Renzi: a ottobre referendum, sulle riforme decidono gli italiani

Pubblicato il 09 gennaio 2016 da redazione

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi in una recente immagine d'archivio. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI - PALAZZO CHIGI - UFFICIO STAMPA Il presidente del Consiglio Matteo Renzi in una recente immagine d’archivio. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI – PALAZZO CHIGI – UFFICIO STAMPA

ROMA. – “Il 2016 si annuncia molto complicato a livello internazionale”, ma l’Italia oggi “è più stabile politicamente” e potrà quindi affrontare con fiducia tutte le sfide a partire dal referendum costituzionale di ottobre nel quale “gli italiani decideranno” se il ddl Boschi che abolisce il bicameralismo perfetto “andrà bene o no”.

Lo scrive Matteo Renzi nella prima e-news agli iscritti del Pd del 2016, in cui indica anche alcune priorità nell’agenda politica di gennaio tra le quali non compaiono le unioni civili da lui citate, invece, nella Conferenza di fine anno il 29 dicembre scorso.

Il premier annuncia anche di voler essere in Aula per rispondere alla mozione di sfiducia presentata contro il governo sul caso banche. “Martedì 19 gennaio mi presenterò personalmente per illustrare nel dettaglio che cosa abbiamo fatto sino ad oggi e cosa intendiamo fare”, afferma, gettando il guanto di sfida: “Per rispetto a deputati e cittadini parleremo con molta chiarezza e determinazione”.

Nella sua Enews, Renzi parte dalla cornice internazionale, con un 2016 che “si annuncia molto complicato” per il “quadro globale frastagliato” e per le “tensioni vicino a casa nostra”. “L’Italia c’è – dice – e farà la sua parte” insieme “agli alleati”. Ma anche il quadro europeo è complicato: “La crisi dei migranti, lo stallo delle elezioni spagnole, le tensioni per le nuove leggi polacche, il referendum inglese, il post-emergenza greco, l’ondata populista lepenista in Francia”.

E rivolgendosi più a Juncker e Dijsselbloem che agli iscritti del Pd, Renzi chiosa: “Davvero pensiamo che il problema sia lo 0,1% di flessibilità in più o in meno dell’Italia?”. Per questo il premier smentisce “le dotte dissertazioni sulla possibile rottura con Bruxelles”: “Non scherziamo, amici – scrive – l’Italia non va in Europa a battere i pugni sul tavolo: al massimo alza la mano e fa qualche domanda” come all’ultimo Consiglio Ue.

Renzi, intanto, già rivendica i buoni risultati interni sul fronte economico e occupazionale negando che derivino da “fattori esterni”. Il merito, ribadisce, è delle riforme, come il Jobs act, che “se fatte bene, servono”. E lo dimostra il fatto che mentre lo spread dell’Italia è diminuito quello della Spagna è salito. Ciò è accaduto perché “l’Italia oggi è più stabile e ha fatto le riforme”. Dunque “è più credibile”.

E qui il premier torna a “punzecchiare” la stampa che non si è comportata come lui avrebbe voluto, dando spazio ai “gufi” presenti nelle slide della Conferenza di fine anno, anziché “ai risultati ottenuti dal governo”. “Sarebbe fantastico”, aggiunge, se i media si comportassero diversamente.

Ma al di là di questo, il 2016 può segnare un aumento della credibilità del Paese se andranno in porto altre riforme come quella costituzionale lunedì al voto della Camera. Dopo la rapida seconda lettura conforme di Senato e Camera “a ottobre ragionevolmente ci sarà il referendum finale – avverte – e saranno semplicemente gli italiani e nessun altro a decidere se il nostro progetto va bene o no”. Il “nostro progetto”, sottolinea, con i sì che serviranno a legittimare la sua azione di governo come aveva già detto alla Conferenza di fine anno.

La riforma è la prima delle 10 priorità di gennaio che Renzi indica (“di cui leggete poco o niente sui media tradizionali”, aggiunge polemicamente). Tra queste: l’approvazione di alcune leggi come il codice degli appalti o la presentazione della candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2024. Mancano invece le unioni civili, dal 26 in Aula al Senato e non si fa più alcun cenno alla depenalizzazione del reato di clandestinità.

Nell’annunciare la Direzione del Pd, il 22 gennaio, all’odg non ci sono, infatti, le unioni civili, bensì le amministrative e un’iniziativa sulla formazione politica rivolta a 300 giovani. Nell’e-news il premier annuncia anche “un paio di progetti di grande importanza che alcuni player economici globali intendono realizzare in Italia” perché “il meglio deve ancora venire”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

16:08Mose: Cantone, più problemi di quanto si potesse immaginare

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Per il Mose ci sono a dire il vero molti più problemi di quanto potessi immaginare. Ci sono anche un po' di incertezze e scarse chiarezze su una serie di cose che stanno avvenendo ma per un fatto di riservatezza non posso dire altro". L'ha detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. "Il commissariamento nella prima fase ha dato un segnale di discontinuità che c'è ancora - ha continuato - ma le difficoltà che stiamo incontrando adesso non sono tutte spiegabili e dobbiamo capire bene cosa sta avvenendo".

16:04Soffocò figlia tre mesi nel sonno, iniziato processo a Bari

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Con la costituzione delle parti e l'ammissione di liste testi e mezzi di prova è iniziato dinanzi alla Corte di Assise di Bari il processo nei confronti del 30enne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di tre mesi soffocandola nel sonno. L'uomo, presente oggi nella cella dell'aula, è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato. Già in udienza preliminare si era costituita parte civile l'ex compagna dell'imputato, Angela Acquaviva, madre della bimba deceduta. Stando alle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Simona Filoni, il 30enne avrebbe soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. La piccola era nata nell'ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo la Procura, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne.

15:45Fontana, dovrebbe cambiare Costituzione che parla di razze

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato": così Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia, è tornato a parlare delle polemiche per l'espressione 'razza bianca' che ha usato parlando della questione migrazione. A "Fatti e misfatti" su Tgcom24 ha comunque ricordato che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze".

15:16Migranti: Macron a Calais, ‘giungla non si ripeterà’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "In nessun caso lasceremo che una 'Giungla' possa riformarsi": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, rivolgendosi alle forze di sicurezza a Calais, città simbolo della crisi migratoria nel nord della Francia, dove, dopo 15 mesi dallo sgombero del campo irregolare di migranti, i problemi restano con la presenza di oltre 600 esiliati ancora sul posto e la speranza di raggiungere la Gran Bretagna. La missione di Macron punta anche a sedare le crescenti polemiche rispetto alla futura legge su asilo e immigrazione allo studio del governo di Parigi. Intanto, il Premio Nobel per la letteratura, Jean-Marie Gustave Le Clézio, denuncia la distinzione tra migranti economici e rifugiati in fuga dalla guerra tuonando contro una "insopportabile negazione di umanità".

15:16Moto: Iannone, io e Belen una coppia normale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una vita poco 'social' ma lo stesso piena d'amore e di passione, tanto che "succede che la sera mi ritrovo con Belen, mangiamo un brodino insieme e alle dieci a nanna. Mentre fuori il mondo parla". A parlare della sua nuova vita è Andrea Iannone, pilota della Suzuki e compagno da due anni della popolare showgirl che per la prima volta racconta la sua storia d'amore al settimanale 'Chi' nel numero in edicola domani. Parlando del tanto chiacchierato rapporto con la modella argentina, il 29enne abruzzese chiarisce "di preferire la realtà vera a quella social. Belen e io non amiamo farci foto insieme, adoriamo goderci il tempo insieme e questo, per chi vive sui social o sui giornali, è un grandissimo male. Noi veniamo anche giudicati per questo. Io e Belen ci siamo conquistati con il tempo e oggi so che è la donna della mia vita". "Questa storia può durare in eterno o finire - aggiunge il pilota Suzuki - ma io ringrazierò sempre di averla vissuta perché in ogni caso sono diventato un uomo migliore".

15:11Autonomia: Bonaccini, accordo con Governo prima di elezioni

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Sarà sottoscritta, salvo imprevisti, entro febbraio, e quindi prima delle elezioni politiche, l'intesa preliminare fra Governo, Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto per l'ottenimento di maggiore autonomia. Lo ha annunciato, nell'aula del consiglio regionale, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. La firma, ha detto Bonaccini, porrebbe "un punto fermo alla vigilia delle imminenti elezioni politiche, dal quale il nuovo esecutivo, di qualsiasi colore sia, non potrà più tirarsi indietro. Se si concluderà con esito positivo sarà un percorso di portata storica. Per la prima volta si riapre il dibattito sul regionalismo, in vista di una valorizzazione delle autonomie nella cornice sacra dell'unità del nostro Paese. Proveremo a superare il disagio che il centralismo statale ha creato nelle regioni più virtuose per innescare una competizione positiva che porti a comportamenti più efficienti". (ANSA).

15:05Calcio: Bari, una maglia speciale per 110 anni del club

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Una maglia speciale, firmata Peroni, per celebrare i 110 anni del Bari. In occasione dell'anniversario della fondazione della società biancorossa, i dirigenti del Football club Bari 1908 hanno incontrato stampa e tifosi per presentare la nuova divisa che i calciatori indosseranno nei prossimi incontri di campionato contro Cesena ed Empoli, una maglia bianca con strisce laterali rosse. Il 15 gennaio 1908 a Bari fu fondata la prima società calcistica cittadina. Una squadra che in 110 anni di storia ha mantenuto immutati i colori sociali: il bianco e il rosso. Gli stessi di Birra Peroni, presente a Bari fin dal 1924 "Siamo davvero orgogliosi di celebrare da protagonisti questo anniversario - ha detto Pierluigi Quattrini, sponsorship & events manager di Birra Peroni - Birra Peroni è parte della storia e dell'identità della città di Bari. Quest'anno con Peroni sulla maglia del FC Bari 1908 il sogno di molti è diventato realtà".

Archivio Ultima ora