I prezzi del greggio fuori mercato. Pesano di più i timori macro-economici

Pubblicato il 12 gennaio 2016 da redazione

petrolio

ROMA. – “Cosa è cambiato dal luglio dello scorso anno per avere oggi prezzi del petrolio dimezzati a livelli intorno ai 30 dollari al barile, in calo del 16% da inizio 2016?”. E’ la domanda che si pone Alberto Clò, Direttore delle Rivista Energia ed ex ministro dell’Industria per provare a spiegare un andamento del prezzo del petrolio che sembra non tener conto dei fondamentali del mercato.

“Negli operatori di mercato c’è evidentemente la convinzione che lo scontro Arabia Saudita-Iran (che insieme controllano una produzione 13 milioni barili/giorno) non degeneri”, spiega Clò, “perché il passaggio da una guerra diplomatica ad una guerra ‘guerreggiata’ vedrebbe perdenti entrambi i paesi”. Può invece ritenersi che “abbiano giocato nelle valutazioni degli operatori più che i fondamentali del mercato petrolifero le preoccupazioni sul rallentamento dell’economica mondiale, specie della Cina, le pressioni deflazionistiche americane, l’apprezzamento del dollaro”.

D’altronde, le grandi banche internazionali “prevedono ancora nella media del 2016 un range di prezzi fra i 42 ed i 60 dollari al barile”. Goldman Sachs, in particolare, non esclude la possibilità di un temporaneo crollo a 20 dollari, ma “non si sa se siano previsioni o speranze, operando sui mercati e perché spesso le sue ‘aspettative’ poi sono seguite dai mercati”.

Nella media del 2016 Goldman stima comunque un prezzo a 49,5 dollari, prosegue Clò, “segno che all’attuale caduta dovrebbe far seguito una crescita non indifferente”. C’è chi parla di un’operazione dei produttori dell’Opec per tagliare fuori lo shale gas statunitense: “non credo a questi retroscena, anche perché si è visto che i produttori di shale hanno mostrato una notevole resistenza alla crisi, tagliando i costi e aumentando la produttività, abbassando così l’asticella del break-even”.

Certo, “a 30 dollari il gioco comincia a farsi duro” per i piccoli e medi produttori statunitensi, ma anche per “le majors e i paesi produttori”. E’ ancora difficile capire quando ci sarà la ripresa dei prezzi, ma è certo – guardando ai passati cicli – che “più forte sarà la loro contrazione e quella degli investimenti più forte sarà domani il loro rimbalzo”.

Gli operatori del settore dovrebbero evitare di ripetere i passati errori: dare vita ad una nuova ondata di fusioni e acquisizioni alla ricerca di maggiori dimensioni di scala, nel convincimento che questo crei valore, e l’idea che “tagliare, tagliare, tagliare” possa risolvere i problemi. “E’ un errore perché quando si torna a crescere si soffre poi la scarsità di risorse professionali specializzate, come accaduto nel decennio scorso. Meglio tagliare i dividendi che le teste”, sottolinea Clò.

Ultima ora

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

16:12Terremoto nel golfo dell’Alaska, rientra rischio tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'istituto geofisico americano Usgs ha rivisto la magnitudo del terremoto con epicentro nel golfo di Alaska, a circa 278 km a sudest dell'isola di Kodiak, a 10 km di profondità, abbassandone l'intensità a 7.9 da 8.2. Inoltre il centro d'allerta tsunami americano Pacific Tsunami Warning Center ha reso noto che non esiste un rischio tsunami.

Archivio Ultima ora