Nel manuale dell’Isis per i lupi solitari, indossate la croce

Pubblicato il 11 gennaio 2016 da redazione

Isis soldiers in Syria

ROMA. – “Tagliatevi la barba, indossate una croce”, “utilizzate i software di crittografia per il web”, “non siate negligenti nella sicurezza, ma neppure paranoici”. Sono alcune delle linee guida del ‘manuale’ per i lupi solitari che l’Isis ha diffuso sui propri network a partire dal 20 dicembre scorso.

Si tratta di un testo di 64 pagine, originariamente redatto da Abu Ubaydah Abdullah al Adam, considerato il ‘capo’ dell’intelligence di al Qaida, ucciso da un drone in Pakistan nel 2013, rivolto a tutti i “mujaheddin”.

“Abbiamo adattato lo scritto alle novità tecnologiche, e lo abbiamo tradotto dall’arabo in inglese per i nostri fratelli che in Occidente vogliono assicurarsi il successo nelle loro operazioni. Perché questa è l’era dei lupi solitari”, recita l’inquietante premessa. “La sicurezza non è statica”, spiega il testo nella parte che si occupa delle tecnologie online: “Tenetevi aggiornati sulle falle dei software e i sistemi per garantire il vostro anonimato, la crittografia e le comunicazioni sicure”.

Ci sono poi le raccomandazioni rispetto alle contromisure degli 007 occidentali, in particolare della Cia “che simula regolarmente ogni tipo di attacco che possiate portare a termine”, o degli agenti dei Paesi arabi, “che tenteranno di infiltrarsi tra di voi”. Per questo, “evitate di affiliarvi a un gruppo, al massimo create una cellula di 4-5 persone, nella quale un membro ne conosca solo un altro, o rischiate di essere tutti scoperti e far saltare l’operazione”.

Infine le note per ‘travestirsi’: “Indossate abiti occidentali, senza colori sgargianti. Fatevi la barba almeno due settimane prima di muovervi, in modo da non far notare la pelle bianca sulla faccia che non ha preso il sole. E’ anche permesso indossare una croce al collo, come fanno i cristiani ma anche gli atei occidentali. E se dovete usare un profumo, prendete quello giusto, non gli oli senza alcol usati dai musulmani”.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

17:51Falcone: Emiliano, campo sportivo in memoria caposcorta

(ANSA) - BARI, 19 GEN - "Quando le istituzioni sono cosi connesse alle famiglie e alla comunità, quando un sindaco riesce a descrivere con tanta commozione il valore che questa città dà alla memoria di Antonio, quando si è dentro le istituzioni con questo livello di armonia, la Repubblica, la Costituzione, l'orgoglio di essere italiani non sta nella potenza dei gesti, ma sta nella delicatezza e nel rispetto reciproco che costruiscono un grande Paese". Così su Facebook il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che stamani a Lecce ha partecipato all'inaugurazione del campo sportivo polivalente in memoria del salentino Antonio Montinaro, caposcorta di Giovanni Falcone, che perse la vita nella strage di Capaci. Ha partecipato anche il capo della polizia, Franco Gabrielli. Per Emiliano, "quando i più giovani si chiedono 'io che posso fare', anche solo schierarsi dalla parte di Montinaro e dedicare la propria vita a fare tutto ciò che lui avrebbe fatto al nostro posto, significa avere dato un contributo fondamentale".

17:45Bimbi asilo maltrattati: difesa, è severità e non violenza

(ANSA) - TORINO, 19 GEN - "Nessun maltrattamento, nessuna violenza. Sono soltanto metodi educativi che, oggi, forse sono interpretati come troppo severi". Così l'avvocato Erika Liuzzo, difensore della maestra di un asilo di Susa arrestata martedì, e ora ai domiciliari, per le presunte vessazioni cui sottoponeva i piccoli alunni. La donna è comparsa oggi in tribunale, a Torino, per l'interrogatorio di garanzia. "Abbiamo risposto in modo approfondito e circostanziato - ha detto Liuzzo - ripercorrendo punto per punto tutti gli episodi contestati". L'avvocato afferma di avere rilevato degli errori nelle intercettazioni ambientali: "La maestra non dice 'bestia', come risulta dagli atti, ma 'pepia', parola gergale che significa 'petulante'. Non ha mai minacciato di tagliare un bambino in due. Durante una lezione sulla differenza tra 'metà' e 'intero' ha chiesto ai piccoli: 'Si può tagliare a metà un'arancia, o una mela, o un bambino?'. E i bimbi, in coro, hanno detto 'no'. Il tono era pacato. Nessuno degli alunni era turbato".(ANSA).

17:36Busta con proiettili e svastica a sindaco di Empoli Barnini

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Una busta con minacce di morte, due proiettili e una svastica è stata recapitata al sindaco di Empoli (Firenze) Brenda Barnini (Pd), dopo che la città è stata insignita nei giorni scorsi della medaglia d'oro per la resistenza. La busta contiene la fotocopia di un articolo de 'Il Tirreno', sul conferimento della medaglia d'oro, avvenuto mercoledì scorso, con il ministro dell'Interno Marco Minniti. Ne ha dato notizia la stessa Barnini. La busta è stata recapitata ieri in municipio. La minaccia, si legge nella foto, postata dallo stesso sindaco del Partito democratico, riporta la scritta "ti ammazziamo" e accusa il sindaco di corruzione e legami con una cooperativa che gestisce l'accoglienza dei migranti. Barnini nel post condanna "la nuova destra fascista, il populismo xenofobo, le forze politiche che seminano odio e rancore. Dietro al gesto di un soggetto che ha pensato di mandarmi questo messaggio c'è tutto questo. Non mi fate paura perché la mia città è più forte della vostra ignoranza".

17:24Bimbo 2 mesi in ospedale: Procura, forse incidente in casa

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 19 GEN - La Procura di Ascoli Piceno ha aperto un fascicolo sul caso di un bambino di due mesi, ricoverato al Salesi di Ancona, dove era stato trasferito dal pronto soccorso dell'ospedale di Ascoli Piceno. Gli accertamenti ad Ancona hanno evidenziato emorragie interne e piccole fratture in varie parti del corpo. Un quadro, compatibile con maltrattamenti, che ha spinto i sanitari ad avvisare la Procura minorile che ha informato quella di Ascoli. Il fascicolo aperto del pm Umberto Monti ha scopo esplorativo. I carabinieri hanno sentito i familiari ed i vicini di casa della coppia (lui di San Marino), residente ad Ascoli per contestualizzare i fatti e cercare di capire se il piccolo è stato vittima di un incidente domestico o di maltrattamenti. Ma i primi accertamenti fanno propendere per la prima ipotesi: il bimbo sarebbe caduto mentre veniva accudito dai genitori, che ora sono al suo capezzale.

17:23Figc: Sibilia, con Tommasi incontro positivo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Stamattina ci siamo incontrati con Tommasi e penso che ci siano le condizioni per andare verso un cammino condiviso". Lo dice il presidente della Lega nazionale dilettanti, Cosimo Sibilia, al termine dell'incontro presso lasede dell'Aic con Damiano Tommasi. In attesa di capire cosa deciderà il direttivo dell'Assocalciatori in programma lunedì, Sibilia si sente di non escludere un possibile passo indietro del n.1 Aic a fronte di un'alleanza che porterebbe da sola la maggioranza contro il terzo candidato Gabriele Gravina. "Tommasi giustamente rimane in campo: deve discutere con i suoi e poi ci saranno le decisioni. Oggi è stato un incontro molto positivo, aspettiamo le determinazioni del consiglio direttivo dell'Aic. È incoraggiante per quanto fatto oggi", sottolinea Sibilia. "Gravina? Ho letto delle dichiarazioni che mi hanno sconcertato. Io credo di aver posto sempre come base il dialogo, questo dialogo per me deve continuare ma non può continuare da una parte sola".

17:17Downing Street frena Johnson, nessun piano per ponte

(ANSA) - LONDRA, 19 GEN - E' durato per poche ore il 'progetto' di Boris Johnson per un ponte sul Canale della Manica in grado di collegare Calais e Dover. Ancora una volta Downing Street è intervenuto per ridimensionare le affermazioni del ministro degli Esteri: "Non ci sono piani specifici in proposito", ha detto un portavoce. L'idea, stando ai media del Regno Unito, era stata lanciata dal capo del Foreign Office nel corso del vertice franco-britannico di ieri. Secondo il portavoce della premier Theresa May, sono stati valutati una serie di "grandi progetti" fra i due Paesi ma non c'è nulla di concreto per quanto riguarda il titanico collegamento.

17:10Calcio: Kolarov, battiamo Inter e torna tutto a posto

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Ci sta nel calcio di avere una piccola crisi ma dobbiamo fare un salto di qualità sotto l'aspetto mentale perché una gara come quella col Sassuolo va vinta anche giocando in otto, però domenica c'è la partita giusta: se vinciamo a Milano si mette tutto a posto". Battere l'Inter per invertire il trend negativo. Questa l'analisi che Aleksandar Kolarov fa dello scontro diretto in programma a San Siro coi nerazzurri. L'esterno della Roma ha le idee chiare e ai microfoni di Sky Sport24 indica in Nainggolan, al rientro dopo l'esclusione disciplinare, l'uomo partita: "Sa di aver sbagliato a Capodanno, domenica con due gol metterà tutto a posto". I tre punti d'altronde servono ai giallorossi per continuare a inseguire la qualificazione alla prossima Champions League. "E' il nostro obiettivo. Abbiamo fatto qualche passo falso ma siamo sempre là e credo che tra le prime quattro ci arriviamo di sicuro" conclude Kolarov.

Archivio Ultima ora