Petrolio: Mosca trema. Medvedev, prepararsi al peggio

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

Medvedev, prepararsi al peggio

Medvedev, prepararsi al peggio

MOSCA. – Le lunghe feste di fine anno russe sono finite e l’anno nuovo porta in ‘dono’ al Paese una bella cinghia. Da tirare, ovviamente. I conti pubblici, infatti, rischiano di andare fuori controllo a causa dei prezzi da saldo di gas e petrolio. La previsione del greggio a 50 dollari al barile – media su cui si basa il budget del 2016 – sembra ormai solo un sogno irraggiungibile e il governo è dunque costretto a intervenire.

“Le possibilità dello Stato non sono infinite”, ha messo in guardia il premier Dmitri Medvedev. “Se il prezzo del petrolio cala ancora dobbiamo prepararci al peggio”. Una presa di posizione insolitamente negativa che trova spiegazione nelle parole del ministro delle Finanze Anton Siluanov.

Il bilancio pubblico della Russia è “sostenibile con i prezzi del petrolio a 82 dollari al barile” e dunque “la strategia ora dovrà essere cambiata”, ha detto Siluanov. Che ha poi avvertito: “E’ molto probabile che vi sia un’ulteriore riduzione del prezzo del greggio nel prossimo futuro”.

Di male in peggio, dunque. E quindi largo alle misure di emergenza: da un lato una bella ‘spending review’ – con un taglio secco e immediato del 10% alla spesa di ministeri e dicasteri, ipotesi già considerata “ottimista” da Siluanov – e dall’altro gli ‘stress test’ ordinati dal Cremlino per prepararsi a ogni evenienza.

Ovvero tre scenari: inferno (prezzo del greggio a 25 dollari al barile), purgatorio (35 dollari) e, si fa per dire, paradiso (45 dollari). In quest’ultimo caso, infatti, il piano ‘B’ non sarebbe troppo diverso da quanto già immaginato alla Casa Bianca per reggere alla tempesta perfetta che si è abbattuta sulla Russia – prezzi delle materie prime in picchiata, sanzioni e ora volatilità sui mercati dovuta allo ‘slow-down’ cinese. In caso contrario, meglio prepararsi al peggio, per l’appunto.

Così il presidente in persona, Vladimir Putin, si è sentito in dovere di esortare il governo a monitorare con attenzione l’andamento della crisi e di tenersi pronto “a qualsiasi sviluppo”. Non è un caso allora se Medvedev ha evocato lo spettro del 1998, l’anno in cui Mosca si avvitò nella crisi sfociata nel default, anche solo per chiarire quanto le due situazioni siano “assolutamente” imparagonabili. I segnali però non sono buoni.

La povertà in un anno è raddoppiata e nella capitale, durante le feste, si è verificata una crescita notevole di suicidi e di furti che – assicura una fonte di polizia a Interfax – ha tratti in comune con quanto accaduto proprio nella crisi del 1998. Il problema è che non sembra esserci una visione chiara sulla ricetta per affrontare l’inverno dell’economia russa.

Siluanov si è detto contrario a maggiori ipotesi di spesa suggerendo invece una politica di bilancio “frugale”. Peccato che la Banca Centrale lo abbia ‘bacchettato’ poco dopo invitando a spingere col deficit – fino a un indebitamento massimo del 25-30% del Pil – piuttosto che intaccare le riserve nazionali accumulate negli anni del boom del petrolio.

Per fare cassa, poi, si procederà a un sostanzioso piano di privatizzazioni che potrebbe coinvolgere (già nel 2016) pezzi da novanta come Rosneft, il colosso petrolifero di Stato. Ora resta solo da vedere da che parte si schiererà il Cremlino.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

21:07Turchia: 1.284 arresti in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 22 MAG - Sono 1.284 le persone arrestate nell'ultima settimana in Turchia in operazioni antiterrorismo. Lo rende noto un bollettino del ministero degli Interni di Ankara. La maggior parte dei sospetti (966) è accusata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. In manette sono finiti anche 222 presunti militanti del Pkk curdo, 72 affiliati all'Isis e 24 persone legate a gruppi illegali di estrema sinistra. Secondo il ministero, inoltre, dall'inizio dell'anno sono stati sventati 228 potenziali attacchi terroristici, quasi tutti (226) attribuiti al Pkk.

20:58Calcio: Empoli in ritiro in Sicilia, studia sfida salvezza

(ANSA) - FIRENZE, 22 MAG - Empoli in ritiro in Sicilia in vista della decisiva ultima sfida del campionato, in programma domenica sera a Palermo. Da domani la squadra sarà in ritiro presso il Centro Sportivo Torre del Grifo, nel Comune di Mascalucia, in provincia di Catania. La squadra si sposterà poi sabato a Palermo in vista della gara di domenica al 'Barbera' contro i rosanero , già retrocessi. L'Empoli si gioca la salvezza col Crotone che invece giocherà in casa con la Lazio. In caso di successo la formazione di Martusciello resterà in Serie A. Anche questa settimana i calciatori rimarranno in silenzio stampa.

20:57Operativo il meccanismo dell’anticipo pensionistico

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "Firmati i decreti anticipo pensionistico, operativo meccanismo di anticipo pensione per decine di migliaia di persone". Lo annuncia su twitter il premier Paolo Gentiloni.

20:54Mercoledì Gentiloni incontra Trump a Roma

(ANSA) - ROMA, 22 MAY - Il premier Paolo Gentiloni, a quanto si apprende da fonti diplomatiche, incontrerà mercoledì a Villa Taverna (residenza dell'ambasciatore americano a Roma) il presidente degli Usa Donald Trump in visita nella capitale. Un incontro, spiegano le stesse fonti, in preparazione del G7 che comincerà venerdì a Taormina.

20:46L.elettorale: Di Maio, massima apertura

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "Noi abbiamo una posizione di massima apertura partendo dalla legge uscita dalla Consulta". Lo afferma il vice presidente della Camera ed esponente M5S Luigi Di Maio rispondendo ad una domanda sulla legge elettorale nel corso di un convegno al Centro Studi Americani.

20:42Trump:a Roma 3 cerchi sicurezza, itinerari scelti al momento

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Itinerari scelti al momento, tre "cerchi" di sicurezza concentrici per proteggere il presidente, un'articolata rete di telecamere per riprendere ogni istante degli spostamenti, tiratori scelti sui palazzi, una 'green zone' in centro in cui non saranno consentite manifestazioni a rischio, bonifiche e chiusure al traffico. Roma si blinda per la visita di circa 24 ore del presidente americano Donald Trump che atterrerà domani sera nella Capitale. L'imponente piano di sicurezza, contenuto in un'ordinanza del questore Guido Marino di circa 70 pagine, prevede quattro itinerari prescelti per ciascuno degli spostamenti di Trump. Il "posto di comando avanzato" deciderà all'ultimo momento quello da utilizzare sulla base delle istruzioni fornite direttamente dal questore. Ci saranno "tre cerchi concentrici di sicurezza" per proteggerlo secondo un modello denominato "ball to ball".

20:39Veterinario ucciso, legale Andreucci,’non era e non è in sè’

(ANSA) - ANCONA, 22 MAG - "Valerio Andreucci non è tuttora in grado di fare un discorso lineare, non riesce a focalizzare i fotogrammi della vicenda, è in uno stato confusionale, a mio avviso in continuità con le sue condizioni psicologiche di ieri mattina, tanto che non riconosce come sue nemmeno le dichiarazioni apparse oggi sulla stampa e che riferiscono di un tentativo di rapina che avrebbe raccontato di aver subito insieme al medico". Così l'avvocato Alessandro Angelozzi, che ha incontrato nel carcere di Montacuto di Ancona il 23enne ascolano accusato dell'omicidio del veterinario Olindo Pinciaroli.

Archivio Ultima ora