Renzi pronto a sfidare sfiducia. Boschi, non lascio

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e Andrea Orlando (d) alla Camera in occasione della votazione finale del disegno di legge sulle riforme costituzionali, Roma, 11 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e Andrea Orlando (d) alla Camera in occasione della votazione finale del disegno di legge sulle riforme costituzionali, Roma, 11 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA.- Matteo Renzi ha preferito restare a Palazzo Chigi mentre alla Camera i suoi festeggiavano il via libera alla riforma costituzionale. Ci metterà la faccia, invece, martedì prossimo il premier presentandosi a Montecitorio dove si voterà la mozione di sfiducia presentata dal centrodestra contro il governo sul caso banche. Vicenda sulla quale torna il ministro Maria Elena Boschi, al rientro sulla scena mediatica per dimostrare ai critici di non avere nulla da nascondere: “Le opposizioni fanno il loro gioco politico ma il governo è intervenuto non per salvare una banca ma i correntisti di 4 banche”.

La mozione di sfiducia, che vede uniti Fi, Lega e Fdi, sarà l’occasione per far tornare al centro della polemica politica la vicenda del salvataggio delle quattro banche e del conflitto d’interessi che le opposizioni imputano al governo. A quanto si apprende, infatti, sembra sfumare la commissione parlamentare d’inchiesta che lo stesso Renzi aveva auspicato per fare luce sugli ultimi dieci anni di intrecci tra politica e banche. La motivazione che, spiegano esponenti di maggioranza, spingerebbe a rinviare la costituzione della commissione parlamentare sarebbe quella di non intralciare il lavoro della magistratura.

Boschi chiarisce che sulla commissione di inchiesta “il governo non ha assunto alcuna iniziativa, è un’iniziativa parlamentare di maggioranza e opposizione e vedremo nei prossimi mesi – dice – con quali poteri”.

In vista della mozione di sfiducia, il premier si prepara alla sfida: “parlerò con molta chiarezza e determinazione”, assicura. Renzi rivendicherà il decreto salva-banche e la correttezza del governo. D’altra parte lo stesso ministro Boschi ha chiarito in tv che un eventuale avviso di garanzia al padre non avrebbe “impatto” sulla sua carriera politica: “La responsabilità penale è personale”. E sottolinea “il fatto paradossale che in una vicenda che vive il sistema bancario italiano e coinvolge altre banche, si continui a parlare solo ed esclusivamente di Banca Etruria”.

Come dimostra il voto sulle riforme, anche la sfiducia al governo non sarà a livello numerico un’impasse per l’esecutivo. Ma il premier sfrutterà l’appuntamento per rivendicare quanto fatto dal governo. E per indicare i traguardi del 2016, il referendum sul ddl Boschi in primis, l’attuazione della riforma della P.A con i primi decreti attuativi venerdì in cdm. Ma anche il pressing sull’Europa per allargare le maglie della flessibilità e dimostrare che è ora di invertire la rotta rispetto all’austerità.

“E’ finito il tempo dei compiti a casa – ha ribadito ancora Renzi – l’Italia chiede rispetto e che le regole valgano per tutti. Dalla politica energetica agli aiuti di stato, noi chiediamo regole uguali per tutti”.

Anche sul sistema bancario il premier non ha rinunciato all’idea di far sentire la voce dell’Italia in Ue per chiedere parità di trattamento rispetto ad altri paesi. Nel frattempo, proprio per dimostrare che il governo va avanti nelle riforme, resta confermato entro gennaio l’arrivo in consiglio dei ministri della riforma, via decreto, delle banche di credito cooperativo.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

23:35Champions: tutto facile per Bayern e Psg

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Questi gli altri risultati della terza giornata di Champions League: Gruppo A - Cska Mosca-Basilea 0-2 (Xhaka, Oberlin) e Benfica-Manchester United 0-1 (Rashford). Gruppo B - Anderlecht-Psg 0-4 (Mbappè, Cavani, Neymar, Di Maria) e Bayern-Celtic 3-0 (Muller, Kimmich, Hummels).

23:21Champions: Roma pareggia e Juventus vince

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Chelsea-Roma 3-3 e Juventus-Sporting Lisbona 2-1 nella 3/a giornata di Champions. Partita spettacolare a Londra: Chelsea in vantaggio con David Luiz al 11' che lascia partire un destro dal limite dell'area che batte Alisson. Al 37' il raddoppio dei Blues: Bruno Peres perde un pallone a centrocampo, Morata si invola, il suo cross viene deviato da Fazio e diventa un assist per Hazard che non ha difficoltà a insaccare. Dopo 2' la Roma accorcia con Kolarov. Nel secondo tempo il sorpasso romanista grazie a una doppietta di Dzeko, prima con un tiro al volo (64') poi con un colpo di testa (70'). Un colpo di testa di Hazard al 75' riporta il match in parità. Chelsea primo nel gruppo C con 7 punti, Roma 2/a a 5. A Torino la Juve parte male con un autogol di Alex Sandro al 12' pareggiato da una punizione di Pjanic al 29'. Decide il match un colpo di testa di Mandzukic all'84' su assist di Douglas Costa, appena entrato in campo. Barcellona (3-1 all'Olympiacos) guida il gruppo D con 9 punti, Juve 2/a a 6.

23:00Nomina Zooprofilattico Teramo, governatore Abruzzo indagato

(ANSA) - L'AQUILA, 18 OTT - La Procura della Repubblica dell'Aquila sta indagando sull'iter e la scelta della nomina di Mauro Mattioli alla direzione generale dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo, vicenda che vede tra gli indagati il governatore abruzzese, Luciano D'Alfonso. Secondo l'accusa sui requisiti in possesso dell'ex rettore dell'Università di Teramo non ci sarebbe stata univocità di giudizio nei passaggi burocratici e di merito che hanno portato alla nomina. Si tratta di un'inchiesta che si compone di due fascicoli innescati da due denunce, una delle quali presentata dal rappresentante del ministero della Salute. Il primo, secondo quanto si è appreso, è avviato verso l' archiviazione, nel secondo, che il procuratore capo, Renzo, deve assegnare ad un altro pm, ci sono otto indagati con la ipotesi di reato di abuso d'ufficio e falso. "Non vedo l'ora di poter parlare in qualche sede di quel fascicolo", ha detto D'Alfonso.

Archivio Ultima ora