George Soros getta benzina sul fuoco e avverte: “La Cina ha un problema di aggiustamento. Quando guardo ai mercati finanziari ci sono difficoltà che mi ricordano il 2008″.

Il timore del resto sembra essere proprio questo e alla fine non ce n’è per nessuno: fermata per eccesso di ribasso Shanghai perde il 7,04%, e in scia crollano tutti i mercati asiatici. Tokyo perde il 2,33%, Sydney il 2,2% e Seul l’1,1%. Col passare delle ore il contagio si allarga, van giù le materie prime fino a quando il petrolio aggiorna i minimi da 12 anni portandosi a New York a 32,1 dollari, salvo poi col passar delle ore contenere i danni e arrivare sulla parità alla chiusura dei mercati europei.

Dopo l’avvio in caduta, anche i listini europei e Wall Street si ricompongono, ma il bilancio resta comunque pesante: dal calo del 3,2% in apertura Milano chiude poi in perdita dell’1,14%, con lo spread appena sopra i 100 punti base. Londra cede nel finale l’1,96% e Francoforte termina in calo del 2,29% mentre l’indice Dax va sotto i 10 mila punti.

A Wall Street – con un portavoce della casa Bianca che che fa sapere che gli Usa continuano a monitorare gli sviluppi della valuta cinese e i movimenti sui mercati – il Nyse e l’S&P viaggiano con cali dell’1,2%, il Nasdaq dell’1,6%.

Il copione della giornata ricalca in parte quello di inizio anno. Le tensioni sullo yuan cinese hanno indotto una nuova svalutazione da parte delle autorità di Pechino, con il più deciso intervento da agosto. Come lunedì sono poi fioccati i cali a Shanghai, in una gara a vendere prima che scattasse la tagliola della sospensione per eccesso di ribasso, arrivata effettivamente dopo appena 29 minuti di scambi.

La banca centrale cinese ha comunque avvertito con chiarezza di poter tener testa alle speculazioni e che l’economia del paese non ha bisogno di svalutazioni competitive. Fatto sta che già in giornata le autorità di Pechino hanno poi corretto alcune delle storture ‘boomerang’ introdotte, quelle misure per frenare la caduta dei mercati rivelatesi invece controproducenti: innanzitutto è stato rimosso il meccanismo di sospensione automatica che a fronte di perdite superiori al 7% fermava la Borsa per l’intera giornata (era entrato in vigore proprio questa settimana con i pessimi risultati visti).

E poi in vista della temuta scadenza venerdì 8 dello stop alle vendite di partecipazioni in società quotate da parte dei grandi azionisti, deciso durante la crisi di luglio, è stata introdotta una nuova procedura ‘aggravata’ per lo smobilizzo di grandi quote sul mercato: gli investitori non potranno vendere più dell’1% nell’arco di 3 mesi, dandone notifica anticipata di 15 giorni.

Anche soprassedendo sulle contraddizioni di un mercato cinese rigidamente regolato, resta il fatto che i timori di un rallentamento dell’economia di Pechino sono sempre più concreti. Le riserve valutarie del Paese continuano a calare, a fine 2015 sono scese di quasi 108 miliardi di dollari a 3.330 miliardi, sintomo di interventi importanti per sostenere lo yuan, in scia alla fuga dei capitali in atto.

Mercoledì sera la Banca Mondiale aveva rivisto al ribasso le stime sulla crescita globale per il 2016 e 2017, sui possibili rischi di contagio dai mercati emergenti. E in questo contesto le tensioni tra Arabia Saudita e Iran, con anche l'”esibizione” nucleare della Corea del Nord di Kim Jong-un, non possono che aggravare il quadro.

Un discorso ulteriore va fatto invece sulla continua discesa del petrolio, dove oltre ai timori sulla crescita cinese, e all’ormai strutturale sovrapproduzione, le tensioni tra i grandi paesi produttori non fanno che allontanare le probabilità di un taglio alla produzione concordato, appesantendo ulteriormente quotazioni e bilanci dei paesi produttori. Il rublo ad esempio nei cambi offshore viaggiava in giornata in calo del 2% (i mercati a Mosca sono chiusi fino a lunedì per il Natale ortodosso).

(di Sabina Rosset/ANSA)

Ultima ora

17:19Sci nordico: Italia Team, raduno ad Anterselva

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' entrato nella seconda e ultima fase il quinto raduno estivo della squadra maschile di Coppa del mondo di sci di fondo dopo quelli effettuati nelle ultime settimane sulle nevi norvegesi di Sognefjeld e successivamente sulle strade di Toscana, Trentino ed Emilia Romagna. Al lavoro sulla nuova pista di skiroll (inaugurata l'anno passato) di Anterselva (Bz) sono presenti Francesco De Fabiani, Dietmar Noeckler, Federico Pellegrino, Maicol Rastelli e Giandomenico Salvadori, i quali sono stati messi sotto torchio dall'allenatore responsabile Giuseppe Chenetti, che ha presentato un menù ricco di camminate a piedi, skiroll, corsa, forza, bicicletta e balzi. Il raduno si concluderà venerdì 28 luglio.

17:19Vitalizi: Sisto (FI), è macelleria sociale per 20 milioni

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Un provvedimento che è un "atto di macelleria sociale per 20 milioni di pensionati". Lo dice il deputato di Forza Italia Francesco Paolo Sisto intervenendo in Aula durante la discussione sulle questioni pregiudiziali. Le misure all'esame della Camera, e che portano la firma del Pd, sono "un provvedimento barbaro sul piano costituzionale" e rappresentano una scelta "irresponsabile".

17:04Cade in canale, bambino morto annegato nel Novarese

(ANSA) - NOVARA, 25 LUG - Un bambino è morto annegato nelle acque del diramatore di Vigevano, un canale artificiale che scorre tra le province di Novara e di Pavia. Trascinato dalla corrente il corpo è stato recuperato nella zona di Romentino. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, al vaglio delle forze dell'ordine. Il bambino, tre anni da compiere, è scivolato in acqua a Galliate, dove viveva con la famiglia vicino al diramatore. A dare l'allarme, secondo quanto si è appreso, è stata la madre.(ANSA).

16:54Lavoro: AlmaLaurea, a cinque anni da titolo 84% occupato

(ANSA) - BOLOGNA, 25 LUG - A cinque anni dal conseguimento del titolo, in Italia i laureati lavorano nell'84% dei casi; oltre la metà è assunta a tempo indeterminato e i lavoratori autonomi sfiorano il 20%. I laureati nelle professioni sanitarie e gli ingegneri registrano un tasso di occupazione superiore al 90% e retribuzioni più elevati. Sono i dati dei focus realizzati da AlmaLaurea sulla base del 19/o 'Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati', presentato a Parma lo scorso maggio. Il rapporto ha coinvolto oltre 75mila laureati magistrali biennali del 2011. Dopo ingegneri e professionisti sanitari, i più occupati sono i laureati dei gruppi economico-statistico (89%), scientifico (88%), chimico e architettura (86% per entrambi). Il tasso di disoccupazione è del 9%, rimanendo su valori più elevati tra i laureati dei gruppi letterario (15%), giuridico e geo-biologico (14% per entrambi). A livello retributivo, i laureati magistrali a cinque anni dal titolo percepiscono in media 1.405 euro netti mensili. (ANSA).

16:47Pallavolo: Zaytsev spera, voglio andare agli Europei

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - ''Il mio unico pensiero è andare a fare gli Europei con una scarpa idonea, non farmi male e dare una mano alla squadra. Io ancora ci spero, la soluzione non è così complicata, io darei anche una gamba per la Nazionale. La soluzione è semplice: trovare una scarpa adatta per me del marchio che sponsorizza la federazione''. L'asso della pallavolo Ivan Zaytsev lascia le porte aperte ad un suo ritorno nella Nazionale di pallavolo in vista degli Europei dopo la querelle su sponsor e scarpe che ha portato alla sua esclusione dall'Italvolley. "Io ho sempre dato la mia massima disponibilità per cercare di trovare una soluzione - sottolinea lo Zar - e non ho mai detto che non avrei giocato senza le mie scarpe. Sono stato dipinto come un mercenario, una persona legata a un brand sportivo".

16:46Calcio: domani nuova Serie A, Juve può partire con big match

(ANSA) - MILANO, 25 LUG - Roma, Napoli, Milan, Inter, Atalanta e Lazio: ci sono praticamente tutte le migliori squadre dell'ultima stagione tranne la Fiorentina fra le possibili avversarie della Juventus campione d'Italia per la prima giornata del nuovo campionato di Serie A, che prenderà forma domani con i sorteggi nella sede di Sky. Impegnate nei preliminari di coppe, non si possono incontrare al debutto il Napoli e il Milan, che inizierà il campionato in trasferta come Genoa, Roma e Chievo, mentre lo faranno in casa Inter, Sampdoria, Lazio e Hellas Verona. Fra i criteri per la stesura del calendario, è prevista alternanza assoluta di incontri in casa e in trasferta per Bologna e Spal, per le squadre di Verona, Genova, Milano, Torino e Roma. Nei turni infrasettimanali non sono possibili i big match fra Inter, Juve, Milan, Napoli e Roma, né i derby, programmati tutti in giornate diverse, mai alla prima e all'ultima.

16:45Sinistra: Scotto, serve percorso comune con Pisapia

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Non si può fare politica con il torcicollo. Sono d'accordo con Giuliano Pisapia, bisogna guardare avanti. L'alleanza con il Pd di Renzi e' archiviata nei fatti dalle scelte politiche di questi anni sul lavoro, sulla democrazia, sulla giustizia sociale. Oggi e' inutile tornarci sopra.I soggetti politici nascono se hanno una matrice popolare e democratica. Altrimenti sono solo amalgami tra stati maggiori. Che durano lo spazio di una campagna elettorale. E dunque stabiliamo insieme un percorso per decidere quando i nostri militanti, simpatizzanti ed elettori potranno dire la loro opinione sulla natura e la missione del soggetto della sinistra che vogliamo costruire". Lo dice Arturo Scotto , deputato di Mdp intervenendo su Fb.

Archivio Ultima ora