L’eredità di Obama, ora l’America non torni indietro

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

US President Barack Obama (R) delivers remarks on a ruling of the US Supreme Court regarding the Affordable Care Act, beside US Vice President Joe Biden (L), in the Rose Garden of the White House in Washington DC, USA, 25 June 2015. The Supreme Court ruled 6-3 that tax subsidies that help millions of Americans afford health insurance are legal, upholding a main tenet of the Affordable Care Act - also known as 'Obamacare'.  EPA/MICHAEL REYNOLDS

US President Barack Obama (R) delivers remarks on a ruling of the US Supreme Court regarding the Affordable Care Act, beside US Vice President Joe Biden (L), in the Rose Garden of the White House in Washington DC, USA, 25 June 2015. The Supreme Court ruled 6-3 that tax subsidies that help millions of Americans afford health insurance are legal, upholding a main tenet of the Affordable Care Act – also known as ‘Obamacare’. EPA/MICHAEL REYNOLDS

NEW YORK. – L’America sta cambiando. Ma quella del cambiamento è una strada difficile, che va portata avanti con tutte le forze, scongiurando il rischio che alla Casa Bianca arrivi qualcuno che vuole un ritorno al passato. Questo il senso del messaggio che Barack Obama si appresta a inviare nel suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione, a tre settimane dal via alle primarie per le presidenziali del 2016.

Si tratta di un momento di svolta per una presidenza che oramai volge al termine, e che cade in un momento fondamentale per determinare la futura leadership del Paese. Un intervento che servirà a fissare una volta per tutte l’eredità del primo presidente afroamericano, che nel 2008 fu accolto quasi come un ‘messia’ al grido di parole come ‘Change’ e ‘Hope’.

Promesse e sfide da far tremare i polsi e rimaste in gran parte nel cassetto. Rese spesso impossibili da una crisi economica senza precedenti e da un Congresso ostile, anche a costo di paralizzare la politica di Washington.

Lo ‘State of the Union’ come sempre sarà ascoltato da milioni di americani in diretta tv, ed è l’ultima occasione che Obama ha per rivolgersi ad una platea così ampia. Parlerà come tradizione davanti a Camera e Senato riuniti in sessione plenaria (tra gli ospiti in tribuna un rifugiato siriano, un ex clandestino e il protagonista della svolta sulle nozze gay).

Ma stavolta il messaggio non sarà rivolto a Capitol Hill, con cui oramai ogni ipotesi di compromesso appare impossibile. Sarà rivolto invece all’opinione pubblica, ai cittadini, perché nelle urne a novembre scelgano chi davvero è in grado di proseguire quel cammino di progresso economico e sociale iniziato anni fa. E che nel 2015 – sottolineerà il presidente – ha portato alla creazione di oltre 2,6 milioni di posti di lavoro.

Spiegano nell’entourage di Obama che non ci sarà da attendersi, come di consueto, un piano di lavoro per i 12 mesi a venire, una lista puntuale di misure e riforme su cui confrontarsi col Congresso. Piuttosto un’agenda simile a una piattaforma elettorale, in cui vengono indicate le politiche da seguire per continuare a costruire un’America migliore da qui ai prossimi dieci anni: lotta ai cambiamenti climatici, controlli sempre più serrati sulle armi da fuoco, necessità di una grande riforma dell’immigrazione, lotta alle ineguaglianze economiche e sociali.

Il tutto respingendo le feroci critiche dei repubblicani che tentano di offuscare i successi raggiunti, minacciando un rovesciamento di fronte: dalla riforma sanitaria ai matrimoni gay. Obama ribadirà quindi anche la sua determinazione ad andare avanti negli ultimi suoi mesi da presidente su questioni come le armi o la chiusura di Guantanamo, ricorrendo ove necessario ai suoi poteri esecutivi. Non ha alcuna intenzione di rassegnarsi al ruolo di ‘anatra zoppa’, e cercherà di essere determinante fino alle ultime settimane del suo mandato.

L’obiettivo generale, però, resta quello di influenzare il più possibile il dibattito della campagna elettorale, avendo in mente soprattutto Hillary Clinton. “Lo sentirete parlare della necessità che ogni americano abbia l’opportunità di partecipare ad un’economia che sta cambiando, e di influenzare una democrazia che sta cambiando. Un’opportunità che devono avere non solo pochi eletti, non solo i milionari o i miliardari. Ma tutti gli americani”. Quegli ‘Everyday Americans’, i cittadini comuni, di ogni giorno, che finora sono stati il principale interlocutore della campagna elettorale dell’ex first lady.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

21:25Questore Napoli, nessun giudizio negativo sul Comune

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - "Non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune consapevole delle difficoltà di amministrare una città complessa, anche dal punto di vista degli aspetti di criminalità ancora persistenti, e per la circostanza che per dieci anni sono stato assente dal territorio". Così il questore Antonio De Iesu. "In merito al colloquio tra il presidente della Regione On. De Luca e l'On. Impegno in un fuori onda desidero evidenziare che il contesto che ha caratterizzato l'incontro con il Governatore nel mio ufficio riguardava il sostegno espresso nei confronti delle forze di Polizia per i fatti dell'11 marzo a Fuorigrotta. A tal riguardo ho espresso il mio rammarico per la mancata solidarietà offerta dall'amministrazione comunale in favore dei 27 agenti delle forze dell'ordine coinvolti negli incidenti. Nel corso dell'incontro non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune".

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

Archivio Ultima ora