Venezuela: Forze Armate, invito alla prudenza e al rispetto

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

nicolas-maduro-ejercito-venezuela

Muro contro muro. Lo scontro, oramai, è frontale; due treni in corsa prossimi alla collisione. E nessuna voglia, pare, di evitarlo. Accuse, insinuazioni, rimproveri. Sono il pane quotidiano nella polemica tra Governo e Parlamento; polemica aperta già la sera in cui il Consiglio Nazionale Elettorale rendeva noti i risultati delle elezioni Parlamentari. Conseguenze? L’ingovernabilità del Paese, che, se si andasse avanti così, sarebbe sempre più vicino al caos.

Era evidente che con la svolta impressa dalle urne non si sarebbero immediatamente risolti i problemi stringenti del Paese. Anzi, è subito spuntato all’orizzonte lo spettro del “muro contro muro”. Ne erano riprova le parole del capo dello Stato, Nicolás Maduro, dopo i risultati del 6 dicembre.

Il Presidente ha riconosciuto la sconfitta, ma lungi dall’autocritica, ha attribuito i risultati a una presunta “guerra economica”, leit motive della campagna elettorale trasformata involontariamente dallo stesso capo dello Stato in un referendum sulla sua gestione, così come alla “campagna sporca” condotta dai mass-media.

Eppure, fatta eccezione per pochissime realtà non allineate con il governo e ormai allo stremo, giornali, radio e televisioni, l’intero microcosmo della comunicazione in Venezuela, è controllato direttamente o indirettamente da chi, fino a ieri, aveva il controllo totale del potere politico.

La polemica sui ritratti del Libertador (fatti recentemente con una nuova immagine di Bolívar estratta da una ricerca forense e con l’aiuto della tecnologia 3D) e del presidente Chávez, che il nuovo Presidente dell’Assemblea ha immediatamente ordinato di togliere, la dice lunga sullo scontro politico che il Paese vivrà nei prossimi mesi, qualora non dovesse prevalere il buon senso.

E’ vero che il Parlamento, cuore della democrazia di un paese, non può ospitare immagini del leader di una parzialità politica. Lo è anche che gli antichi ritratti di Simón Bolívar, da sempre custoditi nelle sale del Parlamento, hanno non solo un valore simbolico ma anche, anzi soprattutto, artistico.

Quindi giustificazioni per “esiliare” l’immagine “nuova” del Libertador, e quella dell’estinto presidente Chávez ve ne erano. Ingiustificabili, invece, le espressioni impiegate dal presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup. La forma, in politica, è sostanza, soprattutto in un momento tanto delicato come quello che sta vivendo in questi momenti il Venezuela.

La reazione del presidente Maduro e dei parlamentari del “Bloque de la Patria” è stata altrettanto eccessiva. E frutto del culto alla personalità che permea il “Macondo” latinoamericano. Ha ragione il curatore del Dipartimento d’Arte Latinoamericana “Estrellita Bronsky” del Moma di New York, Luis Pèrez Orama, quando sottolinea, in intervista a ViceVersa Magazine, che in Venezuela si “è costruita una democrazia moderna ma non una modernità democratica perché questa è stata costantemente autoritaria”.

L’intellettuale, ora residente negli Stati Uniti, sostiene anche che la dialettica politica in Venezuela è sempre stata impregnata della simbologia epica guerresca – leggasi eroismo e militarismo -. Il paese, in oltre mezzo secolo di democrazia, non è riuscito a scrollarsi di dosso il fantasma dei “Padri della Patria”, dell’immagine costruita ad arte dai vari dittatori) e dalla democrazia stessa e, negli ultimi vent’anni, divenuta il cavallo di battaglia, lo strumento con il quale rafforzare un nazionalismo anacronistico. La simbologia epica guerresca, oggi, si è trasformata in culto alla personalità dell’estinto presidente Chávez, trasformato nell’immortale “Comandante Supremo”.

Luis Pérez Orama sostiene inoltre con ragione che nonostante siano trascorse 6 decadi da quando i militari furono costretti a tornare alle caserme, la transizione dai leader dell’emancipazione agli esponenti della cultura – leggasi, Andrés Bello, Rómulo Gallegos, Arturo Uslar Pietri solo per nominarne alcuni – non è mai avvenuta. Anzi, complice un vasto settore della comunità venezuelana, e la nostra Collettività non ne è esclusa, si è creata una corrente d’opinione che valorizza la dittatura, costruttrice di “grandi opere” e sottovaluta e sminuisce quanto creato dalla democrazia.

Ad esempio, si esalta l’ammodernamento accelerato e caotico avvenuto durante la dittatura di Pérez Jiménez, e si dimentica che la stragrande maggioranza di quelle realizzazioni – in primis l’Università Centrale del Venezuela – furono progetti di Rómulo Gallegos; progetti creati con criteri architettonici d’avanguardia per l’epoca che l’insigne scrittore non poté realizzare a causa del Golpe del 1948, realizzato appena tre mesi dopo il suo insediamento.

Il Venezuela si dibatte tra due poteri in forte contrasto tra loro: l’Esecutivo e il Legislativo. Oggi il presidente della Repubblica dovrebbe presentare al Parlamento il “pacchetto di provvedimenti” orientati a riscattare l’economia dalla crisi attuale. E, comunque, entro i primi 10 giorni dall’insediamento dell’Assemblea Nazionale, dovrà presentare il bilancio della sua gestione per l’anno 2015.

Insomma, dovrà rendere conto al Parlamento, come si fa in tutte le democrazie. Certo, potrebbe anche rifiutarsi, adducendo che l’An, nel permettere l’insediamento dei tre deputati sospesi dalla Corte, si è posta fuori legge. Potrebbe anche incaricare un suo ministro di consegnare la “Memoria y Cuenta” alla nuova Assemblea. Ma ciò sarebbe un ulteriore elemento di screzio e di polemica.

Il rispetto dell’istituzionalità e la necessità di affrontare insieme la crisi politica, economica e sociale è evidente. Le conseguenze, qualora le forze politiche non riuscissero a trovare un ambito di convivenza nella diversità, un terreno per il confronto e la dialettica necessaria, potrebbero essere devastanti. Hernán Escarrá ha proposto, qualche settimana fa, un patto tra tutti i settori del Paese, comprese le Forze Armate, il clero e l’imprenditorialità privata; un patto che permetta di superare la crisi.

Le Forze Armate, da sempre ago della bilancia in America Latina, hanno esortato alla prudenza e al buon senso tutte le forze politiche. Lo hanno fatto nelle ore seguenti i risultati elettorali, obbligando indirettamente il Governo a riconoscere il trionfo dell’opposizione; il giorno dopo “l’esilio forzato” dei ritratti del Libertador e dell’estinto presidente Chávez; e, ora, alla vigilia del “Messaggio alla Nazione” del presidente Maduro.

Il ministro della Difesa, dopo aver sottolineato una volta ancora che i militari difendono il proprio onore, “la patria e la democrazia”, ha ricordato che quando si è “attori politici, quando si occupano incarichi di alto livello nell’amministrazione pubblica, si è chiamati alla prudenza e al rispetto”. Un monito quindi quello delle Forze Armate che va letto tra le righe. Vale la pena ricordare, a questo punto, il vecchio e saggio proverbio popolare: “A buon intenditor, poche parole”.

Sebbene la possibilità di dialogo tra Governo e Parlamento sembrerebbe essere tramontata ancora prima di essere iniziata, il buon senso dovrebbe permettere di aprire una finestra al dialogo. Ed evitare il “muro contro muro” che provocherebbe il caos e darebbe alle frange radicali dell’uno e dell’altro bando argomenti validi per invocare l’intervento risolutore dell’istituzione militare.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora