Approvata alla Camera la riforma, parte la battaglia del referendum

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Il tabellone elettronico della Camera certifica che l'Aula approva con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, il disegno di legge Boschi di riforma della Costituzione, Roma, 11 gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il tabellone elettronico della Camera certifica che l’Aula approva con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, il disegno di legge Boschi di riforma della Costituzione, Roma, 11 gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – La riforma costituzionale è al giro di boa. Il sì della Camera, con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, chiude la prima lettura. Mancano solo i passaggi confermativi del Senato e, tra tre mesi, ancora della Camera. Poi il bicameralismo perfetto sarà archiviato. Con un’ultima incognita: il referendum di ottobre, con il quale i cittadini saranno chiamati a confermare o cassare la riforma. Perciò nel giorno del voto a Montecitorio, parte ufficialmente la campagna referendaria.

Matteo Renzi ha annunciato – e Maria Elena Boschi ribadisce – che da quel passaggio dipenderà la vita del governo. Ed è perciò contro la riforma ma anche contro Renzi che i partiti del NO, da FI al M5S, da SI a Fdi e Lega, lanciano la battaglia: “Abbiamo già le firme necessarie”, annuncia il Comitato per il NO, “l’esito del voto non è affatto scontato”.

Ma intanto Renzi può festeggiare, nel giorno del suo compleanno, un ulteriore passo avanti in quella che ha definito “la madre di tutte le battaglie”. “Oggi maggioranza schiacciante in attesa di conoscere il voto dei cittadini in autunno. Stiamo dimostrando – scrive il premier su Facebook – che per l’Italia niente è impossibile. Con fiducia e coraggio, avanti tutta”.

Il testo torna al Senato dove nel pomeriggio Anna Finocchiaro ha già convocato l’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionali e dove il Pd spingerà perché la seconda lettura sia il più veloce possibile (entro fine mese, se possibile prima delle Unioni civili). Poi a ottobre il referendum: “Sono molto ottimista. Ma tutto il governo, e quindi anche io – assicura il ministro Boschi – se gli italiani diranno no, dovrà sottoporsi necessariamente alla scelta dei cittadini. Non è una personalizzazione ma un atto di correttezza e serietà”.

A quell’appuntamento, scommette il capogruppo Ettore Rosato, il Pd sarà “compatto” a sostenere “con orgoglio” una riforma che Matteo Orfini in Aula definisce “storica”, “attesa da decenni e che chiude la II Repubblica”. Il prossimo passaggio, annuncia, sarà la legge sui partiti (“Sostenetela, vi renderà parlamentari liberi”, è la sfida che lancia ai Cinque Stelle). Ma la sinistra Pd continua a chiedere anche di correggere la legge elettorale.

Il voto della Camera fotografa intanto due schieramenti compatti. Per il sì la maggioranza più i verdiniani di Ala. Per il no M5s, Fi, Si, Lega, Fdi. “Vendola, Grillo e Brunetta formano il grande fronte della conservazione”, attacca il Pd. Ma la minoranza Dem resta critica. Sia perché, osserva Gianni Cuperlo, è stato “un errore” non votare il testo con una maggioranza più ampia. Sia perché “sarebbe uno strappo gravissimo rendere il referendum un plebiscito personale o comunque un voto estraneo al merito”, dice ancora Cuperlo, che definisce perciò “non scontato” il suo voto a favore.

E se la minoranza Pd teme che il fronte del SI’ rappresenti l’embrione del partito della nazione, anche Ap con Maurizio Lupi avverte Renzi che sarebbe “un errore personalizzare” il referendum. Quanto al fronte del NO, il tentativo in atto è battere il premier sul tempo e prendere l’iniziativa della proposta di referendum: M5s, Si e civatiani già assicurano le 126 firme necessarie.

Perciò un gruppo di costituzionalisti guidato da Alessandro Pace lancia alla Camera la sua campagna: oltre alla consultazione per cancellare la riforma verranno presentati due quesiti contro l’Italicum. Si deve evitare che “il 2016 consacri la fine della Repubblica”, dice Domenico Gallo, che parla prima di Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Giovanni Maria Flick. C’è anche Maurizio Landini: “Aumentano gli spazi autoritari”.

“Non aderiamo al comitato per il NO perché non vogliamo sia una battaglia di parte e vogliamo che anche il centrodestra possa aderire. Ma faremo di tutto – banchetti in piazza, eventi – per affossare questa riforma e Renzi”, annuncia il Cinque Stelle Danilo Toninelli. E M5s in Aula ‘manifesta’ esponendo bandiere tricolore. FI annuncia che farà comitati per il NO con Lega e Fdi: “Renzi andrà a casa”, proclama Renato Brunetta.

“Sarà divertente – ironizza Boschi – vedere Brunetta e Vendola, Grillo e Zagrebelsky insieme per il NO”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:49Terremoto: Pro loco Castelluccio, dimenticata nostra chiesa

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 21 SET - "La chiesta di Santa Maria Assunta di Castelluccio di Norcia è stata dimenticata da tutti. A un anno dal terremoto nessuno è intervenuto per metterla in sicurezza, l'altare era stato coperto con dei teli di plastica da alcuni castellucciani nei giorni successivi al sisma": la protesta arriva da Diego Pignatelli, presidente della Pro loco del borgo. "La nostra chiesa è completamente crollata - ricorda ancora Pignatelli -, ma ci sono delle parti che andrebbero protette, soprattutto adesso che sta tornando l'inverno. Quindi auspichiamo un intervento rapido delle istituzioni per preservare quel che resta di questo edificio di culto tanto caro alla gente di qui". La chiesa si trova al centro del paese, in piena "zona rossa". (ANSA).

12:47Calcio: D.Alves invita tutti a cena dopo lite Cavani-Neymar

(ANSA) - PARIGI, 21 SET - Il laterale ex Juve Dani Alves ha invitato ieri sera a cena in un ristorante parigino tutti i compagni del Paris Saint-Germain per ricompattare lo spogliatoio dopo la lite che ha opposto Neymar a Cavani al termine della partita vinta tre giorni contro il Lione. Ne ha dato notizia L'Equipe. Dopo il "penalty-gate" - come viene ormai chiamata in Francia la rissa fra i due giocatori per chi avesse avuto diritto a tirare un calcio di rigore - è stato il terzino brasiliano a prendere l'iniziativa, anche perché in qualche modo era coinvolto nell'episodio. Era stato infatti lui ad affidare il pallone al connazionale Neymar, facendo infuriare il "Matador" Cavani. I due litiganti hanno accettato - al termine dell'allenamento di ieri - l'invito del compagno insieme a tutti gli altri giocatori e sono andati a cena al "Victoria Paris", un locale dell'elegante XVI arrondissement.

12:46Giornata europea senza morti sulle strade

(ANSA) - ROMA, 21 SET - La Polizia inaugura oggi la Giornata Europea Senza Morti Sulle Strade. L'iniziativa, denominata "EDWARD" (European Day Without A Road Death), è promossa dal Network Europeo delle Polizie Stradali "TISPOL", del quale la Polizia Stradale italiana ha la Presidenza dal mese di ottobre 2016. Tutti gli Stati aderenti al network "TISPOL" si sono impegnati a far sì che il 21 settembre 2017 possa essere, in tutta Europa, una giornata caratterizzata da zero vittime sulle strade. L'iniziativa vuole aumentare la consapevolezza sul fenomeno della mortalità ed incidentalità grave sulle strade, oggi più che mai in aumento, di richiamare l'attenzione degli utenti sulla necessità di riallinearsi agli obiettivi europei relativi alla riduzione del 50% del numero di vittime entro il 2020. L'iniziativa si accompagnerà a una campagna di sensibilizzazione anche sul web. Il progetto "EDWARD" è illustrato alla pagina web: https://projectedward.eu/.

12:44Senato, ok ddl su distacco comune Sappada con 168 sì

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Il ddl che prevede il distacco del comune di Sappada dal Veneto e la sua annessione al Friuli Venezia Giulia, passa al Senato, a 10 anni dal referendum, con 168 si, 1 no 8 astenuti. Il testo, che ha diviso il gruppo Autonomie, va alla Camera. Ap ha detto sì anche se il veneto Mario Dalla Tor ha ricordato come ci siano stati "ben 31 referendum per passare dal Veneto al Friuli o all'Alto Adige" e che forse questo "non è il modo giusto di risolvere il problema" visto che il distacco lo si chiede essenzialmente perché alle regioni a statuto speciale arrivano molti più soldi.

12:44L.elettorale: Brunetta, aspettiamo testo ma primo ok da FI

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "In commissione Affari costituzionali sarà depositato il testo base da parte del relatore del Pd Fiano e per quello che ne sappiano è un tentativo serio a cui Forza Italia dà un primo via libera. Aspettiamo di leggere ovviamente i contenuti e vedere il calendario ma noi pensiamo che questa nuova proposta possa essere presa in seria considerazione".Lo dice il presidente dei deputati di Forza Italia Renato Brunetta parlando della legge elettorale.

12:41Unicef, 300mln bimbi vivono con aria tossica,possibili danni

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Circa 300 milioni di bambini in tutto il mondo vivono in zone dove l'aria è tossica. Diverse ricerche mostrano che in questo modo lo sviluppo celebrale del bambino può essere danneggiato. Lo afferma l'Unicef che oggi pubblica un nuovo rapporto sullo sviluppo della prima infanzia. Fra l'altro, rileva che solo 15 paesi nel mondo (tra cui l'Italia) hanno politiche nazionali di base che garantiscono ai genitori tempo e risorse per supportare un sano sviluppo del cervello dei propri figli. 32 paesi - in cui vive un bambino su otto di tutti i bambini del mondo con meno di 5 anni - non hanno nessuna di queste politiche. Circa 75 milioni di bambini vivono in aree colpite da conflitto, aumentando il rischio di stress tossico. A livello globale, scarsa nutrizione, ambienti non salutari e malattie hanno contribuito all'arresto della crescita di 155 milioni di bambini sotto i cinque anni, privando i loro corpi e il loro cervello della possibilità di svilupparsi e raggiungere il loro pieno potenziale.

12:37Calcio:Croazia, aggredito e ferito l’allenatore della Dinamo

(ANSA) - ZAGABRIA, 21 SET - L'allenatore della squadra di calcio della Dinamo, Mario Cvitanovic, è stato brutalmente aggredito e ferito nella tarda serata di ieri a Zagabria da due sconosciuti. Lo riferiscono stamane i media croati. Dopo una partita valida per la Coppa di Croazia, disputata ieri sera, Cvitanovic è stato violentemente picchiato e colpito con delle mazze davanti alla sua abitazione a Zagabria. Secondo la polizia gli aggressori sarebbero due giovani che però restano ancora non identificati. Entrambi avevano il volto coperto. L'allenatore si trova in ospedale, dove gli sono state diagnosticate varie lesioni, inclusa una frattura alla mano. Un mese fa il controverso ex direttore esecutivo della Dinamo, Zdravko Mamic, era stato gambizzato in un agguato in Bosnia, le cui motivazioni restano ignote. Da anni la Dinamo di Zagabria è al centro di scandali di corruzione e di varie controversie politiche e legali. Una parte dei tifosi osteggia apertamente la direzione della squadra.

Archivio Ultima ora