L’eredità di Obama, ora l’America non torni indietro

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

US President Barack Obama (R) delivers remarks on a ruling of the US Supreme Court regarding the Affordable Care Act, beside US Vice President Joe Biden (L), in the Rose Garden of the White House in Washington DC, USA, 25 June 2015. The Supreme Court ruled 6-3 that tax subsidies that help millions of Americans afford health insurance are legal, upholding a main tenet of the Affordable Care Act - also known as 'Obamacare'.  EPA/MICHAEL REYNOLDS

US President Barack Obama (R) delivers remarks on a ruling of the US Supreme Court regarding the Affordable Care Act, beside US Vice President Joe Biden (L), in the Rose Garden of the White House in Washington DC, USA, 25 June 2015. The Supreme Court ruled 6-3 that tax subsidies that help millions of Americans afford health insurance are legal, upholding a main tenet of the Affordable Care Act – also known as ‘Obamacare’. EPA/MICHAEL REYNOLDS

NEW YORK. – L’America sta cambiando. Ma quella del cambiamento è una strada difficile, che va portata avanti con tutte le forze, scongiurando il rischio che alla Casa Bianca arrivi qualcuno che vuole un ritorno al passato. Questo il senso del messaggio che Barack Obama si appresta a inviare nel suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione, a tre settimane dal via alle primarie per le presidenziali del 2016.

Si tratta di un momento di svolta per una presidenza che oramai volge al termine, e che cade in un momento fondamentale per determinare la futura leadership del Paese. Un intervento che servirà a fissare una volta per tutte l’eredità del primo presidente afroamericano, che nel 2008 fu accolto quasi come un ‘messia’ al grido di parole come ‘Change’ e ‘Hope’.

Promesse e sfide da far tremare i polsi e rimaste in gran parte nel cassetto. Rese spesso impossibili da una crisi economica senza precedenti e da un Congresso ostile, anche a costo di paralizzare la politica di Washington.

Lo ‘State of the Union’ come sempre sarà ascoltato da milioni di americani in diretta tv, ed è l’ultima occasione che Obama ha per rivolgersi ad una platea così ampia. Parlerà come tradizione davanti a Camera e Senato riuniti in sessione plenaria (tra gli ospiti in tribuna un rifugiato siriano, un ex clandestino e il protagonista della svolta sulle nozze gay).

Ma stavolta il messaggio non sarà rivolto a Capitol Hill, con cui oramai ogni ipotesi di compromesso appare impossibile. Sarà rivolto invece all’opinione pubblica, ai cittadini, perché nelle urne a novembre scelgano chi davvero è in grado di proseguire quel cammino di progresso economico e sociale iniziato anni fa. E che nel 2015 – sottolineerà il presidente – ha portato alla creazione di oltre 2,6 milioni di posti di lavoro.

Spiegano nell’entourage di Obama che non ci sarà da attendersi, come di consueto, un piano di lavoro per i 12 mesi a venire, una lista puntuale di misure e riforme su cui confrontarsi col Congresso. Piuttosto un’agenda simile a una piattaforma elettorale, in cui vengono indicate le politiche da seguire per continuare a costruire un’America migliore da qui ai prossimi dieci anni: lotta ai cambiamenti climatici, controlli sempre più serrati sulle armi da fuoco, necessità di una grande riforma dell’immigrazione, lotta alle ineguaglianze economiche e sociali.

Il tutto respingendo le feroci critiche dei repubblicani che tentano di offuscare i successi raggiunti, minacciando un rovesciamento di fronte: dalla riforma sanitaria ai matrimoni gay. Obama ribadirà quindi anche la sua determinazione ad andare avanti negli ultimi suoi mesi da presidente su questioni come le armi o la chiusura di Guantanamo, ricorrendo ove necessario ai suoi poteri esecutivi. Non ha alcuna intenzione di rassegnarsi al ruolo di ‘anatra zoppa’, e cercherà di essere determinante fino alle ultime settimane del suo mandato.

L’obiettivo generale, però, resta quello di influenzare il più possibile il dibattito della campagna elettorale, avendo in mente soprattutto Hillary Clinton. “Lo sentirete parlare della necessità che ogni americano abbia l’opportunità di partecipare ad un’economia che sta cambiando, e di influenzare una democrazia che sta cambiando. Un’opportunità che devono avere non solo pochi eletti, non solo i milionari o i miliardari. Ma tutti gli americani”. Quegli ‘Everyday Americans’, i cittadini comuni, di ogni giorno, che finora sono stati il principale interlocutore della campagna elettorale dell’ex first lady.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

22:07Omosessualità è ‘malattia’, Torino Pride contro libro prete

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Definisce l'omosessualità "una malattia" e una "anomalia sessuale". E' polemica per il libro 'Ti amo. La sessualità raccontata agli adolescenti' di don Paolo Gariglio, con prefazione dell'arcivescovo emerito di Torino, cardinale Severino Poletto, distribuito ad un centinaio di adolescenti che partecipano ai campi estivi delle parrocchie di Nichelino, nel Torinese. Per il Torino Pride si tratta di un libro "disseminato di affermazioni omofobe oggi non più accettabili". Dal Torino Pride e dal suo coordinatore Alessandro Battaglia, la richiesta "ufficiale alla Città di Nichelino di prendere posizione. Quello che più ci lascia attoniti - attacca - non sono i contenuti, ai quali siamo abituati, quanto i destinatari", guidati "con menzogne e affermazioni anti scientifiche di un anziano uomo di fede che forse non ha immaginato il male che avrebbe provocato a ragazzi in una fase della vita così delicata. Il germe della discriminazione e del non amore - conclude - purtroppo nasce sempre dalla non conoscenza". (ANSA).

22:07A Milano tuffo in Darsena non autorizzato per consiglieri

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - Tuffo nella Darsena di Milano per tre consiglieri comunali della lista civica 'Noi Milano', ma senza l'autorizzazione del Comune. Franco D'Alfonso, Enrico Marcora e Marco Fumagalli (della lista del sindaco Beppe Sala) hanno fatto una nuotata per dimostrare che il bagno si può fare. Anche per questo presenteranno un ordine del giorno per proporre una balneazione regolamentata. I consiglieri bagnanti, tra cui anche Alessandro Morelli, il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino, avevano chiesto il permesso di balneazione con una lettera al sindaco, Giuseppe Sala, all'assessore al Bilancio e Demanio Roberto Tasca e all'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. Il permesso di balneazione è stato però negato dall'assessorato alla Sicurezza. I consiglieri si sono tuffati comunque alle 13 di oggi, come avevano annunciato, anche perché, come ha fatto notare Alessandro Morelli, la lettera "è arrivata alle 12:59 quando noi ci stavamo già per tuffare". Ora rischiano una multa fino a 150 euro.

21:44Benzina per eliminare pidocchi, mamma e bimba ustionate

(ANSA) - FIRENZE, 24 LUG - Una bambina di 12 anni e la sua mamma sono ricoverate con gravi ustioni per il tentativo di aver cercato di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. La bimba è ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze con ustioni di secondo e di terzo grado alla testa, la mamma al centro grandi ustionati di Pisa con bruciature agli arti e al volto. Entrambe sono in prognosi riservata. E' accaduto alcuni giorni fa a Firenze ma è emerso solo oggi. La donna avrebbe avuto il suggerimento dell'uso della benzina per eliminare i parassiti dai capelli della figlia alla quale avrebbe praticato un impacco di liquido infiammabile. Non è chiaro se anche lei si sia sottoposta allo stesso trattamento. La vicinanza di una fiamma avrebbe dato poi fuoco al preparato ferendo mamma e figlia. (ANSA).

21:27Gerusalemme: colloquio Netanyahu-Abdallah,’soluzione vicina’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 LUG - Una telefonata di mezz'ora fra il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, e re Abdallah di Giordania si è conclusa positivamente. Adesso pare vicina una intesa che prevede in parallelo la rimozione dei metal detector dalla Spianata delle Moschee di Gerusalemme e il ritorno in Israele dell'agente di sicurezza coinvolto in incidente nell' ambasciata di Israele ad Amman. Lo sostiene la televisione commerciale Canale 10. Fonti nell'ufficio di Netanyahu si limitano per il momento ad affermare che "i contatti fra Israele e Giordania si sono svolti in un'atmosfera di cooperazione" e che "non c'è stata alcuna richiesta giordana di collegare il ritorno dell'agente con la rimozione dei metal detector dal Monte del Tempio", ossia la Spianata delle Moschee.

21:26Calcio: Sampdoria toglie dal mercato Schick

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - La Sampdoria ha deciso di togliere Patrick Schick dal mercato. Il giocatore ora è a riposo dopo gli esami clinici che avevano evidenziato un'infiammazione al cuore, cosa questa che aveva fatto saltare la trattativa tra blucerchiati e Juventus. L'attaccante ceco dovrà aspettare dopo ferragosto per sottoporsi a nuovi accertamenti e a quel punto il suo futuro sarà deciso in chiave mercato con Inter, Juve e Paris Saint Germain alla finestra. Ma intanto la Samp ha giocato d'anticipo e vorrebbe trattenere Schick ancora una stagione.

21:21Migranti: in video poliziotto a giovane nero,torna in Africa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - Un ragazzo di colore strattonato da un funzionario di polizia che gli urla di uscire dalla stazione. "Te ne devi andare", "vai al tuo Paese", "vai in Africa", "torna nel Burundi", "fuori dalle balle". A pochi giorni dal caso del poliziotto sospeso per gli insulti razzisti nei confronti di un ragazzo di colore in bicicletta in autostrada, gli attivisti del gruppo Progetto 20k, che offre aiuto ai migranti a Ventimiglia, hanno pubblicato sulla loro pagina Facebook un video nel quale si vede un funzionario della polizia mentre in stazione pronuncia le frasi riportate nei confronti di un ragazzo di colore. Il video ha raggiunto decine di migliaia visualizzazioni e oltre mille condivisioni con i commenti che si dividono tra chi dà ragione al poliziotto e chi lo critica. "I toni, il linguaggio utilizzato e l'atteggiamento del funzionario di polizia - scrivono gli attivisti nel post sul social - sono indice del clima di costante ostilità che circonda i migranti in transito per la città di frontiera".

21:20Incendi: in fiamme il sud-est della Francia e la Corsica

(ANSA) - PARIGI, 24 LUG - Il sud-est della Francia e il nord della Corsica sono in fiamme. Mentre 5 Canadair e 450 pompieri stanno cercando di domare un incendio che ha già bruciato 600 ettari di foresta sul massiccio di Luberon, a sud del dipartimento di Vaucluse, una decina di case sono state evacuate a Carros, piccolo centro situato a pochi chilometri a nord di Nizza, dove sono impiegati attualmente 270 vigili del fuoco. A fuoco anche il nord della Corsica, per un incendio divampato nel pomeriggio nei pressi di Olmeta di Tuda, che ha divorato almeno 900 ettari di terreno.

Archivio Ultima ora