In Italia, salgono i redditi e il potere d’acquisto delle famiglie

Pubblicato il 08 gennaio 2016 da redazione

Si apre la stagione dei saldi nelle vie del centro storico di Roma, 5 gennaio 2013. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Si apre la stagione dei saldi nelle vie del centro storico di Roma, 5 gennaio 2013. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – Le famiglie italiane tornano a respirare. I portafogli hanno ricominciato gradualmente a riempirsi e i consumi sembrano finalmente essere ripartiti. I segnali ci sono tutti e quelli arrivati dall’Istat sul terzo trimestre confermano come il 2015 si appresti a diventare un vero anno di svolta.

Per una fase, ha sottolineato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che non sarà “passeggera” ma porterà “crescita più sostenuta e favorevole per il Paese”. L’ingranaggio sembra infatti marciare nella direzione giusta anche sul fronte dei conti pubblici. Il deficit mostra progressivi segnali di miglioramento, attestandosi al 2,9% nella media dei primi tre trimestri ed avviandosi a chiudere l’anno in linea con le previsioni del governo (2,6% del Pil).

Le entrate dei primi 11 mesi sono schizzate del 9,2%, grazie soprattutto all’anticipo dei versamenti per autoliquidazione di Irpef e Ires, ma facendo comunque incassare allo Stato quasi 33 miliardi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (di cui 13 solo di Ires). Sommati agli ultimissimi dati positivi sul mercato del lavoro, i dati snocciolati dall’istituto di statistica contribuiscono a dimostrare univocamente, secondo Padoan, che “le riforme funzionano” e che l’Italia “usa bene la flessibilità”.

Non solo, Roma chiede di sfruttare tutte le clausole europee perché “ha tutte le carte in regola” per farlo e per saperle usare ancora “al meglio”, per spingere la crescita. Parole che suonano come una risposta, con 24 ore di ritardo ma corredata dai numeri, al richiamo del presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, che – nell’infinito tira e molla tra Roma e Bruxelles sull’utilizzo delle clausole di flessibilità Ue – ha richiamato il governo italiano a non esagerare.

Governo e maggioranza intanto però esultano. Nel terzo trimestre dello scorso anno, il potere di acquisto delle famiglie è aumentato dell’1,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,3% sullo stesso periodo luglio-settembre del 2014. Una percentuale che non si vedeva da otto anni, esattamente, in base alle serie storiche dell’Istat, dal secondo trimestre 2007.

Non a caso, grazie anche ad un’inflazione praticamente nulla che ha evitato l’erosione dei salari, il reddito disponibile è cresciuto dell’1,3% rispetto al trimestre precedente e dell’1,5% nel confronto con il corrispondente periodo del 2014. La maggiore disponibilità finanziaria ha permesso da un lato di accrescere la spesa familiare (+0,4% su base congiunturale e +1,2% su base tendenziale) e dall’altro di aumentare la propensione al risparmio.

Le famiglie sono tornate a mettere qualcosa da parte proprio perché il reddito a loro disposizione è cresciuto più di quanto non sia aumentata la spesa. Neutralizzando così anche il lieve aumento della pressione fiscale. Sempre nel terzo trimestre, in attesa quindi degli sgravi che – a partire dalla tassazione sulla casa – arriveranno nel 2016, il peso del fisco è infatti salito al 41,4% (+0,1 punti percentuali) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, stabilizzandosi invece nella media dei primi tre trimestri al 41,2%, stesso livello del medesimo periodo del 2014.

Al contrario del mondo politico, i dati non bastano a far cantare vittoria ai consumatori, che parlano di strada ancora lunga per far tornare le famiglie ai livelli pre-crisi, anche se l’unica nota stonata della giornata arriva dalle imprese. A non ripartire sono infatti gli investimenti, “seconda gamba” essenziale per far riprendere concretamente l’economia. L’Istat segnala infatti come tra luglio e settembre il tasso di investimento delle società non finanziarie sia sceso al 18,8%, con una diminuzione sia in termini congiunturali che tendenziali.

Ultima ora

17:06Maltempo: Protezione civile, in arrivo temporali al nord

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Un avviso di avverse condizioni meteo è stato emesso dal Dipartimento della Protezione civile, che prevede dal pomeriggio di oggi temporali al nord, in particolare su Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, provincia di Bolzano e Veneto. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Per oggi e domani è stata valutata allerta gialla su alcuni settori di Veneto e Piemonte, sulla provincia di Bolzano e su buona parte della Lombardia, e solo per oggi su gran parte della Valle d'Aosta. (ANSA).

17:05Calcio: Caf studia riforma, Coppa d’Africa a giugno-luglio

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Addio Coppa d'inverno, con tutte le problematiche che si portava dietro. La Coppa d'Africa 2019 non si giocherà più a gennaio-febbraio ma, quasi sicuramente, nei mesi estivi, come accade per le altre 'consorelle' continentali. Lo ha stabilito l'Esecutivo della Federcalcio africana (Caf) che ha dato mandato a un gruppo di lavoro di studiare la riforma, decidendo anche di innalzare il numero dei Paesi partecipanti da 16 a 24 e questo già dalla prossima edizione che si disputerà in Camerun nel 2019. La novità stagionale soprattutto rappresenta una grande vittoria per i club europei, costretti a rinunciare a tanti giocatori (e diverse 'stelle') in una fase cruciale della stagione. La prossime edizioni della Coppa d'Africa si disputeranno in Camerun (2019), Costa d'Avorio (2021) e Guinea (2023).

17:00Putin, non ho ancora deciso se mi candiderò nel 2018

(ANSA) - MOSCA, 21 LUG - "Non ho ancora deciso se devo continuare ad espletare le mie funzioni da presidente. Sapete che ci saranno le elezioni nel 2018, prima del voto c'è ancora tempo". Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con i giovanissimi allievi del centro di istruzione 'Syrius' di Sochi trasmesso in diretta dal canale televisivo Ntv.

16:55Migranti: giunti 111mila, l’85% in Italia

(ANSA) - GINEVRA, 21 LUG - Un totale di 111.514 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare dall'inizio dell'anno e 2.360 sono morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo. Lo riferisce l'Oim (Organizzazione internazionale delle migrazioni). L'agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni precisa che circa l'85% arrivi sono stati registrati in Italia.

16:53Appalto truccato in cambio di assunzione figlio, 5 condanne

(ANSA) - SAVONA, 21 LUG - Si è concluso con 5 condanne il processo per l'inchiesta "Trash", riguardante irregolarità nell'assegnazione dell'appalto per la gestione dei rifiuti a Pietra Ligure Savona. Il tribunale di Savona ha condannato l'allora responsabile del settore servizi tecnici specializzati Fabio Basso (4 anni e 10 mesi di reclusione) ed i funzionari di Ata Spa Roberto Balbis (3 anni) e Mario Cena (2 anni e 8 mesi). Condannati anche due dipendenti del Comune, Vincenzo Trevisano ed Andrea Nencioni (per entrambi 8 mesi con la sospensione condizionale). Trevisano e Basso sono stati inoltre assolti da due dei capi d'accusa. Le indagini erano iniziate nel marzo 2013: l'accusa della Procura era che i cinque avessero "truccato" la gara per l' assegnazione del servizio di raccolta differenziata favorendo Ata Spa, società partecipata del Comune di Savona. Un "favore" ricambiato dalla promessa di assumere in azienda il figlio di Basso.(ANSA).

16:47Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

16:43Incendi in Toscana: Rossi, dichiarato stato emergenza

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Stato di emergenza regionale per gli incendi in Toscana. "A fronte della situazione in atto in Toscana da maggio ad oggi, e dell'intensificarsi del numero e della gravità degli incendi nell'ultimo periodo ho ritenuto indispensabile procedere alla dichiarazione di stato d'emergenza regionale che permetterà alla giunta, nell'immediato, di valutare le prime azioni necessarie da intraprendere per mitigare le criticità e i presupposti per richiedere l'eventuale dichiarazione dello stato d'emergenza nazionale", ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Abbiamo rafforzato l'attività di tutto il sistema antincendi e in particolare dell'attività della Sala operativa regionale che ormai costantemente, da maggio, gestisce l'emergenza 24ore su 24", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora