Renzi: a ottobre referendum, sulle riforme decidono gli italiani

Pubblicato il 09 gennaio 2016 da redazione

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi in una recente immagine d'archivio. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI - PALAZZO CHIGI - UFFICIO STAMPA Il presidente del Consiglio Matteo Renzi in una recente immagine d’archivio. ANSA/ TIBERIO BARCHIELLI – PALAZZO CHIGI – UFFICIO STAMPA

ROMA. – “Il 2016 si annuncia molto complicato a livello internazionale”, ma l’Italia oggi “è più stabile politicamente” e potrà quindi affrontare con fiducia tutte le sfide a partire dal referendum costituzionale di ottobre nel quale “gli italiani decideranno” se il ddl Boschi che abolisce il bicameralismo perfetto “andrà bene o no”.

Lo scrive Matteo Renzi nella prima e-news agli iscritti del Pd del 2016, in cui indica anche alcune priorità nell’agenda politica di gennaio tra le quali non compaiono le unioni civili da lui citate, invece, nella Conferenza di fine anno il 29 dicembre scorso.

Il premier annuncia anche di voler essere in Aula per rispondere alla mozione di sfiducia presentata contro il governo sul caso banche. “Martedì 19 gennaio mi presenterò personalmente per illustrare nel dettaglio che cosa abbiamo fatto sino ad oggi e cosa intendiamo fare”, afferma, gettando il guanto di sfida: “Per rispetto a deputati e cittadini parleremo con molta chiarezza e determinazione”.

Nella sua Enews, Renzi parte dalla cornice internazionale, con un 2016 che “si annuncia molto complicato” per il “quadro globale frastagliato” e per le “tensioni vicino a casa nostra”. “L’Italia c’è – dice – e farà la sua parte” insieme “agli alleati”. Ma anche il quadro europeo è complicato: “La crisi dei migranti, lo stallo delle elezioni spagnole, le tensioni per le nuove leggi polacche, il referendum inglese, il post-emergenza greco, l’ondata populista lepenista in Francia”.

E rivolgendosi più a Juncker e Dijsselbloem che agli iscritti del Pd, Renzi chiosa: “Davvero pensiamo che il problema sia lo 0,1% di flessibilità in più o in meno dell’Italia?”. Per questo il premier smentisce “le dotte dissertazioni sulla possibile rottura con Bruxelles”: “Non scherziamo, amici – scrive – l’Italia non va in Europa a battere i pugni sul tavolo: al massimo alza la mano e fa qualche domanda” come all’ultimo Consiglio Ue.

Renzi, intanto, già rivendica i buoni risultati interni sul fronte economico e occupazionale negando che derivino da “fattori esterni”. Il merito, ribadisce, è delle riforme, come il Jobs act, che “se fatte bene, servono”. E lo dimostra il fatto che mentre lo spread dell’Italia è diminuito quello della Spagna è salito. Ciò è accaduto perché “l’Italia oggi è più stabile e ha fatto le riforme”. Dunque “è più credibile”.

E qui il premier torna a “punzecchiare” la stampa che non si è comportata come lui avrebbe voluto, dando spazio ai “gufi” presenti nelle slide della Conferenza di fine anno, anziché “ai risultati ottenuti dal governo”. “Sarebbe fantastico”, aggiunge, se i media si comportassero diversamente.

Ma al di là di questo, il 2016 può segnare un aumento della credibilità del Paese se andranno in porto altre riforme come quella costituzionale lunedì al voto della Camera. Dopo la rapida seconda lettura conforme di Senato e Camera “a ottobre ragionevolmente ci sarà il referendum finale – avverte – e saranno semplicemente gli italiani e nessun altro a decidere se il nostro progetto va bene o no”. Il “nostro progetto”, sottolinea, con i sì che serviranno a legittimare la sua azione di governo come aveva già detto alla Conferenza di fine anno.

La riforma è la prima delle 10 priorità di gennaio che Renzi indica (“di cui leggete poco o niente sui media tradizionali”, aggiunge polemicamente). Tra queste: l’approvazione di alcune leggi come il codice degli appalti o la presentazione della candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2024. Mancano invece le unioni civili, dal 26 in Aula al Senato e non si fa più alcun cenno alla depenalizzazione del reato di clandestinità.

Nell’annunciare la Direzione del Pd, il 22 gennaio, all’odg non ci sono, infatti, le unioni civili, bensì le amministrative e un’iniziativa sulla formazione politica rivolta a 300 giovani. Nell’e-news il premier annuncia anche “un paio di progetti di grande importanza che alcuni player economici globali intendono realizzare in Italia” perché “il meglio deve ancora venire”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

Archivio Ultima ora