Renzi apre la campagna referendum. O vinco o lascio

Pubblicato il 12 gennaio 2016 da redazione

renzi

ROMA.- Il gong alla campagna referendaria partirà ufficialmente ad aprile quando al Senato ci sarà l’ultimo ok alla riforma costituzionale. Ma Matteo Renzi è di fatto già in campo: “Se perdo, non solo vado a casa ma smetto di fare politica”, è la posta in gioco destinata a radicalizzare lo scontro al di là del merito.

Il premier, sovrapponendo la battaglia referendaria alla campagna per le amministrative, indica la priorità del 2016. Da conquistare senza fare sconti a nessuno a partire da M5S per i quali, dopo il caso Quarto, è chiaro che “a questo punto non esiste più il monopolio morale”.

Ad una settimana dalla mozione di sfiducia alla Camera contro il governo, il premier difende la correttezza e la trasparenza del governo sul caso banche. E si spende in difesa del ministro Maria Elena Boschi: ha ragione a dire che se il padre venisse indagato non si dimetterà “perchè la responsabilità penale è personale e noi non abbiamo scheletri nell’armadio”.

Le colpe dei padri non devono ricadere sui figli: il leader Pd rivendica il suo garantismo sia nell’inchiesta banche, “la responsabilità non si misura in avvisi di garanzia”, sia per il sindaco grillino Rosa Capuozzo. Per Renzi non si deve dimettere ma “avrebbe dovuto denunciare chi la stava minacciando”.

Ben altra, però, è la lezione politica per il movimento di Grillo: per il leader dem non solo si conferma “la difficoltà a governare come si è visto a Livorno e a Gela” ma cade anche il totem della diversità morale del Movimento. Anche perchè “io la pulizia nel Pd l’ho fatta”, sostiene citando il voto per l’arresto di Francantonio Genovese.

Sarà lunga la corsa fino ad ottobre per il referendum. E se la sconfitta del governo ne determinerà lo show down, la vittoria non cambierà il timing della legislatura. “Rispettare le scadenze naturali è un principio di buon senso”. Anche perchè nell’agenda del premier alcuni obiettivi richiedono tempo, a partire dall’intenzione di “cambiare la politica economica dell’Europa senza imbarcarsi nel cambio dei trattati” e del Fiscal Compact.

Renzi vuole cambiare, sul modello di Obama, la politica europea sull’occupazione mentre in Italia, raggiunto l’obiettivo di andare sotto il 12%, “non è realistico – ammette il premier – raggiungere il 10% nel 2016”. Se la riforma della contrattazione può rientrare nei compiti del governo, se le parti sociali non si danno una mossa, non è, invece, all’ordine del giorno la revisione delle competenze di Consob e Bankitalia.

Renzi è attento ad evitare polemiche tra istituzioni pur osservando che “se qualcuno ha sbagliato va messo in condizione di rispondere”. E pur dicendosi “favorevole” alla commissione d’inchiesta, si mostra consapevole del rischio rissa di un’indagine parlamentare: “Se si deve fare non deve essere solo su Banca Etruria ma sul sistema negli ultimi 15 anni. Massima trasparenza ma no ai processi show”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

08:28Colombia: crolla un ponte, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte in Colombia, poco fuori dalla capitale Bogotà. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi.

08:20Droga: operazione dei Cc nel Ragusano, ordinanza per nove

(ANSA) - RAGUSA, 16 GEN - Oltre 70 carabinieri del comando provinciale di Ragusa stanno eseguendo un'ordinanza del cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di nove indagati e stanno eseguendo decine di perquisizioni, nei confronti di presunti appartenenti a un gruppo dedito al traffico e allo spaccio di sostanza stupefacente. I provvedimenti restrittivi sono il risultato di un'indagine, condotta da militari dell'Arma del Nucleo investigativo, che ha consentito di accertare che gli indagati, quasi tutti di origine nordafricana, avevano costituito due gruppi criminali operanti a Vittoria, Acate, Ispica e Pozzallo e dediti allo spaccio di eroina, che acquistavano fuori provincia. Numerosi gli arresti e i sequestri di stupefacente già effettuati nel corso delle indagini.

07:59Corea Nord: Xi a Trump, pronti a lavorare su nucleare

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - La Cina è pronta a lavorare con gli Usa per un "accordo appropriato" sulla questione nucleare della penisola coreana: lo ha riferito il presidente Xi Jinping in una telefonata con il suo omologo Donald Trump. Secondo l'agenzia Nuova Cina, Xi ha aggiunto che tutte le parti preoccupate della situazione dovrebbero "creare le condizioni per la ripresa dei colloqui". Cina e Usa dovrebbero inoltre risolvere "in modo appropriato" i contenziosi economici e commerciali di reciproco interesse.

07:25Trump: centinaia di haitiani lo contestano a Times Square

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Centinaia di cittadini haitiani-americani e molte altre persone, tra cui numerosi immigrati africani e ispanici, hanno manifestato a Times Square, nel cuore di New York, per denunciare le parole del presidente americano Donald Trump, definite razziste e xenofobe. Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha partecipato alla protesta insieme ad altri politici. Nonostante qualche momento di tensione con gli agenti la manifestazione si è svolta pacificamente.

07:21Usa: Wsj, Pentagono studia due nuovi missili nucleari

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Il Pentagono sta mettendo a punto un nuovo piano per sviluppare due nuovi missili nucleari a basso potenziale. Lo riporta il Wall Street Journal, spiegando che si tratta della risposta dell'amministrazione Trump alla crescente capacità degli arsenali di Russia e Cina. Una strategia che però preoccupa perchè rappresenta un passo indietro sulla strada della non proliferazione e potrebbe spingere la Corea del Nord a espandere il suo arsenale e Paesi come l'Iran a riprendere il proprio programma nucleare.

07:16Usa: shock in California, tenevano incatenati i 13 figli

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Una scena da film horror quella che i poliziotti si sono trovati davanti in California, non lontano da Los Angeles, dove in un'abitazione una coppia teneva segregati i propri 13 figli, tutti incatenati ai letti, malnutriti e disidratati. A dare l'allarme una delle vittime, una ragazza di 17 anni, che è riuscita a fuggire e a raccontare la verità alla polizia. Gli agenti sono intervenuti e hanno arrestato marito e moglie. Sette dei figli tenuti imprigionati hanno tra i 29 e i 18 anni, gli altri sei sono minorenni, tra questi un bimbo di due anni.

07:14007 avvertirono Kushner, moglie Murdoch agente Cina

(ANSA) - NEW YORK 16 GEN - Wendi Deng, ex moglie del magnate dei media Rupert Murdoch, potrebbe essere un agente della Cina. E' il sospetto dei funzionari dell'intelligence che all'inizio del 2017 informarono Jared Kushner, genero di Donald Trump, della possibilità che la donna d'affari potesse sfruttare la stretta amicizia con lui e la moglie Ivanka Trump per promuovere gli interessi di Pechino. Lo riporta il Wall Street Journal, quotidiano di proprietà di Murdoch che divorziò da Wendi nel 2013, dopo le voci su un rapporto tra la donna e l'ex premier britannico Tony Blair.

Archivio Ultima ora