Show di Benigni in Vaticano, alla presentazione del libro del Papa

Pubblicato il 12 gennaio 2016 da redazione

Italian actor Roberto Benigni and Cardinal Piero Parolin arrive for the presentation of the book ' The name of God is Mercy' (Il nome di Dio e' Misericordia), Rome, Italy, 12 January 2016.  ANSA/ETTORE FERRARI

Italian actor Roberto Benigni and Cardinal Piero Parolin arrive for the presentation of the book ‘ The name of God is Mercy’ (Il nome di Dio e’ Misericordia), Rome, Italy, 12 January 2016. ANSA/ETTORE FERRARI

CITTA’ DEL VATICANO. – Dal Pap’Occhio, passando dal ‘Wojtylaccio’, per arrivare all’abbraccio con Papa Francesco, “l’uomo più grande del mondo, meraviglioso, umile, rivoluzionario”. Roberto Benigni è stato in Vaticano per presentare il libro-conversazione tra il Papa e il giornalista Andrea Tornielli (“Il nome di Dio è Misericordia”, edito da Piemme). Battute, risate, ma anche un visibile innamoramento di questo nuovo corso della Chiesa e del fatto che “la gioia è il gigantesco segreto del cristianesimo”.

Un contatto tra l’attore e il pontefice c’era già stato l’anno scorso quando il Papa chiamò il comico per congratularsi dello spettacolo sui ‘Dieci Comandamenti’; Francesco lo citò, senza farne il nome, anche nel Te Deum del 31 dicembre 2014. Ieri però il primo incontro, l’abbraccio tra grandi sorrisi. Benigni era alla presentazione del libro e la platea era di quelle dei grandi eventi con giornalisti, politici, attori, persone della tv. Si mescolano ai rappresentanti dei media di tutto il mondo, Eugenio Scalfari, Luciano Violante, Beatrice Fazi, Franco Nembrini, per citarne alcuni.

A fare gli onori di ‘casa’ il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, e il direttore della Lev, don Giuseppe Costa. E se il Segretario di Stato Vaticano, il card. Pietro Parolin, sottolinea che il libro “commuove perché parla di quella misericordia di Dio che cerca ogni spiraglio, ogni fessura, per raggiungerci”, e se a commuovere davvero è la testimonianza di Zhang Agostino Jianquing, detenuto del carcere di Padova, che ha incontrato in prima persona la Misericordia di Dio, la scena è comunque tutta per Benigni.

Ecco alcune chicche dell’intervento del comico toscano.

DA PICCOLO VOLEVO FARE IL PAPA. “Quando a scuola mi chiedevano che cosa volevo fare da grande, rispondevo ‘il Papa’. E siccome tutti si mettevano a ridere ho capito che dovevo fare il comico”.

MISERICORDIA A ETTI. “Il Papa è pieno di misericordia, la potrebbe vendere ad etti. Vuoi un etto di misericordia? Lui te la dà”.

IL TOSCANO CON IL VENETO E IL CINESE. “Soltanto a questo Papa poteva venire in mente di organizzare una presentazione con un cardinale veneto, un carcerato cinese e un comico toscano”.

L’AUTISTA DI PAPA-MOBILE. “Quando mi hanno chiamato dal Vaticano dicendomi ‘il Santo Padre…’ non li ho fatti finire, ho detto subito ‘sì, qualsiasi cosa, posso fare la guardia svizzera, l’autista della papa-mobile’, qualsiasi cosa per questo Papa”.

IL LIBRO? E’ COME AVERE IL PAPA IN TASCA. “Questo libro è come avere il Papa in tasca. Siete alla stazione e il treno è in ritardo? Leggetelo 10 minuti è come parlare con lui”.

LA RIVINCITA DELLE SUOCERE. “E’ la rivincita di tutte le suocere, il primo miracolo raccontato nel Vangelo di Marco. Pietro non ha fermato Gesù dicendogli ‘lascia stare, ormai è malata’. Gesù guarisce la suocera di Pietro e il Vangelo racconta che lei si mise a servirli; in pratica Gesù voleva fare un pranzetto”.

FRANCESCO CAMMINA A FATICA, SI TRASCINA LA CHIESA. “Il Papa cammina, cammina e non si ferma mai, sembra faticare e fatica, sta tirando tutta la Chiesa verso il cristianesimo, verso il Vangelo, verso Gesù. Se ci pensate è un’opera incredibile”.

(di Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora