Approvata alla Camera la riforma, parte la battaglia del referendum

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Il tabellone elettronico della Camera certifica che l'Aula approva con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, il disegno di legge Boschi di riforma della Costituzione, Roma, 11 gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il tabellone elettronico della Camera certifica che l’Aula approva con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, il disegno di legge Boschi di riforma della Costituzione, Roma, 11 gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – La riforma costituzionale è al giro di boa. Il sì della Camera, con 367 sì, 194 no e cinque astenuti, chiude la prima lettura. Mancano solo i passaggi confermativi del Senato e, tra tre mesi, ancora della Camera. Poi il bicameralismo perfetto sarà archiviato. Con un’ultima incognita: il referendum di ottobre, con il quale i cittadini saranno chiamati a confermare o cassare la riforma. Perciò nel giorno del voto a Montecitorio, parte ufficialmente la campagna referendaria.

Matteo Renzi ha annunciato – e Maria Elena Boschi ribadisce – che da quel passaggio dipenderà la vita del governo. Ed è perciò contro la riforma ma anche contro Renzi che i partiti del NO, da FI al M5S, da SI a Fdi e Lega, lanciano la battaglia: “Abbiamo già le firme necessarie”, annuncia il Comitato per il NO, “l’esito del voto non è affatto scontato”.

Ma intanto Renzi può festeggiare, nel giorno del suo compleanno, un ulteriore passo avanti in quella che ha definito “la madre di tutte le battaglie”. “Oggi maggioranza schiacciante in attesa di conoscere il voto dei cittadini in autunno. Stiamo dimostrando – scrive il premier su Facebook – che per l’Italia niente è impossibile. Con fiducia e coraggio, avanti tutta”.

Il testo torna al Senato dove nel pomeriggio Anna Finocchiaro ha già convocato l’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionali e dove il Pd spingerà perché la seconda lettura sia il più veloce possibile (entro fine mese, se possibile prima delle Unioni civili). Poi a ottobre il referendum: “Sono molto ottimista. Ma tutto il governo, e quindi anche io – assicura il ministro Boschi – se gli italiani diranno no, dovrà sottoporsi necessariamente alla scelta dei cittadini. Non è una personalizzazione ma un atto di correttezza e serietà”.

A quell’appuntamento, scommette il capogruppo Ettore Rosato, il Pd sarà “compatto” a sostenere “con orgoglio” una riforma che Matteo Orfini in Aula definisce “storica”, “attesa da decenni e che chiude la II Repubblica”. Il prossimo passaggio, annuncia, sarà la legge sui partiti (“Sostenetela, vi renderà parlamentari liberi”, è la sfida che lancia ai Cinque Stelle). Ma la sinistra Pd continua a chiedere anche di correggere la legge elettorale.

Il voto della Camera fotografa intanto due schieramenti compatti. Per il sì la maggioranza più i verdiniani di Ala. Per il no M5s, Fi, Si, Lega, Fdi. “Vendola, Grillo e Brunetta formano il grande fronte della conservazione”, attacca il Pd. Ma la minoranza Dem resta critica. Sia perché, osserva Gianni Cuperlo, è stato “un errore” non votare il testo con una maggioranza più ampia. Sia perché “sarebbe uno strappo gravissimo rendere il referendum un plebiscito personale o comunque un voto estraneo al merito”, dice ancora Cuperlo, che definisce perciò “non scontato” il suo voto a favore.

E se la minoranza Pd teme che il fronte del SI’ rappresenti l’embrione del partito della nazione, anche Ap con Maurizio Lupi avverte Renzi che sarebbe “un errore personalizzare” il referendum. Quanto al fronte del NO, il tentativo in atto è battere il premier sul tempo e prendere l’iniziativa della proposta di referendum: M5s, Si e civatiani già assicurano le 126 firme necessarie.

Perciò un gruppo di costituzionalisti guidato da Alessandro Pace lancia alla Camera la sua campagna: oltre alla consultazione per cancellare la riforma verranno presentati due quesiti contro l’Italicum. Si deve evitare che “il 2016 consacri la fine della Repubblica”, dice Domenico Gallo, che parla prima di Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Giovanni Maria Flick. C’è anche Maurizio Landini: “Aumentano gli spazi autoritari”.

“Non aderiamo al comitato per il NO perché non vogliamo sia una battaglia di parte e vogliamo che anche il centrodestra possa aderire. Ma faremo di tutto – banchetti in piazza, eventi – per affossare questa riforma e Renzi”, annuncia il Cinque Stelle Danilo Toninelli. E M5s in Aula ‘manifesta’ esponendo bandiere tricolore. FI annuncia che farà comitati per il NO con Lega e Fdi: “Renzi andrà a casa”, proclama Renato Brunetta.

“Sarà divertente – ironizza Boschi – vedere Brunetta e Vendola, Grillo e Zagrebelsky insieme per il NO”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

23:08Calcio: playoff serie B, Carpi in semifinale

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Il Carpi è la prima semifinalista dei playoff di serie B ed il 26 e 29 maggio affronterà il Frosinone per contendergli un posto in serie A. La squadra allenata da Fabrizio Castori ha vinto 2-1 sul campo del Cittadella. Carpi in vantaggio con Lollo al 33' del primo tempo: gran tiro dai 35 metri che si è infilato sotto l'incrocio dei pali. Raddoppio degli ospiti al 20' della ripresa con Mbakogu, lanciato a rete da Letizia. Due minuti dopo Iunco, entrato da poco al posto di Chiaretti, ha accorciato le distanze con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Valzania. Vano l'assalto finale del Cittadella per portare la partita ai supplementari. L'eventuale parità al termine di questi ultimi avrebbe comunque promosso la squadra veneta, che ha chiuso il campionato un punto sopra il Carpi.

Archivio Ultima ora