Petrolio: Mosca trema. Medvedev, prepararsi al peggio

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

Medvedev, prepararsi al peggio

Medvedev, prepararsi al peggio

MOSCA. – Le lunghe feste di fine anno russe sono finite e l’anno nuovo porta in ‘dono’ al Paese una bella cinghia. Da tirare, ovviamente. I conti pubblici, infatti, rischiano di andare fuori controllo a causa dei prezzi da saldo di gas e petrolio. La previsione del greggio a 50 dollari al barile – media su cui si basa il budget del 2016 – sembra ormai solo un sogno irraggiungibile e il governo è dunque costretto a intervenire.

“Le possibilità dello Stato non sono infinite”, ha messo in guardia il premier Dmitri Medvedev. “Se il prezzo del petrolio cala ancora dobbiamo prepararci al peggio”. Una presa di posizione insolitamente negativa che trova spiegazione nelle parole del ministro delle Finanze Anton Siluanov.

Il bilancio pubblico della Russia è “sostenibile con i prezzi del petrolio a 82 dollari al barile” e dunque “la strategia ora dovrà essere cambiata”, ha detto Siluanov. Che ha poi avvertito: “E’ molto probabile che vi sia un’ulteriore riduzione del prezzo del greggio nel prossimo futuro”.

Di male in peggio, dunque. E quindi largo alle misure di emergenza: da un lato una bella ‘spending review’ – con un taglio secco e immediato del 10% alla spesa di ministeri e dicasteri, ipotesi già considerata “ottimista” da Siluanov – e dall’altro gli ‘stress test’ ordinati dal Cremlino per prepararsi a ogni evenienza.

Ovvero tre scenari: inferno (prezzo del greggio a 25 dollari al barile), purgatorio (35 dollari) e, si fa per dire, paradiso (45 dollari). In quest’ultimo caso, infatti, il piano ‘B’ non sarebbe troppo diverso da quanto già immaginato alla Casa Bianca per reggere alla tempesta perfetta che si è abbattuta sulla Russia – prezzi delle materie prime in picchiata, sanzioni e ora volatilità sui mercati dovuta allo ‘slow-down’ cinese. In caso contrario, meglio prepararsi al peggio, per l’appunto.

Così il presidente in persona, Vladimir Putin, si è sentito in dovere di esortare il governo a monitorare con attenzione l’andamento della crisi e di tenersi pronto “a qualsiasi sviluppo”. Non è un caso allora se Medvedev ha evocato lo spettro del 1998, l’anno in cui Mosca si avvitò nella crisi sfociata nel default, anche solo per chiarire quanto le due situazioni siano “assolutamente” imparagonabili. I segnali però non sono buoni.

La povertà in un anno è raddoppiata e nella capitale, durante le feste, si è verificata una crescita notevole di suicidi e di furti che – assicura una fonte di polizia a Interfax – ha tratti in comune con quanto accaduto proprio nella crisi del 1998. Il problema è che non sembra esserci una visione chiara sulla ricetta per affrontare l’inverno dell’economia russa.

Siluanov si è detto contrario a maggiori ipotesi di spesa suggerendo invece una politica di bilancio “frugale”. Peccato che la Banca Centrale lo abbia ‘bacchettato’ poco dopo invitando a spingere col deficit – fino a un indebitamento massimo del 25-30% del Pil – piuttosto che intaccare le riserve nazionali accumulate negli anni del boom del petrolio.

Per fare cassa, poi, si procederà a un sostanzioso piano di privatizzazioni che potrebbe coinvolgere (già nel 2016) pezzi da novanta come Rosneft, il colosso petrolifero di Stato. Ora resta solo da vedere da che parte si schiererà il Cremlino.

(di Mattia Bernardo Bagnoli/ANSA)

Ultima ora

11:13Hotel Rigopiano: Soccorso alpino, ci sono molti morti

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Ci sono tanti morti". Lo ha detto all'ANSA Antonio Crocetta, uno dei capi del Soccorso alpino abruzzese che da ieri sera si é messo in marcia con gli sci insieme agli altri per raggiungere l'Hotel Rigopiano. Dalle macerie e dalla neve é stata estratta la prima vittima, si tratta di un uomo. I soccorritori proseguono a scavare "ma - raccontano - è difficilissimo". Intanto una colonna di mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco con alcune ambulanze é bloccato a 9 chilometri dalla struttura. La slavina che ha travolto l'Hotel Rigopiano si è staccata dalla montagna molto probabilmente a causa delle scosse di terremoto di ieri mattina. Il personale dell'albergo e i clienti sarebbero dunque da quasi 24 ore sotto la neve e le macerie. "La valanga è immensa", confermano i soccorritori. Dentro l'albergo risultano 30 dispersi.

11:07Tennis: Australia, forfait Errani per problema muscolare

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La tennista azzurra Sara Errani si è ritirata dagli Australian Open. La sfortunata atleta è stata infatti costretta al ritiro al secondo turno degli Australian Open dopo un'ora e sette minuti. La 29enne romagnola aveva perso 6-2 il primo set ed era 3-3 nel secondo contro Ekaterina Makarova, 28 anni, numero 34 Wta e 30 del tabellone, quando si è dovuta fermare per un problema muscolare alla gamba destra che già l'aveva condizionata nel turno precedente contro la giapponese Ozaki. La Errani aveva già dato forfait a Hobart alla vigilia di Melbourne. Nello Slam Down Under il suo miglior risultato è il quarto di finale del 2012, quando fu fermata da Petra Kvitova. "Peccato perché nel secondo set ero in lotta", ha detto la tennista, uscita in lacrime dal campo di gioco. "Non sto benissimo perché cammino a fatica. Avevo già male due giorni fa durante il primo turno contro la Ozaki, oggi ho sentito una fitta alla gamba destra sul 3-3 del secondo set e mi sono subito fermata, proprio non potevo continuare". (ANSA).

11:04Ancora chiusa per neve statale Val di Chienti

(ANSA) - FOLIGNO (PERUGIA), 19 GEN - Ancora completamente chiusa al traffico a causa della neve la statale 77 Val di Chienti, il nuovo tracciato, che collega Umbria e Marche. La precipitazione sta interessando in particolare la zona del valico di Colfiorito dove - si apprende dalla polizia stradale - continua la tormenta con gelo e vento. Chiuso al transito per i mezzi pesanti anche il vecchio tracciato della Val di Chienti. Le auto possono comunque transitare solo con catene montate. In azione ininterrottamente i mezzi spazzaneve e spargisale dell'Anas.

10:46Ritira pizzo con bimbo di 3 anni, presi figlio e moglie boss

(ANSA) - CASERTA, 19 GEN - Richieste di pizzo periodiche che arrivavano anche a 8mila euro e il figlio del boss che andava a ritirare le somme portando con sé il suo bambino di 3 anni: è quanto hanno accertato i carabinieri di Caserta che oggi hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria Maria Buttone, moglie dell'ex boss del clan Belforte di Marcianise (Caserta) Domenico Belforte, il figlio della coppia, Salvatore Belforte e la sua compagna, Alessandra Golino. La moglie del boss - che dopo essere stata scarcerata, malgrado i domiciliari, era subito rientrata in azione ricoprendo il ruolo di reggente impartendo ordini agli uomini del clan attraverso il figlio - è stata presa dai carabinieri a Rimini mentre gli altri due indagati a Marcianise, dalla Polizia di Stato. Vittime del clan numerosi imprenditori del Casertano. (ANSA).

10:35Mercatone Uno, 10 indagati da Gdf per bancarotta fraudolenta

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - Il nucleo di Polizia tributaria della Gdf di Bologna, coordinato dalla Procura della Repubblica con il Pm Michele Martorelli, sta eseguendo perquisizioni nei confronti di dieci persone, ex soci e amministratori del gruppo Mercatone Uno, indagate per bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione. L'accusa è di aver 'spogliato', attraverso sofisticate manovre finanziarie e societarie, la struttura commerciale per oltre 300 milioni di euro. Contestualmente le Fiamme gialle stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo, disposto dal Gip Mirko Margiocco, delle quote della Cve Srl, in cui sono illecitamente confluiti i numerosi immobili, su tutto il territorio nazionale e del valore di 170 milioni, di cui il gruppo era in possesso e dove ancora si esercita l'attività commerciale. (ANSA).

10:26Notte tranquilla per terremotati dell’Umbria

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 19 GEN - E' stata una notte relativamente tranquilla quella trascorsa dagli abitanti di Norcia, Cascia e Preci dopo che nella giornata di ieri è tornata la paura del terremoto nel centro Italia. Due le scosse più significative avvertite dalla popolazione: una alle 2.53 e l'altra alle 2.28. Molti, in particolare a Cascia, la notte l'hanno comunque trascorsa negli alberghi del perugino, messi a disposizione dalla Protezione civile. In pochi, invece, hanno optato per dormire negli spazi comuni dei container collettivi allestiti dal Comune di Norcia. E ancora una volta c'è chi ha preferito resistere dentro le tensostrutture pur di non lasciare la propria terra. Sul fronte meteo è da registrare che nella notte la neve ha smesso di cadere. Le strade in Valnerina sono tornate quasi tutte percorribili grazie al lavoro dei vigili del fuoco che con le turbine sono riusciti a liberare ampi tratti. Qualche criticità permangono a Cascia e Preci dove ci ancora delle frazioni difficili da raggiungere.

10:12Terremoto: notte tra scosse, nei centri di accoglienza

(ANSA) - MONTEMONACO (ASCOLI PICENO), 19 GEN - Notte tra scosse di terremoto, avvertite dalle popolazioni anche se più leggere di quelle di ieri, e disagi per la neve nelle Marche. Molti, in particolare nei Comuni del cratere sismico, hanno scelto di dormire nel strutture riaperte dai comuni stessi. Ma il problema è che sono ancora moltissime le frazioni isolate dalla neve, anche se i mezzi spartineve e di soccorso hanno lavorato praticamente fino a tarda notte e in qualche caso tutta la notte. Varie le persone che hanno tentato di raggiungere a piedi i centri abitati e sono state soccorse: a Montemonaco il titolare di un ristorante di Cittadella è stato tratto in salvo dal comandante della Stazione Forestale Carabinieri, che è riuscito a raggiungerlo dopo 4 ore. Ancora difficile la viabilità nelle aree interne per neve e ghiaccio. La Superstrada Salaria è ancora chiusa al traffico fra Acquasanta Terme e Arquata del Tronto; interrotto anche un tratto della Ss 77 Val di Chienti, fra Muccia e Foligno.

Archivio Ultima ora