In Italia, salgono i redditi e il potere d’acquisto delle famiglie

Pubblicato il 08 gennaio 2016 da redazione

Si apre la stagione dei saldi nelle vie del centro storico di Roma, 5 gennaio 2013. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Si apre la stagione dei saldi nelle vie del centro storico di Roma, 5 gennaio 2013. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – Le famiglie italiane tornano a respirare. I portafogli hanno ricominciato gradualmente a riempirsi e i consumi sembrano finalmente essere ripartiti. I segnali ci sono tutti e quelli arrivati dall’Istat sul terzo trimestre confermano come il 2015 si appresti a diventare un vero anno di svolta.

Per una fase, ha sottolineato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che non sarà “passeggera” ma porterà “crescita più sostenuta e favorevole per il Paese”. L’ingranaggio sembra infatti marciare nella direzione giusta anche sul fronte dei conti pubblici. Il deficit mostra progressivi segnali di miglioramento, attestandosi al 2,9% nella media dei primi tre trimestri ed avviandosi a chiudere l’anno in linea con le previsioni del governo (2,6% del Pil).

Le entrate dei primi 11 mesi sono schizzate del 9,2%, grazie soprattutto all’anticipo dei versamenti per autoliquidazione di Irpef e Ires, ma facendo comunque incassare allo Stato quasi 33 miliardi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (di cui 13 solo di Ires). Sommati agli ultimissimi dati positivi sul mercato del lavoro, i dati snocciolati dall’istituto di statistica contribuiscono a dimostrare univocamente, secondo Padoan, che “le riforme funzionano” e che l’Italia “usa bene la flessibilità”.

Non solo, Roma chiede di sfruttare tutte le clausole europee perché “ha tutte le carte in regola” per farlo e per saperle usare ancora “al meglio”, per spingere la crescita. Parole che suonano come una risposta, con 24 ore di ritardo ma corredata dai numeri, al richiamo del presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, che – nell’infinito tira e molla tra Roma e Bruxelles sull’utilizzo delle clausole di flessibilità Ue – ha richiamato il governo italiano a non esagerare.

Governo e maggioranza intanto però esultano. Nel terzo trimestre dello scorso anno, il potere di acquisto delle famiglie è aumentato dell’1,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,3% sullo stesso periodo luglio-settembre del 2014. Una percentuale che non si vedeva da otto anni, esattamente, in base alle serie storiche dell’Istat, dal secondo trimestre 2007.

Non a caso, grazie anche ad un’inflazione praticamente nulla che ha evitato l’erosione dei salari, il reddito disponibile è cresciuto dell’1,3% rispetto al trimestre precedente e dell’1,5% nel confronto con il corrispondente periodo del 2014. La maggiore disponibilità finanziaria ha permesso da un lato di accrescere la spesa familiare (+0,4% su base congiunturale e +1,2% su base tendenziale) e dall’altro di aumentare la propensione al risparmio.

Le famiglie sono tornate a mettere qualcosa da parte proprio perché il reddito a loro disposizione è cresciuto più di quanto non sia aumentata la spesa. Neutralizzando così anche il lieve aumento della pressione fiscale. Sempre nel terzo trimestre, in attesa quindi degli sgravi che – a partire dalla tassazione sulla casa – arriveranno nel 2016, il peso del fisco è infatti salito al 41,4% (+0,1 punti percentuali) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, stabilizzandosi invece nella media dei primi tre trimestri al 41,2%, stesso livello del medesimo periodo del 2014.

Al contrario del mondo politico, i dati non bastano a far cantare vittoria ai consumatori, che parlano di strada ancora lunga per far tornare le famiglie ai livelli pre-crisi, anche se l’unica nota stonata della giornata arriva dalle imprese. A non ripartire sono infatti gli investimenti, “seconda gamba” essenziale per far riprendere concretamente l’economia. L’Istat segnala infatti come tra luglio e settembre il tasso di investimento delle società non finanziarie sia sceso al 18,8%, con una diminuzione sia in termini congiunturali che tendenziali.

Ultima ora

19:05Totti: Baldissoni, come in campo non avrà un ruolo fisso

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il contratto da dirigente di Francesco Totti sarà valido anche se dovesse continuare a giocare? "Sì - risponde a Premium Sport il dg della Roma Mauro Baldissoni - Ma queste sono cose secondarie. Se dovesse scegliere di continuare a giocare è libero di farlo, ma in qualsiasi momento Totti avrà le porte aperte. Francesco sta vivendo una fase delicata della sua vita e noi dobbiamo stargli vicino senza alimentare polemiche che non esistono. Questa giornata è speciale, vivremo emozioni molto intense: per noi che l'abbiamo visto giocare fin dall'inizio, ci sarà una vena di tristezza, ma dev'esserci anche la felicità di trasferire a un campione come Totti tutto il nostro affetto". Definito il ruolo proposto? "Sì, a parte che, così come in campo, Totti non avrà un ruolo fisso: speriamo che faccia il Totti anche da dirigente. Abbiamo parlato più volte, mostrandogli le aree in cui potrà intervenire; dovrà imparare un nuovo lavoro, ma non lo andremo certo a chiudere in un recinto con un titolo attaccato all'armadio".

19:04Calcio: Fassone “nessun giallo,Milan aspetta risposta Gigio”

(ANSA) - CAGLIARI, 28 MAG - La trattativa fra il Milan e Gianluigi Donnarumma "non è una partita a scacchi, né un giallo". Lo ha spiegato l'ad rossonero Marco Fassone, chiarendo che il portiere "è stato il primo giocatore incontrato" dalla nuova dirigenza per parlare di rinnovo: "stiamo facendo ragionevoli sacrifici per trattenerlo, ci aspettiamo una risposta". Dopo l'ultima partita del campionato, persa a Cagliari, Fassone ha parlato anche di Vincenzo Montella, pure lui con un contratto in scadenza nel 2018. "Montella è certamente il nostro allenatore del prossimo anno - ha dichiarato -. Si lavora molto bene con Vincenzo. Sono convinto che sarà l'allenatore che ci riporterà in alto".

18:54Bangladesh: torna statua di Lady Justice

(ANSA) - DACCA, 28 MAG - Una statua raffigurante una reinterpretazione in chiave indù di Themis, la dea della giustizia greca, rimossa due giorni fa per le pressioni di movimenti islamici fondamentalisti dal piazzale antistante la Corte Suprema di Dacca, è stata reinstallata oggi davanti ad un altro edificio periferico della stessa istituzione. Lo ha riferito il portale di notizie BdNews24. Lo scultore Mrinal Haque, che aveva descritto come "un dolore equivalente alla morte di mia madre" la decisione di rimuovere la scultura raffigurante una donna in sari con una spada nella destra e la bilancia nella sinistra, ha supervisionato personalmente il lavoro di ricollocazione dell'opera in una zona meno visibile del compound giudiziario. Lo spostamento è stato ottenuto dal leader del movimento Hifazat-e-Islami, Shah Ahmed Shafi, secondo cui reinterpretare una statua greca in chiave indù "equivale a idolatria".

18:54Calcio: Montella, stagione comunque ampiamente positiva

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Siamo partiti male, il Cagliari aveva più ritmo; poi, dopo il loro primo gol, siamo migliorati e nella ripresa abbiamo fatto bene. Ma è stata una gara di fine stagione, non bella, e non mi sono divertito". Lo ha detto a Premium Sport l'allenatore del Milan Vincenzo Montella dopo il ko rossonero a Cagliari. L'errore di Donnarumma sul secondo gol e la prestazione di Bacca, forse infastidito da radiomercato, sono nel mirino. "Lasciamo stare Donnarumma e lasciamolo sbagliare - ha risposto il tecnico - Qualche mezzo errore a volte ci può stare, ha fatto una grande gara anche oggi. Bacca non è un ragazzino che si fa condizionare. Io potevo far qualcosa in più per lui come allenatore e anche lui poteva far di più. C'è sempre stata la volontà di fare il massimo, ma nessuno dei due ci è riuscito. Un voto alla stagione del Milan? Non so. A parte questa gara, non valutabile, è stata ampiamente positiva: siamo tornati in Europa, abbiamo alzato una coppa, lanciato molti ragazzi e dato un'identità a questa squadra".

18:40Affonda barca nel lago di Garda, illesi tre austriaci

(ANSA) - BRESCIA, 28 MAG - Tre ragazzi austriaci tra 25 e i trent'anni sono rimasti feriti nelle acque del lago di Garda a Sirmione in seguito all'esplosione del motore della loro barca, che è affondata. È accaduto nel primo pomeriggio e i giovani sono stati soccorsi in acqua. Sono spaventati e lievemente feriti. "L'imbarcazione è esplosa come se fosse scoppiata una bomba" hanno spiegato i soccorritori. Ancora da capire il motivo dello scoppio del motore.(ANSA).

18:37Totti: Franceschini, ora che potevamo vederti con la Spal…

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Certo proprio adesso che potevamo vederti contro la #Spal... #Tottiday". Così, sul filo dell'ironia, il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, ferrarese e tifoso della Spal, saluta Francesco Totti su Twitter.

18:35Totti: su schermi Olimpico messaggi da 10 grandi campioni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Dieci campioni per il n.10. Prima del fischio d'inizio di Roma-Genoa sui maxi-schermi dello stadio Olimpico sono state trasmesse le testimonianze di grandi calciatori che hanno condiviso il campo con Francesco Totti, giunto all'ultima partita con la maglia giallorossa. Il primo videomessaggio è stato quello di Maldini, seguito da Cassano, Del Piero, Buffon (l'unico fischiati dai 70mila sugli spalti), Beckham, Sergio Ramos, Seedorf, Gerrard e De Rossi.

Archivio Ultima ora