L’eredità di Obama, ora l’America non torni indietro

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

US President Barack Obama (R) delivers remarks on a ruling of the US Supreme Court regarding the Affordable Care Act, beside US Vice President Joe Biden (L), in the Rose Garden of the White House in Washington DC, USA, 25 June 2015. The Supreme Court ruled 6-3 that tax subsidies that help millions of Americans afford health insurance are legal, upholding a main tenet of the Affordable Care Act - also known as 'Obamacare'.  EPA/MICHAEL REYNOLDS

US President Barack Obama (R) delivers remarks on a ruling of the US Supreme Court regarding the Affordable Care Act, beside US Vice President Joe Biden (L), in the Rose Garden of the White House in Washington DC, USA, 25 June 2015. The Supreme Court ruled 6-3 that tax subsidies that help millions of Americans afford health insurance are legal, upholding a main tenet of the Affordable Care Act – also known as ‘Obamacare’. EPA/MICHAEL REYNOLDS

NEW YORK. – L’America sta cambiando. Ma quella del cambiamento è una strada difficile, che va portata avanti con tutte le forze, scongiurando il rischio che alla Casa Bianca arrivi qualcuno che vuole un ritorno al passato. Questo il senso del messaggio che Barack Obama si appresta a inviare nel suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione, a tre settimane dal via alle primarie per le presidenziali del 2016.

Si tratta di un momento di svolta per una presidenza che oramai volge al termine, e che cade in un momento fondamentale per determinare la futura leadership del Paese. Un intervento che servirà a fissare una volta per tutte l’eredità del primo presidente afroamericano, che nel 2008 fu accolto quasi come un ‘messia’ al grido di parole come ‘Change’ e ‘Hope’.

Promesse e sfide da far tremare i polsi e rimaste in gran parte nel cassetto. Rese spesso impossibili da una crisi economica senza precedenti e da un Congresso ostile, anche a costo di paralizzare la politica di Washington.

Lo ‘State of the Union’ come sempre sarà ascoltato da milioni di americani in diretta tv, ed è l’ultima occasione che Obama ha per rivolgersi ad una platea così ampia. Parlerà come tradizione davanti a Camera e Senato riuniti in sessione plenaria (tra gli ospiti in tribuna un rifugiato siriano, un ex clandestino e il protagonista della svolta sulle nozze gay).

Ma stavolta il messaggio non sarà rivolto a Capitol Hill, con cui oramai ogni ipotesi di compromesso appare impossibile. Sarà rivolto invece all’opinione pubblica, ai cittadini, perché nelle urne a novembre scelgano chi davvero è in grado di proseguire quel cammino di progresso economico e sociale iniziato anni fa. E che nel 2015 – sottolineerà il presidente – ha portato alla creazione di oltre 2,6 milioni di posti di lavoro.

Spiegano nell’entourage di Obama che non ci sarà da attendersi, come di consueto, un piano di lavoro per i 12 mesi a venire, una lista puntuale di misure e riforme su cui confrontarsi col Congresso. Piuttosto un’agenda simile a una piattaforma elettorale, in cui vengono indicate le politiche da seguire per continuare a costruire un’America migliore da qui ai prossimi dieci anni: lotta ai cambiamenti climatici, controlli sempre più serrati sulle armi da fuoco, necessità di una grande riforma dell’immigrazione, lotta alle ineguaglianze economiche e sociali.

Il tutto respingendo le feroci critiche dei repubblicani che tentano di offuscare i successi raggiunti, minacciando un rovesciamento di fronte: dalla riforma sanitaria ai matrimoni gay. Obama ribadirà quindi anche la sua determinazione ad andare avanti negli ultimi suoi mesi da presidente su questioni come le armi o la chiusura di Guantanamo, ricorrendo ove necessario ai suoi poteri esecutivi. Non ha alcuna intenzione di rassegnarsi al ruolo di ‘anatra zoppa’, e cercherà di essere determinante fino alle ultime settimane del suo mandato.

L’obiettivo generale, però, resta quello di influenzare il più possibile il dibattito della campagna elettorale, avendo in mente soprattutto Hillary Clinton. “Lo sentirete parlare della necessità che ogni americano abbia l’opportunità di partecipare ad un’economia che sta cambiando, e di influenzare una democrazia che sta cambiando. Un’opportunità che devono avere non solo pochi eletti, non solo i milionari o i miliardari. Ma tutti gli americani”. Quegli ‘Everyday Americans’, i cittadini comuni, di ogni giorno, che finora sono stati il principale interlocutore della campagna elettorale dell’ex first lady.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

15:47Brexit: governo Gb, verdetto non blocca uscita da Ue

(ANSA) - LONDRA, 24 GEN - Il governo May rispetta il verdetto della Corte Suprema, ma conferma l'impegno a portare a termine il divorzio dall'Ue nel rispetto del referendum. L'ha detto oggi ai Comuni il ministro per la Brexit, David Davis, precisando che una legge "la più inequivocabile possibile" per permettere all'esecutivo ad avviare i negoziati con Bruxelles sarà presentata "a giorni" e aggiungendo che al Parlamento spetta ora autorizzare il governo, non mettere in discussione la Brexit.

15:36M5S: indagato candidato a sindaco di Palermo

(ANSA) - PALERMO, 24 GEN - Un altro candidato sindaco di Palermo è indagato. Per Ugo Forello del Movimento Cinque Stelle, accusato di "induzione a rendere dichiarazioni mendaci", è un atto dovuto dopo la denuncia dei deputati nazionali grillini travolti dal caso firme false. Secondo Riccardo Nuti, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, che hanno presentato un esposto circa un mese fa, l'inchiesta della Procura di Palermo sarebbe stata in qualche modo ispirata da Forello. Forello - secondo chi ha denunciato - avrebbe imbeccato i "pentiti" dell'indagine, come la parlamentare regionale Claudia La Rocca, vantando anche rapporti con i pm che indagano. La Procura ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sull'induzione a rendere dichiarazioni mendaci e le persone offese si sono opposte, da qui la fissazione dell'udienza in cui le parti discuteranno. "Il gip non si pronuncia sulla fondatezza della questione - ha spiegato Forello - E' una cosa normale, sono molto sereno. Del resto la stessa Procura ha chiesto di archiviare il caso".

15:32M5s: Di Battista, non siamo filo-Russia né filo-Usa

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Il M5S non è filo-russo ne filo-americano. Il premio Nobel per la pace Obama è stato un presidente guerrafondaio, punto. Basta informarsi". Così il deputato M5s Alessandro Di Battista in un lungo post su Fb "dedicato agli ipocriti". "Non se ne può più della manipolazione mediatica e dell'ipocrisia galoppante" afferma il deputato che a proposito della vittoria di Trump e delle accuse di populisimo aggiunge: "Ecco questo atteggiamento ipocrita e profondamente anti-democratico mi fa vomitare!".

15:29Straniero uccide volontaria in comunità nel Bresciano

(ANSA) - BRESCIA, 24 GEN - Omicidio ad Iseo, in provincia di Brescia. Un marocchino regolare in Italia e affetto da problemi psichiatrici avrebbe ucciso per futili motivi a coltellate una volontaria di 25 anni all'interno della struttura protetta, la Cascina Clarabella, dove la donna lavorava e dove l'uomo è in cura. Indagano i carabinieri.

15:28Coniugi quasi ottantenni litigano per gelosia, lui le spara

(ANSA) - FRANCAVILLA FONTANA (BRINDISI), 24 GEN - Un uomo di 79 anni, Rocco Bellanova, ha ferito gravemente al volto con un colpo d'arma da fuoco sua moglie 78enne, durante una lite scoppiata nella casa dei coniugi a Francavilla Fontana, pare per motivi di gelosia. Secondo i primi accertamenti, l'arma usata sarebbe un fucile. Sull'accaduto indagano i carabinieri che ora stanno interrogando l'uomo che è stato portato in caserma. La donna è ricoverata in ospedale con riserva di prognosi.

15:27Morì in ospedale a Bologna, confermata assoluzione 3 medici

(ANSA) - BOLOGNA, 24 GEN - Confermata in secondo grado l'assoluzione per i medici imputati a Bologna per la morte di Loredana Mainetti, deceduta a 59 anni il 25 settembre 2010 al reparto di Gastroenterologia dell'ospedale Maggiore, dopo un intervento endoscopico per l'asportazione di un polipo al duodeno. La Procura, con il Pm Rossella Poggioli, aveva impugnato la sentenza per tre dei quattro medici accusati di omicidio colposo e assolti dal tribunale: l'ex primario di Gastroenterologia Nicola D'Imperio (difeso dall'avvocato Nicola Mazzacuva), il medico che fece l'intervento Paola Billi (avv.Giuseppe Coliva), e un'altra dottoressa, Angela Alberani (avv.Sabrina Di Giampietro e Giovanni Sacchi Morsiani). Nei giorni scorsi l'udienza davanti alla prima sezione penale della Corte di Appello e la conferma della decisione del primo giudice. (ANSA).

15:23Sport: Lotti,maturi tempi riforma mandati Coni e federazioni

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Credo siano maturi i tempi per portare a conclusione l'iter della proposta di legge" in materia di limiti al rinnovo dei mandati degli organi del Coni e delle federazioni sportive nazionali. Così il ministro dello Sport, Luca Lotti, ascoltato in audizione davanti alla commissioni congiunte Cultura e Istruzione di Camera e Senato.

Archivio Ultima ora