Il Papa contro i corrotti, provino vergogna

Handout image released by L'Osservatore Romano shows Italian actor Roberto Benigni (R) and Pope Francis during the presentation of the book ' The name of God is Mercy' (Il nome di Dio e' Misericordia), Rome, Italy, 12 January 2016. ANSA/ L'OSSERVATORE ROMANO
Handout image released by L'Osservatore Romano shows Italian actor Roberto Benigni (R) and Pope Francis during the presentation of the book ' The name of God is Mercy' (Il nome di Dio e' Misericordia), Rome, Italy, 12 January 2016. ANSA/ L'OSSERVATORE ROMANO
Handout image released by L’Osservatore Romano shows Italian actor Roberto Benigni (R) and Pope Francis during the presentation of the book ‘ The name of God is Mercy’ (Il nome di Dio e’ Misericordia), Rome, Italy, 12 January 2016.
ANSA/ L’OSSERVATORE ROMANO

ROMA. – “Sì, io credo che questo sia il tempo della misericordia”. E’ quasi un vademecum per il Giubileo il libro-intervista di papa Francesco con Andrea Tornielli, “Il nome di Dio è misericordia” (Piemme, pp. 120, 15.00 euro), uscito in 86 Paesi e presentato a Roma con ospiti come Roberto Benigni e il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin.

“La Chiesa mostra il suo volto materno, il suo volto di mamma, all’umanità ferita – vi afferma Bergoglio -. Non aspetta che i feriti bussino alla sua porta, li va a cercare per strada, li raccoglie, li abbraccia, li cura, li fa sentire amati”.

Nell’agile volume c’è tutta la visione di Francesco sulla misericordia, vero balsamo per “l’umanità ferita” del terzo millennio, cui ha voluto dedicare l’Anno Santo straordinario ponendola al centro della stessa idea di cristianesimo: “la misericordia è la carta d’identità del nostro Dio. Dio di misericordia. Dio misericordioso. Per me questa è davvero la carta d’identità del nostro Dio”.

Rivelando tra l’altro come una prima idea dell’Anno giubilare l’ebbe in embrione in una tavola rotonda tra teologi ai tempi di Buenos Aires: “si discuteva su che cosa il Papa potesse fare per avvicinare la gente, di fronte a tanti problemi che sembravano senza soluzione. Uno di loro disse: ‘Un giubileo del perdono’. Questo mi è rimasto in mente”.

Forte l’accento posto dal Papa sul valore del sacramento della penitenza, sui confessori che devono avere “tenerezza” e “non allontanare” la gente che “soffre”. E se, da una parte, “andare a confessarsi non è come andare a portare il vestito in tintoria”, dall’altra i confessionali “non devono mai essere stanze di tortura”.

“A volte desidererei poter entrare in una chiesa e sedermi ancora in confessionale”, confida Francesco. La stessa giustizia terrena “è più giusta, realizza davvero sé stessa”, se attuata “con la misericordia”. Ecco quindi la crescita nella coscienza mondiale del “rifiuto della pena di morte”.

Bene anche “quanto si sta cercando di fare per il reinserimento sociale dei carcerati”. La misericordia divina, insomma, “contagia l’umanità”. Tuttavia le parole più forti del Pontefice sono ancora sulla piaga della corruzione, un peccato che “viene elevato a sistema, diventa un abito mentale, un modo di vivere”.

“Il corrotto – denuncia Francesco – è così chiuso e appagato nella soddisfazione della sua autosufficienza che non si lascia mettere in discussione da niente e da nessuno. Ha costruito un’autostima che si fonda su atteggiamenti fraudolenti: passa la vita in mezzo alle scorciatoie dell’opportunismo, a prezzo della sua stessa dignità e di quella degli altri”.

Per il Papa, “il corrotto ha sempre la faccia di chi dice: ‘Non sono stato io!’. Quella che mia nonna chiamava ‘faccia da santarellino'”. Il corrotto, in altre parole, “è quello che s’indigna perché gli rubano il portafoglio e si lamenta per la scarsità di sicurezza che c’è nelle strade, ma poi truffa lo Stato evadendo le tasse e magari licenzia i suoi impiegati ogni tre mesi per evitare si assumerli a tempo indeterminato oppure sfrutta il lavoro in nero. E poi si vanta pure con gli amici di queste sue furbizie”.

E’ quello “che magari va a messa ogni domenica, ma non si fa alcun problema nello sfruttare la sua posizione di potere pretendendo il pagamento di tangenti”. La corruzione, insomma, “fa perdere il pudore”, mentre “il corrotto spesso non si accorge del suo stato, proprio come chi ha l’alito pesante e non se ne rende conto”.

Il Papa lo ripete più volte: “peccatori sì, corrotti no!”, perché nell’animo dei secondi non c’è il pentimento e la richiesta di perdono. “Dobbiamo pregare in modo speciale, durante questo Giubileo – aggiunge -, perché Dio faccia breccia anche nei cuori dei corrotti donando loro la grazia della vergogna, la grazia di riconoscersi peccatori bisognosi del Suo perdono”.

Bergoglio torna con chiarezza anche sul tema dei gay: “persone omosessuali”, vuole che le si chiami, perché “prima c’è la persona, nella sua interezza e dignità. E la persona non è definita soltanto dalla sua tendenza sessuale: non dimentichiamoci che siamo tutti creature amate da Dio, destinatarie del suo infinito amore”. “Puoi consigliare loro la preghiera, la buona volontà, indicare la strada, accompagnandole”, risponde a una domanda sulla sua esperienza di confessore.

E a proposito della sua celebre frase “Chi sono io per giudicare?” afferma: “Avevo detto in quella occasione: se una persona è gay, cerca il Signore e ha buona volontà, chi sono io per giudicarla? Avevo parafrasato a memoria il Catechismo della Chiesa cattolica, dove si spiega che queste persone vanno trattate con delicatezza e non si devono emarginare”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Condividi: