Petrolio a 30 dollari, a rischio le stime di crescita globale

Pubblicato il 13 gennaio 2016 da redazione

petrolio

ROMA. – Non sono solo la Russia di Putin o il Venezuela di Maduro a seguire con trepidazione le quotazioni in caduta libera del petrolio, con un mini-rimbalzo oggi stroncato dalle scorte massicce accumulate negli Usa. Il greggio a 30 dollari sta diventando un serio grattacapo anche per la Bce e la Fed americana, che rischiano di dover rifare i conti e rivedere alcune scelte (soprattutto la prima) di fronte a una crescita globale ancora più fragile del previsto.

Dopo una puntata sotto i 30 dollari, ai minimi dal 2003, il barile ha tentato un rimbalzo del 4%, azzerato dal balzo delle scorte americane a 482,6 milioni di barili. Ma c’è un altro grafico a cui in molti cominciano a prestare attenzione: non è quello dei futures con consegna nei prossimi mesi, ma il forward a cinque anni, crollato a poco più di cinquanta dollari.

Un valore che dà ragione a chi sostiene che i prezzi petroliferi si riprenderanno con una lentezza esasperante, complice anche la domanda indebolita e tutte le incognite che ruotano attorno alla Cina.

Potrebbe essere una manna per i consumi globali, aiutati dai carburanti meno cari (non in Italia, dove il peso delle tasse e una certa rigidità dei produttori consentono aggiustamenti di diesel e benzina molto limitati).

In realtà è una situazione che rischia di esacerbare il ristagno dei prezzi, o la deflazione, in buona parte delle economie avanzate, mettendo in forte difficoltà le banche centrali. E, a ricaduta, pesare sulla crescita economica, visto che consumi e investimenti hanno bisogno di un livello salutare di inflazione.

“Dire quando si toccherà il fondo è come afferrare un coltello che cade”, dice alla Bloomberg un trader smaliziato a Boston. Molto dipenderà da scelte politiche. L’Arabia Saudita ha intenzione di inondare il mondo del suo greggio: per frenare lo sviluppo di fonti energetiche alternative e per non perdere quote di mercato, tanto più che a giorni dovrebbero essere ufficialmente tolte le sanzioni all’arcinemico Iran, pronto ad aumentare la sua produzione di un milione di barili nel solo 2016.

E nonostante in tanti chiedano una riunione d’emergenza dell’Opec prima di giugno, con il Cartello bloccato una guerriglia fra fazioni non c’è nulla in programma. Non è detto che si avverino per forza le previsioni di Citigroup o Goldman Sachs, che invitano a guardare ai 20 dollari al barile.

Ma è chiaro che le previsioni della Bce, 52 dollari di prezzo medio per il 2016 e 57,6 per l’anno dopo, non reggono più. Con il rischio che Draghi, dopo aver deluso i mercati a dicembre allungando (e non espandendo) il quantitative easing, debba cambiare rotta di fronte a un’inflazione di appena lo 0,2% che non promette di risalire (15 la stima per il 2016 con crescita dell’Eurozona a 1,7%).

E anche il percorso di normalizzazione dei tassi Fed è sempre più messo in forse, mentre il Wall Street Journal avverte che un terzo dei produttori Usa di petrolio e gas rischiano la sopravvivenza. Il think tank Bruegel è convinto che i prezzi del greggio siano il “sintomo del rallentamento della crescita globale”, e stima l’impatto sugli esportatori netti.

La Russia, fra sanzioni e riserve bruciate per difendere il cambio, sembra in cima alla lista delle vittime. I sauditi sono protetti da riserve valutarie solide, ma c’è chi, come il Venezuela, si prepara al peggio e “sta valutando” una ristrutturazione del debito della compagnia petrolifera statale e si appella all’Opec per mettere fine alla “guerra dei prezzi”.

In un’economia mondiale alle prese con troppo greggio, l’Europa torna a fare i conti con gli approvvigionamenti di gas: per Nord Stream 2, il gasdotto concordato fra Russia e Germania, l’Italiana Saipem è “uno dei candidati” per la posa dei tubi. L’a.d. di Eni nei giorni scorsi aveva detto che non vi era nulla all’ordine del giorno in termini di partecipazione al progetto, aggiungendo però “che Saipem possa lavorare come contrattista per il NordStream ce lo auguriamo tutti”.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

01:53Mo: Abu Mazen chiederà a Ue riconoscimento Palestina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il presidente palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) chiederà all'Ue di riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina, nel corso della sua visita odierna a Bruxelles. Lo ha detto all'agenzia France Press in un'intervista ripresa dda molti media internazionali il ministro degli Esteri dell'Anp, Riyad Al-Maliki. Abu Mazen, ha detto, "si aspetta che i ministri degli esteri europei riconoscano collettivamente lo stato di Palestina", in risposta alla decisione Usa su Gerusalemme capitale di Israele. Abu Mazen deve incontrare oggi il capo della diplomazia europea Federica Mogherini e i 28 ministri degli ESteri dell'Ue, al margine della loro riunione mensile. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva avuto lo stesso incontro l'11 dicembre scorso. "Se gli europei vogliono avere un ruolo, allora devono essere equilibrati nel trattamento delle parti e ciò dovrebbe iniziare con il riconoscimento dello stato di Palestina", ha affermato ancora il capo della diplomazia palestinese.

01:09Papa: si congeda da Perù, “terra di speranza, siate uniti”

(ANSA) - LIMA, 21 GEN - "Ho iniziato il mio pellegrinaggio tra voi dicendo che il Perù è una terra di speranza. Terra di speranza per la biodiversità che vi si trova insieme con la bellezza di luoghi capaci di aiutarci a scoprire la presenza di Dio". Così il Papa nel suo saluto al Perù al termine della messa alla Base aerea di Las Palmas alla quale secondo le autorità locali hanno assistito 1,3 milioni di persone "Terra di speranza - ha detto - per la ricchezza delle sue tradizioni e dei suoi costumi che hanno segnato l'anima di questo popolo". Terra di speranza "per i giovani, che non sono il futuro ma il presente del Perù". "A loro chiedo di scoprire nella sapienza dei loro nonni, degli anziani, il Dna che ha guidato i vostri grandi santi - ha aggiunto -. Non sradicatevi. Nonni e anziani, non smettete di trasmettere alle giovani generazioni le radici del vostro popolo e la sapienza della via per arrivare al cielo". "Vi invito a non aver paura di essere i santi del XXI secolo. Fratelli peruviani, avete tanti motivi per sperare, l'ho visto, l'ho toccato con mano in questi giorni. Custodite la speranza. E non c'è miglior modo di custodire la speranza che rimanere uniti", ha concluso Francesco.

00:44Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della sesta giornata di ritorno della Superlega di pallavolo: Calzedonia Verona - Diatec Trentino 1-3 Lube Civitanova - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Wixo Piacenza 2-3 BCC Castellana Grotte - Gi Group Monza 3-2 Taiwan Latina - Callipo Vibo Valentia 3-0 Kioene Padova - Bunge Ravenna 2-3 Sir Safety Perugia - Biosì Sora 3-0 - Classifica: Perugia 51; Civitanova 47; Modena 45; Trentino 33; Verona 32; Padova 30; Piacenza e Milano 29; Ravenna 27; Latina 22; Monza 19; Vibo Valentia 12; Castellana Grotte 10; Sora 7.

00:36Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della prima giornata del campionato di serie A di basket: GrissinBon Reggio E. - Sidigas Avellino 89-86 Red October Cantù - Banco Sardegna Sassari 102-96 Fiat Torino - Happy Casa Brindisi 68-82 Segafredo Bologna - Dolomiti Trentino 82-75 Umana Venezia - Openjobmetis Varese 63-75 Germani Brescia - VL Pesaro 88-70 The Flexx Pistoia - Betaland Capo d'Orlando 91-69 EA7 Armani Milano - Vanoli Cremona domani - Classifica: Brescia e Avellino 24; Milano e Venezia 22; Torino 20; Bologna e Cantù 18; Cremona e Sassari 16; Trentino 14; Reggio Emilia 12; Pistoia, Varese, Brindisi e Capo d'Orlando 10; Pesaro 8.

23:24Cav, Renzi ha chiuso con comunismo ma Pd rimasto senza anima

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Renzi ora è accusato di aver portato il Pd al 21% per il suo cattivo carattere, ma ha un merito: ha chiuso con la tradizione comunista del suo partito, ma non ha dato un'anima al Pd che ormai è una scatola vuota che si riempie solo con aspirazioni di potere". Lo afferma Silvio Berlusconi a "Non è l'Arena" su La7 parlando di Renzi.

23:19Shutdown: Statua Libertà e Ellis Island aperte,paga New York

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - La Statua della Liberta' e Ellis Island a New York saranno aperte domani ai visitatori, anche se lo shutdown dell'amministrazione federale Usa dovesse proseguire. Lo ha annunciato il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo. Sara' infatti l'autorità statale a sostenere le spese necessarie per l'apertura dei siti compreso il salario dei dipendenti federali che vi lavorano. I due 'monumenti' - come gli altri nel Paese gestiti dalle autorità federali - sono rimasti chiusi a partire dalla mezzanotte di sabato quando è scattato lo shutdown. Cuomo ha spiegato che i siti sono vitali per l'industria del turismo. Da ciò la decisione di farsi carico della spesa per tenerli aperti, 65mila dollari al giorno, cifra inferiore rispetto alle entrate. La stessa decisione fu presa in occasione dello shutdown nel 2013 durante l'amministrazione Obama.

22:46Corea: Sud stregato da popstar del Nord, possibile concerto

(ANSA) - SEUL, 21 GEN - Tra flash di fotografi e grande attenzione dei media, Hyon Song Wol, leader della pop band tutta al femminile nordcoreana, le Moranbong, molto amata da Kim Jong Un, ha attraversato la zona demilitarizzata insieme ad una delegazione ufficiale di Pyongyang per visitare alcuni siti olimpici, e nella penisola coreana si vocifera di una sua esibizione musicale in occasione dei giochi olimpici invernali di Pyeongchang. Lo scrive il Guardian. Hyon Song Wol - che è apparsa in diretta alla tv sudcoreana mentre stringeva mani e saliva su un treno - ha infatti visitato alcune possibili arene per lo show, tra queste quella di Gangneung, dove parteciperà in ogni caso ad una performance artistica dell'ensemble Samjiyon (140 persone tra musicisti, cantanti e ballerini), concordata durante i colloqui al confine sulla partecipazione degli atleti di Pyeongyang ai Giochi. Hyon, che fa parte del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori nordcoreano, non ha rilasciato dichiarazioni.

Archivio Ultima ora