Renzi pronto a sfidare sfiducia. Boschi, non lascio

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e Andrea Orlando (d) alla Camera in occasione della votazione finale del disegno di legge sulle riforme costituzionali, Roma, 11 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

Il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e Andrea Orlando (d) alla Camera in occasione della votazione finale del disegno di legge sulle riforme costituzionali, Roma, 11 Gennaio 2016. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA.- Matteo Renzi ha preferito restare a Palazzo Chigi mentre alla Camera i suoi festeggiavano il via libera alla riforma costituzionale. Ci metterà la faccia, invece, martedì prossimo il premier presentandosi a Montecitorio dove si voterà la mozione di sfiducia presentata dal centrodestra contro il governo sul caso banche. Vicenda sulla quale torna il ministro Maria Elena Boschi, al rientro sulla scena mediatica per dimostrare ai critici di non avere nulla da nascondere: “Le opposizioni fanno il loro gioco politico ma il governo è intervenuto non per salvare una banca ma i correntisti di 4 banche”.

La mozione di sfiducia, che vede uniti Fi, Lega e Fdi, sarà l’occasione per far tornare al centro della polemica politica la vicenda del salvataggio delle quattro banche e del conflitto d’interessi che le opposizioni imputano al governo. A quanto si apprende, infatti, sembra sfumare la commissione parlamentare d’inchiesta che lo stesso Renzi aveva auspicato per fare luce sugli ultimi dieci anni di intrecci tra politica e banche. La motivazione che, spiegano esponenti di maggioranza, spingerebbe a rinviare la costituzione della commissione parlamentare sarebbe quella di non intralciare il lavoro della magistratura.

Boschi chiarisce che sulla commissione di inchiesta “il governo non ha assunto alcuna iniziativa, è un’iniziativa parlamentare di maggioranza e opposizione e vedremo nei prossimi mesi – dice – con quali poteri”.

In vista della mozione di sfiducia, il premier si prepara alla sfida: “parlerò con molta chiarezza e determinazione”, assicura. Renzi rivendicherà il decreto salva-banche e la correttezza del governo. D’altra parte lo stesso ministro Boschi ha chiarito in tv che un eventuale avviso di garanzia al padre non avrebbe “impatto” sulla sua carriera politica: “La responsabilità penale è personale”. E sottolinea “il fatto paradossale che in una vicenda che vive il sistema bancario italiano e coinvolge altre banche, si continui a parlare solo ed esclusivamente di Banca Etruria”.

Come dimostra il voto sulle riforme, anche la sfiducia al governo non sarà a livello numerico un’impasse per l’esecutivo. Ma il premier sfrutterà l’appuntamento per rivendicare quanto fatto dal governo. E per indicare i traguardi del 2016, il referendum sul ddl Boschi in primis, l’attuazione della riforma della P.A con i primi decreti attuativi venerdì in cdm. Ma anche il pressing sull’Europa per allargare le maglie della flessibilità e dimostrare che è ora di invertire la rotta rispetto all’austerità.

“E’ finito il tempo dei compiti a casa – ha ribadito ancora Renzi – l’Italia chiede rispetto e che le regole valgano per tutti. Dalla politica energetica agli aiuti di stato, noi chiediamo regole uguali per tutti”.

Anche sul sistema bancario il premier non ha rinunciato all’idea di far sentire la voce dell’Italia in Ue per chiedere parità di trattamento rispetto ad altri paesi. Nel frattempo, proprio per dimostrare che il governo va avanti nelle riforme, resta confermato entro gennaio l’arrivo in consiglio dei ministri della riforma, via decreto, delle banche di credito cooperativo.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

11:29Fondi rappresentanza Durnwalder, attesa sentenza appello

(ANSA) - BOLZANO, 30 MAG - E' attesa in giornata in tribunale a Bolzano la sentenza del processo d'appello sui fondi di rappresentanza dell'ex governatore altoatesino Luis Durnwalder. In prima istanza era stato assolto dall'accusa di peculato, ieri il pm ha chiesto una condanna a due anni e mezzo. "Ho amministrato questa provincia sempre rispettando le leggi e sempre con il buonsenso", ha detto questa mattina l'ex presidente durante una dichiarazione spontanea in tribunale. "E' incomprensibile per me che ora, che sono andato via, tutto sarebbe stato sbagliato. Casomai lo potevano dire prima", ha aggiunto. Durnwalder ha difeso i contributi dati da lui "a qualche associazione di volontariato, a qualche vedova e a qualche bambino in difficoltà". "Ci sono - ha aggiunto - casi singoli dove la legge non arriva, dove uno deve dare un segnale di solidarietà. L'ho fatto perché la mia amministrazione non si è mai basata esclusivamente sulle parole, ma ha sempre agito anche con il cuore", ha concluso l'ex governatore.

11:21Calcio: Berlusconi, contro Real Madrid ‘forza Juventus’

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - "Io per antica educazione voluta da mio padre ho sempre tifato Inter quando era impegnata con altre squadre o in match internazionali. E la stessa cosa farò, sapendo di suscitare dispiacere a qualcuno, con la Juventus che incontrerà il Real Madrid. Forza Juventus". Così Silvio Berlusconi prima di ricevere il premio Rosa Camuna insieme a Massimo Moratti da parte del presidente della Lombardia, Roberto Maroni.

11:18L.elettorale: Berlusconi, fosse per me sbarramento 8%

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Alcuni giornali "hanno sostenuto che Berlusconi è in disaccordo con la soglia di sbarramento del 5 per cento: è esattamente il contrario, fosse per me la porterei all'8 per cento": lo ha detto stamani Silvio Berlusconi alla cerimonia per la consegna della Rosa camuna in Regione Lombardia.

11:18Alfano, impazienza Pd costerà miliardi all’Italia

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "In questo momento così delicato non si vota per la legge elettorale, ma si vota lo scioglimento delle Camere e io non capisco l'impazienza del Pd di portare l'Italia al voto tre o quattro mesi prima in piena legge di stabilità. Rivolgo un appello al Pd prima della loro Direzione: pensino all'Italia e al danno che questa impazienza di rientrare a Palazzo può fare all'economia". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, a margine di una conferenza alla Farnesina.

11:11Quindicenne uccide coetaneo e si costituisce a carabinieri

(ANSA) - MILETO (VIBO VALENTIA), 30 MAG - Un quindicenne è stato arrestato la notte scorsa dai carabinieri di Mileto per l'omicidio di un suo coetaneo, F.P.L., avvenuto nella tarda serata di ieri in località Calabrò. La vittima sarebbe stata uccisa con un colpo di pistola al culmine di una lite. Dopo il delitto il ragazzino si è costituito in caserma indicando il luogo del ritrovamento del cadavere. Al momento non è stato ancora chiarito il movente del delitto. Il giovane, assistito dai suoi legali, è attualmente sotto interrogatorio. Il padre ed i fratelli dell'autore del delitto sono stati arrestati nell'operazione Stammer condotta nel gennaio scorso dalla Guardia di finanza di Catanzaro, coordinata dalla Dda, contro un narcotraffico gestito dalle cosche di 'ndrangheta del vibonese. Al momento, secondo quel poco che è trapelato, il delitto non sarebbe comunque legato a vicende criminali.

11:08Calcio: Milan, visite mediche per Kessie

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Giornata di visite mediche per Franck Kessie, il centrocampista ivoriano in procinto di trasferirsi dall'Atalanta al Milan. Verso le 9 Kessie si è presentato alla clinica La Madonnina, nel centro di Milano, per sostenere i consueti controlli medici, poi domani sono previsti i test atletici a Milanello, ultimo step prima della firma del contratto con il club rossonero.

11:02Ragazzina incastrata sotto tram, piede amputato

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Una bambina di 12 anni ha riportato l'amputazione di un piede dopo essere stata colpita da un tram all'angolo tra via Duprè e via Mac Mahon, a Milano. E' accaduto pochi minuti prima delle 8, secondo quanto ricostruito finora la ragazzina stava attraversando l'incrocio al di fuori delle strisce pedonali quando è rimasta incastrata col piede sotto il tram che arrivava a velocità molto ridotta. L'Atm ha infatti comunicato che il conducente è riuscito a frenare in soli 3-4 metri. La prontezza dell'autista non ha evitato l'impatto e la 12enne è stata trasportata in condizioni gravi al Niguarda. Il 118 ha riferito che ha subito l'amputazione dell'arto. L'autista 35enne, invece, è stato accompagnato all'ospedale Sacco in stato di choc.

Archivio Ultima ora