Raddoppiano in 12 mesi i cristiani uccisi nel mondo

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

cristiani-persecuzioni

STRASBURGO. – Tra il 2014 e il 2015 il numero di cristiani uccisi nel mondo a causa della fede che professano è aumentato del 63% ed è più che raddoppiato il numero di chiese cristiane distrutte. In molti paesi essere cristiani diventa di giorno in giorno più difficile, innanzitutto a causa del diffondersi dell’estremismo islamico che porta alla radicalizzazione delle società mussulmane, ma anche a causa dell’arrivo dei nazionalisti al potere, come in India.

Questa è la realtà fotografata nell’Indice mondiale della persecuzione dei cristiani redatto sin dal 1997 dall’Ong internazionale Porte Aperte. Tra il primo novembre 2014 e il 31 ottobre 2015 sono stati uccisi nel mondo a causa della fede che professano almeno 7.100 cristiani.

“E questo dato riguarda unicamente le uccisioni per cui si hanno prove certe, e quindi è una sottostima della realtà” afferma Michel Varton, direttore di Porte Aperte Francia. Come per l’anno precedente, il Paese in cui è stato registrato il numero più alto di omicidi di cristiani è la Nigeria (4.028), seguita dalla Repubblica Centrafricana (1.269).

Mentre il luogo dove sono state distrutte più chiese è la Cina, 1.500 su un totale mondiale per il 2015 di 2.406. Nonostante questo, il paese dove i cristiani sono maggiormente perseguitati è la Corea del Nord, prima nella classifica stilata da Porte Aperte per ben 14 anni consecutivi.

“Qui chi viene scoperto ad essere cristiano è mandato nei cosiddetti campi della morte” dice Varton. Ma almeno in Corea del Nord la persecuzione dei cristiani è rimasta costante tra il 2014 e il 2015, come anche in altri 6 paesi inseriti nell’Indice, che contiene in tutto 50 Stati. In 36 paesi invece la persecuzione è aumentata, mentre è diminuita solo in 7.

Gli Stati in cui è stata registrata la crescita più forte sono Eritrea, salita in un anno dal nono al terzo posto nell’Indice, il Pakistan passato dall’ottavo al sesto, e Tagikistan ora al 31esimo posto e che l’anno scorso occupava la 45esima posizione. Nell’Indice dei 50 paesi con più persecuzioni sono inoltre entrati quest’anno il Bahrein e il Niger.

L’estremismo islamico è rimasto nel 2015 la prima “fonte” delle persecuzioni dei cristiani. “Di anno in anno questa tendenza non fa che rafforzarsi e ad avere ripercussioni in tutto il mondo. L’influenza dell’estremismo islamico ha come effetto una radicalizzazione delle società mussulmane e la conseguenza è un crescente rigetto di qualsiasi presenza cristiana” si legge nel rapporto.

Ultima ora

12:19Coniugi uccisi: sindaco San Severo, increduli e spaventati

(ANSA) - SAN SEVERO (FOGGIA), 24 MAG - "Assistiamo increduli ad un altro terribile evento malavitoso, un duplice omicidio che scuote i nostri animi, avvenuto in pieno giorno, in una via centralissima ed a due passi da un frequentato mercato ortofrutticolo rionale: dobbiamo purtroppo constatare che la delinquenza non si ferma davanti a nulla". Così il sindaco di San Severo (Foggia), l'avvocato Francesco Miglio sul duplice omicidio avvenuto questa mattina nel rione di Porta San Marco, in Via Don Minzoni, in pieno centro storico, dove due persone, marito e moglie, sono stati uccisi in una sparatoria. "Ho appena chiamato il prefetto Morcone, capo di Gabinetto del ministro dell'Interno Marco Minniti: tra breve partirà una richiesta d'incontro con il ministro, chiediamo di conoscere le decisioni assunte in ordine alle nostre richiesta di istituire in Capitanata il reparto Prevenzione Crimine e la Direzione Investigativa Antimafia, oltre al potenziamento degli organici delle Forze di Polizia".

12:18Frode per forniture traforo Tenda bis, arresti

(ANSA) - CUNEO, 24 MAG - Arresti e denunce per furto aggravato e frode in pubbliche forniture: li sta eseguendo la guardia di finanza di Cuneo, che hanno sequestrato per gravi irregolarità il cantiere del Tenda bis, il raddoppio del traforo internazionale che collega Italia e Francia passando da Cuneo. Il blitz delle fiamme gialle sta impegnando decine di uomini e mezzi. Le misure cautelari, tra arresti domiciliari e obbligo di dimora, sarebbero nove e riguarderebbero alcuni dipendenti delle società coinvolte nella realizzazione dell'opera. I destinatari delle misure, secondo quanto appreso, sarebbero alcuni dipendenti delle società costruttrici del raddoppio del tunnel che collega Limone Piemonte e la Val Vermenagna alla Val Roya, in Francia. In corso anche diverse perquisizioni. L'inchiesta è coordinata da sostituto procuratore Chiara Canepa.(ANSA).

11:46Salvini, alle elezioni chiederemo voto contro inciucio

(ANSA) - CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MILANO), 24 MAG - "Vedo che Renzi e Berlusconi tornano a trovarsi d'accordo, ma pur di far votare gli italiani ci va bene anche quello. La legge elettorale può essere l'anticamera dell'inciucio Pd-FI, quindi chiederemo agli italiani un voto chiaro per evitare questi minestroni". Lo ha detto Matteo Salvini sulla nuova legge elettorale a margine di una appuntamento per le Comunali. Con Berlusconi, ha risposto il leader leghista, "non c'è bisogno di vedersi: stabiliamo la data del voto degli italiani, tutto il resto viene dopo". "Ribadisco quello che dico dal 4 dicembre: dateci una legge elettorale qualsiasi in Parlamento e noi la approviamo". Ma "se si vuole andare a votare in autunno significa che in 15 giorni bisogna votare la legge elettorale, quindi non faremo ostruzionismo, altrimenti si tira a campare", ha concluso.

11:42Sicurezza: Salvini, organizzeremo marcia contro la violenza

(ANSA) - CERNUSCO SUL NAVIGLIO (MILANO), 24 MAG - "Organizzeremo una marcia per la sicurezza, contro la violenza e contro il terrorismo. E lo faremo invitando tutti". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, parlando con i giornalisti a margine di un incontro al mercato di Cernusco sul Naviglio (Milano) a sostegno della candidata sindaco Paola Malcangio. Per evitare il rischio terrorismo, secondo Salvini, "non occorrono nuove leggi ma basterebbe far rispettare quelle che ci sono e non sono rispettate". Il segretario della Lega ha ribadito la convinzione che bisogna "controllare tutte le presenze islamiche, regolari e irregolari, verificando chi entra e chi esce", oltre che "blindare i confini" per bloccare le migrazioni.

11:35Trump: “Planet earth first”, messaggio Greenpeace

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Blitz degli attivisti di Greenpeace, nella tarda serata di ieri nei pressi di San Pietro, alla vigilia dell'incontro tra Papa Francesco e il presidente americano Donald Trump. Alcuni attivisti a bordo di un mezzo sono arrivati su via della Conciliazione, all'altezza di via della Traspontina, e da lì hanno proiettato sulla cupola di San Pietro il messaggio "Planet Earth First". A quanto reso noto dalla Questura, gli agenti della polizia, "tenuto conto della non pericolosità dell'iniziativa, hanno tollerato e tenuto sotto controllo, solo per pochi istanti per poi procedere a loro carico, previa identificazione di tutti i presenti". Complessivamente sono otto gli identificati.

11:18Affiliati autonomi, rampollo clan 15enne li uccide

(ANSA) - NAPOLI, 24 MAG - A soli 15 anni organizza ed esegue l'omicidio di due affiliati del clan 'per dare l'esempio', per punire iniziative che erano state considerate troppo autonome. Un rampollo del clan Amato-Pagano che a Melito di Napoli è stato arrestato dai carabinieri. É lui, hanno accertato i carabinieri, il mandante e autore del duplice omicidio di Alessandro Laperuta e Mohamed Nuvo consumato in un appartamento al 4° piano di Melito il 20 giugno 2016 per "punire" iniziative delle vittime non in linea con la strategia del gruppo camorristico.

11:07Truffe:false esenzioni ticket, 221 denunce in Calabria

(ANSA) - SOVERATO (CATANZARO), 24 MAG - La Guardia di finanza del Comando provinciale di Catanzaro ha denunciato 221 persone che, attraverso la presentazione di false autocertificazioni, hanno indebitamente usufruito di prestazioni sanitarie e acquisto di medicinali a carico del servizio sanitario nazionale. L'attività, svolta dalla tenenza di Soverato, attraverso l'ausilio delle banche dati, è stata attuata con l'acquisizione negli uffici dell'Azienda sanitaria provinciale degli elenchi relativi ai soggetti beneficiari di esenzione ticket. L'incrocio dei dati riportati nelle autocertificazioni con la situazione reddituale di ogni richiedente, ha consentito di individuare indebite esenzioni dal pagamento del ticket sanitario per oltre 50.000 euro. Chi ha illegittimamente fruito dell'esenzione dovrà pagare delle sanzioni amministrative per oltre 150.000 euro, pari al triplo del contributo evaso e restituire il controvalore del beneficio ottenuto.(ANSA).

Archivio Ultima ora