Approvata alla Camera la riforma, parte la battaglia del referendum

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Il tabellone elettronico della Camera certifica che l'Aula approva con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, il disegno di legge Boschi di riforma della Costituzione, Roma, 11 gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il tabellone elettronico della Camera certifica che l’Aula approva con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, il disegno di legge Boschi di riforma della Costituzione, Roma, 11 gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – La riforma costituzionale è al giro di boa. Il sì della Camera, con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, chiude la prima lettura. Mancano solo i passaggi confermativi del Senato e, tra tre mesi, ancora della Camera. Poi il bicameralismo perfetto sarà archiviato. Con un’ultima incognita: il referendum di ottobre, con il quale i cittadini saranno chiamati a confermare o cassare la riforma. Perciò nel giorno del voto a Montecitorio, parte ufficialmente la campagna referendaria.

Matteo Renzi ha annunciato – e Maria Elena Boschi ribadisce – che da quel passaggio dipenderà la vita del governo. Ed è perciò contro la riforma ma anche contro Renzi che i partiti del NO, da FI al M5S, da SI a Fdi e Lega, lanciano la battaglia: “Abbiamo già le firme necessarie”, annuncia il Comitato per il NO, “l’esito del voto non è affatto scontato”.

Ma intanto Renzi può festeggiare, nel giorno del suo compleanno, un ulteriore passo avanti in quella che ha definito “la madre di tutte le battaglie”. “Oggi maggioranza schiacciante in attesa di conoscere il voto dei cittadini in autunno. Stiamo dimostrando – scrive il premier su Facebook – che per l’Italia niente è impossibile. Con fiducia e coraggio, avanti tutta”.

Il testo torna al Senato dove nel pomeriggio Anna Finocchiaro ha già convocato l’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionali e dove il Pd spingerà perché la seconda lettura sia il più veloce possibile (entro fine mese, se possibile prima delle Unioni civili). Poi a ottobre il referendum: “Sono molto ottimista. Ma tutto il governo, e quindi anche io – assicura il ministro Boschi – se gli italiani diranno no, dovrà sottoporsi necessariamente alla scelta dei cittadini. Non è una personalizzazione ma un atto di correttezza e serietà”.

A quell’appuntamento, scommette il capogruppo Ettore Rosato, il Pd sarà “compatto” a sostenere “con orgoglio” una riforma che Matteo Orfini in Aula definisce “storica”, “attesa da decenni e che chiude la II Repubblica”. Il prossimo passaggio, annuncia, sarà la legge sui partiti (“Sostenetela, vi renderà parlamentari liberi”, è la sfida che lancia ai Cinque Stelle). Ma la sinistra Pd continua a chiedere anche di correggere la legge elettorale.

Il voto della Camera fotografa intanto due schieramenti compatti. Per il sì la maggioranza più i verdiniani di Ala. Per il no M5s, Fi, Si, Lega, Fdi. “Vendola, Grillo e Brunetta formano il grande fronte della conservazione”, attacca il Pd. Ma la minoranza Dem resta critica. Sia perché, osserva Gianni Cuperlo, è stato “un errore” non votare il testo con una maggioranza più ampia. Sia perché “sarebbe uno strappo gravissimo rendere il referendum un plebiscito personale o comunque un voto estraneo al merito”, dice ancora Cuperlo, che definisce perciò “non scontato” il suo voto a favore.

E se la minoranza Pd teme che il fronte del SI’ rappresenti l’embrione del partito della nazione, anche Ap con Maurizio Lupi avverte Renzi che sarebbe “un errore personalizzare” il referendum. Quanto al fronte del NO, il tentativo in atto è battere il premier sul tempo e prendere l’iniziativa della proposta di referendum: M5s, Si e civatiani già assicurano le 126 firme necessarie.

Perciò un gruppo di costituzionalisti guidato da Alessandro Pace lancia alla Camera la sua campagna: oltre alla consultazione per cancellare la riforma verranno presentati due quesiti contro l’Italicum. Si deve evitare che “il 2016 consacri la fine della Repubblica”, dice Domenico Gallo, che parla prima di Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Giovanni Maria Flick. C’è anche Maurizio Landini: “Aumentano gli spazi autoritari”.

“Non aderiamo al comitato per il NO perché non vogliamo sia una battaglia di parte e vogliamo che anche il centrodestra possa aderire. Ma faremo di tutto – banchetti in piazza, eventi – per affossare questa riforma e Renzi”, annuncia il Cinque Stelle Danilo Toninelli. E M5s in Aula ‘manifesta’ esponendo bandiere tricolore. FI annuncia che farà comitati per il NO con Lega e Fdi: “Renzi andrà a casa”, proclama Renato Brunetta.

“Sarà divertente – ironizza Boschi – vedere Brunetta e Vendola, Grillo e Zagrebelsky insieme per il NO”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:44Calcio: Coppa Africa, Ghana-Mali 1-0

(ANSA) - LIBREVILLE, 21 GEN - Il Ghana ha battuto il Mali per 1-0 in una partita del gruppo D della Coppa d'Africa (seconda giornata). La rete decisiva è stata segnata dall'ex udinese Gyan Asamoah al 21' pt, con un colpo di testa su cross di Jordan Ayew. Con questo successo le 'Stelle Nere' del ct Abraham Grant, che avevano vinto anche all'esordio contro l'Uganda, si sono qualificati ai quarti di finale con un turno di anticipo.

21:38Anziana uccisa in casa a Taranto, interrogato il figlio

(ANSA) - TARANTO, 21 GEN - Il cadavere di una donna di 76 anni, Lucia Matarrelli, è stato trovato in un appartamento al terzo piano di uno stabile di via Lago di Monticchio, a Taranto. Dai primi accertamenti e dai rilievi effettuati dai carabinieri della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale unitamente al medico legale, è emerso che l'anziana sarebbe deceduta a seguito di strangolamento. La salma sarà sottoposta ad esame autoptico. L'appartamento è stato sequestrato dai militari. A indicare che in quell'appartamento era accaduto qualcosa è stato il figlio della vittima, di 47 anni, paziente psichiatrico. L'uomo è stato interrogato per ore dagli investigatori e dal pubblico ministero di turno Remo Epifani nel comando provinciale dei carabinieri di Taranto, ma nei suoi confronti non è stato ancora adottato alcun provvedimento.

21:37Serie A: Fiorentina padrona a Verona, Chievo piegato 3-0

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - La Fiorentina prosegue nel suo momento sì e dopo i tre punti contro al Juve, fa bottino pieno anche al Bentegodi dove batte 3-0 il Chievo nell'anticipo pomeridiano della 21ma giornata di campionato. Pur privi di Kalinic, squalificato, i viola si mostrano solidi e soprattutto efficaci. Sblocca il risultato al 18' pt Tello che sfrutta al meglio un errore di Dainelli, raddoppia a inizio ripresa Babacar su rigore concesso per un fallo commesso da Cacciatore ai danni di Chiesa. Ed è proprio iol 'figlio d'arte' nei minuti di recupero (49') a siglare il 3-0, primo gol in Serie A. Con questa vittoria la Viola (che deve ancora recuperare una partita) sale a 33 punti, mentre il Chievo conferma il momento no e resta fermo a 25 punti, comunque ben lontano dalle zone calde.

21:34Pd: Guerini,Mattarellum mezzo migliore per sfida Ulivo

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Ho molto apprezzato le parole di Romano Prodi sul riformismo e il lavoro che attende il campo progressista. Un impegno che prosegue e trae nuova forza dall'analisi dell'ex Presidente della Commissione Europea". Lo dichiara Lorenzo Guerini, vicesegretario del Pd. "E' per questo, ad esempio, che il Partito Democratico ritiene proprio il Mattarellum lo strumento migliore per corrispondere alla sfida dell'Ulivo, una sfida che noi intendiamo onorare in Parlamento come nel dibattito pubblico, dopo i tre anni di grande lavoro del governo Renzi e a sostegno del governo Gentiloni", aggiunge.

21:30Marò: Girone ritira diploma a istituto Marconi Bari

(ANSA) - BARI, 21 GEN - Il fuciliere Salvatore Girone ha ritirato all'Istituto Marconi di Bari il diploma di perito meccanico conseguito nel 2014 in videoconferenza quando era trattenuto in India perché accusato, insieme al commilitone Massimiliano Latorre, di aver ucciso due pescatori del posto scambiandoli per pirati. Adesso entrambi i fucilieri sono in Italia in attesa della conclusione dell'arbitrato internazionale nel 2018. La preside del Marconi, Anna Grazia De Marzo, spiega che Girone ha fatto una "improvvisata e ieri sera è venuto a scuola con sua moglie Vania. Salvatore, riferisce la preside, "ora lavora a Roma nel reparto intelligence interforze". Il fuciliere ha donato al Marconi un foulard della Brigata San Marco, su cui ha scritto un ringraziamento per il conseguimento del diploma. La preside riferisce infine che Salvatore "ha parlato di una marcia che dovrebbe tenersi a marzo, a cui lui parteciperà, per tenere alta l'attenzione sulle popolazioni terremotate del centro Italia".

21:26Isis:la jihadista Meriem,’in Siria altra combattente veneta’

(ANSA) - VENEZIA, 21 GEN - Non solo Meriem Rehaily, in Siria a combattere nel Califfato potrebbe esserci un'altra ragazza magrebina partita dal Veneto: la tunisina Sonia Khediri, che fino al 2014 abitava con la famiglia a Onè di Fonte (Treviso), ed era sparita nel nulla, minorenne, dopo aver preso un aereo per la Turchia. L'ipotesi di una seconda jihadista 'veneta' in Siria è presa sul serio dagli investigatori della Procura antiterrorismo di Venezia, ed emerge dalle intercettazioni e le informative dei Ros finite nel fascicolo d'inchiesta che ha portato al rinvio a giudizio per terrorismo di Meriem, marocchina 21enne allontanatasi da casa nel padovano nel luglio del 2015, per raccogliere il richiamo del jihad. Da allora le sue telefonate a casa sono state monitorate dagli investigatori. In una di esse, nel gennaio 2016, il padre le chiede se avesse più sentito l'amica tunisina che l'aveva contattata: "Non l'ho ancora vista. E' del Veneto comunque..." risponde Meriem, chiedendo di non dire a nessuno di questa conversazione.

21:13Rugby: Eccellenza, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Nove vittorie in altrettante partite in Eccellenza per il Patarò Calvisano che conquista il titolo di campione d'inverno. La squadra guidata da Brunello batte 28-20 il Petrarca Padova nello scontro al vertice della nona giornata, salendo a quota 43 in classifica con nove punti di vantaggio sui campioni d'Italia in carica del Femi-Cz Rovigo che battono 42-24 il Viadana e approfittano della sconfitta di Padova per scavalcarla in classifica. Questi i risultati della 9/a giornata del campionato di rugby di Eccellenza: Femi-Cz Rovigo - Viadana 42-24 Lyons Piacenza - Conad Reggio 16-26 Patarò Calvisano - Petrarca Padova 28-20 Lazio - Lafert San Donà 21-11 Mogliano - Fiamme Oro 12-23 - Classifica: Patarò Calvisano 43; Femi-Cz Rovigo 34; Petrarca Padova 33; Viadana 23; Conad Reggio 20; Fiamme Oro 18; Lafert San Donà, Mogliano e Lazio 14; Lyons Piacenza 7.

Archivio Ultima ora