In Italia, salgono i redditi e il potere d’acquisto delle famiglie

Pubblicato il 08 gennaio 2016 da redazione

Si apre la stagione dei saldi nelle vie del centro storico di Roma, 5 gennaio 2013. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Si apre la stagione dei saldi nelle vie del centro storico di Roma, 5 gennaio 2013. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – Le famiglie italiane tornano a respirare. I portafogli hanno ricominciato gradualmente a riempirsi e i consumi sembrano finalmente essere ripartiti. I segnali ci sono tutti e quelli arrivati dall’Istat sul terzo trimestre confermano come il 2015 si appresti a diventare un vero anno di svolta.

Per una fase, ha sottolineato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che non sarà “passeggera” ma porterà “crescita più sostenuta e favorevole per il Paese”. L’ingranaggio sembra infatti marciare nella direzione giusta anche sul fronte dei conti pubblici. Il deficit mostra progressivi segnali di miglioramento, attestandosi al 2,9% nella media dei primi tre trimestri ed avviandosi a chiudere l’anno in linea con le previsioni del governo (2,6% del Pil).

Le entrate dei primi 11 mesi sono schizzate del 9,2%, grazie soprattutto all’anticipo dei versamenti per autoliquidazione di Irpef e Ires, ma facendo comunque incassare allo Stato quasi 33 miliardi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (di cui 13 solo di Ires). Sommati agli ultimissimi dati positivi sul mercato del lavoro, i dati snocciolati dall’istituto di statistica contribuiscono a dimostrare univocamente, secondo Padoan, che “le riforme funzionano” e che l’Italia “usa bene la flessibilità”.

Non solo, Roma chiede di sfruttare tutte le clausole europee perché “ha tutte le carte in regola” per farlo e per saperle usare ancora “al meglio”, per spingere la crescita. Parole che suonano come una risposta, con 24 ore di ritardo ma corredata dai numeri, al richiamo del presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, che – nell’infinito tira e molla tra Roma e Bruxelles sull’utilizzo delle clausole di flessibilità Ue – ha richiamato il governo italiano a non esagerare.

Governo e maggioranza intanto però esultano. Nel terzo trimestre dello scorso anno, il potere di acquisto delle famiglie è aumentato dell’1,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,3% sullo stesso periodo luglio-settembre del 2014. Una percentuale che non si vedeva da otto anni, esattamente, in base alle serie storiche dell’Istat, dal secondo trimestre 2007.

Non a caso, grazie anche ad un’inflazione praticamente nulla che ha evitato l’erosione dei salari, il reddito disponibile è cresciuto dell’1,3% rispetto al trimestre precedente e dell’1,5% nel confronto con il corrispondente periodo del 2014. La maggiore disponibilità finanziaria ha permesso da un lato di accrescere la spesa familiare (+0,4% su base congiunturale e +1,2% su base tendenziale) e dall’altro di aumentare la propensione al risparmio.

Le famiglie sono tornate a mettere qualcosa da parte proprio perché il reddito a loro disposizione è cresciuto più di quanto non sia aumentata la spesa. Neutralizzando così anche il lieve aumento della pressione fiscale. Sempre nel terzo trimestre, in attesa quindi degli sgravi che – a partire dalla tassazione sulla casa – arriveranno nel 2016, il peso del fisco è infatti salito al 41,4% (+0,1 punti percentuali) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, stabilizzandosi invece nella media dei primi tre trimestri al 41,2%, stesso livello del medesimo periodo del 2014.

Al contrario del mondo politico, i dati non bastano a far cantare vittoria ai consumatori, che parlano di strada ancora lunga per far tornare le famiglie ai livelli pre-crisi, anche se l’unica nota stonata della giornata arriva dalle imprese. A non ripartire sono infatti gli investimenti, “seconda gamba” essenziale per far riprendere concretamente l’economia. L’Istat segnala infatti come tra luglio e settembre il tasso di investimento delle società non finanziarie sia sceso al 18,8%, con una diminuzione sia in termini congiunturali che tendenziali.

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora